+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-19, Sab 08-12

Yoga e meditazione in ufficio

di Giulia Martinelli 9 mesi fa


Yoga e meditazione in ufficio

Gli Asana da fare alla scrivania e alcuni consigli per aumentare la concentrazione

L’autunno è iniziato, le ferie sono finite e la maggior parte di noi ha ripreso la propria routine: in ufficio, a casa, in smart working.

Il luogo di lavoro, ma anche lo spazio in cui studiamo, è quello in cui passiamo più ore nell’arco della giornata e quest’anno più che mai abbiamo sentito l’esigenza di renderlo piacevole.

Creare un ambiente di lavoro positivo, rilassante e stimolante è fondamentale per:

  •  rimanere connessi ai nostri valori più profondi,
  •  non perdere di vista i nostri obiettivi,
  •  rimanere motivati (anche nelle giornate più difficili)
  •  percepire meno la fatica.

Per fare tutto questo ci vengono in aiuto yoga e meditazione!

 

Indice dei contenuti:

Saucha e il decluttering

Patanjali negli Yogasutra, trattando i Niyama ovvero i comportamenti positivi che possiamo attuare nella nostra vita quotidiana parla di Saucha, che possiamo tradurre con purezza, purificazione. Non si tratta solo dell’igiene personale, ma possiamo applicarlo anche all’alimentazione e agli ambienti in cui viviamo.

Cerchiamo di mantenere lo spazio di lavoro pulito ed ordinato in modo da eliminare le energie stagnanti. Inoltre l’ambiente esterno è il riflesso della nostra mente, quindi uno studio sporco e disordinato rifletterà, con molta probabilità, una mente caotica.

Prendiamoci un po’ di tempo per arieggiare gli spazi, pulire il nostro piano di lavoro e le superfici con un detergente naturale, magari con una fragranza che amiamo, oppure dalla profumazione neutra a cui possiamo aggiungere qualche goccia di olio essenziale.

Per gli ambienti di lavoro e per lo studio sono perfetti gli oli: ravensara, lavanda, pino, cannella, eucalipto e menta. Se condividete lo spazio con altre persone non esagerate con le quantità e chiedete sempre se il profumo è di gradimento anche ai vostri colleghi.

Mentre pulite potete approfittarne per fare ordine, gettando i documenti che non vi servono più, catalogando quelli che dovete conservare e cercando il più possibile di rendere l’ambiente libero dalle cose inutili (quante biro che non funzionano sono ancora nel vostro portapenne?!).

Non dimentichiamoci del decluttering digitale! Diamo un’occhiata al desktop del nostro computer e prendiamoci un po’ di tempo per riordinare i file nelle cartelle, svuotare il cestino e magari cambiare lo sfondo della nostra scrivania virtuale.

Se usiamo molto anche lo smartphone possiamo dedicarci anche a quest’ultimo, cancellando le APP che non utilizziamo più e facendo pulizia anche tra le foto e i contatti.

Parola d’ordine: purificare!

Gli spazi non sono neutri, hanno una propria energia e accolgono quella di chi vive questi ambienti. Quante volte ci è capitato di entrare in una stanza e percepire una sensazione di disagio? O al contrario di trovarci in un posto e sentirci accolti e “a casa”, fin dal primo istante.

Sia che il nostro spazio sia personale, sia che sia condiviso con altre persone è bene cercare di purificare l’ambiente e le energie. Come?

Lampade al sale che creano una bellissima atmosfera, incensi naturali di palo santo e salvia bianca.

Alzare il livello vibrazionale con la musica

La musica comunica direttamente con le nostre cellule, facendole vibrare. Quindi per alzare il nostro livello vibrazionale, essere più produttivi e motivati un po’ di musica è perfetta!

Possiamo scegliere il nostro genere preferito, oppure provare le frequenze a 432 HZ che stimolano l’armonia e l’equilibrio, o ancora adattare la musica alle nostre necessità.

Ad esempio, abbiamo bisogno di radicarci? Lasciamo spazio ad atmosfere musicali ricche di tamburi. Abbiamo invece bisogno di stimolare i nostri chakra superiori, come Ajna per risvegliare il nostro intuito? Lasciamoci cullare dalle dolci note dei Koshi.

Creare una Vision board o un piccolo angolo adatto alla meditazione

Conosciuta anche come dream board è uno strumento utilissimo per avere sempre a portata di sguardo la rappresentazione visiva del futuro che vogliamo creare. La possiamo considerare un’estensione e una visualizzazione del nostro Sankalpa, della nostra intenzione. Chiediamoci quali sono i nostri obiettivi, i nostri sogni e desideri, cosa vogliamo attrarre.

