+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

La Tecnica del Pomodoro

di Francesco Cirillo 7 mesi fa


La Tecnica del Pomodoro

Scopri come diventare più efficiente ed organizzato grazie alla tecnica del pomodoro, il libro di Francesco Cirillo

Indice dei contenuti:

Introduzione

Per molte persone il tempo è un nemico. L'ansia scatenata dall'orologio che ticchetta, in particolare quando c'è una scadenza in vista, conduce ad abitudini di studio e di lavoro inefficaci, che a loro volta generano la tendenza alla procrastinazione.

La Tecnica del Pomodoro è stata ideata con l'obiettivo di usare il tempo e farne un alleato prezioso, che ci aiuti a ottenere i risultati che desideriamo e ci offra gli strumenti per migliorare continuamente il nostro processo di studio o di lavoro.

Questo libro presenta la Tecnica del Pomodoro per com'è stata sviluppata nel 1992 e per come viene insegnata a persone singole dal 1998, e ai gruppi dal 1999.

La sezione «I fondamentali» enuncia il problema del tempo, le finalità della Tecnica del Pomodoro e i suoi assunti di base.

La sezione «Raggiungere gli obiettivi individuali» descrive la Tecnica del Pomodoro e mostra come una singola persona può applicarla per centrare traguardi migliorativi.

La sezione «Raggiungere gli obiettivi di gruppo» spiega come adattare la tecnica all'interno di un team e descrive una serie di pratiche per accrescere la produttività di una squadra di lavoro.

La sezione «I risultati» propone una serie di osservazioni basate sulle esperienze di persone che hanno usato la tecnica e identifica un ceno numero di meccanismi grazie ai quali la tecnica raggiunge i suoi scopi.

Il contesto

A chi non è mai capitato di sentirsi ansioso di fronte a un'attività da completare entro una scadenza? In questi casi, chi non ha provato la tentazione di rimandare, chi non si è ritrovato in ritardo, chi non ha procrastinato? Chi non ha mai provato la spiacevole sensazione di essere schiavo del tempo, di correre da un appuntamento all'altro, di dover rinunciare alle proprie passioni per mancanza di tempo?

«Ricordati che il tempo è un giocatore avido, che vince senza barare, a ogni colpo!» scriveva Charles Baudelaire nella poesia L'orologio. È davvero questa la natura del tempo? Oppure è solo uno dei modi possibili di considerarlo? Più in generale, come mai è così difficile confrontarsi con il tempo? Da dove proviene quest'ansia che tutti proviamo al pensiero che il tempo corre e vola via?

Intellettuali, filosofi e scienziati: chiunque abbia mai tentato di definire il tempo e la sua relazione con gli esseri umani ha sempre dovuto ammettere la sconfitta. È un'indagine condannata inesorabilmente al fallimento. Sono in pochi ad aver offerto prospettive davvero nuove sulla questione.

Sembrano coesistere due aspetti del tempo, profondamente intrecciati tra loro:

  • Il divenire. Un aspetto astratto, dimensionale, che determina l'abitudine di misurare lo scorrere del tempo (secondi, minuti, ore); l'idea di rappresentare il tempo lungo un asse, come facciamo con le dimensioni dello spazio: il concetto di «durata» di un evento (la distanza tra due punti sull'asse temporale); l'idea di essere in ritardo (lo scarto tra due punti sull'asse temporale).
  • La successione degli eventi. Un aspetto concreto dell'ordine temporale. Ci svegliamo, ci laviamo, facciamo colazione, studiamo, pranziamo, schiacciamo un pisolino, ci rilassiamo, ceniamo e andiamo a dormire. I bambini sviluppano questa nozione del tempo prima di maturare l'idea astratta del tempo che passa a prescindere dagli eventi che si succedono.

Tra questi due aspetti, è il divenire che genera ansia. Per sua natura è un concetto sfuggente, indefinito, sconfinato: il tempo passa, vola, scorre verso il futuro.

Se cerchiamo di misurare noi stessi rispetto al trascorrere del tempo ci sentiamo inadeguati, oppressi, tiranneggiati e sconfitti, sempre di più a ogni secondo che passa. Perdiamo il nostro élan vital, lo slancio che ci permette di ottenere risultati: «Sono passate 2 ore e non ho ancora finito. Sono passati 2 giorni e non ho ancora finito». Nei momenti di debolezza, il traguardo del nostro agire si offusca.

La successione degli eventi sembra essere l'aspetto meno ansiogeno del tempo: a volte può addirittura rappresentare il susseguirsi regolare delle attività, un ritmo che induce calma.

Gli obiettivi della Tecnica del Pomodoro

La Tecnica del Pomodoro si prefigge di fornire uno strumento o un processo semplice per incrementare la produttività (la vostra e quella del vostro team).

Può produrre i seguenti risultati:

  • Alleviare l'ansia legata al divenire.
  • Migliorare la concentrazione eliminando le interruzioni.
  • Aumentare la consapevolezza delle proprie decisioni.
  • Stimolare la motivazione e mantenerla costante.
  • Spronare al raggiungimento dei propri obiettivi.
  • Perfezionare il processo della stima in termini qualitativi e quantitativi.
  • Ottimizzare il metodo di lavoro o di studio.
  • Rafforzare la determinazione ad applicarsi con costanza nelle situazioni complesse.

Gli assunti di base

La Tecnica del Pomodoro si basa su tre elementi fondamentali:

  1. Un modo diverso di vedere il tempo che non si focalizza più sul concetto di divenire. Questo cambiamento di prospettiva riduce l'ansia e determina un miglioramento in termini di efficienza personale.
  2. Un uso più efficace delle facoltà mentali che consente di ottenere consapevolezza, lucidità di pensiero e concentrazione, favorendo e facilitando l'apprendimento.
  3. L'impiego di strumenti facili da utilizzare e non invasivi che semplifica l'applicazione della tecnica favorendo la continuità e permette di concentrare gli sforzi sui traguardi da raggiungere. Molte tecniche di gestione del tempo falliscono perché aggiungono un livello ulteriore di complessità alla difficoltà intrinseca del compito da svolgere.

L'ispirazione principale per la Tecnica del Pomodoro proviene dalle seguenti idee: il metodo del Timeboxing, della gestione del tempo: le tecniche cognitive descritte, tra gli altri, da Tony Buzan, legate al funzionamento della mente: e le dinamiche del gioco esposte da Hans-Georg Gadamer. Il tema della strutturazione incrementale degli obiettivi e delle attività è invece trattato da Tom Gilb.

La Tecnica del Pomodoro

Il celebre metodo per gestire al meglio il proprio tempo e diventare efficienti ed organizzati

Francesco Cirillo

Che cos'è la Tecnica del Pomodoro? Si tratta di un modo semplicissimo e per questo rivoluzionario per riuscire ad ottenere il massimo nel lavoro, nello studio e nelle altre attività quotidiane con il poco tempo che si ha a...

€ 14,90 € 12,67 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Francesco Cirillo

Francesco Cirillo è l’ideatore della Tecnica del Pomodoro. Innovatore nei metodi di miglioramento dei processi produttivi, imprenditore, sviluppatore di software, consulente aziendale e coach, Cirillo ha formato migliaia di persone in tutto il mondo. Attualmente insegna alla Scuola...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su La Tecnica del Pomodoro

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.