+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-18, Sab 08-12

Omega 3 ed alimentazione a base vegetale

di Francesca Più 1 anno fa


Omega 3 ed alimentazione a base vegetale

Gli omega-3 fanno parte degli acidi grassi polinsaturi essenziali, indispensabili per la salute cardiovascolare del nostro corpo e dei tessuti; in aggiunta, sono anche degli ottimi antinfiammatori.

Il nostro organismo ha la capacità di produrre tutti gli acidi grassi necessari a eccezione dell’acido alfa-linoleico (ALA), precursore dell’omega-3, e dell’acido linolenico (LA), precursore dell’omega-6, che hanno bisogno di essere integrati con l’alimentazione.

Con l’alimentazione integriamo l’acido grasso sotto forma di precursore ovvero di acido alfa-linolenico (ALA) che poi, tramite processi interni del nostro organismo, diviene forma matura come, ad esempio, l’omega-3.

È importante che il rapporto tra omega-3 e omega-6 sia equilibrato, perché un eccesso di omega-6 può ostacolare la trasformazione degli omega-3 dalla forma precursore alla forma matura: dunque, dato che nell’alimentazione odierna non c’è rischio di carenza di omega-6, perché presente in quantità addirittura eccessiva, rivolgiamo l’analisi con un occhio di riguardo verso l’acido alfa-linolenico24 .

Una tra le funzioni principali dell’omega-3 è quella di ridurre l’aggressività del colesterolo LDL (Low Density Liproproteins), cioè il colesterolo cattivo: il suo eccesso è causa di ostruzione arteriosa. Al contrario, il colesterolo HDL (High Density Lipoproteins), il colesterolo buono, rimuove il colesterolo in eccesso fino a smaltirlo tramite la bile.

In questo articolo parliamo di

Indice dei contenuti:

Gli omega-3 si trovano solo nei pesci?

Questo acido grasso è presente nei pesci, ma non in quelli che provengono da un allevamento standard.

Difatti, solo i pesci che vivono in mare aperto hanno la possibilità di procacciare la loro fonte primaria di omega-3: il plancton, cioè un complesso di organismi acquatici che, a sua volta, si ciba di alghe ricche di omega-3; inoltre, l’approvvigionamento può avvenire direttamente dalle alghe delle quali si nutrono o da piccoli pesci che si cibano, a loro volta, di plancton o alghe.

Negli allevamenti ittici, la situazione non è differente dagli altri allevamenti intensivi: oltre a provocare un massiccio inquinamento e la decimazione della fauna e flora marina, la piaga principale è rappresentata dalla quantità di sostanze chimiche che si trovano dentro i mangimi, come la diossina e gli antibiotici.

Inoltre, se ci si riferisce a pesci pescati in mare aperto o alimentati naturalmente, emergono altri parametri piuttosto difficili da soddisfare:

  • si dovrebbero mangiare subito, poiché nella decomposizione gli omega-3 diventano inutilizzabili e rilasciano radicali liberi;
  • si dovrebbero mangiare crudi, sebbene la carne cruda sia a rischio di infezioni patogene, perché nella cottura gli omega-3 si denaturano;
  • si dovrebbe mangiare esente da inquinanti, contando che nell’organismo dei pesci vi è di norma un concentrato ingente di sostanze tossiche e di metalli pesanti, in particolare il mercurio.

C’è da considerare poi che, se davvero volessimo integrare omega-3 mangiando pesce nei modi riportati precedentemente e rispettando la dose consigliata – circa 3 grammi al giorno per individuo adulto, secondo i rilevamenti della FAO – dovremmo cibarci di 50 grammi di pesce azzurro ogni giorno, avendo un occhio di riguardo per l’ingente quantità di colesterolo e grassi saturi contenuta in esso; il valore di grassi saturi presenti nel pesce si aggira attorno al 15-30%.

Quindi, nella libera scelta e nel rispetto di sé, si potrebbe optare di lasciare vivere i pesci, sia per l’equilibrio del pianeta sia per il nostro benessere.

Dove posso trovare gli omega 3 in una alimentazione plant-based?

I cibi vegetali sono ottimali per integrare questo acido grasso essenziale e rappresentano un’alternativa al consumo di pesce. Si trovano quantità copiose di omega-3:

  • nei semi oleosi (semi di lino macinati, semi di chia, semi di zucca, semi di canapa);
  • nelle alghe (soprattutto la varietà klamath);
  • nella frutta a guscio (noci e mandorle);
  • nell’avocado;
  • in alcuni tipi di vegetali a foglia verde scuro, come le erbe aromatiche, il cavolo nero e la portulaca.

Basta una piccola dose quotidiana di questi alimenti e un’alimentazione il più possibile vegetale e integrale per riuscire ad assumere la quantità di omega-3 ideale per il nostro benessere!

Quanti omega3 dobbiamo assumere giornalmente?

Si consigliano 2 porzioni al giorno di alimenti concentrati in omega 3, dove ogni porzione ne assicura circa 2,5 grammi.

Citando la Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana, una porzione equivale a:

  • 5 ml (1 cucchiaino, circa 5 g) di olio di semi di lino;
  • 15 ml (3 cucchiaini, circa 10 g) di semi di lino macinati;
  • 30 g di noci (circa 6 noci);
  • 15 g di semi di chia macinati.

Esistono integratori di omega 3 a base vegetale?

In commercio esistono molti integratori di omega 3 che derivano da vegetali.

Quello che consiglio di più è l’ottimo olio di semi di lino spremuto a freddo (bisogna conservarlo in frigorifero cosicché gli acidi grassi non si alterino ed irrancidiscano, suggerimento che allargo per qualsiasi seme o frutta secca sgusciata).

In alternativa ci sono integratori in capsule o in gocce a base di alghe ed olio algale (ottenuto dalle microalghe).


Desidero ricevere Novità, Offerte, Sconti e Punti. Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito un premio di 50 punti.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Non ci sono ancora commenti su Omega 3 ed alimentazione a base vegetale

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.