800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Il cibo degli Dei - Estratto da "Lo Yoga è Vegan", libro di Stefano Momentè

di Stefano Momentè 10 mesi fa


Il cibo degli Dei - Estratto da "Lo Yoga è Vegan", libro di Stefano Momentè

Leggi un'anteprima dal libro di Stefano Momentè "Lo Yoga è Vegan"

Gli animali sono una delle manifestazioni di Dio. In loro c'è Atman, il Soffio Divino. È per questo che chi pratica yoga non dovrebbe mangiare carne. Farlo sarebbe un crimine. Lo dicono i Veda, i testi sacri indiani compilati migliaia di anni fa.

La tradizione vedica considera ogni essere vivente come un'anima spirituale individuale e quindi sostiene che Ahimsa, la non violenza, costituisce la più alta forma di religione.

Ma afferma anche che ogni anima nel mondo materiale sta compiendo un viaggio di evoluzione per giungere alla liberazione finale (Moksha), e che, perciò, ostacolare tale evoluzione uccidendo un altro essere per un personale profitto, è una grave mancanza.

Qualcuno potrebbe obiettare che i Veda prescrivono anche i sacrifici animali.

In realtà tali riti sono consigliati dalle scritture solo in occasioni molto circostanziate. Al contrario, i Veda raccomandano una dieta strettamente vegetariana, in cui i vegetali sono visti come esseri viventi idonei a diventare cibo per l'uomo, consentito dalla persona di Dio, a patto che questi gli vengano offerti con amore e devozione.

Come Krishna afferma nella Bhagavad Gita: "Patram puspam phalam toyam, yo me bhaktya prayacchati, tadaham bhakty upahritam asnami prayatatmanah." (Se qualcuno Mi offre con devozione una foglia, un fiore, un frutto o dell'acqua, Io mangio con grande soddisfazione la sua offerta perché è fatta con amore.)

Il pensiero vedico sostiene l'esistenza dell'anima.

Secondo i Veda ci sono 8.400.000 diverse classificazioni di involucri materiali, creati appositamente per soddisfare tutti i desideri materiali immaginabili. Tra questi ci sono i corpi animali. Al loro interno è custodito l'individuo eterno, la scintilla divina, l'anima che li abbandona trascorso un certo periodo di tempo, essendo essi corruttibili, per assumere altri corpi.

L'anima è eterna e la morte non la riguarda. La morte è solo un momento in cui essa lascia un corpo per assumerne un altro.

L'involucro di arrivo dipende dalla maturazione dell'individuo: sono i meccanismi karmici a stabilire se l'anima salirà o meno nella scala evolutiva. Quindi gli animali hanno la stessa dignità di qualsiasi altra forma vivente. E l'uccisione di animali è considerata un delitto. Uccidere un uomo o uccidere un animale è la stessa cosa.

Tutto questo è riportato nei Testi Sacri.

La Manu Smriti, uno dei testi più antichi, afferma: "Non è possibile procurarsi la carne senza uccidere un essere vivente. E poiché l'uccisione di esseri viventi è contraria ai principi dell'ahimsa, bisogna astenersi dal consumare carne. Avendo ben considerato qual è origine dei cibi carnei e la crudeltà del macellare gli esseri incarnati, l'uomo deve astenersi completamente dal consumo di carne."

Nella Mahabharata si afferma che "Il consumo di carne è un crimine, in cui ugualmente colpevoli sono coloro che permettono l'uccisione di animali, maneggiano gli animali stessi, acquistano, vendono, cucinano o servono la carne, oltre a quelli che la mangiano."

Nei Veda principali è scritto:

  • "Chi persiste nel mangiare carne umana, carne di cavallo, di mucca o di altri animali, nonostante si sia cercato di dissuaderlo con altri mezzi, deve essere ucciso." (RigVeda, 10.87.16)
  • "Non dovete usare il corpo che vi è dato da Dio per uccidere le creature di Dio, siano esse umane, animali o altro. " (YajurVeda, 12.32)
  • "Quelle anime nobili che praticano la meditazione e altre discipline yoga, che sono sempre attente e benevole verso tutti gli esseri, che proteggono tutti gli animali, sono i veri spiritualisti. " (Atharva Veda, 19.48.5)

Tratto dal libro:

Lo Yoga è Vegan

Del perché chi pratica yoga dovrebbe essere vegano

Stefano Momentè

La pratica dello yoga non è solo una disciplina del corpo ma soprattutto una disciplina dello spirito, un tutt'uno che dovrebbe riflettersi in ogni ambito della vita del praticante.

La tradizione vedica considera ogni essere vivente come un’anima spirituale individuale e quindi sostiene che Ahimsa, la non violenza, costituisce la più alta forma di religione. 

Vai alla scheda

Stefano Momentè è giornalista, scrittore ed esperto di alimentazione vegetariana. Nel 2001 ha fondato Vegan Italia, Ha lanciato e promuove il circuito Ristoranti Verdi ed è membro della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana. Veganitalia Cooking School è la sua scuola di cucina...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Il cibo degli Dei - Estratto da "Lo Yoga è Vegan", libro di Stefano Momentè

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste