Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Proteggiamo la pelle a tavola

  11 mesi fa


Proteggiamo la pelle a tavola

È la carta d’identità della nostra salute: per trattarla bene privilegiamo alcune categorie di alimenti. -

Il menu gioca un ruolo importante per salvaguardare la pelle. La sua salute dipende, infatti, da un delicato equilibrio di sostanze: ormoni, grassi, proteine, vitamine, minerali, senza contare l’acqua, ingrediente vitalizzante e ringiovanente per eccellenza. L’influsso della dieta, del resto, è visibile: chi segue regimi troppo drastici – poveri, per esempio, di grassi e proteine – si trova spesso con una pelle sottile, ruvida e priva di elasticità.

Indice dei contenuti:

Una miriade di funzioni

Ma, prima di tutto, a cosa serve la pelle? Certo, contribuisce in modo determinante al nostro modo di apparire, ma non è solo un involucro esterno. Ci difende anche dall'ingresso di microbi potenzialmente patogeni, traumi e agenti chimici. Inoltre, previene la perdita di liquidi e partecipa alla regolazione della temperatura grazie alle ghiandole sudoripare. Come se non bastasse coordina la riposta immunitaria e ha un ruolo nella sintesi della vitamina D. Senza contare la sua funzione sensoriale, che la rende in grado di registrare e trasmettere stimoli tattili, termici, dolorifici, mentre nello strato più profondo percepisce segnali vibratori.

La natura ha dotato la pelle di una straordinaria resistenza e capacità di rigenerarsi: le sue cellule si rinnovano ogni 4-6 settimane.

Le creme non bastano

Anche se non sempre siamo consapevoli di tutte queste potenzialità, investiamo molte risorse per migliorare il nostro aspetto. Ottenere un’epidermide levigata e luminosa è un sogno che coltiviamo, talvolta a caro prezzo, con cosmetici dalle promesse accattivanti.

Ma, spesso, creme e altri rimedi esterni non garantiscono una pelle sana e armoniosa. Il suo equilibrio, infatti, dipende principalmente dall’interno e rispecchia il nostro modo di vivere e quello che mangiamo.

Puntiamo sui giusti alimenti

Diverse ricerche hanno dimostrato che un menu ricco di principi attivi antiossidanti e di cibi capaci di proteggere l’intestino fa bene anche alla cute. Ortaggi, frutta e legumi, in particolare, meritano il posto d’onore nella lista della spesa per proteggere la pelle. Di seguito alcuni suggerimenti per goderne a pieno le proprietà. Seguiamoli almeno per alcuni mesi consecutivi.

Frutta e ortaggi freschi

Grazie al pool di vitamine e minerali che contengono sono la quintessenza per una pelle elastica e vitale. Cinque porzioni al giorno, sia crude, sia cotte e di colori diversi, sono il minimo per assicurare l'effetto protettivo e rigenerante.

A proposito di colori:

  • Rosso, Arancio e Giallo corrispondono alla presenza di licopeni, particolarmente utili per preparare la pelle all’esposizione al sole. Il consumo abituale di pomodori, melone, albicocche e carote aumenta di quattro volte la resistenza ai raggi ultravioletti. Resta ovviamente fondamentale usare adeguati filtri solari e non esporsi al sole nelle ore più calde.
  • Viola e blu (ma anche rosso e arancio) – colori che caratterizzano, per esempio, mirtilli, lamponi, prugne, ciliegie, uva – assicurano poi un buon apporto di flavonoidi, che mitigano gli effetti dannosi dell'inquinamento e prevengono le infiammazioni responsabili, fra le altre cose, dell’invecchiamento cutaneo.
  • Il verde, in particolare di broccoli e spinaci, è una buona fonte di coenzima 10, sostanza coinvolta nella prevenzione della formazione dei radicali liberi, legata a fumo, sole e inquinamento.

Quanto? A volontà (almeno cinque porzioni al giorno).

Tè verde

E' un'altra ottima fonte di flavonoidi e diverse ricerche hanno dimostrato che assumerne un litro al giorno aumenta la resistenza della pelle a batteri e sostanze inquinanti, rendendola, fra l'altro, più elastica e idratata.

Quanto? Due o tre tazze al giorno: con un litro l’effetto è sicuro.

Cacao

Fornisce epicatechina, flavonoide che migliora la microcircolazione cutanea favorendo, così, il trasporto delle sostanze nutritive e l’eliminazione delle scorie e assicurando una rigenerazione ottimale. Quanto? Il consumo abituale di dieci grammi al giorno di cacao amaro, in aggiunta, per esempio, alla frutta, sembra rendere l’epidermide meno ruvida e secca.

Olio extra vergine d’oliva, olio di germe di grano e di girasole

Alternati fra loro, garantiscono un connubio d’acidi grassi essenziali, in particolare acido linoleico, che rendono la pelle elastica e luminosa. Inoltre, sono una fonte di vitamina E, antiossidante che previene la formazione dei radicali liberi, fra i maggiori responsabili delle rughe.

Quanto? Circa tre cucchiai al giorno, spremuti a freddo e crudi, alternando fra loro le varietà.

Yogurt

Ricco di proteine pregiate e zinco, assicura la salute della flora batterica intestinale, implicata nell’equilibrio della pelle.

Quanto? Ne serve circa una tazza al giorno privilegiando quello fresco e intero. Alternate lo yogurt vaccino con yogurt di capra, pecora, mandorle e soia.

Semi oleosi

In questa stagione scegliete girasole, zucca e sesamo che contengono – come l’olio che ne deriva – acidi grassi essenziali e irrancidiscono meno facilmente di noci e nocciole, più adatte, invece, in autunno e inverno. I semi oleosi rappresentano, fra le altre cose, una buona sorgente di proteine e di zinco nei menu vegetariani e vegani.

Quanto? Usatene 1-2 cucchiai al giorno, nello yogurt del mattino e nelle insalate.

Soia

Contiene fitoestrogeni e proteine pregiate che contribuiscono al rinnovamento della pelle e sembra avere una azione benefica anche su unghie e capelli.

Quanto? Due o tre porzioni la settimana di semi di soia precedentemente ammollati e bolliti, abbinati ai cereali, in alternativa a fagioli o altri legumi. Al loro posto, potete provare anche latte e latticini di soia. Nel menu di ogni giorno potete poi usare uno o due cucchiaini di tamari o altra salsa di soia biologica (senza glutammati!) per verdure e cereali.

Acqua

Aiuta a eliminare le tossine ed è indispensabile per favorire tutti gli scambi e le reazioni chimiche che servono a rigenerare la pelle. Inoltre, idrata in profondità. Utilizzatela al naturale, oligominerale, oppure in forma di succhi, centrifugati, frullati e infusi. Quanto? Ne servono fino a due litri al giorno, in aggiunta ai cibi più acquosi e dissetanti, come ortaggi e frutta. Bevetela a più riprese, durante la giornata, senza però sforzarvi.

Articolo tratto da...

TITOLO

La salute naturale raccontata dagli esperti

E' da tanto tempo che pensiamo di dedicare uno dei nostri dossier a una scelta alimentare che sta riscuotendo sempre più consensi e i cui vantaggi per la salute sono concreti e pressoché immediati: i succhi a base principalmente di verdura. Considerato l'inizio dell'estate, abbiamo ritenuto fosse giunto il momento per dare spazio a questo argomento così di attualità. Ci siamo documentati e ne sono venute fuori delle belle...

Vai alla Rivista Vai all'Abbonamento

Ti consigliamo...


L’altra medicina magazine è una rivista che tratta il variegato ed entusiasmante mondo della Medicina naturale in modo serio e autorevole. Grazie al coinvolgimento di un pool di esperti di grande spessore, la rivista, ogni mese di più, sta diventando un punto di riferimento per tutti i...
Leggi di più...

Dello stesso editore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Proteggiamo la pelle a tavola

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste