+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Parola d'ordine: armarsi di pazienza!

di Serena Milano 25 giorni fa


Parola d'ordine: armarsi di pazienza!

Leggi un estratto dal libro "Manuale di Sopravvivenza alla Gravidanza" di Serena Milano

Carissime amiche e amici che vi state accingendo a leggere questo piccolo manuale, sappiate che qui non troverete consigli clinici, consigli morali e soprattutto non ho niente in mano per suggerirvi come essere bravi genitori o genitrici.

Stai leggendo un estratto da questo libro:

Manuale di Sopravvivenza alla Gravidanza

Serena Milano

Una panoramica a 360° su tutte le meraviglie che la maternità riserva. Con un linguaggio lieve, ridanciano e volutamente sarcastico si raccontano i primi quattro trimestri di maternità. L’evento più naturale del mondo su cui sembra che ogni...

€ 10,00 € 8,50 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Indice dei contenuti:

L'equipaggiamento

Che il vostro bimbo o bimba sia stato cercato, sia capitato o nemmeno sia ancora in programma, voglio solo che voi sappiate e possiate prevenire tutte le insidie di quei lunghi ed intensi mesi di maternità. E credetemi che sono tantissime!

Ho scoperto sulla mia pelle come, all’annuncio della gravidanza, tutti, ma proprio tutti, sappiano qualsiasi cosa inerente alla situazione che vi trovate a vivere. Probabilmente vi porrete domande su come avete fatto a sopravvivere in quel pozzo di ignoranza in cui vi trovate senza nemmeno averne coscienza.

L’elenco è cosi lungo che mi sono più volte chiesta se fosse il caso di spendere i soldi dal medico quando bastava fermare un passante per strada per avere le risposte a tutte le mie domande.

Quindi prima di iniziare prepariamo lo zaino con l’occorrente per affrontare questi mesi di gestazione.

Materiale occorrente

  1. Depositare senza indugio in un cestino tutte le immagini edulcorate, rosee e profumate di borotalco sulla maternità. Controllate bene che nelle vostre sinapsi non ne resti nemmeno una traccia. Siete persone che camperanno molto più a lungo dei personaggi delle pubblicità e soprattutto non avete la colonna sonora nella vita reale.
  2. Armatevi di pazienza. Tanta, tutta quella che avete. Rubatela anche all’animale domestico o alla dolce nonnina, ma fate in modo di averne in abbondante quantità. Anche se vi sembra troppa resistete alla tentazione di lasciarne un po’ a casa, vi servirà.
  3. Passate almeno 45 minuti davanti allo specchio ed imparate a padroneggiare un sorriso più falso di quello di Giuda. Se non vi convince, riprovate. Questo elemento sarà vitale per la vostra ed altrui sopravvivenza (talvolta più per quella altrui).
  4. Acquistate un vocabolario, leggetelo e studiatelo bene concentrandovi maggiormente su parole non utilizzate comunemente. Dovrete ampliare a dismisura il numero di vocaboli in vostro possesso perché sarà per voi essenziale disporre di un numero di parole sufficiente che vi permetta di insultare le persone senza che se ne accorgano. Ricordate anche che non tutti capiscono il sarcasmo, quindi più sarete aulici e sarcastici e meno penseranno di essere presi in giro.
  5. Scorta di acqua. Probabilmente dovrete ripetere le stesse frasi con una frequenza tale che vi servirà aiuto per mantenere la vostra idratazione.
  6. Togliete le scarpe con i tacchi, rischiereste di non riuscire a resistere alla tentazione di lanciarli in testa a qualcuno. Stesso discorso per ciabatte e sandali. Le migliori sono le scarpe stringate!
  7. Rispolverate le lezioni di recitazione che avete preso in gioventù, in alternativa ricordate la disinvoltura con cui mentivate nei dorati anni adolescenziali. Vi dicevano che mentire era sbagliato invece si rivelerà una competenza acquisita che vi risulterà utilissima. In realtà vi stavate inconsapevolmente allenando per questo momento della vostra vita.
  8. Allenate il cranio ad un ripetuto movimento dall’alto verso il basso. Vi servirà per dire sempre di sì e fare comunque a modo vostro.

Dovremmo avere tutto ed essere pronti per affrontare la GRAVIDANZA!!!!

Il concepimento

Si dice che nella maggior parte dei casi siano i bambini a decidere quando arrivare e mai cosa fu più vera.

Vi basta chiacchierare con le vostre amiche o conoscenti per scoprire una vastità di situazioni a cui non avevate nemmeno pensato.

Ci sono quelli determinatissimi che arrivano nonostante la spirale (scritto così con LA articolo determinativo singolare, femminile e SPIRALE nome comune di cosa, singolare, femminile. L’aspirale è sbagliato nonostante lo scrivano sui gruppi e sui social!), la pillola, l’anello ed il cerotto anticoncezionale.

Questi troveranno il modo di arrivare sempre e comunque, vi hanno scelti. Fatevene una ragione!

Poi ci sono i timidini che arrivano su invito, ci provate un po’ di volte. Magari all’inizio avete qualche dubbio voi o magari ce l’hanno loro, però dopo un numero accettabile di tentativi si impiantano nell’utero e prendono forma.

Ci sono anche quelli che fanno i preziosi e vanno a lungo ricercati con tecniche laboriose e dispendiose, magari arrivano o magari no.

In ultimo ci sono quelli che vi arrivano già fatti, quelli nascono direttamente dal cuore.

"Ma sei già incinta?"

In qualsiasi modo decidiate o vogliate concepire ricordatevi di mantenere un basso profilo.

Prendete coscienza del fatto che, nel malaugurato caso in cui vi foste lasciati sfuggire di aver intenzione di fare un bimbo, sarete mitragliati da occhiatine indagatorie che scruteranno il vostro ventre in attesa di scorgere anche il più piccolo segnale di gravidanza.

Non importa se nel vostro corpo ci abitate voi e se quella pancina è dovuta al fatto che vi siete appena mangiate una pizza e bevute una bibita gasata o se non fate la cacca da un paio di giorni, l’occhietto curioso vi guarderà sogghignando.

Il vostro seno aumenta grazie all’ultimo fantastico push up pagato un occhio della testa ed in grado di regalarvi una taglia? L’occhietto inquisitore lo vedrà!

Avete speso un patrimonio per la pulizia del viso che vi dona lucentezza alla pelle? L’occhietto inquisitore sospetterà!

I vostri capelli sono più forti perché li state trattando da una vita con dei prodotti ottimi? L’occhietto inquisitore vedrà una bella gravidanza!

I più diplomatici invece utilizzeranno il telefono o Whatsapp per chiedervi direttamente “Sei incinta?”.

Se entro pochissimo tempo non darete notizia o speranza della non immacolata concezione non tarderanno ad arrivare consigli su come e quando farlo, in che posizione e su come fare per non sprecare nemmeno una goccia del magico seme.

I più sospettosi vi arriveranno di soppiatto nelle orecchie a suggerire chi tra voi ed il vostro partner sia il responsabile del mancato concepimento.

I più arditi vi racconteranno senza censurare nemmeno un dettaglio come hanno fatto loro special-mente se voi non l’avete chiesto!

Magari voi siete già incinta e non l’avete ancora detto! Io ho fatto così!

I più scaltri vi sottoporranno a test organolettici offrendo cibi o bevande che le puerpere tendenzialmente evitano.

Il test ultimo è offrirvi una sigarettina. Se fumavate e avete smesso (anche per motivi personali) daranno la vostra gravidanza per certa, se invece ancora fumate perché non siete incinte, daranno la vostra gravidanza per certa, ma sarete già delle madri irresponsabili.

A questo punto però vi chiedo un giuramento, una promessa da mantenere per poter proseguire con la lettura del libro.

Se il vostro lui vi porta a cena in un posto fighissimo e vi offre in ginocchio una scatoletta con i test di ovulazione con la scritta “Facciamo un bambino?”

Il come nella nota pubblicità, promettetemi che glielo tirate dietro e andate a cercarvi uno che dopo una cena in un posto fighissimo vi porta a casa e vi strapazza appena oltrepassate la soglia! Secondo me la seconda soluzione aiuta molto il concepimento!

Non ho nulla contro gli stick di ovulazione, ma che entusiasmo può offrirvi uno che si inginocchia e invece del brillantone con la proposta o due biglietti aerei per una vacanza da sogno, tira fuori un bastoncino su cui voi dovete fare pipì?

Meditate!

Manuale di Sopravvivenza alla Gravidanza

Serena Milano

Una panoramica a 360° su tutte le meraviglie che la maternità riserva. Con un linguaggio lieve, ridanciano e volutamente sarcastico si raccontano i primi quattro trimestri di maternità. L’evento più naturale del mondo su cui sembra che ogni...

€ 10,00 € 8,50 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Serena Milano

Serena Milano nasce nel 1985. Passa la sua infanzia e l'adolescenza studiando e affrontando le esperienze traumatiche della sua vita sottomettendosi agli eventi senza mai far sentire la sua voce. Poi la malattia cambia il suo modo di ascoltare la vita. La sua voce si fa udire. Urla la sua voglia...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Parola d'ordine: armarsi di pazienza!

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.