800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Abbronzatura perfetta: i consigli, gli integratori e gli alimenti più indicati

di Romina Rossi, Rachele Giorgetti 20 giorni fa


Abbronzatura perfetta: i consigli, gli integratori e gli alimenti più indicati

Come proteggere la pelle e favorire un’abbronzatura uniforme da far invidia

Sei fra coloro che ogni anno faticano ad avere una bella abbronzatura? Ti ustioni la parte superiore, mentre le gambe rimangono perennemente bianche? Oppure saltano fuori macchie di colore disomogeneo? Hai provato tanti abbronzanti diversi, che promettono una pelle dorata, ma la tua non ne vuole sapere di scurirsi?

Come fare per abbronzarsi e riuscire a mantenere il colore il più a lungo possibile anche dopo le vacanze? Ecco qualche consiglio che fa per te per una tintarella sicura, evitando eritemi e altri problemi.

Indice dei contenuti:

Fai attenzione al tuo fototipo

Prima di tutto è molto importante rispettare il tuo fototipo: si tratta della classificazione determinata dalla quantità e qualità della melatonina presente nella pelle. Di conseguenza indica anche il tipo di abbronzatura che è possibile ottenere. Ad esempio, una persona di pelle chiara, quindi con meno melatonina, non diventerà mai “nera” come una persona che parte da una base olivastra. Allo stesso tempo, è più facile che una persona con pelle, capelli e occhi chiari si possa scottare, quando si espone al sole.

I fototipi sono 6, classificati in base alla reazione all’esposizione ai raggi del sole. A ogni fototipo corrisponde anche una quantità diversa di melatonina, dove il fototipo II è quello che ne ha di meno, mentre il VI ne ha di più.

Vediamo le caratteristiche di ognuno:

  • Fototipo I: la carnagione è lattea, con una sensibilità al sole molto elevata. La persona presenta occhi di colore verde o azzurro, con capelli rossi o biondo chiaro, tende a scottarsi ogni volta che si espone al sole e fatica ad abbronzarsi. Per questo fototipo è indicata una protezione 50+, da utilizzare anche ad abbronzatura avvenuta.
  • Fototipo II: la carnagione è molto chiara e la sensibilità al sole è elevata. Anche in questo caso la persona può avere occhi verdi o azzurri e i capelli biondi. Tende a scottarsi facilmente, ma riesce a ottenere - in un paio di mesi - un’abbronzatura leggermente dorata. Anche per lei è indicata una protezione alta nella fase iniziale, mentre una volta abbronzata può passare a una protezione 30.
  • Fototipo III: la pelle è abbastanza chiara, la sensibilità al sole media, e può capitare che con un’esposizione continua si verifichino delle scottature. Ha i capelli biondo scuro o castani e gli occhi azzurro scuro o verde scuro. Riesce ad ottenere un’abbronzatura dorata in un mese circa. Nella fase iniziale può utilizzare una crema con fattore di protezione 30, per poi passare a una protezione 15-20.
  • Fototipo IV: la pelle di questa persona è olivastra, con una sensibilità al sole ridotta, il colore degli occhi varia dal marrone al marrone chiaro mentre i capelli sono castani. Non è ancora esente da scottature, ma riesce a ottenere un’abbronzatura abbastanza intensa in una settimana. Le basta una crema solare con protezione media, intorno a 20, per poi passare a una crema con fattore 10.
  • Fototipo V: la pelle è scura, gli occhi marroni e i capelli neri. Ha una minima sensibilità al sole, ed è raro che si scotti. Riesce ad ottenere un’abbronzatura molto intensa in 2-3 giorni. Può utilizzare creme con fattore di protezione basso (10) da subito.
  • Fototipo VI: questa persona è caratterizzata da pelle scurissima, con capelli neri e occhi marrone scuro. Non si scotta mai e le basta un giorno per avere un’abbronzatura intensissima. Per lei è indicata una protezione bassa con fattore 6.

Evita l’abbronzatura selvaggia

Uno dei motivi per cui si tende a scottarsi è che passiamo gran parte dell’anno dentro quattro mura, sotto la luce artificiale, per poi buttarci sotto al sole dalle 8 del mattino alle 8 di sera.

In questo modo, è facile scottarsi, soprattutto se si appartiene ai primi fototipi, con carnagione chiara. 

Al fine di evitare eritemi che, se ripetute nel tempo, possono favorire l’insorgenza di melanomi e altri disturbi della pelle, è bene evitare di esporsi nelle ore centrali della giornata, dalle 11 alle 16, così come sarebbe opportuno un’esposizione graduale. Nelle ore centrali, se non si può lasciare la spiaggia, meglio stare sotto l’ombrellone, utilizzando cappellino e una maglietta per proteggere il corpo dai raggi solari più nocivi.

Sconto 20% integratori solari

Scegli il giusto solare in base al tuo fototipo

Come visto poco sopra, ogni carnagione ha il suo solare ideale. Scegli, quindi, in base al fototipo, senza cadere nell’errore che fanno in molti: scegliere cioè un solare con protezione inadeguata – bassa – nel tentativo di velocizzare l’abbronzatura; in questo modo faciliterai solo un doloroso eritema.

La crema solare è indispensabile per proteggere la pelle dai raggi del sole UVA e UVB, che sono fra le cause della comparsa di tumori della pelle e anche dell’invecchiamento precoce cutaneo.

La crema solare, inoltre, andrebbe applicata almeno mezzora prima di esporsi al sole e non direttamente in spiaggia come fanno molti: questo dà modo alla pelle di assorbirla.

Se tendi a sudare molto, e a fare bagni e docce più volte al giorno, la crema va applicata più volte, onde evitare che perda la propria efficacia.

Favorisci la tintarella con gli integratori

Se la melatonina del nostro fototipo non è tanta, si può provare a favorire l’abbronzatura con integratori che la facilitano. Si tratta, in genere, di sostanze naturali che contengono vitamine – soprattutto il betacarotene, la A, la E e la C – biotina, zinco e rame, che favoriscono anche la pigmentazione.

Il betacarotene, che è un precursore della vitamina A, facilita l’abbronzatura in maniera naturale.

Mentre alcuni possono essere assunti da pochi giorni prima dell’esposizione, alcuni hanno bisogno di periodi più lunghi – circa un paio di mesi – per favorire la tintarella.

Scegli, quindi, quello che fa al caso tuo, in base a quando andrai in vacanza.

La tintarella vien... mangiando gli alimenti giusti!

Anche l’alimentazione ti aiuterà a rinforzare e a proteggere la tua abbronzatura.

Qual è la top ten dei cibi abbronzanti? Carote, insalate, cicoria, lattughe, meloni, peperoni, pomodori, albicocche, fragole e ciliegie, tutti alimenti che, grazie all’alto contenuto di liquidi e sali minerali, stimolano la produzione di melanina, proteggono dal caldo, aiutano l’organismo a stare in forma e combattono i radicali liberi derivanti dall’esposizione solare.

Ma perché questi cibi sono particolarmente indicati per l’abbronzatura?

Per il loro alto contenuto di vitamina A, che stimola la produzione di melanina, favorendo quindi un’abbronzatura naturale.

Al primo posto della classifica della Coldiretti troviamo le carote, abbronzante naturale per eccellenza, che contengono 1200 mg di vitamina A (o quantità equivalenti di caroteni) ogni 100 grammi. Al secondo posto ci sono invece i radicchi, che ne contengono circa la metà, mentre al terzo le albicocche, che vantano tra i 350 e i 500 mg di questa vitamina. 

Il mio consiglio? Quello di condire le verdure con un alto alimento abbronzante per eccellenza, l’olio extra vergine di oliva! Possibilmente crudo e spremuto a freddo, questo prezioso condimento contiene carotenoidi e omega 3 che giocano un ruolo fondamentale in questa calda stagione!

Sconto 20% tintarella sana

Non dimenticarti il doposole

Una volta lasciata la spiaggia è bene continuare a prendersi cura della pelle. Per favorire una buona abbronzatura la pelle deve essere idratata a sufficienza: al mare infatti l’effetto combinato di sole, vento e salsedine tende a seccarla eccessivamente. Oltre che bere un adeguato quantitativo di acqua, è bene intervenire con un prodotto apposito che idrati la pelle anche dall’esterno.

Usa un buon prodotto doposole, con ingredienti naturali, estratti di piante e oli naturali che mantengono la pelle morbida, idratata e la calmano in caso di rossori.


Romina Rossi

Romina Rossi, giornalista pubblicista e naturopata, fa parte della redazione della rivista “Vivi Consapevole”. L’amore per la Natura e la curiosità di capire i complicati e delicati meccanismi di funzionamento dell’uomo, la portano a intraprendere studi di...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Rachele Giorgetti

Rachele Giorgetti ha 30 anni ed è di Forlì. E' naturopata, esperta di cucina naturale, macrobiotica e di alimentazione ed integrazione in campo sportivo. Fra le sue passioni troviamo la fitoterapia, i fiori di Bach, lo yoga e le tecniche di rilassamento corporeo.
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Abbronzatura perfetta: i consigli, gli integratori e gli alimenti più indicati

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.