800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

I fiori californiani e la loro azione sul mondo delle emozioni

di Lo Staff di Macrolibrarsi.it 1 anno fa


I fiori californiani e la loro azione sul mondo delle emozioni

Le molte proprietà dei fiori californiani

Indice dei contenuti:

Quando vennero scoperti i fiori californiani

Dopo la morte di Edward Bach avvenuta nel 1936, le essenze che lui scoprì, i fiori di Bach, furono utilizzate per circa quarant’anni senza che nessuna altra scoperta similare venisse alla luce.

Verso la fine degli anni Settanta si iniziò a scoprire che altri fiori, oltre a quelli di Bach, possedevano proprietà terapeutiche altrettanto valide.

La scoperta dei fiori californiani iniziò per la volontà di due ricercatori americani, Patricia Kaminski e Richard Katz che nel 1979 fondarono la Flower Essence Society: l’intento era quello di raccogliere e studiare altre essenze floreali che potessero integrare il sistema dei 38 fiori di Bach.

L’azione dei fiori californiani

Se i fiori di Bach mantengono sempre il loro primato per maggiore diffusione e proprietà terapeutiche, i fiori californiani non sono da meno: agiscono bene nel trattamento dei disturbi propri dell’epoca contemporanea.

L’azione dei fiori californiani si è rivelata preziosa per ovviare ai problemi della vita moderna come:

  • il disagio metropolitano;
  • le frustrazioni legate alle situazioni professionali;
  • difficoltà di comunicazione e nei rapporti interpersonali;
  • le crisi tra i modelli di comportamento tipicamente maschili o femminili
  • i disturbi sessuali
  • i disturbi alimentari

Integrazione tra i fiori californiani e i fiori di Bach

I rimedi californiani sono ricavati per solarizzazione, come i fiori di Bach. Possiamo definire i fiori di Bach come rimedi di base, imprescindibili per instaurare una terapia di fondo, mentre ai fiori californiani va assegnato un compito ugualmente importante di “rifinitura”. Grazie ai fiori californiani, è possibile intervenire su particolari sfumature emotive che non rientrano nei parametri dei fiori di Bach. Per questo motivo i fiori californiani rappresentano una valida integrazione alla floriterapia classica e come tali si indirizzano a disturbi più specifici.

L’assunzione delle essenze californiane avviene come per le essenze floreali di Bach: non vi sono controindicazioni specifiche nell’unione dei fiori di Bach e dei fiori californiani nella stessa boccetta.

L’esperienza maturata negli anni con l’utilizzo dei fiori californiani ha mostrato che le qualità vibrazionali delle due tipologie di fiori sono diverse: l’ideale è utilizzare prima i fiori di Bach come terapia di terreno e successivamente i fiori californiani per agire sulle sfumature specifiche della disarmonia in atto.

Ti consigliamo...


Dietro Lo Staff di Macrolibrarsi si nascondono in realtà ben tre nomi: Claudia, Francesca e Valeria. Tre ragazze che hanno in comune la passione per la scrittura e la curiosità e il desiderio di conoscere il più possibile di questo nostro bellissimo mondo.  Avide...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su I fiori californiani e la loro azione sul mondo delle emozioni

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste