800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Fermenti lattici: cosa sono e quando assumerli?

di Lo Staff di Macrolibrarsi.it 1 anno fa


Fermenti lattici: cosa sono e quando assumerli?

I fermenti lattici probiotici sono utili per la salute del nostro intestino

Indice dei contenuti:

Cosa sono i  fermenti lattici?

Gli integratori naturali sono preziosi alleati per la nostra salute ma è fondamentale capire quando servono davvero e in che misura assumerli.

I fermenti lattici vanno ad integrare una flora batterica danneggiata o debilitata. I fermenti lattici vengono definiti anche probiotici (pro-bio ovvero funzionali alla vita). Il loro contrario sono gli antibiotici (contrari alla vita, perché uccidono batteri buoni e batteri cattivi senza distinzioni).

All’interno del nostro intestino ci sono più di 500 specie di batteri che costituiscono la flora intestinale.

È importante la flora intestinale? Certamente sì, perché è responsabile della sintesi delle vitamine, perché produce sostanze antibatteriche, enzimi digestivi e modula il sistema immunitario.

Fermenti lattici o probiotici: quando assumerli

I fermenti lattici o probiotici vanno assunti quando la flora intestinale risulta alterata a causa di cure antibiotiche o di scorrette abitudini alimentari.

Se le diverse specie microbiche all’interno dell’intestino sono in equilibrio ci troviamo in una condizione di eubiosi, ovvero di equilibrio della flora intestinale.

Se invece sopraggiungono squilibri, la flora intestinale si altera e ci troviamo di fronte ad una situazione di disbiosi.

La disbiosi può essere di due tipi:

  • fermentativa, quando si ha un consumo eccessivo di carboidrati;
  • putrefattiva, quando ci troviamo di fronte ad un consumo elevato di proteine e grassi.

I fermenti lattici vanno assunti quando siamo in uno stato di disbiosi. Come fare a riconoscerla?

La disbiosi fermentativa presenta sintomi come gonfiore dopo i pasti, feci chiare e spesso morbide mentre la disbiosi putrefattiva presenta sintomi quale stitichezza, bocca amara, pesantezza allo stomaco e gas intestinali molto odorosi.

Come si crea la disbiosi e quali fermenti lattici sono più adatti

La disbiosi intestinale si presenta a seguito di abitudini scorrette protratte nel tempo. Non è solo l’assunzione di farmaci come l’antibiotico ad alterare la flora batterica, ma anche e soprattutto cattive abitudini.

Il consumo di alcol, il fumo, i cibi raffinati e anche lo stress possono alterare la nostra flora intestinale. In fondo si sa che l’intestino è il nostro secondo cervello e non viene detto a caso. Le emozioni e lo stile di vita incidono moltissimo sulla sua salute.

Le specie batteriche che compongono la flora intestinale sono tantissime: le principali sono quelle della famiglia dei Lactobacillus e dei Bifidobacterium.

In caso di disbiosi fermentativa, è bene utilizzare i fermenti lattici della famiglia dei Lactobacillus mentre per una disbiosi putrefattiva sono più utili i fermenti lattici della famiglia dei Bifidobacterium.

Teniamo sempre presente che prima di iniziare un ciclo di fermenti lattici per ripopolare la flora intestinale, sarebbe indicato effettuare una pulizia intestinale preparatoria, che elimini eventuali muffe o colonie di batteri nocivi e lasci il terreno più pulito e bonificato.

Ti consigliamo...


Non ci sono ancora commenti su Fermenti lattici: cosa sono e quando assumerli?

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste