800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Cellulite: i rimedi naturali per liberarsene

di Romina Rossi 5 mesi fa


Cellulite: i rimedi naturali per liberarsene

Uno degli inestetismi più comuni che colpisce soprattutto le donne è la cellulite.

Si tratta di un accumulo di adipe – o grasso – sottocutaneo che si manifesta soprattutto quando la microcircolazione sanguigna viene compromessa.

Sebbene sia ritenuto in gran parte solo un inestetismo, questo problema non andrebbe affatto trascurato, perché può dar origine a problematiche anche serie. 

Indice dei contenuti:

Cos’è la cellulite

La cellulite o “pelle a buccia d’arancia” è un accumulo di grasso sottocutaneo. In termini tecnici la cellulite si chiama panniculopatia edematosa-fibrosclerotica.

Di solito colpisce maggiormente le donne. Le zone più interessate dalla pelle a buccia d’arancia sono: le gambe, i glutei, le cosce e meno frequentemente spalle e braccia.

La formazione di cellulite si verifica in seguito a un’infiammazione dei tessuti sottocutanei. Soprattutto del derma, il più profondo dei 3 strati della pelle. Questo nutre direttamente l’epidermide, lo strato intermedio, nel quale si trovano le cellule adipose che sostengono la pelle. Fra queste cellule passa anche la fitta rete di capillari che dà origine al microcircolo linfatico e sanguigno.

Sono questi capillari che raccolgono le sostanze di scarto che si depositano nell’organismo e che rilasciano nutrienti e ossigeno alle cellule.

Una vita poco salutare può mettere in crisi questa delicata rete sottocutanea. Quando introduciamo troppe tossine, infatti, il microcircolo potrebbe non riuscire a smaltirle tutte. Di conseguenza si crea un ingorgo, proprio come avviene su un’autostrada quando c’è troppo traffico.

Non riuscendo a smaltire le tossine, le cellule adipose si gonfiano e schiacciano i capillari. Da parte sua il microcircolo, così compresso, non riesce più a ossigenare i tessuti e a portare il nutrimento necessario ai tessuti circostanti.

La conseguenza di questo ingorgo è un’infiammazione delle cellule in profondità. All’esterno le conseguenze di questa condizione di intossicazione si manifestano con dei bozzetti sulla pelle, che la rendono simile alla buccia d’arancia. Si possono verificare anche gonfiori e dolore al tatto.

A seconda della gravità di questa intossicazione possiamo avere una semplice ritenzione idrica. L’organismo infatti trattiene l’acqua come espediente per non intossicarsi ulteriormente e in modo da non diluire le scorie. Nei casi più seri si può verificare perfino la sclerosi dei tessuti.

In base alla gravità, la cellulite può essere di 3 tipi:

  • cellulite compatta: si tratta più che altro di ritenzione idrica che si verifica in seguito a perdita di liquidi a causa di sforzi fisici prolungati. È tipica delle persone con una buona muscolatura tonica;
  • cellulite flaccida: colpisce le persone di mezza età ed è chiamata così perché in genere hanno un tessuto ipotonico;
  • cellulite edematosa: colpisce soprattutto sulle cosce ed è associata alla cellulite compatta. Si verifica come conseguenza di una insufficienza circolatoria.

Cellulite: le cause

Abbiamo detto che la principale responsabile della cellulite è l’intossicazione dei tessuti profondi della pelle.

Ma da cosa è causata questa intossicazione che causa la cellulite?

Le cause sono molteplici e, come spesso avviene, sono legate allo stile di vita ma anche a problematiche fisiologiche.

Fra le cause più comuni della cellulite ci sono:

  • squilibri ormonali: la ritenzione idrica è causata in gran parte dall’attività degli estrogeni. Questi particolari tipi di ormoni sono prodotti dalle ovaie nelle prime due settimane del ciclo. Se c’è una dominanza estrogenica nell’organismo, con uno squilibrio fra produzione di estrogeni e di progesterone, è facile che si verifichino con più facilità episodi di ritenzione idrica. Se la situazione si protrae a lungo la ritenzione si trasforma in cellulite; 
  • fattori ereditari: purtroppo la cellulite è fra le patologie che si ereditano dalla mamma. Se la mamma soffre di ritenzione anche noi saremo più portate ad avere ristagni di liquidi;
  • l’insufficienza venosa: se hai già un sistema circolatorio delicato e insufficiente, puoi essere più incline a sviluppare la cellulite;
  • il fumo: già da solo il fumo tende a introdurre nell’organismo un quantitativo esagerato di tossine. Tutto lavoro extra per le nostre povere cellule;
  • l’alimentazione: quello che mangiamo ha un grosso ruolo nella formazione della cellulite. Alimenti ricchi di grassi, insaccati, cibi confezionati con conservanti e salati non fanno che gravare sul microcircolo. Meglio preferire pesce, verdure ricche di vitamine e antiossidanti, e frutta fresca. Ricorda che ciò che mangi può condizionare il metabolismo dall’infanzia;
  • alcuni tipi di farmaci: fra questi la pillola anticoncezionale gioca sicuramente un ruolo negativo nella formazione della cellulite;
  • una vita sedentaria: l’attività fisica aiuta a smaltire le tossine in eccesso. Più ci muoviamo più abbiamo la possibilità di tenere pulito il microcircolo, e non solo quello;
  • la stipsi: la stitichezza, soprattutto se cronica, concorre a creare ulteriori tossine che vanno ad aggiungersi a quelle che abbiamo già immagazzinato. La regolarità intestinale è benefica per la nostra salute e non solo per evitare la cellulite;
  • lo stress e il nervosismo: l’avrai sentito da più parti: lo stress cronico non è positivo. Questa condizione innesca infatti tutta una serie di fattori ormonali e non che minano la nostra salute. Se puoi cerca di non farti assalire dallo stress e tieni a bada il nervoso.

I rimedi naturali per combattere la cellulite

Dato che le cause della comparsa della cellulite sono molteplici e interne, sarebbe bene intervenire con rimedi che possano andare a modificare la situazione interna. In questo modo, agendo sulla causa reale, abbiamo maggiori possibilità di correggere le cause che scatenano la cellulite.

Fra i rimedi fitoterapici ed erboristi che possiamo utilizzare ci sono:

  • la Centella asiatica: questa straordinaria pianta ha sia proprietà flebotoniche che vaso protettrici. Migliora quindi le condizioni dei vasi venosi e protegge i capillari del microcircolo. È efficace in caso di insufficienza venosa cronica;

  • il Mirtillo nero: questa pianta è nota per le sue spiccate capacità di proteggere la tonaca vasale di arterie e vene soprattutto del microcircolo. Lo puoi assumere da solo oppure in associazione con la Centella;

  • la Betulla: le foglie e la linfa di Betulla sono note per la loro attività diuretica. Sono uno dei rimedi più noti per combattere la ritenzione idrica, grazie al loro alto contenuto di flavonoidi, e sali di Potassio. In associazione con l’Equiseto la Betulla ha azione drenante e trofica sui tessuti sottocutanei. Svolge anche attività antinfiammatoria lieve, utile per contrastare la cellulite e l’edema dei tessuti;

  • il Frassino: altra pianta con grande potere diuretico, il Fraxinus Excelsior vanta anche proprietà antinfiammatorie;

  • gli oli essenziali: molti oli essenziali hanno azione contro la cellulite e la ritenzione idrica. Con l’assorbimento cutaneo entrano ben presto nel circolo venoso e linfatico e permettono di raggiungere gli strati più profondi del nostro organismo. Puoi provare l’associazione di questi oli essenziali per un massaggio anti-cellulite: limone (10 gocce), pompelmo (12 gocce) e finocchio (8 gocce). Metti le gocce in 100 ml di olio vegetale a tua scelta (mandorla, oliva, vinaccioli….) e massaggia tutto il corpo. Per risultati migliori il massaggio andrebbe fatto tutti i giorni mattino e sera;

  • il Castagno: il gemmoderivato di Castanea vesca, ricavato dai tessuti giovani del castagno, è utile per riattivare la circolazione venosa e linfatica. È particolarmente indicato se soffri di gambe gonfie e stanche e se le senti dolorose al tatto;

  • il Rusco: questa pianta contiene molte sostanze che combattono la stasi venosa e il ristagno di liquidi. Il rusco agisce inoltre sulle vene rendendole più resistenti ed elastiche, grazie alla presenza delle ruscogenine. Funziona da vero e proprio anti age per le nostre vene perché contrasta la vasodilatazione. È anche un antiedema perché ha azione diuretica e antinfiammatoria.

Ti consigliamo...


Mirtilli Neri Bio

(5)

€ 12,08

Bevanda a base di Linfa di Betulla

(8)

€ 2,12 € 2,47 (14%)

Decotto di Betulla

(38)

€ 11,36 € 14,20 (20%)

Succo di Betulla

(5)

€ 11,80

Xilitolo di Betulla

(40)

€ 10,74 € 11,55 (7%)

Olio di Vinaccioli

(5)

€ 11,80

Olio di Mandorla

(4)

€ 10,00

Olio Extravergine di Oliva

(20)

€ 9,80 € 10,89 (10%)

Olio Drenante Kapha

(6)

€ 21,00


Non ci sono ancora commenti su Cellulite: i rimedi naturali per liberarsene

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. — Nimaia e Tecnichemiste