800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Routine veloci solo per me - Estratto da "Il Libro delle Piccole Rivoluzioni"

di Elsa Punset 6 mesi fa


Routine veloci solo per me - Estratto da "Il Libro delle Piccole Rivoluzioni"

Leggi in anteprima un estratto dal primo capitolo del libro di Elsa Punset e scopri quali piccoli gesti puoi fare ogni giorno per te e per essere felice

Temi che prenderti cura del tuo benessere sia da egoisti? Le ricerche rivelano che se ti senti bene, probabilmente sarai più socievole, miglioreranno la salute e i guadagni, e i rapporti con le persone intorno a te saranno più soddisfacenti.

Quindi, non c'è alcun dubbio: il tuo benessere conta, eccome! Prendersi cura di se stessi è il primo passo, il più indispensabile, per godere di una vita sana, in tutti i sensi.

Qui di seguito troverai alcuni suggerimenti non solo piacevoli, ma preziosi e necessari. Attingi a piene mani, sguazzaci dentro, provali, scartali, oppure adottali, modificandoli in base alle tue esigenze personali, in continuo mutamento.

Indice dei contenuti:

Recupera la serenità in un minuto

Tutti, di tanto in tanto, proviamo quella sensazione passeggera di benessere che ci rilassa e ci riempie di energia. Ma sei capace di entrare in questo stato mentale ogni volta che lo desideri? Ecco una tecnica molto semplice per riuscirci. Puoi farla tua, donarla o condividerla con qualcun altro. Imparerai a disconnetterti e a recuperare le energie in un solo minuto.

Gli esseri umani possiedono una mente meravigliosa, che serve per apprendere, creare, inventare e ricordare, ma purtroppo ha anche un lato oscuro: a volte ci opprime, ci fa preoccupare, ci intrappola in pensieri poco produttivi e angoscianti.

Spesso viene paragonata a un bicchiere d'acqua sporca: quando la agiti diventa torbida, mentre quando è ferma la terra si deposita sul fondo del bicchiere e l'acqua appare limpida. Praticare la meditazione è come lasciare a riposo quel bicchiere d'acqua. Puoi imparare a tenere in esercizio la mente, per evitare che si fissi sulla sua parte oscura. Per questo è bene apprendere ciò che lo psicoterapeuta Martin Boroson definisce «meditare in un momento».

Meditare in realtà significa semplicemente riuscire a non far divagare i pensieri né verso il futuro, né verso il passato, ed evitare che rimangano bloccati su aspetti negativi. Significa imparare a rimanere ancorati al presente, senza giudicare né angosciarsi, e non richiede un allenamento troppo complicato. I benefici fisiologici e mentali che regala sono numerosi e moltissime prove lo dimostrano.

Anche se questa tecnica si chiama «meditare in un momento», Martin Boroson ci consiglia di dedicarle un minuto, perché un momento è un lasso di tempo così indefinito che risulta difficile misurarlo, mentre un minuto ha un inizio e una fine ben precisi.

La routine

  • Mettiti comodo e assicurati che niente e nessuno possa disturbarti per tutto il minuto di durata della meditazione. Siediti con la schiena ben dritta, ma non rigida. Se può aiutarti, immagina un filo che dalla testa sale su verso l'alto. Puoi mettere le mani come vuoi, basta che siano simmetriche. Avvia un timer e inizia subito a meditare, concentrandoti sulla respirazione.

RICORDA DI CONCENTRARTI SOLO SULLA RESPIRAZIONE.

  • Rimani seduto con gli occhi chiusi, focalizzandoti sul respiro. Per sessanta secondi cerca il più possibile di evitare che la mente divaghi in mille pensieri, ma se accade non preoccuparti, è normale. Cerca di ritrovare la concentrazione, senza innervosirti.

SE LA MENTE SI DISTRAE, TORNA A FISSARTI SULLA RESPIRAZIONE.

  • Se vuoi, puoi chiudere gli occhi, rilassare la bocca in un sorriso, oppure no, come preferisci. Quando il minuto finisce, osserva: come ti senti? Se concentrarti sulla respirazione ti è costato molta fatica, non preoccuparti: più farai esercizio, più ti risulterà facile.

REGALATI UN MINUTO DI MEDITAZIONE "D'EMERGENZA" QUANDO SEI STRESSATO, ANGOSCIATO O ESAUSTO.

In un primo momento puoi usare questa tecnica quando sei teso, arrabbiato, quando non riesci a dormire, se hai bisogno di fare chiarezza nella testa ed elaborare nuove idee, e, più in generale, in tutte le occasioni in cui desideri riprendere fiato e recuperare la tranquillità. Anche solo questo minuto d'emergenza produrrà cambiamenti importanti nella tua mente.

Più avanti, con un po' di pratica, potrai ricorrervi anche in luoghi rumorosi, come la metropolitana, un ingorgo, una riunione noiosa, l'ufficio dopo un episodio stressante. Così il minuto di meditazione diventerà un minuto portatile, che ti farà stare bene ovunque tu sia.

E, a poco a poco, ti scoprirai in grado di ridurre il minuto a un unico momento di meditazione, da utilizzare quando e dove vuoi.

Fai amicizia con il tuo corpo

Come ti prendi cura del tuo corpo?

La maggior parte di noi non presta troppa attenzione alla cura del corpo: lo utilizziamo finché possiamo e se si stanca, ingrassa, invecchia o si ammala, tutto ciò che facciamo è lamentarci che non stiamo bene. La nostra cultura, inoltre, ci suggerisce che curare il fisico sia da femminucce. Ma il neuroscienziato Rick Hanson ci ricorda che trattarlo male si paga a caro prezzo, perché non siamo entità separate, e le sue necessità sono le nostre.

La routine

Per capire meglio in che modo ti prendi cura del tuo corpo, poniti innanzitutto quattro domande, magari con carta e penna alla mano.

  • In questi anni il tuo fisico come si è preso cura di te? Pensa, per esempio, a come ti ha portato da un luogo all'altro, a come ti ha dato piacere, a come ti ha tenuto in vita...
  • Al contrario, che cosa fai tu per lui? Lo nutrì bene, lo alleni, lo porti dal medico, lo coccoli? o lo maltratti in qualche modo?
  • Sei critico con lui? Vale a dire, te ne vergogni? Ti piacerebbe che fosse diverso?
  • Infine, se il tuo corpo fosse un caro amico, come lo tratteresti? Che cosa cambieresti nel comportamento che hai con lui?

Ecco un segreto per instaurare un buon rapporto con il tuo corpo. Immagina che sia un amico a te caro, qualcuno che ti è vicino. Che cosa fai con questa persona? Come ti senti quando sei con lei?

E ora, immagina di dedicare un giorno intero ad accudire il tuo corpo come se fosse quell'amico speciale a cui vuoi tanto bene. Cerca di dimostrargli tutto l'affetto che provi per lui: non appena si sveglia, aiutalo a vestirsi e a prepararsi, senza mettergli fretta, con estrema calma e dolcezza, prova a instaurare con lui una certa sintonia, fallo sentire a proprio agio...

Durante la giornata, dagli da bere come faresti con una persona cara, aiutalo a rilassarsi con una doccia calda, trattalo con amore, anche se stai guidando, sei indaffarato con i tuoi figli, o stai lavorando con altre persone.

Come ti sentiresti se mettessi in atto questa pratica per un giorno intero? Probabilmente, afferma Hanson, saresti meno stressato e più in armonia e in pace con il mondo. Inoltre, ti renderesti conto che trattare bene il proprio corpo significa trattare bene se stessi. Perché tu sei il tuo corpo.

Una scatola per coccolarmi

Immagina la scatola come un posto in cui custodire oggetti (ricordi, foto, frasi, il biglietto di quel concerto indimenticabile) che ti fanno sentire bene e ti danno la carica. Queste piccole testimonianze di momenti felici giovano un po' a tutti, ma particolarmente a chi soffre d'ansia o di depressione.

La routine

Cerca tutti gli oggetti o ricordi che evocano momenti felici, e che, in un modo o nell'altro, ti fanno stare bene: vecchi biglietti aerei, il tuo film preferito, foto di attimi spensierati, un diario con le tue annotazioni, disegni, candele, le poesie che più ami, un libro da colorare... qualsiasi cosa che abbia per te un valore affettivo.

Ora arriva la parte più divertente: procurati una scatola che possa contenerli e decorala! Puoi utilizzarne una qualsiasi che trovi in casa (quella delle scarpe è perfetta!) e poi ti basta far volare l'immaginazione. Puoi ornarla con carta di giornale o carta regalo, fiori pressati o ritagli di riviste... o con qualsiasi decorazione ti ispiri. Fai in modo che il rivestimento risulti terapeutico tanto quanto il contenuto.

Dopodiché, raccogli tutti gli oggetti e conservali in questa scatola speciale, creata e decorata con le tue mani. Quando hai bisogno di un po' di energia positiva, solleva il coperchio per coccolarti e lasciare che i bei ricordi siano un balsamo per l'anima.

Nella pagina accanto trovi alcuni suggerimenti di oggetti che puoi riporre nella scatola.

Spero che ti aiutino a superare i momenti di stress e ti risollevino il morale nelle giornate più buie!

Suggerimenti

Cioccolato, il tuo film preferito, un bagnoschiuma, puzzle e rompicapi, bloc-notes o un album da disegno, candele, una palla antistress, le tue poesie o il tuo libro preferiti, prodotti di bellezza (smalto per unghie, maschera per il viso, ecc.), un libro da colorare, oggetti con un valore affettivo, oli essenziali, un paio di bustine di tè... e qualsiasi cosa vogliate. Date sfogo alla creatività.

Il Libro delle Piccole Rivoluzioni

Il magico potere dei gesti quotidiani

Elsa Punset

Conversazioni col il proprio io, attraverso un "libro attivo" che ti spinge a guardare dentro, ad appuntare pensieri, azioni, risoluzioni... Il metodo per gestire le proprie emozioni e vivere una vita più gratificante...

€ 17,90 € 15,22 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Elsa Punset è laureata in Lettere e Filosofia e ha conseguito un master in Scienze Umanistiche presso l'Università di Oxford e uno in Giornalismo presso l'Università di Madrid. Collabora abitualmente con radio, quotidiani e televisioni e dirige, presso l'Università...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Routine veloci solo per me - Estratto da "Il Libro delle Piccole Rivoluzioni"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste