800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Un Mantra con Ahbay Rinpoche

di Corrado Chiarucci 4 settimane fa


Un Mantra con Ahbay Rinpoche

Estratto dal libro Incontro con i lama Tibetani

- Il mantra di So Nam

Siamo sul fuoristrada con So Nam e l’autista diretti ad un monastero, arroccato su di un colle di pietra, tanto per essere diverso!

La strada che da Leh conduce al monastero è comunque asfaltata ed agevole e osserviamo tranquilli il panorama circostante. So Nam si gira verso di noi dal sedile anteriore e ci dice: “Yes, he is really a Rinpoche”. Scusa So Nam che cosa stai dicendo? Insomma So Nam aveva verificato, si era voluto togliere il dubbio. Aveva interrogato le sue conoscenze, che avevano confermato che il Lama Ahbay era effettivamente un Geshe Rinpoche.

Era proprio così, e So Nam era molto eccitato mentre ci dava questa notizia. “Grazie- ci dice- attraverso di voi, per la prima volta nella mia vita, sono a diretto contatto con un Geshe Rinpoche in maniera informale, sono anche stato a pranzo con lui, ho potuto parlargli! Quando noi incontriamo un Geshe Rinpoche abbiamo una grande reverenza, non osiamo guardarlo negli occhi!”

Il giorno successivo il Lama Ahbay Rinpoche ci accompagna alla visita di un altro monastero magnificamente ricco di sale affrescate. Siamo eccitati, siamo consapevoli che è un premio per noi che un Geshe Rinpoche si mostri così disponibile.

Durante la visita al monastero So Nam fa in modo di trovarsi, sempre con educazione e discrezione, vicino ad Ahbay Rinpoche, con occhi e capo bassi in segno di grande rispetto e riceve le sue benedizioni. In una sala dedicata alle Tare, Lama Ahbay Rinpoche con Sonia sempre vicino, intona il mantra Om Tare Tuttare Ture Swaha al quale Sonia aggiunge subito un timbro femminile, dolce, lirico seguita dagli altri visitatori presenti. Come attirati da un magnete, nonostante tutti i monaci portino lo stesso abito, compreso il Dalai Lama, i presenti riconoscono in Lama Ahbay Rinpoche una figura carismatica e in fila gli si avvicinano per ricevere le sue benedizioni.

Uscendo chiedo a Sonia: “Puoi spiegarmi la particolarità di questo Mantra?” Sonia:“om tare tuttare ture swaha è il mantra di Tara, della Tara verde, è un mantra che mi è molto caro, io sono molto legata alla figura di Tara e lo stesso Lama Ahbay Rinpoche lo ha percepito quando ci siamo incontrati. Tara è la protettrice, Tara è un bodhisattva femminile. Non poteva mancare la figura femminile, peraltro molto amata, nel mondo buddista”.

"Ma c’è una storia, una leggenda sulla figura di Tara?”. “La parola Tara deriva dalla radice Tri, “attraversare”, è può essere tradotto come “colei che permette a tutti gli esseri viventi di attraversare l’oceano della sofferenza”.

- Il mantra della Tara Verde

Dopo il noto e più recitato Om Mani Pad Me Hum, il mantra della Tara Verde è quello che si sente recitare più di frequente.

Come succede spesso, le religioni e le filosofie attraversano le culture e i popoli, si fondono, pongono le radici per un successivo sviluppo che poi acquistano una propria autonomia e identità. Prima di essere adottata dal Buddismo, Tara (che in sanscrito significa ‘stella’) era considerata e venerata nell’Induismo come una manifestazione della dea Parvati.

Il buddismo, nella sua evoluzione nel corso dei secoli, si è dovuto confrontare con religioni esistenti e non ne ha mai osteggiato credenze popolari e protettori, fortemente radicati soprattutto tra le classi più povere, ma ha piuttosto integrato al suo interno queste figure creando loro storiche radici innestate negli albori del buddismo e perciò anch’esse leggenda, itinerario peraltro percorso anche da altre religioni.

Secondo la leggenda, Avalokiteshvara, guardando la terra dall’alto, pianse nel vedere gli esseri che vivevano nella sofferenza. Le sue lacrime formarono un lago e su quell’acqua sbocciò un fiore di loto da cui nacque Tara.

Tara è quindi originata dal bodhisattva della compassione, Avalokitesvara, e pertanto essa stessa esprime la sua grande compassione nei confronti degli esseri viventi per salvarli dalla sofferenza. È anche considerata la protettrice della longevità, dei viaggi e del cammino spirituale verso l’illuminazione. Ci sono 21 manifestazioni della Tara ma Tara Bianca e Tara Verde sono le due più rappresentate nell’iconografia buddista.

Tara Verde è raffigurata seduta, con la gamba destra distesa e pronta ad entrare in azione per soccorrere i bisognosi, e la gamba sinistra piegata in posizione meditativa sul piedistallo a forma di loto, che simboleggia l’unione di arte e saggezza. La sua mano sinistra, atteggiata nel gesto del concedere rifugio, tiene lo stelo di un loto blu, simbolo di purezza e di potere. La mano destra è atteggiata nel gesto della protezione e della benedizione.

- Le sillabe del Mantra

Le sillabe del Mantra om è la sillaba iniziale di molti mantra, indica l’infinitezza e santità del corpo, parola e mente di tutti i buddha, cioè i 3 aspetti della buddhità: Nirmanakaya, Sambhogakaya e Dharmakaya che in questo caso sono riferiti a Tara.

A, U, M sono i suoni che compongono la Om. Om è la meta a cui tendiamo: purificando il nostro corpo, parola e mente, li trasformiamo nel santo corpo, parola e mente di Tara.

Tare è la ‘salvatrice, colei che libera’, colei che protegge dai pericoli esteriori di questa vita e delle esistenze future. Tara mette al riparo dalla povertà, dalle malattie e dalle sofferenze. Tuttare è un rafforzativo di “Tare” e significa “completa liberatrice”. Tara ci protegge dal ciclo delle esistenze e dalle sue cause che sono all’interno di noi stessi: la collera, l’attaccamento, l’orgoglio, la gelosia, l’ignoranza, le opinioni errate, l’avarizia, i dubbi negativi. TURE significa “rapida”, cioè, la sua azione salvatrice è veloce nel liberarci.

Svaha: molti mantra si chiudono con swaha (Soha) che significa “ben detto”, ha il senso dell’impegno, un così sia, esprime cioè l’augurio di ricevere le benedizioni di Tara. Pregando Tara e recitando il suo mantra, si ricevono le sue benedizioni nel nostro cuore per percorrere il Sentiero dell’Illuminazione e così il nostro corpo, parola e mente vengono purificati e trasformati nel santo corpo, parola e mente di Tara.

Love Compassion - Incontro con i Lama Tibetani

Suoni e Mantra di Guarigione

Lama Thupten, Capitanata, Sonia Deva So Ham, Corrado Chiarucci

Questo libro racconta di incontri ed interviste con Lama Tibetani, di viaggi in luoghi carichi di spiritualità e profondamente affascinanti come Ladakh (Piccolo Tibet), India, Tibet, Myanmar. L’autore del libro, Corrado...

€ 19,00 € 16,15 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Corrado Chiarucci

Corrado Chiarucci, da molti anni appassionato alle culture orientali ha molto viaggiato visitando Nepal, India, Myanmar, Tibet, Cina, incontrando Maestri e Rinpoche Tibetani. Per decenni top manager di una delle più prestigiose ed amate aziende di marca italiane, si può dedicare...
Leggi di più...

Fondata nel 2000 in Alto Adige ai piedi delle Dolomiti dal musicista Capitanata, CapitanArt Records è diventata rapidamente una importante etichetta di musica per il benessere, salute e ricerca interiore. Musiche che vengono utilizzate da terapisti in molti centri Spa in Italia e all'estero e...
Leggi di più...

Dello stesso editore


Gli ultimi articoli


Ultimo commento su Un Mantra con Ahbay Rinpoche

icona

stefania

Sono stata parecchi anni in Tibet per i miei studi di Ricerca con il libro e il CD ho ritrovato le mie bellissime esperienze vissute. Ottimo libro e cd .Consigliato!

Sono stata parecchi anni in Tibet per i miei studi di Ricerca, con questo libro e il CD ho ritrovato le mie bellissime esperienze vissute e mi sono rivista a meditare i quei luoghi di pace e bellezza. Ottimo libro e cd .Consigliato!

Recensione utile? (1 )

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste