+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-18, Sab 08-12

Nutrizione integrativa

di Paul Pitchford 11 mesi fa


Nutrizione integrativa

Leggi un estratto dal libro "Il Cibo della Salute" di Paul Pitchford

Molte persone riconoscono il valore degli alimenti non raffinati, biologici e non geneticamente modificati per una varietà di ragioni politiche e inerenti alla salute, eppure raramente li acquistano, anche quando l’evidenza della loro qualità e i loro benefici è palese.

Le stesse persone danno magari grande importanza a ciò che possiedono: pretendono i migliori lubrificanti per le loro auto e comprano mobili costosi per la casa, ma consumano gli alimenti più economici e di peggiore qualità.

Nell’epoca contemporanea alcuni di noi danno più valore ai beni che possiedono che al loro corpo o alla loro vita.

Stai leggendo un estratto da questo libro:

Il Cibo della Salute

Terapia alimentare secondo le tradizioni orientali e la nutrizione moderna

Paul Pitchford

Il cibo della salute combina le antiche tradizioni della medicina asiatica con le attuali ricerche occidentali su salute e nutrizione, al fine di creare la guida più dettagliata presente sul mercato in termini di pianificazione e preparazione di una...

€ 58,00 € 55,10 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Indice dei contenuti:

Rompere la barriera concettuale

Osservato da un punto di vista puramente meccanicistico, il corpo umano, come la maggior parte di noi sa, è magnifico, e non può esservi paragonato nulla di simile. Se avessimo un po’ di senno ci prenderemmo più cura del corpo e meno cura degli oggetti materiali.

Ci si potrebbe dunque chiedere: perché ci trascuriamo così e invece ci concentriamo tanto sui beni materiali?

In primo luogo, abbiamo poca consapevolezza delle nostre vite.

Secondariamente siamo pieni di condizionamenti culturali e colleghiamo la nostra felicità a quanto possediamo, con la conseguenza che manchiamo di rispetto al nostro organismo e di compassione verso gli altri esseri.

In terzo luogo, non siamo totalmente presenti e consapevoli del nostro corpo, viviamo per lo più una presenza “di testa”, concettuale, che ci porta ad analizzare la realtà piuttosto che a essere aperti e guidati dall’intelligenza che tutto governa.

Per illustrare questo pensiero suggerisco il seguente esercizio, poiché una consapevolezza sensibile può rendere possibile il tipo di trasformazione dietetica suggerita in questo libro.

Un esercizio corporeo

  • A cosa stai pensando adesso?
  • Da che parte del tuo corpo viene quel pensiero?
  • Quando emerge un nuovo pensiero, fai caso a come si è formato.

Spesso pensiamo di avere il controllo, di sapere tanto, ma ci sbagliamo.

La seconda parte di questo esercizio contiene domande che ci aiutano a valutare il nostro livello di consapevolezza.

  • Considera il processo di alzare una mano, come per rispondere a una domanda. Stai controllando consapevolmente il tuo braccio, i suoi nervi, muscoli, legamenti e tendini?
  • Come viene trasmessa al tuo braccio l’informazione di sollevarsi?
  • Come vengono controllati i tuoi movimenti inconsci? Ad esempio l’atto del mangiare (miliardi delle nostre cellule sono coinvolte in ogni azione che compiamo).
  • E, cosa più importante, sperimenti la presenza di una guida intelligente, o dharma, in questi processi corporei? Secondo le tradizioni orientali, l’energia del qi che muove la realtà è guidata dallo spirito, l’intelligenza suprema.

Come possiamo vedere, la maggior parte di noi è totalmente inconsapevole dei meravigliosi processi coinvolti nelle nostre azioni. Ciò di cui in effetti facciamo esperienza è il più sottile filamento o il più microscopico frammento di realtà. Andiamo in giro con un senso di distacco, trasudando esperienza, come a dire: “Capisco un sacco di cose, mostrami qualcosa di nuovo”. Tendiamo a perdere la nostra innocenza e il nostro senso di meraviglia; tendiamo a vivere seguendo concetti rigidi, piuttosto che attraverso l’esperienza diretta, momento per momento, in continua trasformazione, come vivono i bambini.

Come possiamo tornare all’origine e alla fonte della realtà — a quel luogo di luce e rinnovamento senza fine? Molti insegnamenti forniscono risposte senza fine. Esploriamo ora un insieme di priorità della tradizione che possono far fluire il processo in modo più efficace.

Consapevolezza emozionale

E stato Albert Einstein a suggerire che non si può risolvere con facilità un problema difficile rimanendo allo stesso livello del problema. Riguardo ai dilemmi emozionali, misurarsi direttamente con questi, può essere l’approccio meno efficace per raggiungere una risoluzione.

Si può assistere a sensazionali guarigioni nella sfera emozionale cambiando prospettiva e osservando la situazione con uno stato di coscienza differente, e dicendo a se stessi, ad esempio: “Adesso sono arrabbiato (o preoccupato, o qualunque altra emozione), ma è semplicemente come una brezza calda che mi attraversa”. Diventando consapevoli acquisiamo la capacità di scioglierli. Possiamo provare ancora quelle emozioni, ma siamo liberi di osservarle e perfino, con una concentrazione rilassata, di giocare con esse, spingendo dolcemente il nostro blocco a trasformarsi e guarire. Nel paragrafo sulla genetica visto in precedenza abbiamo riportato l’esempio di un’antica pratica taoista di consapevolezza (respirare nel dantien inferiore) che può rinnovare profondamente.

Perché si attui questa consapevolezza, fino al punto di liberarci dalle emozioni bloccate, può essere necessaria un po’ di preparazione utile a placare la mente: la mente focalizzata e autoriflessiva è calma, osserva con penetrante saggezza e chiarezza ciò che stiamo facendo in questo momento.

Un bravo terapeuta può accompagnarci nel raggiungere questa condizione; esistono anche percorsi tradizionali che permettono di raggiungere questo livello mentale attraverso diverse discipline, le più comuni delle quali sono le meditazioni, la preghiera contemplativa, le pratiche di yoga e le visualizzazioni, nonché l’uso di un mantra (ripetere consapevolmente parole o suoni con un determinato valore). Fu l’antico saggio cinese Lao Tzu, 2500 anni fa, a incoraggiarci con questi versi a scoprire la liberazione:

Puoi persuadere la tua mente a star lontana dal suo girovagare e tenerla aderente alla sua unità originaria? Puoi lasciare che il tuo corpo diventi flessibile come quello di un bambino appena nato? Puoi purificare la tua visione interiore fino a non vedere nient’altro che la luce?

Risolvere il tumulto emozionale con rimedi dall’alto e dal basso

Tumulto emozionale: abitudini limitanti ed emozioni bloccate, depressione, ansia, panico, paura, preoccupazione, dolore, insicurezza, rabbia, risentimenti, attaccamenti alle persone che generano dipendenza (cibo, droghe, alcol), ecc.

DAL BASSO - Pratiche di consapevolezza che calmano la mente: contemplazione silenziosa, meditazione, auto-riflessione, ecc.

DALL'ALTO - Guarigione biologica: con l’esercizio, lo yoga, il qi gong, il tai chi, gli alimenti integrali, i rimedi erboristici, l’agopuntura, ecc.

Le tre priorità nella guarigione

In molte tradizioni orientali antiche, la priorità nelle arti terapeutiche è la consapevolezza, un rilassato focalizzarsi della mente, capace di vedere l’uno nel tutto. A guidare il processo terapeutico contro la malattia non può che esservi uno spirito forte, che ci faccia comprendere appieno la natura dei nostri problemi e ci dia l’intuito e la forza necessari per superarli.

Il livello ideale di consapevolezza lo abbiamo durante pratiche di concentrazione simili a quelle menzionate sopra, ma qualunque esercizio di rilassamento o di focalizzazione in cui usiamo l’attenzione, come il contatto con la natura, l’arte o l’esercizio musicale può dare pace alla nostra mente. Queste attività dovrebbero essere incoraggiate, soprattutto quando approcci più rigorosi non sono adatti o non vengono accettati.

Oltre alla consapevolezza, abbiamo come priorità nella guarigione l'esercizio, che nello schema presente alla pagina precedente rientra nella terza categoria “Guarigione biologica”. Alcune attività si fondono con le pratiche di consapevolezza, come nel tai chi, in vari sistemi di yoga e nel qi gong. Altre sono altrettanto importanti come il lavoro manuale, fare le faccende di casa (magari aiutando anziani o malati) e l’esercizio fisico moderato.

Secondo le arti terapeutiche dell’Estremo Oriente, l’esercizio costruisce il fuoco digestivo, ed è perciò necessario per ricevere un buon nutrimento dal cibo che ingeriamo. Senza attività a sufficienza può essere difficile migliorare la propria salute, a prescindere dalla qualità del cibo che consumiamo.

La medicina tradizionale cinese indica lo stretching come fonte di equilibrio per il sistema fegato-cistifellea che, secondo ricerche condotte nel campo della salute mentale, è il centro di produzione degli agenti biochimici che influenzano umori ed emozioni. A supporto di ciò, studi recenti ci informano che una moderata quantità di esercizio rende molto meno probabili la depressione e il cattivo umore.

Dopo consapevolezza ed esercizio troviamo l'alimentazione, un’altra formidabile terapia. Del cibo di qualità, quando digerito completamente, giova alla biochimica del nostro organismo, specialmente a quella del nostro cervello.

Una buona alimentazione promuove il benessere della mente e migliora il nostro modo di pensare e di sentire. E se la nostra mente è sgombra e auto-riflessiva (consapevole), ci aiuterà a scegliere il cibo, l’attività e tutti gli altri modelli di vita ideali per noi. Dal punto di vista della teoria terapeutica dell’Estremo Oriente abbiamo appena completato un ciclo yin/yang, terra/cielo: la mente (cielo) aiuta a controllare le scelte concrete, biologiche, laddove il cibo e l’esercizio che scegliamo possono sostenere una consapevolezza superiore. Tra questi due poli estremi si trovano le emozioni.

Le persone che apportano miglioramenti sia nella consapevolezza personale, sia nell’alimentazione, e che sono adeguatamente attive, armonizzano le proprie emozioni nel modo più efficace.

Emozioni in armonia

Quando le emozioni sono equilibrate, proviamo naturalmente rispetto per noi stessi e riconosciamo che fare scelte di qualità in ambito alimentare rappresenta quanto di più desiderabile per il nostro benessere.

Gli alimenti di scarsa qualità non sono più interessanti: scegliamo di non inquinare il nostro corpo e degradare la nostra mente assumendoli.

Il rapporto tra cibo e consapevolezza è un fattore cruciale per sentirsi completi e avere un equilibrio emozionale. Una maggior consapevolezza spezza l’attaccamento-collegamento emotivo al cibo. Le cose semplici spesso sono le più difficili da vedere; forse pensiamo che i nostri blocchi emozionali necessitino di una cura complessa, eppure, seguendo pratiche che calmano la mente e illuminano lo spirito, rimanendo attivi e scegliendo alimenti di qualità, guideremo il treno delle emozioni fino all’armonia!

Uno degli scopi di questo testo consiste nel promuovere la pace nel mondo in un modo unico ed estremamente pratico: incoraggiando la guarigione dei nostri desideri e delle nostre emozioni con pratiche di consapevolezza e scelte di miglior qualità, anche per ciò che riguarda la scelta del cibo.

Il Cibo della Salute

Terapia alimentare secondo le tradizioni orientali e la nutrizione moderna

Paul Pitchford

Il cibo della salute combina le antiche tradizioni della medicina asiatica con le attuali ricerche occidentali su salute e nutrizione, al fine di creare la guida più dettagliata presente sul mercato in termini di pianificazione e preparazione di una...

€ 58,00 € 55,10 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Desidero ricevere Novità, Offerte, Sconti e Punti. Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito un premio di 50 punti.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Paul Pitchford

Paul Pitchford

Paul Pitchford dopo una breve esperienza come ingegnere aerospaziale, consegue un master in medicina tradizionale cinese. È ricercatore e docente in terapie nutrizionali orientali e scienza alimentare. Grazie alla sua pluridecennale esperienza è creatore di una nuova visione di...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Nutrizione integrativa

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.