800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Introduzione - La Caduta degli Dei - Libro di Mauro Biglino ed Enrico Baccarini

di Mauro Biglino, Enrico Baccarini 4 mesi fa


Introduzione - La Caduta degli Dei - Libro di Mauro Biglino ed Enrico Baccarini

Leggi un estratto dal libro "La Caduta degli Dei" di Mauro Biglino, Enrico Baccarini

Chi si lascia bloccare dal timore di commettere errori non avvierà mai alcun cammino.

In un ambito come quello di cui ci si occupa, la verità è quanto di più sfuggevole si possa immaginare e le difficoltà che si incontrano nel percorso sono tali e tante che la tentazione di rimanere sempre cauti oltre ogni limite rischia di costituire un freno, un elemento limitante al punto da bloccare la volontà di procedere.

Questa tentazione va superata; la lettura dei testi antichi porta con sé questa caratteristica come una sorta di dato ineliminabile, una sorta di zavorra mentale della quale bisogna essere consapevoli e dalla quale bisogna quindi sapersi liberare con misura, in modo progressivo e nei tempi giusti.

La consapevolezza di non possedere la verità, l’impressione che talvolta coglie lo studente (studioso è termine troppo grande e importante per farne uso qui) di condurre ragionamenti che superano i confini di ciò che è accettato nella cultura socialmente condivisa devono essere considerati e utilizzati come condizioni portatrici di libertà.

Chi, per scelta metodologica onestamente e apertamente dichiarata, “fa finta” che le cose stiano in un certo modo e che i testi antichi possano essere letti secondo un criterio preciso (facciamo finta che sia vero ciò che vi si legge letteralmente) è libero di procedere per ipotesi anche azzardate a patto che queste siano coerenti con quanto si legge nei testi da cui si prende spunto.

Le ipotesi sono, per loro caratteristica intrinseca, indimostrabili: il sopraggiungere della dimostrazione le trasforma in tesi con pretesa motivata di verità e dunque oggetto di verifica finalizzata a dimostrarne la fondatezza o il suo contrario.

L’ipotesi è per definizione una spiegazione per sua natura provvisoria di un fatto, di una situazione non meglio conosciuti o accertati, elaborata e formulata sulla base di congetture o indizi.

L’ipotesi viene utilizzata nel mondo della ricerca scientifica, e anche in quello letterario, per indicare una formulazione provvisoria di una spiegazione di un fenomeno, di un evento, di un fatto storico, di un racconto o insieme di racconti, di una situazione che si presenta al ricercatore (ad esempio un reperto, un sito archeologico).

L’enunciazione di una spiegazione provvisoria ha lo scopo esclusivo di fornire una prima sistemazione al problema che è oggetto di analisi: si tratta di problema proprio perché la situazione che è in studio non ha in sé tutti gli elementi necessari per essere spiegata e compresa oltre ogni ragionevole dubbio e si presenta appunto problematica.

La prima sistemazione costituisce la base per i successivi necessari passi, per le indagini che devono proseguire al fine di giungere, se e quando questo sia possibile, alla definizione dotata di quelle caratteristiche che consentono di considerarla “verità”, nel significato che convenzionalmente viene dato a questo termine.

Le ipotesi, che nell’uso comune hanno il significato e la valenza di supposizioni, sono dunque dei cartelli segnaletici che indicano possibili vie da percorrere, temi da approfondire, misteri, presunti o dichiarati tali, su cui tentare di fare luce.

Facendo preciso riferimento ai cosiddetti testi sacri, l’osservazione di ciò che attorno a essi si è sviluppato evidenzia come le semplici ipotesi siano spesso dichiarate verità e, nella impossibilità di fornirne la necessaria dimostrazione, siano talvolta presentate e imposte in forma di dogmi o di misteri per loro natura inspiegabili e dunque neppure indagabili: sia i dogmi che i misteri devono essere accettati nella formulazione elaborata da coloro che ne sono i produttori.

Spesso però sia i dogmi che i misteri sono formulati in totale e insanabile contrasto con gli stessi testi da cui vengono pretestuosamente e infondatamente ricavati.

Si elabora un dogma per imporre un concetto ritenuto funzionale a una dottrina e si introduce la categoria del mistero per fornire una non-spiegazione a un concetto, una idea, un contenuto che non sono spiegabili secondo logica e, spesso, neppure secondo normale buon senso.

Questo succede, e si rende comprensibilmente necessario, quando le presunte verità vengono elaborate a priori per essere poi inserite in – e fatte forzatamente coincidere con – testi che di quelle verità non si occupano.

Il dogma e il mistero sono quanto di più lontano si possa immaginare dalla nostra scelta metodologica che fa dell’osservazione e del dubbio i suoi elementi costitutivi.

Il lavoro che si sta conducendo con i testi antichi parte da questo semplice presupposto: vediamo cosa dicono concretamente e osserviamo cosa ne scaturisce nel momento in cui si rende inevitabile formulare spiegazioni.

Qui nasce e s’inserisce l’ipotesi sopra definita: un tentativo di spiegare mantenendo coerentemente ferma la scelta di base di considerare validi e veritieri i testi su cui si lavora.

Facciamo finta che sia vero ciò che leggiamo e manteniamo la stessa concretezza nel tentare di spiegare (cioè ipotizzare una spiegazione) ciò che talvolta purtroppo non è chiaramente descritto.

Il metodo del “fare finta” mantiene aperta ogni via, non preclude nulla, presenta delle ipotesi ma, a differenza delle varie forme di dogmatismo religioso o scientista, rimane aperto a ogni possibile soluzione.

Definiamo scientista l’atteggiamento di chi, non essendo scienziato, assume come vero, indiscutibile e assodato ciò che gli scienziati formulano invece in forma ipotetica, consapevoli come sono che la verità è il frutto di una lunga ricerca ed è sempre passibile di discussione e di rielaborazione.

Gli scientisti sono dunque dogmatici tanto quanto lo sono molte persone che nutrono una fede religiosa in presunte verità da esse ritenute non negoziabili.

Il “fare finta” non prevede – e non necessita di – dimostrazioni (che spettano ai detentori di verità) ma procede – supportato dal coraggio di commettere errori – col fine dichiarato di fornire elementi di riflessione a chi per sua natura desidera a sua volta percorrere una sua via autonoma, un cammino libero da condizionamenti.

I contenuti e gli spunti offerti da questa scelta metodologica sono necessariamente diversi e in contrasto con le chiavi di lettura tradizionali, soprattutto là dove queste ultime si presentano palesemente incoerenti con i testi cui si applicano.

I contenuti formulati in forma di ipotesi talvolta sono talmente nuovi da essere dichiarati folli o comunque inaccettabili, spesso con prese di posizione aprioristiche basate su un acritico “non è possibile che…”.

Lo studente che procede per ipotesi deve mettere in conto tutto questo, così come deve mettere in conto la possibilità di commettere errori: un rischio inevitabile per chi percorre strade che non solo sono nuove ma che già si sa che saranno contrastate a prescindere da ogni considerazione oggettiva.

Rischio che si fa tanto più reale quanto più si è disponibili a formulare, come detto sopra, ipotesi anche molto azzardate con lo scopo dichiarato di lanciare un sasso nelle acque immobili di uno stagno che da secoli vive di una vischiosità utile a mantenere lo status quo, cioè una situazione funzionale al mantenimento del controllo su ciò che deve essere conosciuto e creduto vero.

Chi non è disponibile ad accettare questo deve rimanere fermo nella tranquillità confortevole del già detto, nella comodità avvolgente e rassicurante del risaputo, del comunemente accettato che spesso viene condiviso con lo stesso atteggiamento acritico con cui si tenta di contrastare il nuovo.

Questo libro si pone deliberatamente nella situazione caratterizzata dal rischio di sbagliare e dalla certezza di suscitare reazioni variamente caratterizzate, ma vive anche della certezza di essere costruito sulla base della coerenza con i testi di cui si occupa e con le emergenze documentali di cui si avvale.

Coerenza con i testi non significa necessariamente verità (neppure la esclude), ma semplicemente volontà di capire cosa dicono per osservare il quadro complessivo che ne emerge.

Il filosofo psicanalista ebreo dr. Giovanni Allotta Stuparich, analizzando il lavoro di Mauro Biglino, ha scritto che…

«non si possono ignorare le sue citazioni corrette dette con estrema e ammirevole onestà, proprio non vedo cosa gli si possa contestare quando egli, per fortuna, porta a leggere il Testo per come è scritto e basta. Poi ognuno interpreti il resto come meglio crede. Esiste una libertà! Credo non sia onesto criticare la sua metodologia rigorosa d’impostazione di lettura ma piuttosto disonesto confutarla».

L’autore non possiede verità; l’autore studente procede nella ricerca di elementi di riflessione e nella formulazione di possibili spiegazioni che devono essere coerenti con quanto gli autori antichi hanno lasciato letteralmente scritto.

Da lì in avanti ogni lettore procederà con il suo pensiero.

La Caduta degli Dei

Bibbia e testi induisti: la storia va riscritta

Enrico Baccarini, Mauro Biglino

La storia dell’umanità è completamente diversa da quello che ci hanno insegnato, questo libro offre la chiave per riscriverla. Diversi siti archeologici, sparsi per il mondo, ancora oggi nascondono una conoscenza segreta...

€ 21,50 € 18,28 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Mauro Biglino cura le edizioni di carattere storico, culturale e didattico per diverse case editrici italiane. Studioso di storia delle religioni e traduttore di ebraico antico per conto delle Edizioni San Paolo, collabora con diverse testate giornalistiche. Da circa 30 anni si occupa dei...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Enrico Baccarini è un giornalista, pubblicista e scrittore, ha compiuto studi di indirizzo psicologico e antropologico. Ha partecipato come ospite a trasmissioni per i principali canali radiotelevisivi italiani, come MEDIASET e la RAI, e internazionali come History Channel e l'NHK...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Introduzione - La Caduta degli Dei - Libro di Mauro Biglino ed Enrico Baccarini

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste