+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-18, Sab 08-12

Acido fitico: conoscerlo per non averne paura

di Rachele Giorgetti 1 anno fa


Acido fitico: conoscerlo per non averne paura

Strategie per ridurre l’acido fitico all’interno degli alimenti

L’acido fitico è una molecola utilizzata da numerose specie vegetali per accumulare fosforo all’interno dei semi e delle parti fibrose durante la maturazione.

Si tratta di un anti-nutriente che limita l’assorbimento di alcuni minerali, chiamato effetto chelante, di calcio, ferro, magnesio e zinco.

Si trovano nei prodotti integrali, specialmente nei cereali e legumi, perché concentrati nel seme e nelle parti più fibrose, come la crusca. 

In questo articolo scoprirete perché non averne paura!

Le principali fonti di acido fitico:

Gnocchetti di Ceci Bio Senza Glutine

(82)

€ 2,53 € 2,98 (15%)

Fagioli Borlotti Bio

(51)

€ 3,56

Gallette di Grano Saraceno

(106)

€ 1,98 € 2,20 (10%)

Grano Saraceno Decorticato Biologico

(134)

€ 2,33 € 2,74 (15%)

Azuki Rossi

(72)

€ 2,78

Indice dei contenuti:

Strategie per ridurre i fitati

  • L’ammollo prolungato (dalle 12 alle 24h) di cereali e legumi in acqua tiepida e leggermente acidificata con succo di limone riduce l’assunzione di fitati e migliora la loro digeribilità. E’ consigliato buttare l’acqua d’ammollo e cucinarli in acqua pulita.
  • La lievitazione prolungata e con pasta madre limita le sostanze anti-nutrizionali. Invece, il lievito di birra e i lieviti industriali (che accellerano i processi di lievitazione) ne promuovono la formazione.
  • La tecnica della germinazione migliora notevolmente la digeribilità e la biodisponibilità dei nutrienti di cereali e legumi. 
  • La Vitamina C è in grado di ridurre l‘effetto chelante dei fitati.  E' suggerita l’assunzione di legumi o cereali in abbinamento, nello stesso pasto, con alimenti ricchi di questa vitamina (peperoni, agrumi, cavoli ecc.)

Proprietà dell’acido fitico

Secondo recenti studi, l’acido fitico funge da vero e proprio antiossidante: riduce lo stress ossidativo causato da un’eccessiva concentrazione di ferro, protegge dai radicali liberi e ritarda i processi di invecchiamento cellulare.

Questa azione antiossidante svolge un ruolo protettivo anche nei confronti di certe patologie cardiovascolari: una dieta ricca di fitati potrebbe ridurre il livello di colesterolo e di trigliceridi nel sangue.

L'acido fitico: amico o nemico?

Tutto dipende dalle nostre abitudini alimentari! Una dieta basata esclusivamente su legumi e cereali, non germogliati o fermentati, presenta il rischio reale di un’eccessiva concentrazione di acido fitico, nonché di potenziali carenze minerali.

Al contrario, una dieta varia ed equilibrata, che associa i cereali e i legumi a verdure, frutta, carne, pesce e latticini ci “ricarica” di tutti quei micronutrienti minacciati dalla presenza dei fitati.

In caso di dieta restrittiva (vegana o macrobiotica), le accortezze sopra riportate, come l’ammollo o la germinazione, saranno sufficienti per limitare ogni spiacevole inconveniente.


Desidero ricevere Novità, Offerte, Sconti e Punti. Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito un premio di 50 punti.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Non ci sono ancora commenti su Acido fitico: conoscerlo per non averne paura

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.