+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-18, Sab 08-12

Lavorare con le persone di cui non ci fidiamo, che non ci piacciono o con cui siamo in disaccordo

di Adam Kahane 1 anno fa


Lavorare con le persone di cui non ci fidiamo, che non ci piacciono o con cui siamo in disaccordo

Leggi un estratto dal libro "Usa il tuo nemico" di Adam Kahane

Se state lavorando per rendere il mondo un posto migliore, poche esperienze risultano più appaganti e utili di quelle che ribaltano le vostre convinzioni.

Cambiare parere è l'essenza della trasformazione. E' alla base del rinnovamento della fiducia. E' il nocciolo di una grande leadership.

La maggior parte delle volte il cambiamento si verifica lentamente, forse a causa dell'educazione che abbiamo ricevuto o perché cerchiamo di trovare un senso a esperienze che ci hanno turbato, di solito senza che ne fossimo consapevoli.

Di tanto in tanto, tuttavia, siamo fortunati: a cambiare il nostro modo di pensare è la semplice lettura di un libro. Un libro come Usa il tuo nemico: come lavorare con le persone di cui non ci fidiamo, che non ci piacciono o con cui siamo in disaccordo di Adam Kahane.

Stai leggendo un estratto da

Usa il tuo Nemico

Come lavorare con le persone di cui non ci fidiamo, che non ci piacciono o con cui siamo in disaccordo

Adam Kahane

La soluzione pratica a una delle sfide che tutti incontriamo nelle nostre vite: raggiungere i nostri obiettivi anche con l'aiuto del "nemico". Tutti lo abbiamo sperimentato: per raggiungere i nostri obiettivi ci dobbiamo spesso confrontare con...

€ 15,00 € 14,25 -5%

Disponibilità: 10 giorni

Vai alla scheda

Questo testo in effetti è un commento al titolo: un titolo che mi chiede di collaborare con persone con cui non concordo. Non è così difficile. Ma poi si alza la posta, e mi viene chiesto di collaborare con persone che non mi piacciono. Anche questo è fattibile, se non addirittura comune nella maggior parte degli ambienti lavorativi. L'ultima richiesta, però, è più tosta: collaborare con persone di cui non mi fido. Persone che considero perfino nemici. Il libro promette di rendere tutto questo possibile.

Si tratta di una promessa particolarmente rilevante alla luce di quanto sta accadendo nel mondo.

Viviamo in un'epoca complicata, un'era di divisioni ed estremismi, nella quale reagiamo andando costantemente in cerca di spiriti affini.

I modi per incontrare persone simili a noi crescono di continuo: siamo attirati da chi ha gli stessi interessi, gli stessi gusti, lo stesso orientamento politico. Ogni volta che compro qualcosa on line, mi vengono mostrati gli acquisti di altre persone come me. E funziona.

All'interno di una società sempre più di massa, le città si stanno di nuovo segregando in quartieri composti da gente come noi. Come nazioni, votiamo politici che vogliono impedire l'ingresso agli stranieri e rivendichiamo il nostro Paese come se qualcuno ce l'avesse sottratto.

Viviamo in un'epoca di alienazione e isolamento crescenti. Stiamo perdendo la fiducia nel fatto che istituzioni e governi agiscano nel nostro interesse. La maggior parte delle elezioni sono varianti di un voto "contro". Aumentano le divisioni economiche, quelle ideologiche, le dispute piuttosto che i valori.

Ecco perché il libro di Adam è importante. Offre un modo di pensare e agire in grado di dar vita a un futuro che sembra impossibile, invitando tutte le parti in causa nella stessa stanza, soprattutto quando non concordano tra loro, non si piacciono e diffidano le une delle altre. E descrive questo modo di essere e lavorare in una maniera che rende accessibile il processo.

Inoltre, a renderlo convincente è il fatto che Adam e i suoi colleghi hanno davvero messo in pratica le loro idee. I loro sforzi hanno cambiato il mondo.

Ecco alcuni degli elementi di Usa il tuo nemico che hanno modificato il mio modo di vedere le cose:

Credevo che cooperare con gli altri fosse la nostra prima scelta. Immaginavo che gli esseri umani fossero sostanzialmente collaborativi, volessero lavorare insieme e che ci fosse solo bisogno di eliminare gli ostacoli che impedivano che ciò si verificasse. Non è così.

In questo libro, la collaborazione viene presentata semplicemente come una tra diverse prime scelte. E' altrettanto probabile che la nostra prima scelta sia imporre il nostro punto di vista agli altri, costringendoli a obbedire quando possibile e facendo tutto ciò che è in nostro potere affinché si faccia a modo nostro. Un'altra prima scelta è adattarsi al mondo. Accettare compromessi, minimizzare le differenze e dire di sì per amore della pace.

Adam spiega come considerare la collaborazione quando la situazione si fa più difficile, quando cercare di mantenere il controllo sugli esiti e imporre agli altri le nostre posizioni non funziona. Oppure quando adattarsi alle difficoltà diventa insostenibile.

La collaborazione raffigurata qui ha l'obiettivo di trovare un nuovo modo di agire quando la situazione è disperata e si concorda solo su un punto: qualcosa deve cambiare. Questo metodo si applica ogni volta che siamo costretti o pronti a tentare qualcosa di davvero nuovo - per noi in quanto individui, oppure come organizzazione o comunità.

Per buona parte della mia carriera mi sono guadagnato da vivere come consulente per varie organizzazioni: aziende, scuole, governi, chiese o associazioni che fossero. Molto del lavoro consisteva nell'aiutare dei gruppi di persone a lavorare meglio: il personale e la direzione, affinché rafforzassero la fiducia reciproca, o i vari reparti di un'azienda perché cooperassero in maniera più efficace.

In tutte queste situazioni si partiva dal presupposto che le persone lavorassero per raggiungere un obiettivo comune.

Dal mio punto di vista, se non avevano il desiderio e l'istinto di lavorare insieme e fidarsi gli uni degli altri, che senso aveva allearsi? Il nocciolo della tesi di Adam è, invece, che il momento di allearsi è proprio quello.

Nella nostra cultura, crediamo che la risposta alla frammentazione e alla polarizzazione sia sviluppare alleanze e strategie che sconfiggano o indeboliscano la parte avversa. Ci battiamo per dimostrare la superiorità della nostra posizione. Se siamo compagnie petrolifere, farmaceutiche o del tabacco, istituiamo dei cosiddetti think tank indipendenti, gruppi di esperti che producano studi che sollevino dubbi sui nostri oppositori.

Quando affrontiamo una sfida complicata e i primi tentativi di ottenere dei risultati si sono conclusi sostanzialmente in un fallimento, investiamo in un cocktail di strategie di marketing, fondiamo dei movimenti e mobilitiamo la volontà politica per produrre il cambiamento desiderato. In ambito pubblico, le strategie più evidenti sono state la guerra alle droghe, alla povertà e al terrorismo. Indiciamo riunioni che elaborano una dichiarazione e ci lasciano con un piano d'azione per punti e un comunicato stampa. La convocazione di un summit ha sempre lo scopo di fare qualcosa di buono per tutti.

In tempi di crisi nel mondo organizzativo e del management, qualsiasi perturbazione si verifichi - un prodotto che vede diminuire le sue quote di mercato o un settore o un'attività che stanno perdendo la legittimità a operare - tendiamo a lavorare sul cambiamento.

Elaboriamo programmi di cambiamento culturale, ne iniziamo altri d'addestramento, stabiliamo nuovi standard, troviamo gente nuova, chiediamo più destrezza e innovazione.

Usa il tuo Nemico

Come lavorare con le persone di cui non ci fidiamo, che non ci piacciono o con cui siamo in disaccordo

Adam Kahane

La soluzione pratica a una delle sfide che tutti incontriamo nelle nostre vite: raggiungere i nostri obiettivi anche con l'aiuto del "nemico". Tutti lo abbiamo sperimentato: per raggiungere i nostri obiettivi ci dobbiamo spesso confrontare con...

€ 15,00 € 14,25 -5%

Disponibilità: 10 giorni

Vai alla scheda


Desidero ricevere Novità, Offerte, Sconti e Punti. Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito un premio di 50 punti.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Adam Kahane

Adam Kahane

Adam Kahane è uno dei massimi esperti al mondo nella gestione dei conflitti. Tra i fondatori di Reos Partners, agenzia di consulenza per aziende, governi, enti e società civile, è stato consulente nel Sudafrica del dopo apartheid, in vari Stati sudamericani colpiti dalla...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Lavorare con le persone di cui non ci fidiamo, che non ci piacciono o con cui siamo in disaccordo

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.