Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Gomasio: proprietà e preparazione in cucina

di Dealma Franceschetti 2 anni fa


Gomasio: proprietà e preparazione in cucina

Scopri il Gomasio: un eccellente condimento, utilizzato particolarmente nella cucina giapponese e in quella macrobiotica! Con una videoricetta di Dealma Franceschetti

Il gomasio è un condimento salato a base di semi di sesamo e sale marino integrale. In giapponese infatti “goma” significa sesamo e “shio” significa sale.

Il sesamo è un seme eccezionale con un contenuto di minerali superiore alla media degli altri semi oleosi, in particolare il Calcio e un elevato contenuto di proteine. Contiene anche molte vitamine: B1, B2, B6 A, E, D e PP.

I grassi contenuti sono costituiti principalmente dai preziosi polinsaturi omega 3 e omega 6. La presenza di grassi polinsaturi rende il sesamo molto sensibile al calore quindi la tostatura dei semi deve essere molto leggera e veloce.

Il gomasio è un ottimo sostituto del classico pizzico di sale aggiunto a crudo al momento su verdure, cereali e qualsiasi altro alimento

Il gomasio non è solo un condimento, ma un vero alleato della salute, un super cibo, tanto che nella medicina macrobiotica si utilizza addirittura a scopo terapeutico. E' infatti capace di abbassare il colesterolo, di favorire le funzioni digestive, di regolarizzare l'intestino e rinforzare il sistema immunitario. Viene utilizzato anche come rimedio al bisogno in caso di nausea e di mal di testa sulla fronte oppure come “antidoto” per gli eccessi di alcol e zucchero.

13 proprietà del gomasio

1. Nutritivo
2. Lubrificante
3. Rimineralizzante
4. Antispastico
5. Tonificante di reni e fegato
6. Equilibrante e rigenerante del sistema nervoso
7. Ben assimilabile e digeribile
8. Ricco di calcio, fosforo e ferro
9. Alcalinizzante
10. Disintossicante
11. Rinforza l’assorbimento intestinale
12. Antinausea
13. Regolatore del colesterolo

Come si prepara in casa?

E' necessario un particolare mortaio zigrinato all'interno, chiamato Suribachi, che permette la corretta preparazione del gomasio. Serve poi il suo pestello di legno chiamato Surikogi. Le zigrinature interne consentono di schiacciare i semi di sesamo, facendone fuoriuscire l'olio, che andrà a rivestire i cristalli di sale, rendendoli innocui per i nostri reni, una volta introdotti nel corpo.

Questo è il motivo per cui è possibile utilizzare il gomasio a crudo. Infatti al nostro corpo non piace il sale crudo in cristalli. Preferisce il sale sciolto, cotto, fermentato (salsa di soia, miso e umeboshi), oppure “protetto” come nel caso del gomasio.

Le proporzioni tra sesamo e sale sono variabili da 10:1 a 20:1
Queste proporzioni dipendono delle stagioni, dall’età e dalle condizioni personali. Indicativamente le proporzioni per gli adulti variano da 10:1 a 16:1, per i bambini e gli anziani le proporzioni vanno da 14:1 a 20:1.

Ricetta per il Gomasio 14:1

Lavare i semi di sesamo, scolarli bene e trasferirli in padella. Tostare per qualche minuto mescolando continuamente. Per verificare che il sesamo sia pronto raccogliere un po' di semi con un cucchiaio di metallo e rovesciarlo. Se i semi non vi resteranno attaccati è pronto, altrimenti tostare ancora un po'.

Mettere da parte il sesamo e tostare il sale per 2-3 minuti per asciugarlo bene e far evaporare il cloro.

Trasferire il sale e il sesamo nel suribachi e triturare lentamente. Durante la pestatura è importante non adoperare troppa forza, ma essere gentili e rilassati. Il movimento del pestello deve essere circolare su un piano orizzontale. I cerchi devono essere a spirale andando dai grandi ai piccoli e viceversa. Non è necessario macinare tutti i semi completamente, solo l’80% del volume totale.

Il gomasio dovrebbe avere un sapore solo leggermente salato.

In alternativa al suribachi è possibile utilizzare un frullatore o un macinino, ma il risultato non sarà lo stesso, soprattutto a livello energetico, dato che l'energia impressa con il suribachi e il pestello è yang, centripeta, mentre l'energia impressa da un frullatore è yin, centrifuga. Inoltre non si avrà lo stesso effetto di copertura dei cristalli di sale da parte dell'olio di sesamo.

Varianti del gomasio

  • Con semi di sesamo nero: per stimolare i reni.
  • Con alghe: per favorire il dimagrimento e la disintossicazione.
    Per aggiungere le alghe al gomasio è necessario tostarle qualche minuto in padella o in forno e poi sbriciolarle. Si utilizzano solitamente la Nori, la Wakame e la Dulse.

La video ricetta 

Ricetta di Dealma Franceschetti

Per vedere un'altra ricetta clicca qui
IL GOMASIO: ECCO COME PREPARARLO IN CASA >

Ti consigliamo...


Dealma Franceschetti è foodblogger, autrice, insegnante di cucina e consulente macrobiotica. Diplomata a La Sana Gola di Milano, tiene corsi di cucina macrobiotica vegana, conferenze, seminari di auto-cura e consulenze personalizzate dal vivo e via skype in tutta Italia. Ha...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Gomasio: proprietà e preparazione in cucina

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste