+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

La pelle sana va oltre la facciata

di Charlotte Cho 4 settimane fa


La pelle sana va oltre la facciata

Leggi un estratto da "Il Piccolo Libro per la Cura della Pelle" di Charlotte Cho e scopri alcuni segreti di bellezza coreani per una pelle sana e splendente!

La K-beauty non è solo dieci step e maschere in tessuto, non si tratta esclusivamente di cosa adoperi, ma è un modo di pensare. Ecco ciò che la mia esperienza mi ha portato a capire dell'estetica coreana e della mentalità che la sottende.

La percezione della cute all'occhio e al tatto è la priorità. Ma in Corea la cultura estetica va al di là dei prodotti, e uomini e donne fanno di tutto per proteggere e nutrire la propria pelle.

Che utilizzino un ombrellino da sole per proteggersi dai raggi uv o che bevano tè antiossidante per prevenire l'invecchiamento precoce — ed è probabile che facciano entrambe le cose - i coreani riconoscono che la cura della pelle è una pratica olistica.

Esistono varie fasi che contribuiscono all'obiettivo di un risultato strepitoso.

Stai leggendo un estratto da

Il Piccolo Libro per la Cura della Pelle

Segreti di bellezza coreani per una pelle sana e splendente

Charlotte Cho

Una ricchissima guida pratica, illustrata, accessibile e divertente per conoscere i segreti della bellezza coreana: un libro sulla K-beauty al passo con i tempi e le novità del momento. Ne Il piccolo libro per la cura della pelle Charlotte Cho,...

€ 17,00 € 14,45 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Indice dei contenuti:

La fedeltà al marchio è sopravvalutata

In Corea è raro che i consumatori restino fedeli a un marchio, il che tiene le aziende cosmetiche sulle spine. Gli acquirenti sono alla costante ricerca della dell'ultima fantastica novità, e l'industria cosmetica deve sviluppare rapidamente nuovi prodotti per soddisfarne le richieste. Questo implica che i ritrovati immessi sul mercato devono anche dare dei risultati, perché se non funzionano nessuno li ricompra.

Inoltre, i prodotti coreani non vengono ritenuti automaticamente superiori alle altre marche: sono moltissime le persone che utilizzano cosmetici di lusso americani, europei e di altre zone.

Ficcate il naso nell'armadietto del bagno o nella trousse di un coreano e probabilmente ci troverete un bel mix di marche nazionali e internazionali assortite.

Pali Pali! L'innovazione è tutto

Può capitare che le aziende coreane immettano sul mercato un prodotto e lo tengano sugli scaffali per sei mesi, sfruttando appieno la rapida evoluzione tecnologica e cercando di essere sempre un passo avanti rispetto ai desideri dei consumatori. Si tratta di scoprire chi sarà il più veloce a far uscire un nuovo prodotto.

Ciò significa che non sono molti gli articoli risalenti all'epoca in cui le nostre nonne erano giovani; l'accento è posto più sulla novità che sul classico, ma questo è uno dei principali motivi per cui la cosmesi coreana è così divertente.

Suppongo che non vorreste indossare gli stessi vestiti per tutta la vita, quindi perché dovreste voler utilizzare sempre la stessa crema idratante?

Carino è molto meglio

Le aziende coreane sanno che il packaging è importante. Qualcuno potrebbe ammonirci di non giudicare un libro dalla copertina, ma è esattamente ciò che faccio in queste pagine: non c'è nulla di male a giudicare un blush dalle orecchie di gatto o un mascara dai disegnini con i dinosauri.

Sto un po' esagerando, perché ovviamente non li utilizzereste se facessero schifo. Ma se sono di buona qualità, perché non dovrebbero essere anche carini?

Quando gli articoli sono graziosi sono più divertenti, e rafforzano l'idea che prendersi cura della propria pelle non sia solo una rogna ma un gesto piacevole. Dalle creme per le mani alle salviettine opacizzanti, i cosmetici si portano ovunque e si usano spesso.

Se si deve guardare una cosa diverse volte al giorno, tanto vale che ci faccia anche sorridere; se ci fa sorridere, siamo più propensi a utilizzarla; e più siamo propensi a utilizzarla, maggiori saranno i risultati. Visto? Fa tutto parte di un piano per donarvi una pelle sana e luminosa!

Prima la pelle, poi il make-up

Invece di tentare di coprire le imperfezioni con trucchi e sieri antimacchia, i coreani tendono a concentrarsi sui prodotti che vanno alla radice del problema e lo trattano prima che insorga. Affidarsi interamente al make-up non è solo fittizio, ma è anche un rimedio temporaneo a un problema duraturo.

Questo modo di pensare è esattamente il motivo per cui lo stile urbano di Seul pullula di donne che sfoggiano sapientemente il look del "trucco-non trucco". Con una perfetta strategia di cura della pelle, e con le loro tele di base ben preparate, possono uscire con un make-up davvero minimale e apparire impeccabili.

La skin care non è solo per i grandi

Da piccoli ci insegnano un'adeguata igiene personale, dallo spazzolarci i denti prima di andare a letto al lavarci le mani dopo aver utilizzato il bagno.

In Corea ai bambini si insegna anche la cura della pelle. Imparano tutto ben prima di doversi preoccupare dell'acne adolescenziale: esfoliazione, idratazione e generosa applicazione della protezione solare.

C'è una bella differenza rispetto all'approccio diffuso perlopiù in Occidente. Prevenire è meglio che curare.

Molti coreani utilizzano la crema coreana solare in largo anticipo rispetto alla comparsa delle macchie dovute all'invecchiamento e si idratano ben prima di doversi preoccupare delle rughe. Gli viene insegnato che, dedicando un po' di tempo e con un po' di sforzo, è possibile preservare la propria cute anziché rimanere ad aspettare il giorno in cui sarà lei a decidere di sabotarli. 

Purtroppo, invece, noi non iniziamo a prenderci cura della nostra pelle se non nel momento in cui vediamo spuntare i brufoli appena prima del ballo di fine anno e, in seguito, ai primi segni d'invecchiamento, quando parte la folle corsa all'acquisto della crema più costosa che ci sia.

Quando si è giovani e sani, è quello il momento in cui è più semplice e vantaggioso mantenere il corpo sano, e lo stesso vale per la pelle. Come si dice: il cane vecchio non si abitua più alla catena, lo stesso principio vale per la cura della pelle. Se iniziate subito con le buone abitudini, queste diventeranno naturali; aspettate di essere più grandi, e vi ritroverete a rivoltarvi al pensiero di iniziare una routine di skin care.

Non è ciò che fai, ma come lo fai

Mentre la maggior parte delle persone applica una crema idratante e si ritiene soddisfatta, le donne coreane usano tra i sei e i dieci prodotti nella loro routine estetica quotidiana. E non si limitano a prendere un prodotto a caso e a spalmarlo in fretta: anche l'ordine d'applicazione è importante!

Dalla consistenza più leggera a quella più pesante, c'è un posto e un momento per ogni strato di prodotto. Ciascun passaggio ha uno scopo ben preciso: preparare, rigenerare, trattare, idratare o proteggere.

È importante anche il modo in cui si applicano i vari cosmetici: dare dei leggeri colpetti per l'essenza, picchiettare il contorno occhi, tamponare il fondotinta cushion e cosi via. Perché spalmare non è sempre l'approccio migliore (lo vedremo meglio più avanti).

Quando si parla di idratazione vai a fondo e fallo spesso

In Corea del Sud l'ambizione estetica è avere una pelle idratata e soda. Diversamente dalle donne occidentali, che puntano a opacizzare l'incarnato, le coreane desiderano essere radiose e splendenti. L'effetto "rugiada" è tutt'altro che grasso, l'aspetto infatti è raggiante, non unto.

Oltre ai prodotti di routine da giorno e da notte, molti sudcoreani utilizzano spray e creme varie per idratarsi a più riprese nel corso della loro giornata e combattono l'aria secca con gli umidificatori — che spesso sono oggetti di design, quasi artistici. Se necessario, poi, per un'idratazione ancora più profonda ricorrono a maschere in tessuto e a trattamenti notturni che sono un vero toccasana per l'epidermide (e per chi li utilizza).

Parliamo di luminosità, non di schiarire

L'obiettivo finale della skin care è avere un aspetto radioso. Molti cosmetici coreani indicano sull'etichetta "schiarente", ma in realtà ciò che si intende è "illuminante". La pelle luminosa sembra accesa dall'interno, e i sudcoreani amano intensificare quest'effetto con un trucco leggero. Insomma, gli illuminanti sono i migliori amici delle ragazze col volto "di rugiada".

La maggior parte dei prodotti schiarenti può essere utilizzata tranquillamente su qualsiasi tonalità di pelle e non contiene un vero e proprio sbiancante. In molti c'è l'arbutina, un estratto naturale di foglie di uva ursina o di gelso, che inibisce la produzione di melanina. Tuttavia, leggere le etichette è sempre una buona abitudine!

La cura della pelle non è solo un lusso

Grazie ai consumatori esigenti e all'ampia domanda, di solito anche i cosmetici coreani più innovativi sono accessibili. Ci sono negozi a ogni angolo, comprese le stazioni della metropolitana, perciò tutti possono permettersi di avere una bella pelle, e senza che sia per forza necessario svuotare il portafoglio.

È possibile trovare ingredienti efficaci e formule all'avanguardia, tutto impacchettato in una confezione lussuosa, e riuscire comunque a pagare l'affìtto.

Non esiste routine adatta a tutti

È raro trovare due persone con le stesse abitudini in fatto di cura della pelle. Nemmeno i prodotti più popolari e degni di nota (di cui si parla in qualunque blog) sono adatti a tutti, e quello che la tua migliore amica ti consiglia caldamente potrebbe non funzionare per te.

Non sentitevi mai indotti a usare alla cieca un prodotto basandovi sulle opinioni altrui, perché ogni pelle è unica e reagisce in maniera differente alle varianti di ingredienti e formule.

Nelle culture occidentali, ci insegnano a comprare i cosmetici in base all'età, o "maturità", della nostra epidermide, ma si tratta di una semplificazione eccessiva. Piuttosto, bisognerebbe analizzare la pelle e capire quali situazioni hanno bisogno di essere trattate.

Purtroppo, la skin care è un processo che procede per tentativi ed errori, e non esiste un modo per riuscire bene al primo colpo, né si può imitare gli altri e aspettarsi gli stessi risultati. Inoltre, è importante sapere che la pelle muta costantemente, perché, voglio dire, il tempo passa.

Questo le donne coreane lo sanno bene. Hanno imparato a riconoscere quando un prodotto è efficace. Se così non è lo buttano via senza pensarci due volte, al diavolo le confezioni carine.

Assumiti la responsabilità della tua pelle... e divertiti!

La vostra pelle non deve essere un mistero. Potete avere voi il controllo e non svegliarvi ogni mattina chiedendovi cosa può essere apparso durante la notte. Certo, richiederà del tempo e qualche sacrificio, ma non deve essere una fatica. Si tratta di coccolarsi, non di pulire la cucina.

Quando iniziai a muovere i primi passi in questo campo, ebbi la fortuna di avere tanti guru a illuminarmi sui segreti di bellezza — i miei nuovi amici coreani, perlopiù —, i quali mi insegnarono come avviare una vera routine in più step. All'inizio mi sembrava di dover applicare un'infinità di prodotti, ma poi fui sorpresa di scoprire che quella nuova abitudine non richiedeva più di dieci minuti al mattino e alla sera. Molti passaggi si limitavano a una o due volte alla settimana.

Mi piaceva coccolare il mio viso e mi sembrava magnifico essere così ferrata su qualcosa in cui una volta ero incompetente. Quando mi trovavo in viaggio in una nuova città con un clima diverso o mi sentivo stressata dalle scadenze di lavoro, la mia pelle poteva risentirne, ma io no. Imparai a conoscere davvero la mia cute, e di conseguenza a prendermene cura. E non era un'incombenza noiosa.

Ben presto quella routine divenne il momento migliore delle mie giornate, e di lì a poco iniziai a riconoscere i prodotti di cui avevo bisogno e che si rivelavano più adatti a me.

E diciamocela tutta... quando iniziai a vedere i primi risultati ci presi gusto. La mia pelle opaca e secca cominciava a sembrare più luminosa ed elastica, il colorito più chiaro e uniforme, le rughe sottili e i pori erano meno visibili, e mi sembrava di essermi tolta di dosso tutti gli anni in più che avevo accumulato in spiaggia. Al tatto il mio viso era fresco e idratato.

Qualunque dubbio che i miglioramenti potessero essere solo nella mia testa e non sulla mia faccia - il noto effetto placebo - si dissipò quando tornai a casa per le vacanze. Ricevetti moltissimi complimenti per l'aspetto radioso della mia pelle, cosa mai successa prima. Che potevo farci... ero raggiante!

Il Piccolo Libro per la Cura della Pelle

Segreti di bellezza coreani per una pelle sana e splendente

Charlotte Cho

Una ricchissima guida pratica, illustrata, accessibile e divertente per conoscere i segreti della bellezza coreana: un libro sulla K-beauty al passo con i tempi e le novità del momento. Ne Il piccolo libro per la cura della pelle Charlotte Cho,...

€ 17,00 € 14,45 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Charlotte Cho

CHARLOTTE CHO è una famosa estetista fondatrice di Soko Glam, famoso negozio di bellezza e lifestyle online che cura la migliore selezione di prodotti di bellezza coreani. Charlotte è comparsa su numerose testate nazionali e internazionali, tra cui The New York Times, Vogue, Allure,...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su La pelle sana va oltre la facciata

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.