800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

L'arte della felicità - Estratto da "Mindful Eating"

di Teresa Montesarchio 1 mese fa


L'arte della felicità - Estratto da "Mindful Eating"

Leggi in anteprima un estratto dal primo capitolo del libro di Teresa Montesarchio e scopri come vivere felicemente il momento presente

Se durante le tue giornate presti attenzione a dov'è la tua mente,
puoi notare che il più delle volte non è nel momento presente, ma da tutt'altra parte ed in tutt'altro tempo, proiettata al futuro o ancorata al passato.

Indice dei contenuti:

La felicità è adesso

Spendiamo tantissimo tempo, infatti, a preoccuparci, a pianificare e ad essere agitati per quello che è successo o per quello che non è successo. In questo modo il momento presente, che è l'unico momento che abbiamo per creare, per amare e per vivere, è irrimediabilmente schiacciato fra ciò che non è più e ciò che non è ancora.

Tenendo, così, la mente impegnata in questa valanga di pensieri, costruiamo la nostra via sicura che conduce all'infelicità. Schizzando via in tal modo dal momento presente, infatti, viviamo costantemente nella speranza di un momento migliore, trascorrendo così sostanzialmente tutta la settimana nell'attesa del weekend e tutto un anno nell'attesa delle vacanze.

E cosa ne è della nostra vita?

Facendo tale uso della nostra mente, finiremo come nel celebre sabato del villaggio: poche ore spensierate, seguite, invece, da una domenica che, seppure è un giorno di festa, non è davvero goduta, in quanto la nostra mente è già proiettata all'indomani, al travaglio usato, rovinando, in tal maniera, l'unico vero giorno di festa e di riposo.

Allo stesso modo, anche i nostri weekend e le nostre vacanze non vengono pienamente godute: c'è il brutto tempo, una nuova incombenza, i bambini che si ammalano, il pensiero del rientro alle solite faccende.

In sostanza, c'è sempre un motivo per non essere felici.

Di questo passo, ci sembrerà costantemente che la felicità si trovi in qualche altro momento, come la pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno®. Come dice Jon Kabat-Zinn, invece, "La felicità è proprio adesso, è in mezzo a tutto ciò che sta accadendo ora" (Ewa Jacobsson, 2010).

L'antidoto a questo atteggiamento si chiama mlndfulness. Esiste un segno grafico che rappresenta questo atteggiamento mentale ed è composto da due ideogrammi cinesi: uno, nella parte superiore, molto simile ad un tetto di pagoda, che significa presenza, e l'altro, nella parte inferiore, che significa cuore (Vedi Figura 1.1). Questa è mlndfulness: presenza del cuore.

Cosa vuol dire presenza del cuore? Vuol dire porre attenzione intenzionalmente, a ciò che accade qui ed ora, in maniera genuinamente curiosa, aperta e non giudicante. È uno stato di totale pienezza e presenza mentale, di completa interconnessione con quanto è dentro e fuori di noi.

Proseguendo con la lettura del libro e con la pratica degli esercizi che ti propongo, ti diverrà via via più chiaro. Ad ogni modo, è qualcosa che fa parte di te, naturalmente.

Tutti i bambini sono mindful, pienamente presenti a ciò che fanno e, siccome sicuramente anche tu sei stato un bambino, non dovrai che riscoprire questa saggezza di cui la natura ti ha dotato.

Le ultime ricerche sugli effetti della mindfulness ne mettono in evidenza la capacità di apportare modifiche alla struttura ed al funzionamento del cervello, migliorando il benessere di chi la pratica. Il cervello, infatti, è un organo plastico, che cambia in funzione delle esperienze, così come fanno i cromosomi.

Le pratiche mindfulness consistono in meditazioni derivanti dalla tradizione buddista e rientrano fra le esperienze capaci di modificare tanto radicalmente il nostro organismo. Tutti noi siamo molto impegnati e per tale motivo molte persone rinunciano a costruire questo nuovo approccio alla vita, non sapendo in che modo integrare la pratica meditativa nelle proprie giornate.

Come suggerisce Kabat-Zinn in un'intervista condotta da Ewa Jacobsson nel 2010, "il modo per integrare la mindfulness nella propria vita è qualsiasi modo che ci sembra giusto per noi".

Nel corso del libro troverai diversi esercizi, fra i quali potrai scegliere quelli che meglio rispondono alle tue esigenze. Anche mangiare può diventare, in tal senso, un'esperienza meravigliosa attraverso cui esercitare la propria consapevolezza e l'atteggiamento di presenza del cuore. È un concetto semplice, ma non è per nulla facile.

Jon Kabat-Zinn ritiene che essere mindful sia una delle cose più diffìcili al mondo, se non la più diffìcile in assoluto. D'altra parte, se decidi di farlo, agisci in maniera concreta verso un cambiamento sostanziale del tuo organismo e l'aumento del tuo benessere personale.

Chi pilota la tua vita?

Facciamo un esperimento? Per i prossimi tre giorni, imposta tre sveglie durante la giornata, ad orari casuali, che non vadano, però, a disturbare le tue attività. Quando suoneranno, dovrai semplicemente chiederti dov'è la tua mente in quel momento. Appunta di seguito cosa hai notato.

Sai quanto la tua mente è lontana dal momento presente? Il 47% del tempo (Killingsworth & Gilbert, 2010).

E sai quante decisioni prendi consapevolmente ogni giorno? Solo il 5% (Bargh & Char-trand, 1999).

Sì: prendi il 95% delle tue decisioni inconsapevolmente, in modalità pilota automatico. Il pilota automatico è una funzione utile alla nostra specie in termini evolutivi, poiché, disponendo noi di risorse cognitive in misura limitata, ci permette, ad esempio, di guidare la nostra auto ed intrattenere allo stesso tempo una conversazione con il nostro compagno di viaggio, regolando automaticamente direzione, pressioni da esercitare al volante e tutto quanto è necessario per non incorrere in un incidente.

E, ancora, il nostro pilota automatico ci permette di metterci in salvo, nel caso fossimo aggrediti, scappando dalla minaccia senza starci troppo a riflettere.

Di per sé, dunque, la modalità pilota automatico non è un male e, a dire il vero, rappresenta un vantaggio evolutivo a tutti gli effetti. Il vero problema è che solitamente abusiamo di questo utile strumento: la nostra mente vaga anche quando abbiamo bisogno di essere concentrati e siamo inconsapevoli e non presenti anche quando non ne abbiamo bisogno, mettendo in atto comportamenti reattivi ed automatici anche quando non siamo in pericolo di morte.

Di seguito ti propongo un test, che si basa su una scala di consapevolezza sviluppata da ricercatori de La Salle University e della Drexel University nel 2008. I ricercatori, capeggiati dal professore di Psicologia Lee Ann Cardaciotto, hanno ideato questo modo semplice ed efficace per valutare il grado in cui siamo mlndful e quanto, al contrario, siamo guidati dal pilota automatico in maniera disfunzionale.

Rispondi nel modo più onesto possibile sulla frequenza con cui si è verificata ciascuna delle seguenti 20 affermazioni durante la scorsa settimana, tracciando una X nelle caselle in corrispondenza di mai, raramente, qualche volta, spesso o molto spesso.

Per ottenere il punteggio relativo al tuo grado di consapevolezza, somma i punteggi di tutte le tue risposte alle affermazioni dispari, indicati con il numerino che trovi nella casella corrispondente alla tua X. Per ottenere il punteggio relativo al tuo grado di accettazione, invece, somma i valori delle tue risposte alle affermazioni pari.

Entrambi i punteggi si muovono su una scala che va da 10 a 50: più alti saranno i tuoi punteggi, maggiori saranno le tue capacità mindful di consapevolezza e accettazione. Segna di seguito i punteggi che hai ottenuto. Li confronterai con quelli che otterrai alla fine del libro.

Come fare per disattivare il pilota automatico?

Puoi disattivare il tuo pilota automatico coltivando la tua attenzione, la tua capacità di riflessione e ristrutturazione dei tuoi automatismi e la tua consapevolezza. Cosa puoi fare concretamente?

Mindful Eating

Una metodologia innovativa per regolare il rapporto con il cibo

Teresa Montesarchio

Mangiare in modo consapevole e rendere il proprio rapporto con il cibo il più sano ed equilibrato possibile. In linea con la saggezza degli insegnamenti buddisti, dai quali in parte deriva, la Mindful Eating sostituisce alle...

€ 12,00 € 10,20 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Teresa Montesarchio è psicologa, specializzata in psicoterapia cognitivo-comporta-mentale presso l'Istituto A.T. Beck e giornalista. È co-fondatrice e direttrice del Centro Alimentazione Strategica, in cui svolge lavoro di clinica, ricerca e formazione sul comportamento alimentare e...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su L'arte della felicità - Estratto da "Mindful Eating"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste