+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

I buoni motivi per preferire le proteine vegetali + 2 ricette

di Anne Dufour, Carole Garnier, Marie Borrel 11 mesi fa


I buoni motivi per preferire le proteine vegetali + 2 ricette

Leggi un estratto da "Il Grande Libro delle Proteine Vegetali"

Se avete tra le mani questo libro, senza dubbio avete capito fino a che punto il semplice fatto di adottare un'alimentazione generalmente sana sia importante per il vostro benessere e la vostra salute. Si tratta oggi di un dato di fatto che riceve il consenso del mondo medico e scientifico: una migliore alimentazione concede uno spazio importante ai prodotti vegetali, riducendo nel contempo il consumo dei prodotti animali. Centinaia di studi scientifici lo dimostrano. I benefici che possiamo trarne sono numerosi.

È giunto il momento di fare il punto su tutto ciò che possono darci. L'elenco è lungo...

Indice dei contenuti:

Una longevità ottimale, in buona salute

Tutte le "diete sane" che hanno reso celebri i centenari di tutto il mondo sono basate su più proteine vegetali e meno proteine animali. La dieta mediterranea (cretese), quella di Okinawa... danno tutte spazio ai vegetali. Se avete più di settant'anni, probabilmente questo aspetto vi interessa molto.

Tuttavia, anche i giovani dovrebbero sentirsi chiamati in causa: come dimostrano gli studi più recenti, è a partire dai vent'anni che costruiamo il nostro patrimonio-salute per "dopo". In altre parole, è oggi che mettiamo in gioco la salute dei nostri occhi, del cuore, dello scheletro, degli organi di domani e di dopodomani.

Perché aspettare per prendere buone abitudini?

Una giovinezza conservata e ben visibile

La pelle, i capelli, le unghie, il tono: tutte queste vetrine rimandano ai nostri occhi, così come a quelli altrui, il fedele riflesso della nostra vera giovinezza, indipendentemente dall'età. Tutti questi fattori sono direttamente legati a ciò che mangiamo. È quanto si propone un'alimentazione ricca di vegetali: alleggerire il piatto dai grassi animali (i "grassi cattivi"), consumando nel contempo più fibre e vitamine "di bellezza".

Oltre a contribuire a una vita più lunga in buona salute, ciò permette di avere un aspetto più giovane. E non è poco!

Rispettare gli ormoni e il metabolismo

Coccolando in questo modo l'organismo, farete in primo luogo del bene alla linea. Un gran bel "bonus" se desiderate perdere quei pochi chili che vi appesantiscono. Questo per quanto riguarda l'aspetto visibile. Ma i benefìci si spingono assai più lontano, perché quello che le proteine vegetali fanno all'esterno lo fanno anche all'interno. Rispettando i bisogni del corpo riuscirete a preservarne il delicato equilibrio ormonale, che si ripercuote su innumerevoli funzioni.

Nella fattispecie, potrete tener lontano Io spettro della sindrome metabolica, un insieme di ipertensione, diabete o prediabete ed eccesso di "colesterolo cattivo", il tutto reso visibile dal grasso in più a livello dell'addome. Questo flagello, sempre più diffuso nelle società occidentali (grandi consumatrici di carne!) fa pesare sulla nostra vita cupe prospettive, soprattutto un rischio ampiamente accresciuto di ictus. Lo stesso dicasi per chi soffre di uno squilibrio delle funzioni tiroidee.

Le proteine vegetali non curano come per magia questi disturbi, ma possono prevenirli. E qualora essi siano già presenti, vi permetteranno di stabilizzarne lo stato e ridurre i rischi, grazie ai numerosi elementi protettivi che contengono. Con le proteine vegetali avrete un cuore più forte, meno rischi di patologie cardiache e di ictus. Infatti, quest'ultimo è direttamente legato alle condizioni delle nostre arterie e niente se ne prende cura meglio dei vegetali.

Non parliamo poi degli effetti collaterali benefici. Un esempio: se soffrite di stipsi legata a uno squilibrio della tiroide, un maggior apporto di fibre vegetali non vi farà che del bene.

Benessere digestivo mai avuto prima

Addio gonfiori, dolori digestivi, bruciori, eruttazioni, stipsi, diarree sconvenienti... Arriva l'era della pace digestiva.

A una condizione: se siete abituati a mangiare pochi vegetali, non correte troppo. Non passate da un giorno all'altro da un'alimentazione a zero fibre a un regime troppo ricco di vegetali, che ne contengono molte (soprattutto i cereali integrali). Andateci piano, progressivamente, per lasciare il tempo all'apparato digerente di orientarsi.

E soprattutto, se reagisce non prendeteli per disturbi definitivi. Non fermatevi dicendo: "Quest'alimentazione non fa per me". Al contrario! Se l'organismo reagisce, vuol dire che fino ad allora era carente di vegetali. E quindi, pian piano...

Benessere articolare duraturo

A vent'anni non ci si pensa. Ma con gli anni le articolazioni "si arrugginiscono". Diceva Sacha Guitry: "Con l'età le rigidità si spostano altrove". Capite di certo a cosa alludeva quel gran seduttore.

Se pertanto rientrate tra coloro che al mattino si svegliano con le articolazioni dolenti, puntate sui vegetali. Decine di studi hanno dimostrato che un'alimentazione in prevalenza vegetale aiuta a ritrovare una mobilità articolare e una libertà di movimento che non osavate più sperare di avere.

Non state sognando, non abbiamo inventato nulla: più proteine vegetali, frutta e verdura vuol dire meno dolori articolari!

Più tono ed energia

Come avete visto, un consumo abbondante di proteine è indispensabile al tono muscolare e psicologico. Se scegliete le proteine vegetali, eviterete tutti i problemi legati alle proteine animali: pasti pesanti, grassi, difficili da digerire. L'energia che il corpo non sprecherà più per assimilare le componenti degli alimenti a base di carne sarà disponibile per la forma fisica, ma anche per il buonumore.

Ammettetelo, imporre agli altri un'aria imbronciata, un colorito stanco e capelli spenti non è il massimo.

Meno rischi di sviluppare tumori

Oggigiorno lo sappiamo bene: nel cancro entrano in gioco molteplici fattori. Tuttavia, i medici concordano nell'affermare che il semplice fatto di consumare più vegetali (a partire dalle proteine) contribuisce alla prevenzione di certi tumori, soprattutto quelli dell'apparato digerente (in particolare colon), della prostata e del seno.

Un miglior umore e un morale sempre alle stelle

Non avete idea fino a che punto il contenuto del nostro piatto influenzi lo stato d'animo. Avete visto come gli aminoacidi siano indispensabili alla produzione di neurotrasmettitori cerebrali.

Se li scegliete vegetali, fornirete nel contempo alla vostra materia grigia numerosi fìtonutrienti (vitamine, minerali, oligoelementi, antiossidanti) di cui è golosa e che non esistono (o molto poco) nei prodotti di origine animale. Sono invece presenti in abbondanza nei cereali, nei legumi, in frutta e verdura, nelle spezie e nelle erbe aromatiche. Anch'essi sono mattoncini che contribuiscono al nostro benessere e alla corretta circolazione delle informazioni tra i neuroni.

Un equilìbrio acido-basico ideale

Piccolo promemoria: nel nostro organismo le sostanze acidificanti convivono con quelle alcalinizzanti. Le une e le altre devono rimanere in equilibrio.

Il nostro corpo trae beneficio da un eccesso di alimenti alcalinizzanti (basici), mentre un eccesso di alimenti acidificanti provoca rapidamente effetti nocivi: microinfiammazione latente, maggior ossidazione. Ben presto il cuore ne fa le spese, così come accade ai reni, alle articolazioni, alle ossa ecc. Senza contare un invecchiamento accelerato e una tendenza a metter su peso.

Tra tutti gli alimenti, quelli animali sono i più acidificanti. Al contrario i vegetali (ivi compresi quelli che contengono molte proteine) sono in linea generale alcalinizzanti. Un'alimentazione vegetale permette quindi di mantenere un buon equilibrio acido-basico per tutta la vita.

Una miglior assimilazione delle proteine

I glucidi a basso indice glicemico (in passato li chiamavamo "zuccheri lenti") favoriscono l'assimilazione delle proteine. Perfetto: nei legumi, nei cereali e in tutti gli alimenti ricchi di proteine vegetali ci sono degli "zuccheri lenti".

La natura è decisamente ben fatta e davvero premurosa nei nostri confronti! Ha radunato tutti gli elementi benefici nello stesso tipo di alimento. Pensateci, quando incontrerete qualcuno tentato da una dieta proteica unicamente a base di carne e di prodotti animali: gli manca la metà degli elementi necessari per condurre a buon fine il suo obiettivo!

RICETTA: Curry di Soia e Ananas

Ventre piatto, antigonfiore

Per 4 persone

Preparazione: 15 minuti
Ammollo: 10-15 minuti
Cottura: 20 minuti

Ingredienti: 250 g di riso basmati; 80 g di soia testurizzata (bocconcini); 1 cipolla; 20 cl di latte di cocco; 1 cucchiaio di curry; 2 fette di ananas (fresco o in scatola); 1 cucchiaio di olio d'oliva; sale, pepe.

  • Mettete in ammollo la soia in una capiente ciotola di acqua calda per 10-15 minuti. Scolatela e strizzatela per estrarre tutta l'acqua.
  • Tagliate l'ananas a pezzetti. Pelate e affettate finemente la cipolla, fatela rosolare nell'olio caldo, dopodiché aggiungete la soia. Salate, pepate, aggiungete il curry, l'ananas e il latte di cocco. Lasciate sobbollire per 10 minuti a fuoco lento.
  • Nel frattempo, fate cuocere il riso secondo le indicazioni sulla confezione. Scolate e servite subito, accompagnando con la salsa.
  • Il nostro trucchetto in più: per una maggior croccantezza (e più proteine!) aggiungete anacardi spezzettati. Cospargete il piatto di erba cipollina tagliuzzata appena prima di servire.

RICETTA: Gratin di Cavolfiore e Tofu

Snellezza, spezzafame

Per 4 persone

Preparazione: 15 minuti
Cottura: 15 +15 minuti

Ingredienti: 800 g di cavolfiore a cimette; 40 ci di latte di soia; 40 g di amido di mais; 400 g di tofu solido; qualche pizzico di noce moscata; sale, pepe.

  • Preriscaldate il forno a 210°C. Fate cuocere il cavolfiore per 15 minuti al vapore.
  • Nel frattempo, stemperate l'amido di mais con un po' di latte di soia. Riscaldate il restante latte di soia in una casseruola. Quando sobbolle, versatelo sull'amido di mais stemperato. Mescolate rapidamente e tornate a versare nella casseruola. Fate cuocere fino a quando la salsa si addensa, senza smettere di mescolare con una frusta. Togliete dal fuoco, aggiungete la noce moscata, il sale, il pepe e infine il tofu tagliato a dadini.
  • Disponete in un piatto metà cavolfiore, ricoprite con metà salsa, quindi ricominciate. Fate gratinare per 15 minuti circa. Servite subito.
  • Il nostro trucchetto in più: appena prima di infornare cospargete sul vostro gratin del lievito maltato. La ricetta funziona anche con i broccoli o il cavolfiore romanesco.

Il Grande Libro delle Proteine Vegetali

Proprietà, virtù e ricette

Marie Borrel, Carole Garnier, Anne Dufour

(1)

Include 8 giornate 100% vegetali su misura: non ho tempo, digestione facile, sonno perfetto, sport e fitness, antistress, snelli e in forma, speciale longevità, detox. Le proteine sono fondamentali per una vita sana. Spesso...

€ 14,90 € 12,67 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Anne Dufour

Anne Dufour, giornalista, è autrice di numerosi libri sulla salute e sulla forma fisica.
Leggi di più...

Carole Garnier

Carole Garnier scrive per un periodico sulla salute destinato al grande pubblico.
Leggi di più...

Marie Borrel

Marie Borrel, francese, esperta di benessere, ha pubblicato numerosi libri di carattere divulgativo dedicati al tema della salute. Fra questi: 60 conseils fertilité, 81 façons d’en finir avec la jalousie, 81 façons d’être heureux.
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su I buoni motivi per preferire le proteine vegetali + 2 ricette

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.