800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Piccolo è Bello - Estratto da "Coltivare Bio con Successo"

di Jean-Martin Fortier 4 mesi fa


Piccolo è Bello - Estratto da "Coltivare Bio con Successo"

Leggi in anteprima un estratto dal libro di Jean-Martin Fortier e scopri come realizzare una piccola e redditizia azienda agricola bio-intensiva

Ovunque nel mondo, ce una generale presa di coscienza sulle gravi conseguenze dell’agricoltura industriale: pesticidi, OGM, tumori, industria agroalimentare, ecc. Questa consapevolezza si è tradotta in un generale entusiasmo per un'agricoltura biologica, sana e locale. La rinascita dei mercati contadini e l'introduzione di formule diverse e solidali di commercializzazione dei prodotti, come l’agricoltura sostenuta dalla comunità (ASC, CSA in inglese) nel Québec oppure l’Associazione per la Conservazione di un’Agricoltura Contadina (Association pour le Mantien d’une Agriculture Paysanne, AMAP) in Francia, costituiscono una risposta al bisogno di molte persone di ristabilire un legame con chi li nutre, oltre che risolvere certi problemi di qualità.

Indice dei contenuti:

Un modo non convenzionale

Nel Québec, queste idee si sono diffuse soprattutto grazie al concetto di «contadino di famiglia», brillantemente sviluppato da Équiterre, un’organizzazione che attualmente gestisce una delle più grandi reti di produttori biologici e di cittadini uniti per un’agricoltura ecologica. Grazie alla possibilità di usare varie forme di commercializzazione, oggi esiste una nicchia importante per l’agricoltura su piccola scala e ci sono opportunità concrete per molti giovani (e non) di trasferirsi in campagna e di fare dell’agricoltura la propria fonte di guadagno.

La mia compagna e io abbiamo iniziato la nostra carriera di agricoltori con un orto molto piccolo, vendendo gli ortaggi ai mercati contadini e attraverso un progetto di CSA. Avevamo preso in affitto un piccolo terreno di 1000 mq dove ci eravamo temporaneamente accampati per l’estate. Per iniziare non ci è voluto un grande investimento in termini di utensili e di attrezzature. Il fatto di essere in affitto ci ha spinto a limitare le spese, in modo tale da coprire i costi di gestione con la nostra attività e mettere da parte abbastanza soldi per investire, superare l’inverno e fare qualche viaggio. A quel tempo eravamo felici semplicemente di coltivare e di far quadrare il bilancio!

Poi arrivò il momento in cui sentivamo l’esigenza di stabilirci da qualche parte. Avevamo bisogno di sicurezza, il desiderio di costruire una casa tutta nostra e di mettere radici nella nostra piccola comunità. Questo nuovo inizio significava che il nostro orto avrebbe dovuto generare un reddito sufficiente a coprire i costi per il terreno, i bisogni della famiglia e la costruzione della casa.

Invece di meccanizzare le nostre operazioni colturali, seguendo il percorso di una orticoltura più convenzionale, pensavamo che sarebbe stato possibile, se non preferibile, intensificare la nostra produzione e continuare a lavorare in maniera perlopiù manuale. Il nostro principio era di produrre meglio piuttosto che produrre di più. Con questa idea in mente, ci siamo messi alla ricerca di tecniche orticole e di attrezzi che avrebbero reso più efficiente e redditizia la coltivazione di ortaggi su piccola scala.

Alla fine, le nostre ricerche e le nostre scoperte, frutto di numerose esperienze, ci hanno permesso di realizzare una micro-azienda orticola produttiva e redditizia. Ogni settimana il nostro orto rifornisce più di 200 famiglie e genera un reddito sufficientemente alto per farci vivere dignitosamente. La nostra strategia iniziale, che consisteva nella creazione di un sistema a «bassa tecnologia», ci ha consentito di limitare i costi iniziali di avvio e così la nostra azienda era diventata già redditizia dopo solo pochi anni di attività. Le nostre spese di gestione sono sempre piuttosto basse, tanto che finora non abbiamo avuto alcuna difficoltà economica. Come quando abbiamo iniziato, la nostra attività principale è coltivare e, nonostante tutti i cambiamenti avvenuti all’interno dell’azienda, il nostro stile di vita è rimasto sempre quello che avevamo scelto all’inizio. L’azienda agricola lavora per noi e non il contrario.

Lungo il percorso, ci siamo dati il nome di «giardinieri-orticoltori» per sottolineare la nostra scelta di lavorare con attrezzi manuali. Diversamente dagli orticoltori convenzionali, noi non coltiviamo campi, ma orti, limitando al massimo l’uso di carburanti fossili. L’insieme delle nostre attività - l'elevata produttività su una piccola superficie, l’utilizzo di metodi intensivi di produzione, il ricorso a tecniche per estendere la stagionalità dei prodotti e la vendita diretta ai mercati cittadini - si ispira alla tradizione orticola francese, benché le nostre pratiche abbiano allo stesso tempo subito l’influenza dei nostri vicini americani.

Il maggiore influsso sul nostro lavoro lo ha avuto l’americano Eliot Coleman, che abbiamo incontrato in diverse occasioni, e il suo libro, The New Organic Grower, che ci è servito all’inizio come guida. È stato proprio questo libro che ci ha fatto intravvedere la possibilità di ricavare profitto dalla coltivazione di meno di un ettaro. A tutt’oggi, Coleman rimane un punto di riferimento in termini di esperienza e di innovazione in orticoltura mista su piccola scala. Gli dobbiamo molto.

Ovviamente, la maggior parte degli agricoltori ben avviati pensa che coltivare senza l’aiuto di un trattore è un lavoro troppo duro e faticoso, che noi siamo ancora giovani e che meccanizzare le nostre operazioni ci renderebbe immancabilmente la vita più facile. Non sono d’accordo. Le tecniche di lavorazione del terreno descritte in questo manuale riducono i tempi e l’energia necessari per la sua preparazione. L’intensificazione delle coltivazioni diminuisce di gran lunga il lavoro di diserbo e gli attrezzi utilizzati nel nostro orto, per quanto manuali, sono molto sofisticati e concepiti appositamente per migliorare l’efficienza e la comodità del lavoro. A conti fatti, a parte la raccolta, che rappresenta gran parte delle nostre fatiche, il nostro lavoro è molto produttivo ed efficiente. Il lavoro manuale è piacevole, redditizio e definitivamente in armonia con uno stile di vita sano dove, per la maggior parte del tempo, il canto degli uccelli sostituisce il rumore dei motori.

Detto questo, non sto insinuando che la meccanizzazione delle operazioni colturali debba essere vietata. Del resto, le migliori aziende orticole che ho visitato, a eccezione di quella del signor Coleman, erano spesso altamente meccanizzate. Il mio punto di vista è piuttosto il seguente: l’utilizzo di un trattore agricolo e di altri attrezzi meccanici per sarchiare e lavorare il terreno non conduce necessariamente a pratiche orticole più redditizie. La non-meccanizzazione o l’utilizzo di macchinari alternativi, come ad esempio un motocoltivatore professionale, presenta invece diversi vantaggi da prendere in considerazione, soprattutto quando si è all’inizio.

È possibile vivere con meno di un ettaro?

La maggior parte degli esperti nel mondo dell’agricoltura accoglie con evidente scetticismo la possibilità di ricavare profitto da una micro-azienda orticola, o orto professionale, come lo chiamiamo noi. È possibile che proveranno a scoraggiare chi tra di voi desidera avviare un progetto simile al nostro. Non c'è da preoccuparsi troppo, perché le mentalità stanno cambiando man mano che la micro-agricoltura negli Stati Uniti, in Giappone e in altre parti del mondo sta dimostrando l’impressionante potenziale di una produzione artigianale che opera all'interno di canali di distribuzione locali.

Nel Québec, Les Jardins de la Grelinette lo ha dimostrato e molti esperti, inizialmente scettici, ne hanno preso atto. Nel nostro primo anno di attività, l’azienda ha ricavato 20.000$ dalla vendita dei prodotti, con un appezzamento di un quarto di ettaro messo a coltura. L’anno successivo, le nostre vendite sono più che raddoppiate, passando a 55.000$, coltivando sempre la stessa superficie. Al nostro terzo anno di attività, abbiamo investito in nuove attrezzature e ci siamo trasferiti sul terreno che stavamo coltivando, a Saint-Armand. Espandendo l’area messa a coltura fino a tre quarti di ettaro, le nostre vendite hanno raggiunto gli 80.000$, poi 100.000$ nella nostra quarta stagione. A questo punto, la nostra micro-azienda aveva raggiunto un livello di produzione e un successo economico che la maggior parte degli esperti in agricoltura credevano impossibile. Quando abbiamo reso pubblico il nostro volume di affari, nell’ambito di un concorso per aziende agricole, la nostra impresa ha ricevuto un riconoscimento importante per le sue eccellenti performances economiche.

Da più di dieci anni, la mia compagna ed io non abbiamo altra entrata al di fuori di quella generata dal nostro orto professionale di meno di un ettaro. Conosco anche molti altri piccoli produttori che riescono a ricavare un buon guadagno dalla loro piccola attività di coltivazione intensiva. Questo modello è redditizio, è comprovato. Inoltre, è anche lecito pensare di poterne ricavare un reddito piuttosto elevato. Un orto professionale avviato, dotato di un piano di produzione ben sviluppato e con buoni canali di vendita, può generare ogni anno tra i 60.000$ e i 120.000$ di vendite con meno di un ettaro coltivato a ortaggi misti e un margine di profitto superiore al 40%. Un ricavo netto che si può tranquillamente paragonare a molti altri settori agricoli.

Guadagnarsi da vivere, ma soprattutto vivere bene

L’idea che la maggior parte della gente si è fatta riguardo al nostro mestiere è che siamo persone invasate, che lavorano sette giorni su sette, senza sosta, per guadagnare a mala pena ciò che gli basta per sopravvivere. Un’idea che è fondata probabilmente sui problemi reali di gran parte degli agricoltori convenzionali, intrappolati nella morsa dell’agricoltura moderna. È vero che il mestiere dell’orticoltore a volte è difficile. Sia con il bello sia con il cattivo tempo, siamo sempre soggetti ai capricci di un clima imprevedibile. Raccolti eccezionali e buone annate non sono mai una garanzia e serve una buona dose di coraggio e di impegno, soprattutto nei primi anni di attività, quando si deve ancora costruire una clientela e le necessarie infrastrutture.

Ciononostante, è un mestiere straordinario, caratterizzato non tanto dalle ore di lavoro o dal salario, quanto piuttosto dalla qualità della vita che offre. In pochi lo possono immaginare, ma, nonostante l’intensità del nostro lavoro, ci resta ancora molto tempo da dedicare ad altre cose. La nostra stagione inizia gradualmente a marzo per terminare a dicembre. Sono in tutto nove mesi di lavoro e tre mesi di vacanza. L’inverno è un momento prezioso per riposare, viaggiare 0 fare qualsiasi altra attività. A tutti quelli che pensano che stiamo facendo un mestiere da fame vorrei rispondere che la nostra attività ci permette di vivere in campagna, di conciliare lavoro e famiglia all’interno di un ambiente naturale e di avere un’occupazione assicurata, diversamente dagli impiegati in una grande società, dove i licenziamenti sono imprevedibili e frequenti. Questo è un vantaggio considerevole.

Dopo aver speso molto tempo alla stesura di questo manuale, posso dire a chiunque sia preoccupato di non avere le capacità fisiche necessarie per questo mestiere che coltivare a tempo pieno è meno «pesante» per il corpo e per la salute che restare seduti davanti allo schermo di un computer per molte ore al giorno. Dicendo questo, spero di rassicurare i lettori. Infatti, non è una questione di età, ma di forza di volontà. Con o senza esperienza in agricoltura, chiunque, se è serio e motivato, può imparare questo mestiere tradizionale, che è alla portata di tutti. Si tratta semplicemente di mettere in gioco il proprio tempo e il proprio entusiasmo.

Da quando la nostra azienda accoglie tirocinanti che vogliono avviare una loro attività agricola, ho avuto modo di osservare che la maggior parte di quelli che aspirano a questo mestiere sembrano essere spinti da una ragione ben precisa. Se, da un lato, tutti vogliono essere padroni di sé stessi e stare all’aria aperta il più possibile, alcuni di loro sono attratti dall’idea di dare un senso al proprio lavoro. Capisco il motivo di questa scelta, perché fare il contadino di famiglia è un mestiere molto gratificante. Le nostre fatiche nell’orto sono regolarmente ricompensate da tutte quelle famiglie che mangiano i nostri ortaggi e ci ringraziano personalmente ogni settimana. Per tutti quelli che desiderano vivere diversamente e cercano uno stile di vita alternativo, credo sia importante precisare che non solo è possibile guadagnarsi da vivere con questa attività, ma anche vivere bene.

Coltivare Bio con Successo

Il primo manuale di orticoltura bio-intensiva per piccole aziende

Jean-Martin Fortier

Una guida pratica per coltivare su piccola scala, con successo e nel rispetto dell’ambiente, oltre 25 tipi di ortaggi. Già pubblicato in Canada, Francia, Inghilterra, Stati Uniti e Germania, il libro è stato finora scelto...

€ 18,00

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Jean-Martin Fortier

Dopo gli studi sullo sviluppo sostenibile, Jean-Martin Fortier e la sua compagna Maude-Hélène Desroches hanno fondato Les Jardins de la Grelinette a Saint-Armand (Canada). La loro piccola fattoria, spesso indicato come modello alternativo in agricoltura, partecipa alla rete CSA...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Ultimo commento su Piccolo è Bello - Estratto da "Coltivare Bio con Successo"

icona

Aldo

dubbi burocratici

Dalle premesse il messaggio sembra molto incoraggiante, e positivo, ( sicuramente compreso' il libro ) per tutti quelli che vogliono cambiare vita, allontanandosi dalle città, e che magari non hanno grandi risorse a livello di terra. Ma la domanda e' se l' azienda dell' autore risulta essere azienda agricola o vende i prodotti sotto un altra forma o regime. In Italia con meno di un ettaro non ci si può' registrare come imprenditore agricolo... E' importante rendere applicabile il metodo in Italia, forse in Quebec le cose funzionano diversamente.

Recensione utile? (0 )

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. — Nimaia e Tecnichemiste