800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Testimoni di Geova: ma Geova chi? - Estratto da "Geova: un Elohim divenuto Dio"

di Dario Gallinaro 22 giorni fa


Testimoni di Geova: ma Geova chi? - Estratto da "Geova: un Elohim divenuto Dio"

Leggi un estratto dal libro "Geova: un Elohim divenuto Dio" di Dario Gallinaro

Una delle prime cose che vengono insegnate a chi studia con i tdG è che Dio ha un nome: GEOVA (forma italiana dell’ebraico Yehowah o Yahweh). E che egli vuole che sia usato per identificarlo.

L’antropocentrismo da cui l’uomo è affetto non è certo cosa nuova, ma nel XXI secolo risulta alquanto obsoleto. Raccontano che l’uomo, l’adham, quello della Terra (adhamah), sia stato creato da Dio a sua immagine e somiglianza, ma io vedo un dio ch’è stato creato dall’uomo a sua immagine e somiglianza. Irascibile, violento, che pensa solo ai suoi interessi infischiandosene delle sofferenze che quegli interessi procurino agli altri, che prima agisce e poi si pente, suscettibile, che necessita che i suoi sottoposti lo facciano ragionare, tremendamente geloso (di chi o cosa poi, se era l’unico?), che per non essere tradito deve ricorrere alle minacce, ecc. E, come se non bastasse, gli hanno affibbiato anche un nome. Un dio tremendamente umano e che di divino pare non avere nulla, insomma.

Ciò che sfugge ai credenti è che il concetto di “nome” è un’invenzione sociale, resa possibile dal linguaggio e dal suono (dunque dalla materia), necessaria a distinguere unità diverse accomunate dall’appartenenza a un medesimo insieme. Tutto ciò che rientra in questa definizione è generalmente caratterizzato da due tipi di nome: il nome dell’insieme di appartenenza (nome comune) e il nome dell’unità specifica (nome proprio). Esempio: pianeta (nome che identifica un determinato insieme di corpi celesti) Terra (nome che identifica uno specifico pianeta, distinguendolo da tutti gli altri). Quando ciò non accade, non ci è possibile differenziare le varie unità.

Ma da cosa – o da chi – dovremmo distingue Dio? A quale genere di suoi simili apparterrebbe mai? Un dio che scegliesse di avere un nome sarebbe un dio “umano”. Perché, lo ripetiamo, il nome altro non è che un’invenzione sociale scaturita da una necessità sociale. Dovremmo dunque concludere che Dio abbia iniziato ad avere un nome solo dopo aver creato l’uomo?

Attribuirgli un nome è un po’ come attribuirgli un colore degli occhi, dei capelli, una statura, un numero di scarpe, una taglia dei pantaloni… Perché non dargli anche un cognome?

Se inoltre Dio è uno e nessuno è simile a Lui, allora ecco che viene a mancare il senso stesso dell’esistenza di un nome divino.

Indice dei contenuti:

E Dio fu

La creazione di Dio da parte dell’uomo, perlomeno del dio che oggi noi conosciamo, è avvenuta in maniera graduale. Presumibilmente a cominciare dal VI-V secolo a.E.V..

I poteri forti, quelle élite di sapienti che governavano il mondo antico, le cui linee di sangue si protraggono fino ai nostri giorni nelle attuali figure di potere, iniziarono a elaborare metodi più efficaci e occulti della bruta forza militare per dominare i popoli. Ebbero la genialità di ideare una prigione grazie alla quale non avrebbero dovuto neppure faticare per buttarci dentro i prigionieri: sarebbero stati essi stessi a voler essere catturati. Questa prigione la chiamarono “religione” (l’assonanza la dice lunga): una sorta di prolungamento della fase infantile dell’essere umano, fase durante la quale egli si esime dal peso dell’autonomia in quanto affidato totalmente alle cure parentali. L’essere umano, crescendo, non volendo abbandonare quella condizione confortevole, la ricrea appunto nella religione, dove la figura genitoriale diviene Dio.

Per rimanere attinenti al titolo del libro esamineremo soltanto la religione cristiana, evoluzione di quella ebraica, che altro non è che una rivisitazione di culti e concetti della religione originatasi a Babilonia, da cui gli Ebrei hanno attinto durante il loro esilio.

Cos’è la Bibbia nell’immaginario collettivo? Questa vuol essere una domanda che prescinde dalle convinzioni religiose della persona a cui è rivolta. Indipendentemente dal fatto che si ritenga affidabile o meno il suo contenuto, credo che quasi il cento per cento delle persone che dovessero rispondere affermerebbero che la Bibbia è quel libro, utilizzato dalla religione cristiana, che si propone di parlare di Dio.

Ho usato il verbo “proporre” appunto per sottolineare come le convinzioni religiose della persona non incidano minimamente sulla risposta.

Ebbene, le cose non sono sempre state così.

I testi biblici, nel corso dei secoli e a partire dalla data pocanzi indicata, hanno subito forti manipolazioni aventi un obiettivo ben preciso: introdurci un qualcosa che, fino a quel momento, non c’era. Ma cosa?

Al lettore che si apprestasse a simili tematiche per la prima volta potrà sembrare incredibile apprendere che la parola “dio”, nell’Antico Testamento, non ricorre neppure una volta. Non ne è presente nemmeno il concetto. Non sono presenti angeli spirituali. Non compaiono enunciazioni di contenuti teologici, religiosi. La Bibbia semplicemente non era – e non è – un libro di religione. Tratta altri argomenti, altre questioni, è stata scritta con altri obiettivi.

Ecco cos’hanno dovuto infilarci dentro i teologi negli ultimi ventisei secoli: Dio e la religione. E, nel farlo, sono stati davvero bravi.

Il miglior nascondiglio è sotto gli occhi di tutti

Per sei secoli (circa tra il 1200 e il 1800) la Chiesa cattolica ha tenuto annoverata la Bibbia tra i libri proibiti con restrizioni variabili a seconda del periodo e del concilio di riferimento, ordinandone spesso il rogo. Il che risulterebbe assai strano, inspiegabile anzi, se si dovesse credere che sulla Bibbia l’essenza stessa della religione cristiana si fondi.

Le cose, ovviamente, non stanno affatto così.

Le manipolazioni apportate al testo biblico, per quanto ideate da menti geniali, hanno dovuto comunque operare ostacolate dai vincoli del testo sottostante. Un po’ come la commessa poco onesta di un negozio d’abbigliamento può mentire solo fino a un certo punto con una cliente in sovrappeso sulla reale taglia dell’ultimo capo elasticizzato rimasto. Tira un po’ la spalla, allarga il girovita, ma oltre i limiti dell’elasticità del tessuto non può spingersi.

In tal modo ha operato la teologia: delle parole cruciali sono state tradotte in maniera volutamente sbagliata, dunque falsa e ingannevole, così da conferire ulteriore “elasticità” al testo biblico (un’elasticità già presente a causa della sua necessità di essere vocalizzato) e poterlo adattare ai contenuti che si intendeva propinare. Contenuti che, in origine, quel testo non possedeva. Ma i limiti della sua elasticità, dati dal contesto, spesso e volentieri ne smascherano le mistificazioni.

Ecco perché per secoli la Chiesa ha tentato di togliere la Bibbia dalle mani del popolo: c’era il concreto rischio che, leggendola, la capisse anche.

Tuttavia nel corso della storia sono comparsi sulla scena mondiale, con una successione più o meno ininterrotta, personaggi onesti, capaci e caparbi che si sono opposti efficacemente a questi tentativi di insabbiamento da parte del clero, a volte a costo della vita stessa. Grazie alla loro tenacia e al loro coraggio la Bibbia, benché così tanto osteggiata, è divenuta un qualcosa alla portata di tutti.

Come avrebbe ovviato la religione al “pericolo” che la popolazione capisse l’incolmabile distanza che c’è tra religioni cristiane e Bibbia, evitando che la plebe comprendesse cosa la Bibbia tratti in realtà?

Parte della “soluzione” era già stata attuata da secoli: manipolare le traduzioni.

Si iniziò, inoltre, ad allontanare le persone dall’idea che capire fosse alla loro portata, ponendo tra loro e il testo biblico una coltre di mistero che in realtà non esiste, introducendo il concetto di “mistero della fede”.

Come ultimo “rimedio”, adottato soprattutto dalle religioni cristiane che si scissero poi dalla Chiesa cattolica, si pensò di incoraggiare i fedeli a leggere la Bibbia ma, nell’intenderla, affidarsi totalmente alla guida dei capi religiosi: “Voi la leggete, ma noi vi diciamo come interpretarla” (al tempo in cui era annoverata tra i libri proibiti, in certi periodi poteva essere letta solo da chi possedeva una speciale licenza). Perché il miglior modo per nascondere una cosa è metterla sotto gli occhi di tutti, e mettercela sotto mentite spoglie.

Il movimento dei tdG è uno dei più eloquenti esempi di quanto tutto ciò sia vero. Essi studiano quotidianamente la Bibbia, la quale è però stracolma di concetti in aperto contrasto con le loro convinzioni, eppure i proclamatori non se ne rendono conto. La ragione sta nel fatto che, ogniqualvolta si ritrovino di fronte a un passo biblico per loro problematico, essi cercano tra le pubblicazioni dell’Organizzazione in che modo interpretare quel passo. Le interpretazioni dettate dall’Organizzazione, ovviamente, saranno mirate alla dottrina prestabilita e il vero significato del testo biblico rimarrà “al sicuro”, sigillato.

Nel dire che i contenuti biblici contrastino con gli insegnamenti del movimento, tuttavia, non intendo certo dire che la situazione sia migliore relativamente alle dottrine di altre religioni, cattolicesimo in primis.

La situazione può essere paragonata a una cipolla: il cattolicesimo si trova nello strato più esterno. La sua infondatezza, l’assenza di un reale sostegno biblico per le sue dottrine e pratiche (Trinità, Maria vergine, Immacolata Concezione, idolatria, ecc.), è facilmente riscontrabile. Il primo strato, insomma, è facile da togliere. L’errore dei tdG è quello di credere, una volta smascherate le inesattezze del cattolicesimo, di aver raggiunto il “cuore della cipolla”. In realtà sono semplicemente passati allo strato successivo. E di strati ce ne sono tanti.

Pensiamo, ad esempio, all’insegnamento che costituisce tra i tdG la prima causa di disassociazione a livello mondiale: il sesso prematrimoniale.

Il sesso prematrimoniale non è mai condannato né punito in alcun modo in tutta la Bibbia. Ciò che essa condanna è la fornicazione. L’accostamento “sesso prematrimoniale = fornicazione” è qualcosa di successivo alla stesura dei testi biblici, promosso dalla Chiesa cattolica con la sua demonizzazione del sesso e perpetuato poi dalla tradizione. Il movimento geovista ha sposato appieno questa ideologia cattolica e per nulla scritturale.

La parola “fornicazione” che troviamo nella Bibbia traduce il greco porneia (da un radicale che vuol dire “vendere”), che altro non è che il termine utilizzato per descrivere i bordelli. La Bibbia, infatti, non condanna i rapporti prematrimoniali, ma la pratica tanto diffusa di andare con prostitute. Anche perché una grossa fetta della prostituzione antica era costituita dalla prostituzione sacra dei templi pagani. Il più delle volte, dunque, l’Antico Testamento condanna la fornicazione, ossia l’andare con prostitute, di natura “sacra”.

I tdG conoscono bene la diffusa pratica, perfettamente regolamentata dalla Legge Mosaica, del concubinato. Stando alla loro definizione di “fornicazione” (rapporti sessuali al di fuori del matrimonio scritturale), il popolo ebraico, e Geova stesso, la accettavano di buon grado.

Come mai i tdG, benché siano tanto noti per la loro presunta conoscenza biblica, non notano dei particolari così evidenti? Per il semplice fatto che a dir loro come intendere la parola “fornicazione” (e tutto il resto della Bibbia) è il c.d. E, nell’accettare acriticamente tutto ciò che esso sostiene, divengono ciechi e sordi nei confronti di tutti quei versetti che smentiscono quanto da loro creduto.

Addirittura i vertici si spingono ben oltre il sesso prematrimoniale nell’accezione da attribuire a questo termine. Nella rivista prima citata in nota è anche riportato: «In questa definizione rientrano […] la manipolazione sessuale dei genitali di una persona che non sia il coniuge». Dunque non solo sesso, ma anche tutto ciò che ci si avvicini.

Eppure la Bibbia serba ben poco mistero in merito: non c’è un solo versetto che proibisca i rapporti prematrimoniali. Nell’unico caso in cui viene stabilita una regola, la cosa riguarda soltanto le vergini: se un uomo ha rapporti con una vergine è costretto a sposarla. E se il padre di lei non gliela concede, l’uomo deve comunque pagare il normale prezzo d’acquisto per le vergini (prezzo che andava pagato in ogni caso quando un uomo acquistava/sposava una vergine). Non c’erano punizioni. Non c’erano condanne. Soltanto una forma di tutela economica nei confronti della famiglia della donna (trattata come semplice merce) che, in un modo o nell’altro, avrebbe comunque venduto al dovuto prezzo la propria verginità. Nel caso di una non vergine, non c’era neppure questa clausola (Esodo 22:16-17).

Conoscendo bene le argomentazioni dei tdG, mi si obietterà che, riferendosi all’episodio descritto in Numeri 25:6-9, l’apostolo Paolo in 1 Corinti 10:8 riporti l’esempio di una condanna e punizione (ventiquattromila uccisi) per sesso prematrimoniale.

Anche in questa occasione un’attenta analisi del contesto ci permetterà di comprendere che le cose non stanno così.

Abbiamo visto in Esodo che nel caso di rapporti prematrimoniali non c’erano punizioni neanche minime, figuriamoci pene capitali (il pagamento del prezzo della verginità non è da equivocare con una punizione, in quanto qualunque uomo intenzionato a sposare una vergine avrebbe comunque dovuto pagare quel prezzo). Possibile, dunque, che Paolo stesse affermando che ventiquattromila Israeliti fossero stati uccisi per una cosa consentita dalla Legge Mosaica?

Il contesto di Numeri (25:1-3) mostra che gli Israeliti parteciparono a orge sacre in onore di Baal Peor (queste erano le modalità con cui egli amava essere servito), alias Chemos. L’ira di Geova stesso – e di Mosè – si accese per esser stato tradito (fornicazione/adulterio simbolico, commesso dalla sua simbolica moglie, Israele, che lo tradisce con altri dèi), altro che sesso prematrimoniale. Concetto espresso più volte nel corso della narrazione (Numeri 25:3-5, 11, 13).

Sottoposi anni fa la questione nientemeno che alla sede centrale di Brooklyn la quale, ovviamente, non seppe dare delle reali spiegazioni, ma soltanto ribadire la propria posizione in merito. Ciò che mi colpì, tuttavia, fu una frase che ritenni stranamente onesta. Mi è impossibile riportare le parole precise, in quanto quella lettera mi è stata sottratta anni fa, non so se volontariamente o meno. Ma gli anziani della congregazione alla quale mi associavo ne posseggono almeno una copia, se non due. Pressappoco la frase era questa: “La definizione di ‘fornicazione’ a cui fai riferimento nasce dalla necessità di non lasciare ai singoli libertà d’interpretazione e d’azione”.

La situazione che si viene a creare a causa di questo continuo delegare ai vertici l’interpretazione del testo biblico è piuttosto evidente: la Bibbia smette di essere l’autorità, la quale confluisce unicamente nelle mani del c.d.

Uno, nessuno o centomila?

Luigi Pirandello, nella sua celebre opera Uno, nessuno e centomila, mostra come l’identità dell’essere umano possa essere frammentata in tanti alter-ego: egli è uno, in quanto è ciò che crede di essere; non è nessuno, dato il suo non identificarsi nelle proiezioni di sé così come giungono agli altri; è infine centomila a causa delle infinite maschere che chi lo osserva e interpreta gli cala addosso.

Nel caso del presunto “dio” dell’Antico Testamento avviene qualcosa di simile: per ebrei, musulmani e tdG egli è uno; per atei e miscredenti è nessuno; per la maggior parte del mondo cristiano è trino; per gli autori biblici, gli unici che dovrebbero aver voce in capitolo sull’interpretazione dei testi da loro stessi redatti, è… centomila.

Come già accennato, uno dei sistemi utilizzati dalla teologia per nascondere il reale contenuto delle Scritture alla gente è stato quello di alterare la traduzione di termini chiave, fondamentali. Il più importante di tutti, ovviamente, è “dio”.

Cosa vuol dire “dio”? A cosa penserebbe una persona dei nostri giorni se gli venisse chiesto se crede in Dio? Per certo penserebbe a quell’entità eterna e immateriale che ha creato l’universo e la vita che è da esso contenuta. Penserebbe a un Creatore.

I termini ebraici che vengono tradotti con “dio” sono in realtà quattro: el ( אל ), elìm ( אלים – plurale di el), elohàh ( אלוה ), elohim אלהים) – plurale di elohàh). Il significato di questi termini rimane a oggi sconosciuto. Sono state formulate soltanto ipotesi dalla filologia, ma nessuna certezza vi è in merito. A parte una: non significano “dio”.

Uno dei termini più frequenti è “elohim”, un plurale. E già qui non occorre un profondo conoscitore della lingua ebraica per capire che qualcosa non quadra. Geova, l’Onnipotente, l’unico vero Dio che tanto insiste sull’esclusiva devozione e sulla sua unicità, che viene identificato con un termine plurale? (Nell’esaminare la questione del plurale, non perdiamo di vista il fatto che comunque “elohim” non vuol dire neppure “dèi”…).

Per aggirare questo evidente problema, ostacolo altrimenti insormontabile per il monoteismo biblico, teologi ed esegeti si sono inventati una cosa chiamata “plurale di astrazione/maestà/dignità/ eccellenza”. Secondo tale teoria, il soggetto plurale verrebbe utilizzato con verbi e aggettivi al singolare per esaltare la magnificenza del Creatore. Quando, invece, usato con verbi e aggettivi al plurale, si tratterebbe di un plurale a tutti gli effetti e indicherebbe le false divinità pagane.

Vediamo cosa dice la più autorevole opera di consultazione dei tdG: il Perspicacia. Alla voce “dio” esso riporta:

«Uno dei termini ebraici tradotti “Dio” è ’El, che probabilmente significa “potente; forte” (Ge 14:18). Ricorre riferito a Geova, ad altri dèi e a uomini. […] Il sostantivo ebraico ’elohìm (dèi) sembra derivi da una radice che significa “essere forte”. ’Elohìm è il plurale di ’elòhah (dio). […] Quando si riferisce a Geova, ’Elohìm è usato come plurale di maestà, dignità o eccellenza”. (Ge 1:1) A questo proposito Aaron Ember scrisse: “Che la lingua del VT abbia interamente rinunciato all’idea della pluralità in … [’Elohìm] (quando è riferito all’Iddio d’Israele) è dimostrato specialmente dal fatto che esso si costruisce quasi invariabilmente con un predicato verbale singolare e prende un attributo aggettivale singolare. … [’Elohìm] dev’essere piuttosto spiegato come un plurale intensivo, che denota grandezza e maestà, equivalente a Il grande Dio”. — The American Journal of Semitic Languages and Literatures, vol. XXI, 1905, p. 208. Il titolo ’Elohìm dà risalto alla forza di Geova quale Creatore. Ricorre 35 volte da solo nel racconto della creazione, e ogni volta il verbo che descrive ciò che Dio disse o fece è al singolare».

Oltre a specificare che questi termini (“el” ed “elohim”) non sono dei titoli esclusivi di Geova, nell’attribuirgli delle ipotesi di significato non a caso vengono utilizzate dal Perspicacia le parole “probabilmente” e “sembra”, a indicazione del fatto che sui loro reali significati sono state avanzate soltanto ipotesi e l’incertezza regna sovrana. Le ipotesi, tuttavia, nulla hanno a che fare col concetto di divinità: quella qui indicata come più probabile è infatti un riferimento al concetto di potere. Potere che ben si addice a qualunque regnante, capo di stato o chiunque altro a cui sia conferita una certa autorità. Stando a questa accezione, dunque, un premier, un magistrato e un direttore aziendale sarebbero degli elohim, dei potenti. “Elohim”, quindi, non significa “Dio”.

Nel tentativo di giustificare la pluralità di “elohim”, come abbiamo appena letto, la teologia e l’esegesi tradizionale fanno ricorso al cosiddetto plurale di a./m./d./e. Esse sostengono che tale particolare forma di plurale, da intendersi come un singolare, si costruirebbe con soggetto plurale accompagnato da verbo e attributo singolari. Peccato che nella Bibbia assistiamo all’esatto contrario: in Esodo 14:25 ad esempio possiamo notare che «gli Egiziani [ מצרים – soggetto plurale – N.d.A.] quindi disse [ – ויאמר verbo singolare]: “Che io fugga [ אנוסה – verbo singolare] da facce di Israele”…».

La costruzione grammaticale di questa scrittura rispetta perfettamente le presunte regole del plurale di a./m./d./e. così come esplicate dal Perspicacia, che andrebbe considerato un singolare a tutti gli effetti meno che nella forma. Eppure non abbiamo alcuna difficoltà a identificare nel soggetto in questione una chiara e concreta pluralità di sostanza: gli Egiziani erano in tanti!

Cosa, dunque? Il plurale di a./m./d./e. è valido a intermittenza? Solo quando fa comodo? In realtà allo stesso termine “elohim” vengono attribuiti dei significati che sono fatti valere soltanto quando conviene: nella quasi totalità delle volte viene spacciato per “dio”, quando però il contesto proprio non lo consente, allora diviene “dèi”, intesi come divinità pagane. E nel Salmo 82 (81 CEI), siccome è detto chiaramente che gli elohim muoiono, buona parte delle Bibbie moderne lo rende “giudici” (in ebraico shofetim). L’episodio descritto in Deuteronomio 5:1 presenta una costruzione grammaticale decisamente esemplificatrice e chiarificatrice delle dinamiche che si verificano nel caso di “elohim”. Nel discorso che Mosè pronuncia al popolo, dapprima utilizza un verbo al singolare (riferendosi al popolo come a un’unica collettività) e immediatamente dopo usa verbi al plurale, interscambiandoli senza il minimo timore di non essere compreso:

«E diceva loro: “Odi, o Israele, i regolamenti e le decisioni giudiziarie che oggi pronuncio ai vostri orecchi, e dovete impararli e aver cura di metterli in pratica”».

Questo è esattamente quanto avviene nel caso del plurale “elohim”. Continuiamo, tuttavia, a esaminare la spiegazione del Perspicacia:

«Il titolo ’Elohìm dà risalto alla forza di Geova quale Creatore. Ricorre 35 volte da solo nel racconto della creazione, e ogni volta il verbo che descrive ciò che Dio disse o fece è al singolare».

Quest’affermazione ha dell’incredibile. Non solo essa viene smentita dai testi ebraici non tradotti, ma addirittura dalle traduzioni moderne che, stiamo apprendendo, sono fortemente manipolate. Prendiamo il caso di Genesi 1:26: «E Dio [elohim - N.d.A.] proseguì, dicendo: “Facciamo [plurale] l’uomo a nostra [plurale] immagine, secondo la nostra [plurale] somiglianza”». E ancora Genesi 3:22 che afferma: «E Geova Dio [elohim] proseguì, dicendo: “Ecco, l’uomo è divenuto simile a uno di noi [plurale] conoscendo il bene e il male”». Questo è ciò che scaturisce volendoci attenere soltanto all’evidenza più schiacciante, quella data dalle traduzioni moderne, che di vero hanno poco o nulla. Scavando un po’ più a fondo, invece, possiamo constatare che in molti altri casi le traduzioni vengono opportunamente falsificate con la chiara intenzione di occultare i fatti.

Se fosse vero ciò che sostengono la teologia, l’esegesi ufficiale e il Perspicacia, dovremmo concludere che Abraamo fosse politeista. In Genesi 20:13 infatti lo vediamo asserire (leggere da destra verso sinistra):

כאשר התעו אתי אלהים מבית אבי
…mio padre di casa da elohim me vagare fecero Quando

Abraamo, il padre del monoteismo ebraico, cristiano e islamico, che asserisce senza mezzi termini che a chiamarlo dalla sua terra natale per fare del suo seme un popolo di speciale possesso non fu il solo vero Dio, ma più “dèi”? Ovviamente nelle Bibbie che abbiamo in casa troveremo il verbo al singolare. In ciò, però, bisogna riconoscere il giusto merito alla Bibbia edita dai tdG, che nella sua versione con note in calce, la Rbi8 (quella grande), riporta nel versetto in questione una nota con la seguente dicitura: «“Fece errare”: lett. “fecero errare”, pl. per accordarsi con ’Elohìm […]».

In pratica tale nota afferma che, siccome il soggetto è un plurale, anche il verbo è nella sua forma plurale, e questo per accordarsi con la pluralità del soggetto. Abbiamo, quindi, un soggetto plurale con un verbo plurale, cioè un plurale numerico. Eppure nelle lingue moderne essa viene resa totalmente al singolare, senza alcun fondamento né minima giustificazione linguistica. Le ragioni di tale scelta sono, piuttosto, esclusivamente teologiche, dottrinali, ermeneutiche, con una evidenza sulle reali intenzioni del traduttore che l’ha operata che è schiacciante per chiunque sia mosso da onestà d’intenti. Scelta che contrasta apertamente con quanto riportato nel testo biblico e col reale pensiero dell’antico autore di quel brano. Cosa ne è stato, mi chiedo, del plurale di a./m./d./e.? Mi si consenta questa digressione: l’onestà della Traduzione del Nuovo Mondo versione Rbi8, evidentemente, è risultata decisamente ardita e poco appropriata agli attuali vertici dell’Organizzazione, tanto che essi hanno pensato bene di redigerne una versione revisionata, non ancora disponibile in italiano. In realtà, a mio modesto parere, tra le Bibbie per famiglie maggiormente diffuse, quella dei tdG risulta essere leggermente più fedele di molte altre (presenta comunque pro e contro). Fedeltà che viene puntualmente a mancare nella versione revisionata. Apprenderemo meglio questi aspetti durante la trattazione di alcune tematiche. Per il momento mi limito ad anticipare al lettore che molti particolari fondamentali presenti nella vecchia Bibbia (in italiano è ancora quella in uso), come la nota su Genesi 20:13 o le note che rivelano la presenza di “elohim” anziché “Dio”, nella versione revisionata sono stati miratamente eliminati.

Chiusa questa breve parentesi, concentriamoci nuovamente sul punto che stavamo trattando: i verbi e gli attributi associati al “dio” biblico sono singolari o plurali?

Abbiamo visto che Abraamo asserisce che furono più elohim a separarlo dalla sua famiglia paterna per fare della sua progenie il popolo eletto.

Cosa confermata anche da Genesi 31:53 che afferma: «L’iddio di Abraamo e l’iddio di Nahor, l’iddio del loro padre giudichi fra noi». Ancora una volta la Traduzione del Nuovo Mondo Rbi8 riporta varie note in calce: quella su “iddio” chiarisce che, in realtà, il soggetto è un plurale; quella su “giudichi” mostra che anche il verbo, diversamente da come reso in italiano, è nella sua forma plurale (“giudichino”). Anche queste note nella nuova Bibbia sono state fatte sparire. Questa scrittura conferma quanto appreso prima: Abraamo serviva vari elohim, i quali stabilirono di comune accordo un destino diverso per lui e la sua progenie. Ma che dire di suo nipote Giacobbe, colui che fu poi chiamato Israele (curiosa coincidenza che questo nome sia la fusione di “Iside”, “Ra” ed “el”) e dai cui dodici figli maschi si sarebbero formate le dodici – che dodici non erano, contarle per credere – tribù?

Genesi 35:7 riporta: «Quindi vi edificò un altare e chiamava il luogo El-Betel, perché là il [vero] Dio gli si era rivelato al tempo in cui fuggiva lontano da suo fratello».

L’onestà della traduzione che stiamo esaminando in questo versetto – come in molti altri –, però, vacilla: non solo “elohim” viene reso con “Dio”, ma esso viene anche, e in modo del tutto inventato, preceduto dall’aggettivo “vero” (che infatti è messo tra parentesi quadre, in quanto assente nel testo ebraico – si veda “Parentesi quadre” nell’introduzione della Bibbia in questione a p. 7). Il punto che mi preme sottolineare, però, è un altro: “Gli si era rivelato”, in realtà, è al plurale (si erano rivelati – נגלו ). La nota in calce, in questo caso, non c’è neppure nella vecchia Traduzione del Nuovo Mondo. Dovremmo concludere che a Giacobbe “i veri dèi gli si erano rivelati”?

Ecco perché al versetto 1 troviamo le seguenti parole, che nel caso dovessimo attribuire a Dio sarebbero folli: «Dio disse a Giacobbe: “Levati, sali a Betel e dimora là; e fa’ là un altare al Dio che ti apparve quando fuggivi lontano da Esaù tuo fratello”». Dio che dice a Giacobbe di costruire un altare “al Dio” che gli è apparso a Betel anziché a se stesso?

Anche in Esodo 22:9 la pluralità degli elohim è grammaticalmente documentata. Vi si legge infatti:

על־כל־דבר־פשע על־שור על־חמור על־שה על־שלמה על־כל־אבדה אשר יאמר כי־ הוא זה עד האלהים יבא דבר־שניהם אשר ירשיען אלהים ישלם שנים לרעהו׃
sopra ˛toro sopra trasgressione di questione ogni Su di persa cosa ogni sopra ˛veste sopra ˛pecora sopra ˛asino venire deve elohim agli fino ˛“!questa È” :dica egli cui elohim condanneranno che Colui .entrambi di parola la .prossimo suo al doppio il ripagare dovrà

Un’altra scrittura con nota in calce che riporta il reale contenuto del testo ebraico è Deuteronomio 5:26 nel qual caso si parla di “elohim viventi”, ossia soggetto e verbo plurali, ma resi entrambi singolari nelle lingue moderne. Inutile ormai precisare che anche questa nota è sparita dalla versione revisionata.

In Deuteronomio 32:28-30, invece, troviamo una testimonianza diretta di Geova stesso, il quale afferma che le improbabili vittorie di Israele contro eserciti numericamente superiori sono dovute ad accordi presi tra lui (Geova) e gli elohim avversari all’insaputa dei loro sudditi, ossia degli eserciti combattenti. Gli Israeliti vengono anche presi in giro in un certo senso da Geova, dato il loro non sospettare nulla:

«Poiché sono una nazione su cui il consiglio perisce, e fra loro non c’è intendimento. Oh fossero saggi! Quindi pondererebbero ciò. Considererebbero la loro fine di poi. Come potrebbe uno inseguirne mille, e due metterne in fuga diecimila? A meno che la loro Roccia non li abbia venduti e Geova non li abbia ceduti».

L’ultimo esempio relativamente al verbo plurale utilizzato nel caso del presunto dio d’Israele che riporto è quello di 2 Samuele 7:23, che sostiene quanto segue:

«E quale unica nazione sulla terra è simile al tuo popolo Israele, che Dio andò a redimere a sé come popolo e ad assegnarsi un nome e a fare per loro cose grandi e tremende: scacciare a causa del tuo popolo, che hai redento a te stesso dall’Egitto, le nazioni e i loro dèi?».

In tal caso una nota in calce che riporti il reale contenuto di questo versetto non c’è neppure nella vecchia versione della Traduzione del Nuovo Mondo. Ma il lettore deve sapere che tale versetto non afferma che “Dio andò” a formarsi un popolo personale, ossia Israele, ma che “gli elohim andarono” ( הלכו־אלהים ) a formarsi questo popolo. Soggetto e verbo plurali. Ulteriore conferma di quanto appreso in Genesi 20:13 e 31:53. Il lettore accorto avrà probabilmente notato che il versetto termina con la parola “dèi”, cioè “elohim”. La stessa parola nella prima parte del versetto viene resa “Dio” mentre nell’ultima parte “dèi”. La discriminante, ovviamente, non ha alcuna base linguistica. I traduttori fanno un po’ come gli pare nell’esercizio della massima libertà d’espressione. Una libertà che potremmo tranquillamente definire “licenza poetica”.

D’altronde è Geova stesso, in numerosissimi casi, a riconoscere la reale esistenza degli altri elohim, suoi rivali.

In Deuteronomio 32:36-38, ad esempio, egli sostiene che gli altri, a differenza sua, si fanno vedere soltanto quando c’è da far baldoria con cibo e vino, ma che si dileguano nel momento del bisogno:

«Poiché Geova […] certamente dirà: “Dove sono i loro dèi, la roccia in cui cercarono rifugio, che mangiavano il grasso dei loro sacrifici, bevevano il vino delle loro libazioni? Si levino e vi aiutino. Divengano per voi un nascondiglio”».

Eppure sarebbe sufficiente l’introduzione ai Dieci Comandamenti per chiarire la questione. Essa, infatti, non sentenzia: “Non ci sono altri dèi all’infuori di me”, bensì “non avrai” (Esodo 20:3). Per dirla tutta, il divieto non è neppure assoluto, ma relativo solo al periodo in cui Geova avrà a che fare con Israele: “Non avrai altri elohim… in mia presenza”. Anche in quelle rare occasioni in cui Israele, la simbolica moglie di Geova, dice che questi è l’unico “dio”. Cosa penseremmo di una donna che dicesse al proprio marito: “Tu sei l’unico uomo, non c’è nessun altro”? Ovviamente non penseremmo che lei stia negando l’esistenza di altri uomini, ma che tra tutti il suo compagno sia l’unico uomo che lei vuole, “tu sei l’unico uomo per me”. Credo che il concetto sia stato trattato in modo sufficientemente chiaro e documentato per poter affermare che:

  • Sostenere che “elohim” significhi “dio” è falso.
  • Sostenere che un soggetto plurale accompagnato da un verbo o un attributo singolare vada a formare il fantomatico plurale di a./m./d./e. da intendersi come un singolare a tutti gli effetti è falso (Esodo 14:25 docet).
  • Affermare che, quando nelle lingue moderne ci viene fatto credere che si parli dell’Iddio di Israele, che poi sarebbe il Creatore dell’universo, i verbi e gli aggettivi utilizzati siano al singolare è falso.
  • Le caratteristiche grammaticali che si verificano nel caso di “elohim” si verificano anche con altri termini: in tali casi non viene fatto valere il concetto di plurale di a./m./d./e., cosa che i teologi e gli esegeti applicano solo e solamente a “elohim”. 

A smontare il plurale di a./m./d./e., dunque, è la Bibbia stessa: non solo spesso e volentieri non ritroviamo la costruzione grammaticale che la dottrina vorrebbe a esso attribuire nel caso del presunto dio dell’Antico Testamento, ma allorquando tali caratteristiche sono presenti (soggetto plurale accompagnato da verbi e aggettivi singolari) spesso si parla chiaramente di una grande molteplicità di individui, a prescindere dal fatto che si tratti di elohim o altri.

Quella fatta da Platone sembra una fedele descrizione della società odierna. Dopo quasi venticinque secoli, l’umanità pare non essere cambiata né maturata di un sol giorno. Oggi come allora, infatti, i non vedenti (decisamente più numerosi) decidono di attaccare i pochi che scelgono di aprire gli occhi, i quali vorrebbero soltanto aiutare i propri compagni a fare lo stesso.

Geova: un Elohim divenuto Dio

E l’uomo creò Dio a sua immagine e somiglianza, dall'antico Israele ai suoi testimoni

Dario Gallinaro

Il movimento dei Testimoni di Geova studiato analizzando la Bibbia: non tutto è come sembra... In questo libro l’autore dimostra come il teismo biblico, e tutto il cristianesimo, siano chiaramente confutati dagli stessi...

€ 15,70 € 13,35 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda
 


Dario Gallinaro

Dario Gallinaro nasce a Napoli nel 1985 in una famiglia di testimoni di Geova. Allevato come tale sin dalla nascita, inizia presto a scontrarsi prima con le contraddizioni interne alla religione nella quale è stato allevato, poi con quelle presenti nel teismo biblico. Dal suo percorso...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Testimoni di Geova: ma Geova chi? - Estratto da "Geova: un Elohim divenuto Dio"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste