+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-19, Sab 08-12

Il modello del linguaggio e della comunicazione della PNL

di Dianne Lowther 1 mese fa


Il modello del linguaggio e della comunicazione della PNL

Leggi un estratto da "Introduzione alla PNL Aziendale" di Dianne Lowther

Il seguente diagramma mostra il modello del linguaggio e della comunicazione della PNL. È una rappresentazione del modo in cui elaboriamo le informazioni tramite i nostri sensi e reagiamo poi a ciò che percepiamo.

Stai leggendo un estratto da

Introduzione alla PNL Aziendale

Come puoi applicare la PNL nella vita lavorativa per ottenere più risultati

Dianne Lowther

E se si potessero creare ogni giorno le condizioni migliori per lavorare in modo più efficace e facile? COME DEFINIRE E RAGGIUNGERE OBIETTIVI PERSONALI E AZIENDALI CON L’USO DELLA PNL. Questo libro ti permette di imparare come usare le tecniche...

€ 14,90 € 14,16 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Indice dei contenuti:

Il diagramma

Diagramma - Introduzione alla PNL Aziendale

Cominciamo da in alto a sinistra nel diagramma, con le informazioni in entrata dal mondo esterno tramite i sensi.

Nel diagramma, il flusso sembra entrare dagli occhi, ma è inteso a rappresentare tutti i sensi. La funzione dei sensi è quella di tradurre le informazioni esterne in impulsi neurologici, in modo tale che il tuo cervello possa attribuirvi un significato.

Dunque, ad esempio, i tuoi occhi trasformano le lunghezze d’onda della luce visibile in diversi tipi di segnali neurali, in modo che il cervello possa elaborare quelle informazioni sulla corteccia visiva, nella parte posteriore dell’encefalo. Ciascuno dei tuoi sensi traduce informazioni esterne in impulsi neurologici e questo è il primo livello di trasformazione che ha luogo.

Il risultato di questo primo livello di rappresentazione è quello che John Grinder chiama “primo accesso.” Nel diagramma lo trovi etichettato con le iniziali VAKOG: è l’acronimo di visivo, auditivo, cinestesico, olfattivo e gustatorio, cioè i nostri cinque sensi.

Una cosa importante da comprendere a questo livello è che il cinestesico qui rappresenta solo informazioni sensoriali, non informazioni emotive. Non individuiamo le nostre sensazioni emotive nel mondo esterno, da cui percepiamo solo cose come temperatura, peso e ruvidità delle superfici: al livello del primo accesso è puramente cinestesico sensoriale.

Quello che abbiamo qui è una rappresentazione di primo livello della realtà, che è puramente sensoriale.

Nota che non ci sono parole al livello del primo accesso. Questo è il livello di percezione a cui opera un bambino molto piccolo prima di apprendere il linguaggio. Ma, ovviamente, il linguaggio è ciò che ci rende umani, diversi dalle altre specie. E la nostra capacità di “attribuire significato” alle cose attraverso il linguaggio è proprio il nostro tratto distintivo.

Cancellazione, distorsione e generalizzazione

Il secondo stadio di trasformazione si ha quando le informazioni sensoriali vengono etichettate con parole, diventando la nostra realtà interna. Questa seconda fase, in cui le informazioni sensoriali attraversano il filtro linguistico, è bene evidenziata nel diagramma del modello del linguaggio e della comunicazione della PNL.

Nella casella dei filtri c’è una breve lista di cosa fanno: cancellare, distorcere e generalizzare. Subito sotto c’è una lista di cosa sono.

Ci sono molti diversi tipi di filtri e la lista nel diagramma ne è una buona rappresentazione: non è completa ed esaustiva, ma include la maggior parte degli elementi essenziali che andremo a discutere.

Ci torneremo su in un secondo momento, quindi, ma iniziamo col parlare dei meccanismi di cancellazione, distorsione e generalizzazione, perché questo è ciò che fa il linguaggio.

Termine Chiave - Quando parliamo di cancellazione, non è il tipo di cancellazione che ha luogo sul tuo computer quando elimini un file e non c’è più. La cancellazione linguistica è più accuratamente descritta come il fenomeno che ha luogo quando non presti attenzione a qualcosa.

Pensaci - La cancellazione può anche avere luogo a livello sensoriale. Ad esempio, se vivi vicino a una stazione dei treni o a un aeroporto, probabilmente ti sei accorto che dopo un po’ non noti più i suoni dei mezzi in arrivo e in partenza. Quando ti viene a trovare qualcuno, però, li nota subito. “Come fai a vivere con questo rumore?” grida l’ospite e tu calmo “Quale rumore?” perché viene ormai cancellato dalla tua attenzione conscia. Allo stesso modo, cancelliamo dal linguaggio cose di cui sentiamo di non aver bisogno di parlare. A volte è utile, a volte può portare a fraintendimenti.

Termine Chiave - La stessa cosa vale per le distorsioni. Anche in questo caso, le distorsioni possono avvenire a livello sensoriale (ad esempio nelle illusioni ottiche), ma hanno luogo anche nel linguaggio, perché talora abbiamo una tendenza a voler adattare le cose alla nostra realtà. Ad esempio, potremmo distorcere il modo in cui una cosa effettivamente è, per farla adattare alle nostre idee preconcette. Poi, quando ne parliamo, lo facciamo come se le cose fossero come vorremmo, senza ammettere che la realtà possa essere leggermente diversa. Si tratta di una distorsione delle informazioni che ci arrivano dal mondo esterno.

Termine Chiave - La generalizzazione è il terzo fenomeno causato dai filtri. Come il nome suggerisce, riguarda la creazione di un principio o un’idea generali sulla base di quantità ridotte di informazioni. Quando generalizziamo, facciamo una o due esperienze, attribuiamo a esse un significato e su questa base affermiamo che “è così” in tutta una serie di situazioni differenti. Stiamo prendendo informazioni da un contesto e presupponendo che siano valide in moltissimi altri. Questo processo è necessario, perché se non fossi in grado di generalizzare, ad esempio, ogni volta che cambi macchina dovresti imparare di nuovo a guidare da zero. Ogni volta che vuoi entrare in una nuova stanza, dovresti apprendere da zero come funziona una porta! Tuttavia, le generalizzazioni sono anche alla base di tutti i bias e pregiudizi, e non sono quindi sempre un processo utile.

Quindi, cancellazione, distorsione e generalizzazione hanno una propria funzione positiva e chiaramente è per questo che si sono evolute come modalità di interazione col mondo, ma possono anche causare problemi se non siamo consci dei processi in atto.


Quando le informazioni entrano dal mondo esterno, attraversano due stadi di trasformazione: il primo è al livello sensoriale il secondo al livello linguistico nella fase in cui etichettiamo la nostra esperienza, la esprimiamo in parole e letteralmente le attribuiamo un significato. Il risultato finale di questo processo è quella che chiamiamo la nostra rappresentazione interna della realtà.


Rappresentazione interna, conscio e inconscio

La tua rappresentazione interna del mondo ha due componenti: una risiede nella mente conscia e un’altra in quella inconscia.

Guarda di nuovo il diagramma e vedi come è descritta la cosa. Nel riquadro in alto, che rappresenta il conscio, ritroviamo l’acronimo VAKOG – visivo, auditivo, cinestesico, olfattivo e gustatorio – di nuovo per indicare le informazioni sensoriali di cui siamo consci.

A queste si aggiunge ora un ulteriore elemento: i nostri processi di pensiero consci. In altre parole, ciò che diciamo a noi stessi.

Pensaci - Parli tra te e te? Alcune persone pensano di non parlare con sé stesse e altre sanno di farlo e sono un poco imbarazzate ad ammetterlo. Lascia quindi che ti dica che se nella tua mente percepisci un dialogo interiore tra te e te, la cosa è del tutto normale. Alcune persone addirittura si parlano ad alta voce e nemmeno questo è insolito quanto si potrebbe credere!

Ovviamente è un fenomeno difficile da misurare, ma ricerche informali suggeriscono che la maggior parte delle persone parli tra sé e sé per più della metà del tempo che trascorre in stato di veglia. Potremmo, anzi, dire che gli unici momenti in cui spegniamo il “commento dal vivo” che ci accompagna nella nostra testa sono quelli in cui siamo completamente assorbiti in ciò che facciamo.

Potrebbe trattarsi semplicemente di guardare un film, essere immersi nel lavoro, o assorbiti in un’attività sportiva. Avrai probabilmente sentito atleti che raccontano di come entrano mentalmente nella “zona”: è quello che succede quando smettono di pensare a ciò che stanno facendo e iniziano a farlo e basta.

Ci sono quindi dei momenti in cui spegniamo questo continuo chiacchiericcio, ma quando stiamo semplicemente facendo le cose di tutti i giorni la presenza di un dialogo interno è più la regola che l’eccezione.

Provalo ora! - Può essere interessante cominciare a prestare attenzione a quello che ti stai dicendo: molti di noi, nel parlare tra sé e sé, non sono minimamente educati e gentili quanto lo sono con gli altri!

Quello che diciamo a noi stessi, assieme alle informazioni sensoriali, è una porzione molto importante del nostro pensiero conscio. Questo pensiero conscio interagisce con l’altra parte, che è la rappresentazione della realtà che risiede al di fuori della portata della nostra attenzione conscia.

Gli esperti dicono che tutto ciò che ci accade, ogni nostro pensiero e ogni minimo elemento di informazione che incontriamo, viene registrato da qualche parte nei recessi più profondi del nostro cervello.

Alcune di quelle informazioni le sappiamo recuperare facilmente, mentre altre sono difficilmente accessibili. Rimane il fatto che, in proporzione, la parte inconscia della tua mente è molto più grande di quella conscia.

Consciamente non puoi fare più di una cosa alla volta, ma dietro le quinte, a livello inconscio, ne stai sempre facendo anche molte altre.

È per questo che a volte vai a letto pensando a come affrontare una determinata situazione sul lavoro e la mattina dopo, pensando di non aver fatto particolari progressi con la questione, ti rendi invece improvvisamente conto che hai la risposta al problema: mentre dormivi, la parte inconscia della tua mente ha continuato a elaborare tutte quelle idee.

Provalo ora! - Prima di andare a letto stanotte, dai alla tua parte inconscia un compito da svolgere. Potrebbe essere un problema da risolvere, un’idea da creare o una decisione da prendere. Spiega a te stesso il compito nello stesso modo in cui lo spiegheresti a un collega a cui lo vuoi delegare. Nota cosa succede quando ti svegli domani.

Ti sei probabilmente già reso conto che ci sono un sacco di processi in atto al di fuori della portata della tua attenzione conscia. La tua mente inconscia è anche il luogo in cui è immagazzinato tutto ciò che sai.

Provalo ora! - Se ti chiedessi il tuo numero di telefono, anche se non ci stavi pensando fino a quel momento, saresti in grado di rispondermi immediatamente perché l’informazione viene pescata dal tuo magazzino inconscio di informazioni e portata istantaneamente alla tua attenzione conscia. Puoi dirmi qual è il numero e poi l’informazione abbandonerà di nuovo il tuo pensiero conscio.

Pensando alla differenza tra le dimensioni della porzione conscia e di quella inconscia della tua mente, la metafora che più mi piace è la seguente.

Immagina di essere in piedi in mezzo a un grande teatro rotondo, immerso nella totale oscurità, ma dotato di una torcia elettrica dal fascio potente e concentrato. Pensa a quanta parte del teatro potresti illuminare: sarebbe solo una minima porzione alla volta. Potresti illuminare la maggior parte del teatro, ma non contemporaneamente.

Questo è il rapporto tra la tua attenzione conscia e la mente inconscia: possiamo gettare luce solo su una piccola quantità di informazioni alla volta e possiamo essere consci solo di una piccola porzione in un determinato momento, ma per essere consci di un’altra cosa, dobbiamo abbandonare il primo frammento di informazione a cui stavamo pensando. La quantità di informazioni disponibili a livello inconscio è invece enorme.

Pensiero, sensazioni e fisiologia

Abbiamo considerato la tua rappresentazione interna del mondo in termini di informazioni sensoriali e di processi di pensiero conscio. Consideriamo ora come questo vada a interagire con il resto della tua esperienza emotiva e con il corpo.

Ancora una volta, torniamo a fare riferimento al diagramma. Guardando a destra, vedrai che c’è una connessione tra cosa pensi, come ti senti e la tua esperienza fisiologica, più in basso nel diagramma.

Noterai anche un percorso preferenziale, una sorta di “porta di servizio” che collega il primo accesso, a sinistra, direttamente alla fisiologia aggirando il resto. Questa rappresenta le azioni riflesse: le reazioni fisiche che non puoi influenzare e che hanno luogo appena vedi o senti una certa cosa.

Ad esempio, immagina di stare attraversando la strada e di notare improvvisamente che c’è un’automobile lanciata a tutta velocità verso di te e che non avevi notato prima: cosa fai?

Fai un salto indietro per toglierti dal pericolo. Non ti fermi a ponderare lungamente su quanto veloce stia andando la macchina, quale sia la reale probabilità che ti colpisca, o se il tempo a tua disposizione per salvarti sia sufficiente. Fai subito un salto indietro per toglierti dal pericolo e questa è una reazione immediata: l’informazione sensoriale va dritta all’azione fisica.

Cosa accade di conseguenza? Probabilmente rilascerai dell’adrenalina, che ti causerà delle emozioni. Le emozioni sono semplicemente energia in movimento nel corpo. Alcune persone le sentono, altre no.

Ma immagina di aver appena fatto il salto indietro per evitare la macchina che poteva investirti. Il tuo cuore batterà forte e potresti provare un poco di paura, oppure potresti sentirti sollevato perché ti sei tolto dal pericolo. Potresti anche sentirti un po’ arrabbiato con te stesso per non aver notato prima il pericolo. Quindi poi probabilmente ti dirai qualcosa. E, come ho detto in precedenza, potresti dirti qualcosa di gentile e incoraggiante, oppure potresti dirti “Razza di idiota!”

Non sarò certo io a chiederti quale delle due.

Introduzione alla PNL Aziendale

Come puoi applicare la PNL nella vita lavorativa per ottenere più risultati

Dianne Lowther

E se si potessero creare ogni giorno le condizioni migliori per lavorare in modo più efficace e facile? COME DEFINIRE E RAGGIUNGERE OBIETTIVI PERSONALI E AZIENDALI CON L’USO DELLA PNL. Questo libro ti permette di imparare come usare le tecniche...

€ 14,90 € 14,16 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi novità, sconti, promozioni speciali riservate e un premio di 50 punti spendibili sul sito.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Non ci sono ancora commenti su Il modello del linguaggio e della comunicazione della PNL

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI NSIIURR
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.