800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

La tua chiamata - Estratto da "Il Cuore Oltre il Velo - Apri i Cancelli del Nuovo Mondo"

di Sara Surti 6 mesi fa


La tua chiamata - Estratto da "Il Cuore Oltre il Velo - Apri i Cancelli del Nuovo Mondo"

Leggi un estratto dal libro di Sara Surti e impara a lasciare andare la sofferenza e i rancori grazie a un nuovo modo di approcciarsi agli altri ed essere felici

Quando decidi che sei stanca di soffrire, ed esprimi la volontà di essere felice, dichiarandola con tutto il tuo cuore, l'Universo si accende. Solitamente accade dopo aver attraversato quella che viene derivi "la notte buia dell'anima": un periodo di difficoltà in cui senti di essere riuscito a sopravvivere allo stremo delle forze.

E quella volontà di essere felice la esprimi sentendoti nudo come un albero in autunno. Hai la percezione sia passato un vento che abbia tentato di sradicarti, che ti abbia letteralmente strappato via qualcosa, credenze, certezze. E ti ritrovi vuoto di fronte alla vita con la forza sufficiente per dire... "Non ce la faccio più. Voglio essere felice".

E mentre lo dichiari, riconosci che non sapresti neanche più che cosa ti farebbe felice. E il punto è questo: come un figlio ti stai mettendo in braccio alla Vita, affidandoti a una Forza di Amore più grande di te, che in quell'istante speri con tutto il cuore, esista davvero.

L'Universo si accende per te. Comincia a inviarti messaggi, attraverso dei post su Facebook, un libro che ti chiama dallo scaffale di una libreria, e che sembra rispondere a tutte le tue domande: sembra parli proprio a te. Un amico ti dice che una sua amica è stata da una persona e che "le ha fatto tanto bene" e quel nome sembra risuonarti dentro come un possibile aiuto. Riscopri possibili percorsi o discipline a te sconosciute fino a quel momento.

Le risposte che hai ricevuto fino a quel momento, in merito al senso della Vita, non ti bastano più: cominci a ricercare. Sembra ti stia risvegliando da una notte di sonno pesante, fuori c'è il Sole e ti sta invitando a godertelo. Ti sta dicendo "sono qui per Te, vieni, esci da quella stanza, vieni a visitare il Mondo con i suoi colori, i suoi profumi, i suoi sapori".

Ti accorgi che puoi decidere tu come vivere la tua vita: un senso di ribellione si fa strada da dentro. Ti chiedi: ma che cosa mi sta succedendo? Ho voglia di Vivere.

Ti accorgi guardandoti intorno che molti sembrano morti senza essersene accorti. E che anche tu eri così. Avresti voglia di "spaccare" il mondo, e ti chiedi "sono impazzita"?

Quello che fino a ieri ti stava bene oggi non ti va "giù"; le persone intorno a te cominciano a notare la tua diversità.

Quasi sicuramente sono abituati a un tuo stato di "assopimento", accondiscendenza, di tristezza radicata, comoda per le aspettative degli altri. Forse non si sono nemmeno accorti di quanto hai sofferto, ma non far loro una colpa, non hanno ancora scelto di udire le loro grida interiori, come potrebbero ascoltare le tue?

Attraversano ancora il passaggio del "camminare con le orecchie tappate e come i bambini fanno "na-na-na-na-na" per non sentire quello che c'è dentro, né ciò che dal di fuori potrebbe rimetterli in contatto con il nodo della matassa che li ha intrecciati in una rete meschina di immobilità e li convince ogni giorno che così deve essere, per essere "brave persone" con i "piedi per terra". E dimenticavo "la testa sulle spalle".

Eh sì, per essere infelici ma giusti, bisogna rispondere a questi tre canoni. Al contrario sei fuori, sia di testa e sia dagli schemi che la società t'impone.

Ognuno di noi ha attraversato questo passaggio di separazione, va compreso celebrato e benedetto.

Nell'Idea della maggioranza c'è ancora questa credenza:

Nasci. Così perché sei venuto. Poi devi essere un bambino ubbidiente. Già da subito eh. Devi essere in linea con tutte le tappe psicomotorie e cognitive perché al contrario già rischi qualche diagnosi dai nomi impronunciabili che cominciano con "affetto da disturbo...".

Poi devi essere bravo a scuola, perché poi dovrai fare l'università. Ti va bene se ti fanno scegliere liberamente lo sport che piace a te. Poi devi trovare un lavoro fisso, ti devi sposare, devi avere dei figli (così se per caso "non ti vengono" ti senti una nullità), ed ecco qua lo schema da seguire.

Tutto già progettato, devi solo eseguire!

Tutto ciò che riguarda la tua Vita, ovvero che accadrà mentre cerchi di adeguarti anche solo inconsciamente a quella che è la "normalità", ti inderà in crisi perché è assolutamente diverso. Magari ti capita che mentre realizzi quelle tappe non ti senti poi così tanto felice a pieno e vai in crisi. Entrerai in una tristezza statica.

A meno che tu non abbia il coraggio di DISUBBIDIRE. Ma a volte prima che questo coraggio venga fuori, devi prima toccare il fondo. Strisciare sentendo la sensazione di morte interiore e scegliere: muoio o vivo? Ed ecco se scegli la seconda avviene la "seconda nascita". Ne parlava anche Gesù. (...)

Nel frattempo è nato un senso d'insicurezza, senso di colpa, e sfiducia nei tuoi riguardi: a te è accaduto qualcosa di diverso rispetto ai canoni. Ti sei lasciato con il fidanzato dopo anni. Ti sei sposata e ti sei separata perché non eri felice. Hai perso il lavoro. Hai cambiato Quattro fidanzati, e ti avranno detto "questa non trova pace", e se i te l'hanno detto l'hanno pensato e te lo fanno pesare. Tantissimo.

Non hai fatto l'università perché studiare non ti riusciva e "va bene lo stesso... però che brava tua cugina hai sentito? Laurea a pieni voti!".

E qui si apre un bivio. Due strade diverse che poi si rincontrano in un unico punto. La strada delle persone che si sentono "falliti": che tentano di fare tutto "bene" però non ci riescono, o perché ascoltano il cuore e proprio non ce la fanno a reggere alcune situazioni, o perché la "sfortuna" (così credono) non gliene fa andare una giusta, e il non riuscire a fare tutto bene significa alterare i piani. Ad esempio, prendere la laurea tre anni più tardi, o cominciare l'università e non finirla perché in realtà non t'interessava davvero quel percorso. Decidere di sposarsi e poi cambiare idea perché non ti senti innamorato.

Separarti perché non sei felice. Eccetera... eccetera... eccetera. Hai ascoltato la voce del cuore ma dentro sei un po' mortificato... credi di aver sbagliato tutto. Invece no!! Sei proprio nella svolta non devi fermarti adesso!

"(...) Non puoi fermarti ora, a metà strada. Non puoi fermarti adesso che tutto è pronto per il Tuo Grande Esordio. La Tua Anima sta per svelarsi in tutte le Sue Potenzialità.

La Farfalla deve volare e il Bozzolo deve schiudersi. È vero ti ha oscurato la Luce, ma in Realtà ti ha anche protetto.

Pensaci. Ti ha custodito. Avevi bisogno di tempo e di preparatone. Non avresti la maturità di oggi. (...)".

Poi c'è la strada dei "perfetti": fanno tutto quello che devono. Obiettivi raggiunti. TUTTI.

Lavoro fisso. Laurea. O diploma a pieni voti. E la laurea "non c'era bisogno perché ho avuto l'indeterminato e per i miei va bene lo stesso". "Mi sono fidanzato, mi sono sposato, ho due figli. Ma dentro mi manca qualcosa, non so cos'è, ho come l'impressione che posso solo aspettare di invecchiare e morire".

Punto d'incontro: infelicità. Motivazione: i primi si reputano sbagliati nonostante la vita li ha aiutati con tutti i suoi sforzi per portarli nella loro personale strada. Hanno ascoltato il loro richiamo ma poi si sono fermati a giudicarsi. I secondi: non si sono ascoltati nemmeno un istante e adesso affogano in un'infelicità e non sanno neanche perché.

Hanno fatto tutto giusto. In modo perfetto! Sorriso, famiglia del mulino bianco. Non si fa l'amore perché tanto dopo qualche anno è normale, ci sono altri modi di essere felici in coppia. Mamma è orgogliosa di me, papà non ne parliamo. Mi chiedessero mai una volta come sto per ascoltare davvero la risposta.

Sto parlando ironicamente ma con rispetto, a tutte le parti di me e te che in questo istante vanno in risonanza con ciò che ho scritto, affinché si specchino e si liberino.

Parlo a chi si sente "fallito". E parlo quindi anche a ogni ex perfetto che è giunto alla conclusione di aver fallito fino al momento che non ha mai ascoltato quello che davvero gli diceva il cuore e non le aspettative altrui.

Tentano di imporci degli obiettivi dettando anche dei tempi, ed è ogni singolo che dà questo potere alla coscienza collettiva.

Ho elencato tappe della vita che la società ci presenta come "dovute" per sentirci realizzati, come ad esempio creare una famiglia, sposarsi, avere un lavoro a tempo indeterminato, essere proprietari di una casa.

Non tolgo il valore e la bellezza che appartiene a ognuna di esse, ma cerco di far comprendere che se non vengono realizzate attraverso un desiderio profondo dell'anima, ma in un automatismo mentale, chi fa perdere valore a ciascuno di esse è la persona stessa che sta compiendo quei passaggi senza esserne pienamente consapevole e libero di scegliere.

Spesso facciamo azioni per non deludere le aspettative familiari, altre volte per un'identificazione con ciò che per gli altri è giusto, senza prima averlo analizzato e approvato dentro di noi.

Senza questa approvazione, senza l'aver riconosciuto la libertà di compiere o meno determinati passaggi, quando si realizzano delle tappe, non si riesce a goderle a pieno; non ci viene naturale coltivarle giorno per giorno con passione. Come ad esempio il matrimonio: lo sì vive come un coronamento e non come un inizio.

Alle volte capita di smettere di seminare e coltivare il rapporto con il nostro partner dopo quella Promessa cominciando a dare per scontati molti aspetti, e piccoli gesti. Non per tutti un lavoro indeterminato, una famiglia, sono obiettivi del cuore. Per altri assolutamente sì.

Faccio questa analisi perché ognuno di noi ha davvero un Disegno unico in tutto il Mondo. Siamo nati cavalli selvaggi e ci hanno fatto credere di essere pecore di un gregge nate per seguire lo stesso ritmo, io stesso padrone, la stessa strada. Non è possibile. Questa Terra che è a livello Cosmico appartenente all'Infinito, propone per sua natura, infinite possibilità.

Nel contesto dove cresciamo le opportunità sembrano già selezionate, già scelte, già imposte. Finché un giorno decidiamo di sentirci LIBERI. E soprattutto ci autorizziamo a DELUDERE le aspettative altrui. Ci sentiamo liberi di fare, liberi di deludere, e liberi di SBAGLIARE.

Proprio nel momento in cui accettiamo che siamo nati anche per sbagliare, cominciamo a intraprendere la Nostra Strada e facciamo il passo Giusto per realizzarci. In quel momento si apre a noi l'orizzonte di infinite possibilità. Per non parlare poi del momento in cui ammettiamo e accogliamo le nostre debolezze: quell'istante segna la resurrezione della nostra Forza Interiore.

L'Amore nel volgere lo sguardo alle nostre parti più fragili ci porta ad abbracciarle e a colmarle di quel calore e quella rassicurazione che non avevano ancora mai ricevuto. La Te Bambina, il Te Bambino, è li seduto da qualche parte dentro di te e ti sta aspettando da tempo.

Aspetta una tua parola, un tuo abbraccio. Un abbraccio per ogni volta che ha avuto paura e non è stato consolato come lui voleva. Aspetta che gli dedichi tempo per ogni volta che non è stato ascoltato. Aspetta di sentire la tua fiducia. Non ha sentito quella comprensione né si è sentito preso sul serio. Solo tu puoi finalmente rassicurarlo e farlo sentire da qui a sempre Protetto e Custodito.

Come ti accennavo prima. Gesù parlava della seconda nascita. Non meno importante della prima. La nascita nello Spirito, che avviene in Vita. Dal Vangelo di Giovanni: "Non ti meravigliare se ti ho detto: Bisogna che nasciate di nuovo. Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il rumore, ma non sai né da dove viene né dove va; così è di chiunque è nato dallo Spirito".

Ti auguro di Rinascere in tutta la tua Bellezza.

Che la tua Essenza possa esprimersi ed essere riconosciuta, ascoltata da te.

Possa tu ricordare il tuo Progetto e la Luce illuminare la Via della tua Realizzazione.

Possa tu prendere Coscienza della Potenza di Amore che Sei. Sii te stesso, sempre.

Senza farti mai condizionare da chi ti vuole diverso. Non permetterlo neanche a chi più ami. La tua Autenticità è Patrimonio Universale.

Ti auguro di giocare in ogni giorno della tua Vita, di esprimere il meglio di te come il più lucente dei raggi del Sole.

La Luce del tuo Cuore splenda in ogni istante come fosse ogni giorno la più bella giornata della tua Vita.

Possa tu riconoscerti il Centro di Amore del tuo Mondo, possa tu sentirti Amato come Figlio e Custodito come un Fiore Unico di questa Terra meravigliosa.

Sia viva in te la Coscienza di quanto l'Umanità possa essere bella: comincia da Te a farla sbocciare in tutto il suo splendore. Profuma il tuo Giardino sprigionando col sorriso il tuo Essere di Amore.

Crea con la Fede (la tua personale, il tuo dialogo con l'universo, con l Divino, dalla Fonte al Cuore e dal Cuore alla Fonte) Radici salde e Cresci, moltiplicati, diffonditi in tutto il tuo splendore Umano Divino. In tutta la Magia di una Creatura Unica in tutto l'Universo: TU. TU. TU. Fratello, sorella mia.

In tutto l'Universo non esiste una storia uguale alla tua. Accoglila in ogni suo passaggio, onorala. Accetta ogni volta che hai dovuto mettere fine a qualcosa, che sia un lavoro, una storia d'amore, un percorso di studi. Accetta ogni volta che la Vita sembra averti imposto la parola Fine.

Nell'Universo, nel suo vocabolario, questa parola non esiste: esistono le parole trasformazione, Evoluzione.

Gli uomini ti hanno insegnato che tutto deve seguire uno schema e che tutto deve essere duraturo ma nell'Universo il Movimento è Vita. In ogni istante ogni cosa si trasforma, anche Tu! L'Uomo a volte li chiama fallimenti. L'Universo li chiama Evoluzioni.

Quindi non fermarti, prosegui e credi nei tuoi sogni. Riconoscili. Realizzali. Realizzati.

Il Cuore Oltre il Velo - Apri i Cancelli del Nuovo Mondo

Sara Surti

Una vibrazione che attraverso le pagine scritte, risveglia e alza il volume alla voce del cuore. "Nella trafila di questi anni, nella lunga carovana al seguito, c'è molto, un po' di tutto, perfino di troppo, un dedalo di...

€ 19,00 € 16,15 -15,00%

Non disponibile

Vai alla scheda


Sara Surti

Sara Surti fin da bambina riscopre una particolare sensibilità che le permette di "vibrare  l'altro " e di accedere ad un sentire profondo quando scrive. È  spinta quindi fin dalla tenera età ad una ricerca interiore e intima su se stessa e sulla dimensione...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su La tua chiamata - Estratto da "Il Cuore Oltre il Velo - Apri i Cancelli del Nuovo Mondo"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste