800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

L'orologio interno nella Medicina Tradizionale Cinese

di Dealma Franceschetti 19 giorni fa


L'orologio interno nella Medicina Tradizionale Cinese

Qualche settimana fa è stato assegnato il Nobel della Medicina 2017 per per la scoperta del meccanismo molecolare che controlla il ritmo circadiano, che molti conoscono come “orologio biologico”.

Indice dei contenuti:

Cos'è l’orologio biologico?

Si tratta di un raffinato meccanismo interno che sincronizza i ritmi dell'organismo a quelli della rotazione terrestre. E’ lui che ci dice quando svegliarci e quando andare a dormire. Ed è lui a farci sentire sottosopra quando cambiamo fuso orario o conduciamo una vita sregolata senza regolarità nei pasti e nel sonno.

Ogni creatura vivente, animale o vegetale possiede questo “orologio” interno e i primi studi su questo fenomeno sono stati fatti proprio sulle piante.

Nel 1700, l'astronomo Jean Jacques d'Ortous de Mairan, scoprì che le foglie della mimosa si aprivano di giorno e si chiudevano al crepuscolo. De Marain provò così a lasciare le piante al buio e osservò che queste continuavano a seguire il loro ritmo "interno". Oggi sono stati scoperti i meccanismi molecolari e genetici che regolano questo fenomeno, conosciuto però da molto tempo.

La medicina cinese conosce il ritmo circadiano da millenni.

Secondo la MTC, ogni creatura vivente è in costante trasformazione ed è soggetta ad un’alternanza di fasi di quiete e di attività. Secondo questa visione, siamo soggetti ad un ciclo energetico di 24 ore che ricomincia ogni giorno e ogni organo risponde a questo ritmo con fasi di attività e di riposo.

Secondo questa visione energetica, quando un disturbo si presenta in una certa fascia oraria del giorno o della notte, può essere ricondotto ad un organo (e/o meridiano) piuttosto che ad un altro, favorendo la diagnosi. Questo ritmo di attività e riposo degli organi, che segue l’alternanza luce/buio viene chiamato “orologio degli organi”.

Secondo questo “orologio”, il ciclo energetico delle 24 ore è suddiviso in ritmi di 2 ore, che vengono utilizzati sia per la diagnosi sia per la terapia. Ogni fase di due ore vede entrare in attività un certo organo/meridiano e in riposo un altro. Al picco massimo di energia di un organo corrisponde il picco minimo dell’organo esattamente opposto nello schema che segue:

Ad esempio, tra le 5 e le 7 del mattino l’intestino crasso è al massimo della sua energia, infatti sarebbe il momento migliore per scaricarlo. Un intestino che lavora bene ed è armonico si svuota spontaneamente al mattino presto, al risveglio, ancora prima di colazione. Invece il rene sarà al minimo della sua energia. Disturbi in questa fascia oraria possono indicare sia problemi all’intestino crasso, sia ai reni, oppure un generico squilibrio all’energia Metallo (intestino crasso) o Acqua (reni).

Alcuni esempi

Facciamo un paio di esempi in cui molte persone si riconosceranno.

Chi si sveglia sempre per far pipì tra le 3 e le 5 del mattino, è possibile che abbia una debolezza energetica della fase Acqua, che regola la vescica, che in quella fascia oraria si trova al minimo dell’energia.

Chi si sveglia tutte le notti tra l’una e le tre, dovrebbe riflettere sulle condizioni del proprio fegato, oppure su cosa ha mangiato a cena e a che ora. Cenare tardi o in modo pesante, mette in difficoltà il fegato nelle sue due ore di massima attività, per cui è possibile che disturbi il sonno svegliandoci.

Approfondire la conoscenza dell’orologio degli organi può aiutarci persino nell’organizzazione della nostra giornata lavorativa, per rendere al massimo.

Ad esempio, nel libro “L’orologio degli organi”, l’autore ci spiega che nella fascia oraria Milza, tra le 9 e le 11, saremo particolarmente “centrati”, perché è il momento di massima attività dell’energia Terra, che ci rende concentrati, efficienti, saldi e determinati. E’ l’orario della massima concentrazione e apprendimento, quindi è utile inserire in questa fascia oraria esami o impegni importanti.

Dalle 11 alle 13 è attiva l’energia Fuoco, che favorisce la comunicazione e le relazioni, quindi è il momento migliore per le telefonate o i colloqui di lavoro, per pranzare con gli amici o con il capufficio.

La conoscenza della circadinità, soprattutto dal punto di vista orientale, coinvolge davvero ogni aspetto della nostra vita e può aiutarci a comprendere meglio quali sono i nostri bisogni e affrontare con più consapevolezza eventuali problemi di salute.

L'Orologio degli Organi

Vivi al ritmo della medicina tradizionale cinese

Li Wu

“I disturbi che si manifestano in particolari ore della giornata rimandano a determinati organi. Anche le terapie possono essere più efficaci in certi momenti, e potremmo perfino adeguare i nostri orari di lavoro...

€ 11,50 € 9,78 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Dealma Franceschetti

Dealma Franceschetti è foodblogger, autrice, insegnante di cucina e consulente macrobiotica. Diplomata a La Sana Gola di Milano, tiene corsi di cucina macrobiotica vegana, conferenze, seminari e consulenze personalizzate. Il suo blog "La via macrobiotica" è diventato il...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su L'orologio interno nella Medicina Tradizionale Cinese

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste