800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Anice: scopriamolo insieme

di Lo Staff di Macrolibrarsi.it 10 giorni fa


Anice: scopriamolo insieme

3 buoni motivi per usare l’anice

Il sapore dell’anice è noto a tutti. Quel suo particolare e unico aroma che ricorda le note della liquirizia. L’anice è ottimo in cucina ma è anche un rimedio naturale eccellente, che rientra tra i rimedi dell’erboristeria classica.

Indice dei contenuti:

Conosciamo meglio l’anice

La Pimpinella anisum, comunemente detta Anice, è una delle spezie più antiche: era diffusa fra gli Egiziani, i Greci e soprattutto fra i Romani, che la usavano per insaporire varie pietanze a base di carne, verdure ed era ritenuto un ingrediente d’eccellenza nella realizzazione di piccoli dolcetti speziati, da utilizzare come digestivi.

Come ai tempi dei Romani, anche nel Medioevo dopo i sontuosi banchetti, si masticavano semi di anice per favorire la digestione dei pranzi, soprattutto fra le classi più agiate che passavano ore a banchettare e degustare cibo. Ancora oggi in India, utilizzare l’anice come digestivo è una pratica comune.

La pianta di anice può raggiungere fino a 60 centimetri di altezza. I suoi semi, piccoli e di color grigio verde, si raccolgono dalla pianta. Quando cambiano colore, vanno messi a seccare in sacchetti di carta, appesi in un luogo caldo e asciutto.

3 buoni motivi per usarlo

L’anice è ricco di vitamina A, B e C. Una delle sue funzioni principali è quella di proteggere il sistema nervoso centrale, grazie all’elevato contenuto di vitamina B6.

Rimedio antico e molto utilizzato, racchiude diverse proprietà benefiche: calmante, antispasmodico e balsamico. Esprime al meglio le sue potenzialità nella sua azione sull’apparato digerente, agendo come stimolante e donando regolarità.

Ecco tre buoni motivi per utilizzare l’anice:

Crampi o dolori allo stomaco

Masticare semi di anice o inserire l’anice nelle tue ricette, può aiutarti a ristabilire l’equilibrio intestinale, facilitando la digestione e calmando i disturbi. Per chi soffre di stipsi, meteorismo o gonfiore intestinale, l’anice ne allevia gli effetti, donando sollievo e distensione, soprattutto ai muscoli addominali.

Alito pesante

Una cattiva digestione, si ripercuote anche sull’alito. Migliorando la funzionalità interna, migliora anche il problema dell’alito cattivo. I semi di anice masticati donano una sensazione di sollievo anche nell’immediato, grazie al loro gradevole sapore.

Effetto balsamico per la gola

Un’altra azione benefica che possiamo ottenere dall’anice è l’effetto balsamico. Già come rimedio della nonna, veniva utilizzato per il bruciore di gola e per la presenza di muco nelle vie respiratorie. Indicata anche in caso di tosse secca o grassa.

Caramelle all’anice fai da te

In caso di mal di gola, è possibile preparare delle piccole caramelle all’anice che donano sollievo alle vie respiratorie.

Come fare? È molto semplice. Basta far bollire per 7-8 minuti tre frutti di anice stellato in una tazza scarsa di acqua e, a fuoco spento, lasciar riposare per alcuni minuti. Mettere sul fuoco 3 cucchiai di miele (di acacia o di castagno) aggiungendo poco alla volta l’acqua bollita, filtrata dei semi di anice, cercando di ottenere un composto dapprima liquido che si raddensa piano piano.

Appena il miele caramella un pochino (diventa leggermente più scuro) disporre piccole quantità del composto su carta da forno, formando piccoli quadrati. Una volta raffreddato, diventano ottime caramelle per la gola.


Non ci sono ancora commenti su Anice: scopriamolo insieme

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. — Nimaia e Tecnichemiste