800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Introduzione - Il Manuale Completo sulla Salute del Cane e del Gatto - Libro di Jutta Ziegler

di Jutta Ziegler 11 mesi fa


Introduzione - Il Manuale Completo sulla Salute del Cane e del Gatto - Libro di Jutta Ziegler

Leggi un estratto dal libro di Jutta Ziegler "Il Manuale Completo sulla Salute del Cane e del Gatto"

Nel marzo 2011 ho pubblicato il mio primo libro, uscito poi in Italia nel 2015 con il titolo Il libro nero dei veterinari – La medicina che fa ammalare gli animali. In quella sede ho smascherato i mali che si verificano nei nostri ambulatori veterinari e ho mostrato in che misura, in realtà, il mestiere di veterinario sia legato all’industria del cibo animale.

Le reazioni sono state travolgenti.

Subito dopo la pubblicazione mi sono arrivate le prime e-mail e il flusso dei contatti continua ancora. Il tono di fondo di queste e-mail è sempre lo stesso: le persone che scrivono cercano disperatamente aiuto per i loro cani o gatti, malati cronici. Mi spediscono pagine e pagine di cartelle cliniche con descrizioni di calvari spesso inimmaginabili, patiti dagli animali e dai loro proprietari, e io mi sforzo sempre di rispondere a tutti.

A prescindere dalle ormai migliaia di e-mail del genere, nell’ambiente in cui vivo e lavoro mi si ripropone sempre la stessa domanda: come reagiscono i tuoi colleghi veterinari? In maniera esitante, mi sarei aspettata più resistenza. La reazione è stata piuttosto tiepida. Le discussioni oggettive che mi ero augurata non si sono verificate.

Eppure, per un’ora, mi sono resa disponibile in un forum per veterinari, accessibile all’intera area tedescofona, per rispondere alle domande, che però si sono rivelate non professionali; inoltre, sono stata bombardata di rimproveri. Quando si è arrivati ad affermare che avrei inventato le storie dei pazienti presentate nel mio libro, ho capito che i colleghi non avevano davvero interesse a parlare seriamente dell’argomento. Hanno semplicemente paura di perdere la loro fonte di sostentamento.

Proprio questa paura si rispecchiava nelle notizie che ricevevo dagli altri veterinari.

Nel 2011 ho anche rilasciato alcune interviste e il fatto di essere stata in parte citata e interpretata in maniera errata mi sarà di lezione per il futuro. Così, ad esempio, una giornalista della Frankfurter Allgemeine Zeitung mi ha accusata di riportare la scienza medica al livello degli anni ’60 e di non aver affatto toccato temi importanti, come il confronto dei prezzi praticati nei diversi ambulatori veterinari o la pessima retribuzione dei veterinari che vi lavorano come dipendenti. Insomma, il fatto è che tutto ciò non era lo scopo del libro.

Per quel che riguarda poi l’accusa di aver voluto riportare il livello scientifico a quello degli anni ’60, posso solo replicare: è vero esattamente il contrario, nelle mie terapie cerco di trovare nuove vie, di integrare ogni scelta con le più moderne scoperte in campo medico e di non sottomettermi ai diktat dell’industria farmaceutica limitandomi a utilizzare sempre nuovi medicinali. In generale, le reazioni dei colleghi sono state sostanzialmente positive.

Come esempio di ciò propongo alcuni stralci dalla e-mail di una giovane collega tedesca:

«Volevo ringraziarla di cuore per aver scritto questo libro! Io stessa sono una veterinaria e lei ha confermato le mie supposizioni. Purtroppo sono solo un’assistente agli inizi, ma già da tempo avevo notato i comportamenti che ha descritto. Ho potuto osservare, in particolare, le conseguenze negative del cibo industriale e non riesco proprio a capacitarmi del fatto che nessuno se ne accorga. (…) Ho anche constatato, da parte dei veterinari, questa mania di vaccinare. Quante volte ho osservato reazioni negative alle vaccinazioni. Tuttavia nel nostro ambulatorio veterinario sembro davvero l’unica a considerare le vaccinazioni come causa scatenante di quelle stesse reazioni. (…) Invece di porsi domande, i colleghi preferiscono seguire le indicazioni dell’industria farmaceutica. (…) Spero di essere in grado, prima o poi, di avere uno studio veterinario privato, nel quale non sarò costretta a raccontare e a vendere tali sciocchezze. Grazie per il libro, mi dà la forza per andare avanti!»

Da Vienna mi è arrivata una lettera di una collega disperata, assolutamente consapevole di vendere alimenti che fanno ammalare gli animali e di prescrivere antibiotici inutili. Si trovava quindi sempre a litigare con i proprietari dei pazienti e con il suo capo, per i quali i trattamenti alternativi non avevano senso. Ho consigliato alla collega di aprire il più in fretta possibile un proprio ambulatorio. L’ho incoraggiata a seguire la propria strada facendole presente che ogni veterinario ha i clienti che si merita. I proprietari dei pazienti che pretendono antibiotici e simili, anche se non ve n’è alcuna necessità, non torneranno da lei comunque, a prescindere.

Alcuni colleghi mi hanno fatto semplicemente i complimenti per il libro, altri sono venuti addirittura nel mio studio per guardarsi un po’ intorno. Con alcuni sono ancora in contatto e con loro sto cercando di creare una rete allo scopo di aiutare i clienti a cercare, nelle loro zone, un veterinario adeguato alle necessità.

Come le reazioni al mio libro hanno dimostrato, soprattutto in Germania ma anche naturalmente in Austria, c’è un gran bisogno di professionisti in grado di pensare e di agire diversamente. Le reali condizioni degli esausti veterinari sono in verità molto peggiori di quanto io abbia supposto e descritto. La valanga di lettere ed e-mail che arrivano quotidianamente lo dimostra più che chiaramente.

In questo libro porterò come esempio alcune di queste storie. Diciamo che il mio primo libro ha solo descritto la punta di un iceberg. Le reazioni da parte di molti colleghi mi hanno motivato a non mollare. I motivi per cui ho deciso di scrivere un secondo libro sono la volontà di mostrare altre pecche e il desiderio di fornire risposte a molte persone che vogliono conoscere trattamenti alternativi per gli animali malati.

Da tutta l’area tedescofona arrivano proprietari di animali disperati in cerca del mio aiuto. Sono in grado di aiutarne alcuni, ma molti animali sono ammalati a tal punto che ci si può solo limitare a contenere i danni. Per questo motivo sono alla ricerca di colleghi che vogliano intraprendere la mia stessa via e ai quali quindi poter mandare, con la coscienza tranquilla, i clienti che abitano lontano da me, in modo tale che si possano occupare in loco dei loro animali.

Naturalmente, per i proprietari di animali la domanda più importante è: “Che cosa si può fare se il mio cane/il mio gatto ha una malattia cronica? Riusciremo a uscire dalla spirale della cronicità oppure mi devo rassegnare al fatto che il mio cane/il mio gatto dovrà assumere per il resto della sua vita medicinali come antibiotici, cortisone, farmaci per il cuore, pastiglie di ormoni e altro ancora?”.

Quegli animali sono curati “correttamente” seguendo la medicina allopatica, eppure sono malati cronici. La diagnosi della medicina classica ha spiegato “tutto”? Perché non c’è alcun aiuto in vista? Perché i dolori sono idiopatici (cioè si tratta di una patologia non dovuta a cause esterne note) e la malattia viene considerata come inguaribile?

Le malattie hanno cause diverse che, a seconda della costituzione degli animali, possono anche combinarsi diversamente. Possiamo avere quindi, in un unico paziente, infiammazione intestinale cronica, ipofunzione tiroidea ed eczema cutaneo.

Poiché in questo caso la medicina allopatica non è in grado di spiegare la causa, si trattano solo i sintomi. Contro l’infiammazione dell’intestino crasso si danno gli antibiotici, l’ipofunzione tiroidea viene trattata con medicinali che aiutano il funzionamento della tiroide, l’eczema pruriginoso viene trattato con il cortisone. Non abbiamo alcuna diagnosi, cioè ogni malattia ha il suo nome ma manca ogni spiegazione di eventuali correlazioni.

Con il trattamento dei sintomi si può avere un miglioramento a breve termine, ma non appena si sospende la cura questi ritornano. Le vere cause continuano a persistere. La medicina allopatica cerca per ogni malattia una causa specifica e se questa non si trova si dichiara la patologia come idiopatica.

I trattamenti della medicina convenzionale si possono apprendere come le ricette di un libro di cucina. Per ogni piatto (= malattia) c’è una ricetta pronta (= farmaci). In senso lato, ciò significa che i pazienti non vengono curati in modo personalizzato, bensì in maniera standard. Ogni paziente riceve sempre gli stessi farmaci per questo o quel sintomo. Ciò vale sia per la medicina veterinaria che per quella umana.

Scoprire le molteplici cause individuali richiede naturalmente molto più tempo ed è più difficile. Prima si parlava ancora di “arte medica”. Questa purtroppo al giorno d’oggi sembra essere andata perduta sotto diversi punti di vista e non sembra neanche più essere richiesta. Sia i medici che i veterinari pensano ormai solo in un’ottica chimico-farmaceutica e non più medica.

Con il presente libro cerco di colmare queste lacune.

Tratto dal libro:

Il Manuale Completo sulla Salute del Cane e del Gatto

Scopri nuove vie terapeutiche

Jutta Ziegler

L'autrice affronta i vari problemi pratici che possono affliggere il cane e il gatto./p>

Ogni capitolo è dedicato ad un tema specifico: dallo stress ed elettrosmog all'alimentazione, dalle basi della salute naturale alla diagnosi, dalle vitamine al metabolismo, dall'omeopatia alle altre terapie naturali, dalle patologie a stomaco e fegato al diabete, dai problemi al cuore alle malattie ai reni e vescica, dalle infiammazioni a orecchie e occhi alle allergie, dai tumori ai problemi alla tiroide./p>

Ma non solo, vengono trattati argomenti importanti quali: i vaccini, lo sverminamento, i parassiti e la sterilizzazione.

Vai alla scheda


Jutta Ziegler

Jutta Ziegler, dal 1999 conduce uno studio veterinario per piccoli animali con annesso negozio di prodotti naturali, della cui preparazione perlopiù si occupa personalmente. Inoltre, è medico veterinario con specializzazione in omeopatia. Da anni si occupa intensamente di metodi di guarigione...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Introduzione - Il Manuale Completo sulla Salute del Cane e del Gatto - Libro di Jutta Ziegler

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste