+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Scrub, gommage o peeling: conosci le differenze?

di Giulia Loreta 1 mese fa


Scrub, gommage o peeling: conosci le differenze?

Perché è importante e come scegliere i trattamenti giusti per una pelle radiosa, compatta e senza imperfezioni

Esfoliazione è un termine che sentiamo sempre più spesso nel mondo della cosmesi, ma sappiamo quale è la tipologia più indicata per noi?

Cerchiamo allora di fare chiarezza sui vari trattamenti che possiamo fare per ottenere una pelle più pulita, liscia e luminosa!

In questo articolo parliamo di:

Indice dei contenuti:

Il rinnovamento cellulare

La nostra pelle è caratterizzata da un proprio ciclo di rinnovamento, dove le cellule vengono continuamente rigenerate nello strato più profondo per poi risalire e sostituire quelle presenti in superficie.

La vita media di una cellula epidermica varia dai 21 ai 28 giorni nelle pelli più giovani, andando ad aumentare con l’avanzare dell’età.

La cosmesi naturale però ci viene in aiuto, offrendo diversi metodi per mantenere la nostra pelle fresca, pulita, rigenerata e dall’aspetto sano.

L’esfoliazione, infatti, promuove il rinnovamento cutaneo, stimolando allo stesso tempo la sintesi di fibre come collagene ed elastina, le quali danno un ottimo grado di elasticità e di sostegno.

Perché è importante esfoliare?

Quando la pelle viene liberata dai residui di cellule morte ed impurità (smog, inquinamento, make-up ecc), i tessuti cutanei vengono ossigenati e allo stesso tempo viene facilitato l’assorbimento di altri principi attivi importanti (agenti idratanti, emollienti e nutrienti), fondamentali per mantenere un buon livello di idratazione.

L’applicazione regolare di un trattamento esfoliante è sicuramente utile anche per l’uomo, data la maggior predisposizione ad impurità cutanee e produzione di sebo: l’utilizzo costante può portare non solo a miglioramenti dell’aspetto cutaneo, ma anche ad un maggiore facilità nella rasatura.

Ma quale tipo di esfoliante è meglio scegliere? Lo possiamo capire in base al nostro tipo di pelle, di esigenza o di età!

I trattamenti esfolianti infatti trovano largo impiego, oltre che per completare la detersione, anche per diverse problematiche legate allo stato della pelle:

  • acne
  • macchie solari
  • cicatrici
  • rughe
  • macchie gravidiche
  • smagliature

Ma vediamo le principali differenze fra un’esfoliazione di tipo meccanico ed una di tipo chimico.

Esfoliazione Meccanica: Scrub e Gommage

Lo Scrub un’esfoliazione di tipo meccanico, delicata e calibrata, che grazie alla presenza di microgranuli abrasivi naturali (microsfere di Jojoba, semi, ecc) rende la pelle più liscia, morbida e luminosa.

E’ particolarmente indicato per pelli inspessite, grasse ed impure, tenendo conto che un’eccessiva frequenza di applicazione ci può causare lo sgradevole effetto rebound, portando ad un incremento della produzione di sebo.

Gli scrub più venduti su Macrolibrarsi

Il Gommage è molto simile allo scrub, differenziandosi però per la sua delicatezza. E’ il trattamento indicato per le pelli più delicate, realizzato sempre con prodotti granulari accompagnati da agenti idratanti, come oli o creme.

Particolare attenzione verso chi soffre di couperose: un’eccessiva stimolazione del tessuto potrebbe causare danni al microcircolo, aumentando arrossamento e sensibilità.

I gommage più apprezzati dai nostri clienti

Esfoliazione Chimica: Peeling

L’esfoliazione chimica ha sicuramente un’azione più profonda e veloce rispetto a quella meccanica, favorendo un turnover cellulare in tempi più brevi.

E’ un ottimo trattamento contro la pelle secca, poiché evita il sottoporsi allo stress meccanico, stimolando ugualmente la produzione di collagene e l’ossigenazione cutanea.

Gli alfa-idrossiacidi (AHA) sono le molecole più comuni in questi tipi di prodotti: preparazioni a base di acido lattico o acido glicolico (in concentrazioni fra il 10-15%) consentono di avere un’esfoliazione molto più rapida, garantendo così un miglior assorbimento cutaneo dei trattamenti successivi e un’azione più mirata.

L’acido mandelico è il più delicato degli AHA: consente di ottenere un’esfoliazione gentile ma efficace, evitando di incorrere in problemi di fotosensibilizzazione che altri esfolianti hanno. (E’ infatti importante ricordare che è assolutamente da evitare l’esposizione diretta a raggi UV pre- e post-trattamento con peeling chimici!)

L’acido salicilico è un altro elemento principe dei trattamenti esfolianti, questa volta facente parte della categoria dei BHA (beta-idrossiacidi). Ha ottime proprietà leviganti, essendo in grado di distruggere selettivamente le cellule dello strato corneo, oltre ad interessanti attività battericide e lenitive. Facile quindi ritrovare questa molecola all’interno di trattamenti contro acne ed imperfezioni.

Ultimi, ma non per importanza, possono essere utilizzati esfolianti enzimatici di origine vegetale, dove i più comuni sono Bromelina e Papaina, derivati rispettivamente da Ananas e Papaya. I peeling enzimatici hanno un’azione complementare a quella dei peeling chimici: facilitano la rimozione delle cellule morte dallo strato più superficiale della pelle e rendono istantaneamente l’incarnato più luminoso.

Ti consigliamo


Giulia Loreta

Giulia Loreta, classe 1989, lettrice accanita e amante della musica, dopo gli studi di Farmacia si è avvicinata sempre di più al mondo della cosmesi naturale, per la quale nutre una passione profonda e una curiosità sfrenata. Il suo motto? "Non si finisce mai di imparare!"
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Scrub, gommage o peeling: conosci le differenze?

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.