+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Leggere le etichette alimentari

di La Redazione di Macrolibrarsi 9 mesi fa


Leggere le etichette alimentari

Perché è importante dedicare il giusto tempo alla spesa

Pochi di noi sono abituati a leggere le etichette degli alimenti che acquistano. Complice il poco tempo, i ritmi elevati che viviamo ogni giorno, non dedichiamo abbastanza tempo al controllo di ciò che mettiamo nel carrello della spesa, soprattutto se si tratta di alimenti che finiranno sulle nostre tavole. Perché è importante leggere le etichette alimentari?

Indice dei contenuti:

Cosa acquisti?

Succede spesso che si è convinti di acquistare un prodotto con certe caratteristiche per poi scoprire, andando a leggere con attenzione le etichette, che in quel prodotto ci sono materie prime non considerate e qualche volta non volute. Sappiamo cosa stiamo acquistando?

Per legge, ogni prodotto confezionato e venduto nei negozi alimentari, deve riportare sull’etichetta alcune informazioni specifiche.

È tutto scritto, solo che viene spesso scritto in piccolo, negli angoli più remoti della confezione, che pochi, pochissimi si prendono la briga di leggere.

Cosa troviamo sulle etichette alimentari?

Dal 1982 e rinforzato dal decreto del 1992, le etichette dei prodotti devono riportare per legge queste indicazioni:

  • elenco dettagliato dei ingredienti
  • denominazione di vendita
  • additivi aggiunti
  • chi lo ha prodotto
  • il lotto di appartenenza
  • la data di scadenza
  • la modalità di conservazione del prodotto e il suo utilizzo

Ogni sostanza contenuta nel prodotto che supera il 5%, deve essere riportata nella lista degli ingredienti. Tutti i componenti della lista, sono segnati partendo da quello più utilizzato fino ad arrivare a quello presente in percentuale inferiore.

Se troviamo la dicitura “in proporzione variabile” significa che nessun alimento è presente in maniera predominante.

Una particolare menzione va fatta per gli aromi e gli additivi.

Se sull’etichetta troviamo la denominazione “aromi” si tratta di aromi artificiali, prodotti in laboratorio. Se sono naturali, come essenze, oli, succhi di origine vegetali sono specificamente segnalati.

Gli additivi sono composti da coloranti, emulsionanti, antiossidanti, edulcoranti e sono segnalati attraverso una sigla alfanumerica, solitamente composta con una E + un numero.

Altro aspetto importante è la provenienza del prodotto, a cui dovremmo prestare sempre attenzione. Per la nostra economia e per la qualità dell’alimento acquistato, è preferibile conoscere il produttore o per lo meno, che sia un produttore certificato e che utilizza materie prime italiane genuine.

L’inganno delle etichette alimentari

Perché è così importante leggere le etichette alimentari? Sul fronte della confezione vengono inserite poche informazioni, spesso a effetto, che servono per colpire il consumatore e spingerlo a comprare. Si seguono le regole delle richieste più in voga in quel momento.

Senza glutine, senza olio di palma, preparato con olio extra vergine d’oliva, al farro piuttosto che al kamut oppure di quinoa: questi tra i più comuni utilizzati ultimamente, ma non sempre questi slogan sul fronte della confezione corrispondono al vero.

Se troviamo la dicitura “al farro” in un pacchetto di biscotti, non significa che siano preparati interamente al farro ma che una percentuale di farina utilizzata è al farro, spesso una parte decisamente minore, con un’alta percentuale di farina di grano 00.

Questi e altri piccoli trucchi di mercato ci devono spingere a leggere con attenzione le etichette alimentari riportate sulle confezioni.

Ti può interessare anche:

Ti consigliamo...



Non ci sono ancora commenti su Leggere le etichette alimentari

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.