+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Spezie, spezie, spezie!

di Romina Rossi 11 mesi fa


Spezie, spezie, spezie!

I benefici di queste straordinarie piante alleate contro le malattie

Negli ultimi anni le spezie sono diventate un must have della cucina sana e salutare. E non a torto: le loro proprietà benefiche sono note fin dall’antichità, e confermate oggi da numerosi studi clinici. Sebbene ultimamente vadano per la maggiore alcune fra quelle “esotiche”, la nostra cultura è piena di erbe e spezie utilizzate a scopo curativo – spesso in maniera inconsapevole – in cucina.

In questo articolo voglio parlarvi di 3 fra le più comuni sulla nostra tavola e delle loro proprietà benefiche, che forse sono meno note.

Indice dei contenuti:

Cosa sono le spezie

Nel passato le spezie erano considerate merce preziosa: i mercanti che le importavano dall’Oriente erano una delle classi più benestanti dell’allora società. In certe epoche e in certe culture le spezie erano più preziose dell’oro, per questo in Occidente erano usate solo dai ricchi.

In Oriente erano invece considerate un cibo medicina. Testi indiani risalenti a oltre 3000 anni fa descrivono con completezza di informazioni i benefici sulla salute di coriandolo, pepe nero, cannella, chiodi di garofano e curcuma.

Ma cosa sono queste spezie? Si tratta di erbe e piante officinali, provenienti soprattutto dall’Asia e dai paesi del Mediterraneo, utilizzate prevalentemente essiccate, che contengono un’elevata dose di fitonutrienti (composti vegetali in grado di promuovere la salute e la guarigione in modi diversi). Fra i fitonutrienti più noti oggi ci sono: la curcumina, la piperina, il gingerolo, la capseina.

La loro caratteristica è quella di contenere un’alta percentuale di oli volatili (la parte che dà il profumo alla spezia) oltre che di antiossidanti. Molte di loro sono considerate degli antitumorali naturali, perché secondo diversi studi agirebbero come fattore protettivo contro le cellule cancerogene (anche se al momento, dati certi al riguardo non ce ne sono). 

Le spezie sono da sempre usatissime in cucina: da un’indagine di alcuni biologi della Cornell University è emerso che il 93% delle ricette, contenute nei 4500 ricettari analizzati, ne contiene almeno una fra gli ingredienti.

E non c’è da stupirsi dato le proprietà straordinarie che vantano. Una manciata di spezie, o un uso più o meno quotidiano e variato permette di:

  • avere uno scudo naturale contro tutte le forme di microbi dannosi, siano essi batteri, funghi o virus;
  • rafforzare il sistema immunitario;
  • abbassare il rilascio di istamina, responsabile dell’insorgenza delle allergie;
  • tenere sotto controllo glicemia e insulina;
  • stimolare il metabolismo a bruciare i grassi più velocemente;
  • calmare i nervi e alleviare dolore fisico e ansia;
  • rilassare la muscolatura del tratto digerente, offrendo sollievo a eventuali disturbi intestinali.

Usare le spezie vuol dire assicurarsi la salute, e con una spesa minima e un guadagno duplice: queste erbe sono infatti in grado di ravvivare e cambiare il sapore del più monotono dei piatti. Siete scettici? Provate per credere!

Sebbene oggi le più in voga e in uso siano cannella, cardamomo, zenzero e curcuma, mi concentro qui su 3 piante mediterranee il cui uso è antichissimo, che usiamo più o meno quotidianamente, ma di cui spesso non conosciamo il potenziale terapeutico.

Cerchi un regalo particolare, profumato e speziato?

Prova questo cofanetto di spezie da usare in cucina per piatti dolci o salati, fantasiosi e gustosi... 

La Piccola Dispensa di Spezie e Fiori

10 differenti miscele di spezie

(7)

10 differenti miscele di spezie Erbe Provenzali, Spezie per il pesce, Verdi aromi, Angelo custode, Bacio del sole, Buon umore, Energia floreale, Fortuna, Piccante, Tutto l'amore Assortimento di spezie e fiori, 10 differenti...

€ 6,05

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

1. Rosmarino: l’antiossidante che protegge dal cancro

In passato si riteneva che il rosmarino avesse proprietà magiche: la leggenda vuole che in origine avesse fiori bianchi e che abbiano assunto il tipico colore blu violaceo dopo che Maria Vergine, durante la fuga dall’Egitto con Gesù ancora bambino, si fermò presso un arbusto e vi appoggiò il proprio mantello blu.

Vi siete mai chiesti come mai nelle case di campagna o nei casolari, vi sia sempre un cespuglio di rosmarino, che incanta solo a guardarlo? Perché è segno di buon auspicio: spesso veniva piantato dai novelli sposi il giorno delle nozze, come simbolo di fedeltà.

Un rametto di rosmarino veniva messo anche fra le mani dei defunti prima della sepoltura, in segno di ricordo.

Nell’età premoderna i suoi rami venivano bruciati, insieme al ginepro, per purificare l’aria degli ospedali e prevenire le malattie.

Ma era anche usato come rimedio casalingo, poiché erano note le sue proprietà curative contro:

  • diabete,
  • malattie respiratorie,
  • artrite,
  • vertigini,
  • debolezza fisica e affaticamento mentale,
  • infiammazioni, batteri e virus.

A queste proprietà, oggi confermate, se ne aggiungono altre, fra cui:

  • la capacità di contrastare i tumori: alcuni esami in vitro sugli animali hanno evidenziato che il rosmarino sarebbe in grado di inibire le cellule tumorali, grazie al contenuto di carnosolo e acido carnosico. Altri studi hanno dimostrato che l’estratto di rosmarino sarebbe efficace in caso di leucemia e carcinoma mammario;
  • migliorare la memoria: basta il profumo del rosmarino per migliorare le capacità mnemoniche. Avete mai provato a mettere dell’olio essenziale di rosmarino nel diffusore se dovete concentrarvi o studiare? Vi assicuro che noterete la differenza e non sentirete la stanchezza nemmeno dopo ore di concentrazione e lavoro. Inoltre, riesce ad alleviare l’ansia tipica degli esami o di eventi particolari;
  • prevenire la formazione di coaguli e ictus: studi condotti su animali hanno dimostrato che il rosmarino è in grado di migliorare il flusso ematico verso il cervello. Ridurrebbe anche l’aggregazione piastrinica, impedendo la formazione di coaguli e l’insorgenza di ictus;
  • alleviare i dolori dell’artrite: uno studio americano ha messo in luce che l’estratto di rosmarino è in grado di ridurre del 50% i dolori artritici. Un ulteriore studio messicano ha evidenziato le proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche di questa straordinaria pianta. E per finire, un terzo studio ha evidenziato che l’assunzione di rosmarino è in grado anche di ripristinare le funzionalità articolari quasi fino alla normalità negli animali affetti da artrite indotta, che lascia ben sperare per quanti devono fare i conti con questa invalidante malattia.

Ora che conoscete queste informazioni non vi viene voglia di usare di più il rosmarino? Per un uso particolare, aggiungetelo tritato finemente all’impasto del pane o della focaccia, oppure per insaporire la minestra al pomodoro. È ottimo per aromatizzare le verdure con un sapore deciso come cavoli, cavolini o melanzane.

Volete osare? Provatelo per aromatizzare lo sciroppo di pere e pesche affogate al vino rosso.

2. Ginepro: l’amico dei reni

Le bacche di questo arbusto di colore blu intenso-violacee sono largamente usate dall’industria liquoristica per il suo inconfondibile aroma.

Ma il ginepro è un’ottima spezia che vanta proprietà terapeutiche e curative. La proprietà più conosciuta è quella diuretica: permette infatti di aumentare naturalmente la produzione di urina. Allo stesso tempo è in grado di tenere puliti i reni, poiché uccide i batteri che si possono annidare in questo tratto. Se soffrite di infiammazione alla vescica o al tratto urinario, provate ad aggiungere questa spezia ai vostri piatti.

Oltre a ciò, il ginepro permette anche di:

  • alleviare il mal di stomaco: in Germania è indicato fra i rimedi naturali che i medici e altri operatori del settore possono usare contro il mal di stomaco. Le bacche sono benefiche anche in caso di indigestione;
  • prevenire infiammazioni e infezioni: la medicina popolare turca fa uso da sempre di bacche di ginepro per trattare: bronchiti, tosse, raffreddore, emorroidi, disturbi ginecologici, infezioni micotiche… Ma sono note le sue proprietà anche per trattare l’artrite reumatoide, i dolori mestruali e per regolarizzare il ciclo. Queste proprietà antinfiammatorie e analgesiche sono state ampiamente dimostrate da studi su animali: le bacche di ginepro avrebbero addirittura la stessa efficacia di un FANS non steroideo prescritto per trattare i dolori dell’artrite;
  • limitare il danno epatico: secondo alcuni studi l’estratto di bacche di ginepro sarebbe in grado di riparare i danni subiti dal fegato dall’abuso di alcol.

In cucina le bacche di ginepro sono ottime per insaporire i piatti a base di carne; alcuni le aggiungono anche al pesce. Sarebbe meglio schiacciarle piuttosto che usarle intere e, dato che rilasciano gli oli volatili che si dissolvono velocemente, schiacciarle appena prima di aggiungerle alla preparazione.

Ginepro

(5)

€ 3,47

Ginepro Bacche

(3)

€ 2,82

3. Timo: la spezia antimalattia

Oggi esistono oltre 100 varietà di timo: furono i Romani a disseminarlo in tutti i territori che allora amministravano.

Il suo nome deriva da greco thymon, che significa “ardo come profumo”: fra tutti gli arbusti era quello più usato come incenso sacrificale.

Plinio aveva ribattezzato thymus serpillum l’odierna specie selvatica, perché cresce “serpeggiando”, piuttosto che espandersi in altezza come quello coltivato. Per il fatto che il nome ricordava un serpente, secondo Plinio l’infuso di timo, fatto bollire nel vino, era in grado di neutralizzare i morsi di serpenti, scorpioni e altri insetti poco piacevoli.

Nel Medioevo il timo secco e polverizzato era usato, mescolato all’argilla, come dentifricio e disinfettante delle gengive; uso che si tramanda ancora oggi.

L’olio essenziale che contiene, il timolo, è l’antisettico più potente che la Natura abbia mai inventato. Uccide i germi in maniera portentosa. Non è un caso che l’olio essenziale di timo sia inserito fra i 28 oli essenziali maggiori, quelli cioè più potenti da un punto di vista terapeutico.

E infatti vanta proprietà:

  • anti-ulcera: secondo alcuni studi iraniani l’olio di timo sarebbe in grado di neutralizzare l’Helicobacter pylori, responsabile dell’ulcera gastrica;
  • anti-colite: una miscela di olio di timo e origano, entrambi ricchi di timolo, è in grado di ridurre i danni provocati dalla colite. Gli studi sono stati condotti sugli animali, dando esiti positivi;
  • anti-herpes: il timolo riesce a neutralizzare anche il virus herpes simplex 1 responsabile dell’odioso herpes labiale;
  • anti-cancro: alcuni studi si stanno concentrando sull’efficacia anti-tumorale del timolo, che sarebbe in grado di proteggere il DNA delle cellule e di svolgere azione protettiva in particolar modo contro il cancro al fegato, alla pelle, al sangue e all’utero;
  • anti-invecchiamento: il timolo riesce a rallentare l’invecchiamento, non solo fisico ma anche cerebrale. Secondo uno studio, l’assunzione di timo sarebbe in grado di proteggere i neuroni del cervello, anche in età avanzata.

Non sapete come usare il timo a parte che nei piatti di carne? Potete aggiungerlo alle patate al forno, oppure all’insalata “greca” con pomodori, cetrioli, olive e feta. È ottimo per insaporire le uova strapazzate o anche per aromatizzare l’olio di oliva che potete usare come condimento per piatti e bruschette.

Timo - Spezia

(14)

€ 3,47

Timo Biologico

(5)

€ 3,31

Timo Essiccato

(20)

€ 2,82

Timo Essiccato Bio

(14)

€ 5,78

E voi usate le spezie o le erbe aromatiche in cucina? Quali sono le vostre preferite? E come le usate? Scrivetecelo nei commenti!

Vuoi conoscere le proprietà di altre spezie? Ti suggeriamo questi articoli: 

> Le proprietà della cannella

> Cardamomo: spezia gustosa e grintosa!

> Zenzero: i benefici per 10 condizioni di salute

> I 7 benefici della curcuma

Disclaimer

Le informazioni fornite su Macrolibrarsi.it di Golden Books Srl sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun modo il consiglio di un medico abilitato (cioè un laureato in medicina abilitato alla professione) o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, e così via).

Le nozioni e le eventuali informazioni su procedure mediche, posologie e/o descrizioni di farmaci o prodotti d'uso presenti nei testi proposti e negli articoli pubblicati hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono di acquisire in manualità e l'esperienza indispensabili per il loro uso o pratica.

Ti consigliamo...


Le Spezie che salvano la Vita — Libro

(5)

€ 16,92 € 19,90 (15%)

L'Anima delle Spezie — Libro

€ 18,70 € 22,00 (15%)

Spezie, Aromi e Condimenti — Libro

(2)

€ 7,57 € 8,90 (15%)

Il Potere delle Spezie — Libro

(1)

€ 8,42 € 9,90 (15%)

Spezie, un Pizzico di Salute — Libro

(1)

€ 8,42 € 9,90 (15%)

A Tavola con le Spezie — Libro

€ 8,42 € 9,90 (15%)

Le Erbe Aromatiche e le Spezie

€ 6,38 € 7,50 (15%)


Non ci sono ancora commenti su Spezie, spezie, spezie!

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.