Quando abbiamo chiare le sensazioni che vogliamo provare, possiamo iniziare a raccogliere immagini, oggetti, frasi che esprimono questi concetti e posizionarli su una lavagnetta. Oppure possiamo tenere sulla scrivania una foto per noi significativa; carte per la divinazione da consultare e per farci ispirare; una statuetta di Ganesha, il Dio dalla testa di elefante che aiuta a rimuovere gli ostacoli (fantastico anche per propiziare i nuovi inizi) e un foglietto su cui scrivere il nostro mantra preferito, da leggere e recitare ogni volta che ne sentiamo il bisogno. 

Qualche esempio?

  •  Il mantra dedicato a Durga, da utilizzare per affrontare le situazioni che ci spaventano: Om Dum Durgaye Namaha.
  •  Il canto dedicato a Sarasvati, per stimolare la creatività: Om Aim Sarasvatyai Svaha, Svaha Maha-Devimai, Om Shanti Shanti Shantihi.
  •  Ed, infine, il mantra dedicato a Lakshmi, la dea della ricchezza, del successo e della fortuna: Om Shrim Maha Lakshmiyai Svaha.

Una meditazione per la concentrazione e la forza di volontà: Trataka

Trataka è una tecnica di concentrazione molto semplice, che richiede l’utilizzo di una candela. Se non possiamo avere a disposizione una candela, basterà disegnare un punto nero su un foglio. La fiamma (o il punto) devono essere all’altezza degli occhi, posizionati in modo che siano distanti all’incirca quanto la lunghezza di un braccio dal nostro corpo.

Rimaniamo seduti in una posizione comoda, con la schiena dritta e gli occhi chiusi. Quando saremo pronti porteremo lo sguardo alla fiamma cercando, per quanto possibile, di non sbattere le palpebre o muovere gli occhi. Pian piano sentiremo che la consapevolezza del corpo viene meno e saremo totalmente concentrati sulla fiamma.

Quando gli occhi iniziano a lacrimare o sono stanchi, chiudiamoli e rimaniamo concentrati sull’immagine complementare della candela dietro gli occhi chiusi. Riposiamoci alcuni istanti per poi riaprire le palpebre e continuare ad osservare la fiamma accesa e, nuovamente quando saremo stanchi torneremo all’immagine che compare all’interno dei nostri occhi.

Possiamo ripetete l’esercizio 3 volte, senza affaticarci.

Questa pratica è utilissima per riportare l’attenzione all’interno, stimolare la concentrazione e migliorare la memoria (fantastica per chi lavora, ma anche per chi studia!).

Yoga da praticare al lavoro

Se per lavoro stiamo molto tempo seduti davanti al computer ci sono alcuni Asana che possiamo eseguire in ufficio per riattivare l’energia e accumulare meno tensione in polsi, collo e spalle.

Rimanendo seduti possiamo aprire il nostro petto inspirando e guardare leggermente verso l’alto per poi inarcare la schiena espirando e portare lo sguardo all’ombelico in una variante di cat/cow o Marjaryasana/Bitilasana.

Possiamo effettuare alcune semplici torsioni, prima estendendo la schiena con l’inspiro e poi ruotando il busto verso destra con l’espiro, per poi ripetere dal lato sinistro.

Intrecciamo le dita delle mani, portiamo i palmi ruotati in avanti ed estendiamo le braccia per rilassare un po’ i nostri polsi. Sciogliamo e ripetiamo cambiando l’intreccio delle mani.

Se sentite le spalle particolarmente contratte potete portare le braccia in Garudasana, sollevando i gomiti all’altezza delle spalle e rimanendo per qualche respiro.

E quando potete alzatevi, sgranchitevi le gambe e, se possibile, concedetevi una pausa lontani dalla scrivania!

Garudasana


Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi novità, sconti, promozioni speciali riservate e un premio di 50 punti spendibili sul sito.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Giulia Martinelli

Giulia Martinelli

Giulia Martinelli è insegnante di Vinyasa Yoga e Meditazione, esperta di comunicazione e creatività d’impresa. Sempre in cerca di nuovi progetti per esplorare il mondo e se stessa. Ama regalare sorrisi e benessere alle persone. E' la responsabile del reparto Yoga e Meditazione...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Yoga e meditazione in ufficio

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI NSIIURR
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.