+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Qualunque cosa pensiate, è la vostra vita

di Ramtha 15 giorni fa


Qualunque cosa pensiate, è la vostra vita

Leggi un estratto dalla trilogia "Davanti al Caminetto" di Ramtha

Sì. Magnifico. Vi saluto, miei splendidi maestri! Vi saluto dal Signore Dio del mio essere al Signore Dio del vostro essere. Facciamo un brindisi.

O mio amato Dio da ciò che tu sei il fuoco che tu sei, o Misterioso, attiva la mia mente e sospingi la mia anima, espandi la mia consapevolezza e fa che la mia vita evolva, poiché in questi giorni sto coltivando ciò che tu sei. Dio, benedici la mia vita. Così sia. Alla vita!

Stai leggendo un estratto da questo libro:

Davanti al Caminetto

Come creare una vita straordinaria - Chi siamo veramente? - Come diventare un Maestro

Ramtha

Una raccolta con tre dei libri più importanti di Ramtha per attivare la genialità insita in ognuno di noi e per costruire la propria vita come la si desidera. Chi siamo veramente? Come diventare un Maestro Come creare una vita straordinaria Nessuno...

€ 16,50 € 14,03 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Sedetevi. Sono davvero molto contento di rivedervi in questa forma fisica. Ora, dall’ultima volta che ci siamo trovati - e con alcuni di voi ci siamo visti da poco, secondo il vostro tempo - e voi avete imparato ciò che avete imparato e fatto ciò che avete fatto, come l’avete integrato nella vostra vita? Quanto siete cresciuti da quando ci siamo trovati fino a quest’istante? In che cosa siete cresciuti e in che cosa non siete cresciuti? Quale realtà avete creato che abbia trasceso il vostro dubbio? Rivolgetevi al vostro vicino e spiegateglielo. Incominciamo, e voglio vedere quelle vostre bande muoversi.

Quanti di voi hanno modificato la realtà intenzionalmente dall’ultima volta che vi ho visti? Così sia. Quanti di voi hanno guarito se stessi dall’ultima volta che vi ho visti? Così sia. E quanti di voi considerano miracolose quelle guarigioni? Così sia. Bene, ogni sforzo è un miracolo.

Quanti di voi, proprio così, hanno risuscitato qualcosa che era morto? Alzatevi. Quanti di voi, come si suol dire, sono riusciti ad aiutare qualcuno a distanza, focalizzandosi su di lui e aiutandolo durante quelle che vengono definite crisi? Cosi sia. Splendido! Quanti di voi hanno manifestato la ricchezza favolosa? Alzatevi, nel caso in cui qualcuno abbia bisogno di un prestito! Splendido! Quanti di voi hanno imparato a lasciare il proprio corpo e a trasportarsi in un altro luogo e l’hanno effettivamente fatto, e si ricordano consciamente l’effetto che ha fatto loro quel viaggio? Alzate la mano. Così sia. Splendido. Continuate così. Orbene, quanti di voi hanno sofferto di depressione dall’ultima volta che siamo stati insieme? Quanti di voi l’hanno guarita? Così sia.

Dunque, non sarebbe come si suol dire né logico né ragionevole, visto che siete qui, se non utilizzaste ciò che vi è stato insegnato: che consapevolezza ed energia creano la natura della realtà e che qualunque cosa pensiate, è la vostra vita - e può essere ciò che viene chiamato un futuro prevedibile; ciò conferisce a quello che viene definito “voi” quell’essenza divina.

Orbene, quand’è che se ne ha abbastanza di vivere la stessa noiosa esistenza? Quand’è che vi svegliate e create ciò che è chiamato un nuovo sogno e un nuovo paradigma? Nella mia vita, le avrei chiamate avventure. E quando vi svegliate e decidete che volete vivere un’avventura, non è davvero sorprendente che i modi e i mezzi per quell’avventura semplicemente si manifestino? Ciò accade perché voi lo volete e siete pronti per questo. Anche questa è una qualità divina. Non si tratta di coincidenza.

Se non applicate consapevolmente ciò che vi ho insegnato per tutti questi anni, non potrete mai realizzare quella che viene definita la vostra piena eredità, ciò che vi appartiene. Eredità che potremmo chiamare il regno dei cieli. Bene, questo non ha niente a che fare con un qualche bene immobiliare che sta là fuori ed è chiamato cielo, ma riguarda la capacità di trasformare e invero di trasmutare la materia e il tempo. E a quale scopo? Per rendere conosciuto l’ignoto, per crearlo, farne esperienza, dissolverlo e creare di nuovo. Questa è una qualità divina, e potremmo anche chiamarla crescita.

Se dall'ultima volta che ci siamo incontrati non avete applicato ciò che è chiamata conoscenza, la verità delle vostre esperienze nella vita quotidiana, non serve che siate qui e nemmeno dovreste esserci perché questa scuola, mio splendido Gruppo Secondario, riguarda chi vuole conoscere le chiavi della trasformazione. E dovete sapere che non basta semplicemente capire la cosiddetta filosofia o teoria. Non è sufficiente. Non basta venire qui ad ascoltarmi insegnare, o a sentirvi esporre queste belle parole da quelli che sono chiamati il vostro amato vicino o i vostri familiari. Non basta sentire. Si tratta di agire. E se non siete gente che agisce, non dovreste essere qui.

Siete venuti per imparare a generare e a dar vita a quello che viene definito tutto ciò che è latente in voi. E ci sono molte cose latenti in voi. Se per tutta la durata di questa vita avete usato meno di un decimo del vostro cervello, che cosa sta accadendo allora a tutto il resto, e perché è ancora al suo posto e non avrebbe dovuto, proprio così, essersi deformato nel corso dell’evoluzione fino a diventare della misura di un pisello? Abbiamo mantenuto questo grande cervello soltanto per poter avere una faccia? Immaginatevi come sarebbe la vostra faccia su un pisello! Questo, come anche quella che chiamiamo rigenerazione delle esistenze, si erge per voi a muta testimonianza del fatto che c’è dell’altro che dovete fare - e non nel di quella che è chiamata scoperta - e che avete tutto l'equipaggiamento e tutti gli strumenti per far nascere quel regno come manifestazione, e che la vita è, proprio così, la nostra esperienza attraverso cui possiamo dimostrare quel fattore evolutivo e manifestare quella divinità ogni giorno.

E quante volte vi ho detto, nel vostro tempo così come voi lo comprendete, che il maestro non lascia che la giornata accada; il maestro crea la giornata e la guida a diventare esperienza. Mia splendida gente, se siete venuti, avete compiuto il lavoro; avete trovato la verità.

Ora, che cos’è la verità? E' prendere la conoscenza, la filosofia, metterla qui e poi applicarla là fuori. Se produce un effetto e riuscite a metterla in pratica, a quel punto è verità; prima, è soltanto congettura. E tutti qui dentro, a parte due persone, conoscono la verità, sanno che tutto questo funziona.

Orbene, quanti di voi in questo pubblico hanno trovato la propria carta nel campo? Così sia. Bene, quella è verità. Significa che voi che siete esperti del campo dovreste sapere che non potete trovare la vostra carta semplicemente desiderando che essa sia lì, che è troppo difficile che si tratti di una coincidenza, e che il diritto di ottenere questa conoscenza ve lo siete meritati. E la carta rappresenta quella che è detta una testimonianza che se potete fare questo, potete fare tutto, e che ogni giorno è un campo, e ogni mattino è un bel mattino quando ci alziamo e creiamo la carta che rappresenta quella giornata, e la giornata si dispiega secondo la carta.

Orbene, poco per volta - poco per volta - mettete in pratica gli insegnamenti, quando siete felici, perché allora è facile applicarli. E sembra che ciò che è chiamato Dio abbia riversato su di voi la sua benedizione più squisita, e che nulla possa andarvi male; finché un giorno tutto vi va male davvero perché quella giornata vi siete dimenticati di crearla. E così diventate, come si suol dire, soggetti alla realtà invece di essere voi a governarla. Quando vi va male dunque, vivete male e vi trincerate, come si dice, nell’esistenza problematica.

Questa è l’origine della depressione. E diventa un’abitudine - un’abitudine. E se siete depressi un giorno, quello stabilisce quella che chiamiamo qualità dell’esistenza per il giorno dopo. E allora vi svegliate e il giorno dopo è piuttosto malinconico perché è stato, proprio così, generato dal giorno precedente. E vi svegliate e c’è quella malinconia, e allora vivete la malinconia e non fate che incrementarla per il giorno dopo. Questo è il suo ciclo.

Voglio che comprendiate che questi non sono talenti che lasciate qui quando uscite nel mondo reale, come voi lo chiamate, ma devono essere portati con voi e incorporati ogni giorno, e non c’è alcuna ragione che vi impedisca di guarire in pochi istanti un taglio su un vostro dito, visto che l’avete già fatto. Non c’è alcuna ragione per cui dovreste implorare o preoccuparvi per il vostro pane quotidiano o per la vostra esistenza, poiché avete imparato come cambiare queste cose. Non c’è ragione per cui dobbiate languire in quella che è chiamata depressione dal momento che avete sperimentato la grande gioia. E ci basta tornare a ricordare come ciò è accaduto per modificare la realtà. Non c’è alcuna ragione per cui dobbiate soffrire. Inoltre, mia splendida gente, non c’è ragione per cui dobbiate rimanere stagnanti nella vostra noiosa esistenza. Non c’è ragione per cui la vita debba essere mondana; ma ci sono tutte le ragioni per cui essa dovrebbe cambiare ogni giorno.

Orbene, cambiare non significa buttare fuori a calci il gatto. Non vuol dire questo. Si tratta di un cambiamento nella consapevolezza che dà una tonalità diversa alla giornata per cui la luce splende in un altro modo e getta un’ombra differente, cosicché l’osservazione dell’ombra conferisce ciò che è detta una prospettiva dimensionale all’Osservatore, che siete voi. È una crescita che avviene ogni giorno della vostra vita. E non c’è ragione per cui dovreste essere in guerra con i vostri vicini. E in realtà, non c’è ragione per cui non dovreste amare. Non m’importa quanto ciò sappia di marcio. Non c’è alcuna ragione per cui non dovreste amare. Avete tutte le ragioni del mondo per farlo.

Questa settimana che abbiamo trascorso insieme è già passata, e voi siete stati molto bravi. Ma se facciamo un’analisi, potete fare meglio. Così trasformeremo ciò che è stato in qualcosa che sarà. Ciò che vi sto dicendo questa sera è ciò che non vi ho detto prima, e questo evento incomincia proprio con questa comprensione. Voglio che siate ciò che avete imparato a essere, e quella radiosa fiducia sa che non esiste né demone, né ciò che si chiama drago, che possa provocare in voi la minima paura, e sa che non esiste patto che possa suscitare in voi preoccupazione, né carenza di provviste nella vostra credenza che vi induca a temere per la vostra vita.

Se siete Dio, allora siete tutto. E che cos’è che vi ho detto e insegnato che non siete riusciti a compiere? Perché allora vi dico che se non siete riusciti a compiere queste cose, Dio è ancora un mistero. Ma se siete riusciti a compiere tutte le cose che vi ho esplicitamente insegnato e a farne esperienza, allora Dio non è un mistero. Dio siete voi. E che cos’è che non potete fare?

Davanti al Caminetto

Come creare una vita straordinaria - Chi siamo veramente? - Come diventare un Maestro

Ramtha

Una raccolta con tre dei libri più importanti di Ramtha per attivare la genialità insita in ognuno di noi e per costruire la propria vita come la si desidera. Chi siamo veramente? Come diventare un Maestro Come creare una vita straordinaria Nessuno...

€ 16,50 € 14,03 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Ramtha

Ramtha si definisce un'entità giunta su questo piano da altre dimensioni: visse su questa Terra ai tempi dei Lemuri e di Atlantide, 35.000 anni fa. Dal 1977 Ramtha parla e insegna utilizzando il corpo di una donna americana: JZ Knight. Nei suoi insegnamenti si esprime con grande passione e...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Qualunque cosa pensiate, è la vostra vita

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.