+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-18, Sab 08-12

Gli strumenti dell'erborista magico - Estratto da "Guida all'Uso delle Erbe Magiche"

di Scott Cunningham 1 anno fa


Gli strumenti dell'erborista magico - Estratto da "Guida all'Uso delle Erbe Magiche"

Leggi un estratto dal libro di Scott Cunningham e scopri come utilizzare le erbe e gli strumenti giusti per compiere riti magici

Tutte le professioni e i passatempi si servono di attrezzi del mestiere e la magia non fa eccezione. Tali attrezzi sono quegli oggetti con cui è possibile apportare un cambiamento. La magia è talvolta definita una trasformazione che avviene attraverso mezzi psichici, perciò gli strumenti utilizzati nella magia dovrebbero essere selezionati, creati e predisposti accuratamente per svolgere la loro funzione.

Stai leggendo un estratto da questo libro:

Guida all'Uso delle Erbe Magiche

Scott Cunningham

(2)

Una guida pratica a un’antica magia intrinsecamente bella che ci ricollega al mondo naturale, con il potere di migliorare la nostra vita. Per l’autore “la magia delle erbe è uno dei mezzi più facili, sicuri e gioiosi di ristabilire il...

€ 22,00 € 20,90 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Indice dei contenuti:

Il coltello magico

Lo strumento più importante impiegato nella magia delle erbe è il coltello magico. Si tratta di un cugino di primo grado dell'athame, il coltello mistico posseduto dalle streghe durante la cerimonia e nei riti magici degli iniziati alla “Vecchia religione”.

La differenza di base tra l'athame e il coltello magico sta nel fatto che del primo si fa un uso esclusivamente simbolico o per fini energetici e liturgici, mentre il coltello magico serve per tagliare erbe, fili, stoffe, ecc., ma anche per esorcizzare, lanciare incantesimi e via dicendo.

Per fabbricare il tuo coltello, trovane uno che abbia un manico di legno e una lama d’acciaio, e che possa comodamente adattarsi al palmo della mano. Assicurati che sia nuovo e che non sia sporco. Acquistalo senza contrattare sul prezzo. Avvolgilo in un panno pulito di cotone o di lino bianco e poi nascondilo dove non potrà essere disturbato fino alla prossima Luna piena. A tal proposito, all’erborista magico è di grande aiuto tenere sottomano una guida astrologica dell’anno (vedi la Bibliografia).

Nella notte prescelta, appena dopo il tramonto, recati in un luogo solitario, selvatico, in aperta campagna; sarebbe ideale trovarsi vicino a un ruscello che scorre nelle vicinanze di un piccolo colle e in solitudine completa. Sgombera un'area del terreno e raccogli della legna per accendere il fuoco. Lascia una scatola di fiammiferi accanto al legno. Se non c'è un ruscello nelle vicinanze, porta una ciotola d’argento, o di peltro, e riempila con acqua di sorgente. Se non puoi lasciare la città, esegui questo rituale nel tuo giardino o, in mancanza anche di questo, dentro casa, servendoti di un vaso di fiori che avrai riempito di terra, un camino acceso o una candela, e la ciotola d’acqua.

Ora, dopo aver trovato un posto tranquillo, seppellisci il coltello nella terra fino all’elsa, in modo che il manico punti verso il cielo. Prima di farlo, inginocchiati. Posando le mani sul terreno, ai due lati del coltello, e rivolgendoti a nord, pronuncia queste parole:

lo t’invoco, o lama d’acciaio.

Per tutta la forza che Terra racchiude

Che tu m’assista sempre fedele

Nell’arte magica che l’Erba mi schiude.

Conta lentamente fino a trenta, poi afferra il manico con la mano destra (o la sinistra se sei mancino) ed estrai il coltello da terra.

Adesso incamminati verso il punto più alto vicino a dove ti trovi, che sia un colle o una roccia, e sali sulla cima. Sollevando il coltello verso il cielo e rivolgendoti a est, pronuncia queste parole:

Io t’invoco, o lama d’acciaio.

Per tutta la forza che Aria racchiude.

Che tu m’assista sempre fedele

Nell’arte magica che l’Erba mi schiude.

A seguire, prepara il legname per un piccolo fuoco e accendilo. Poi, rivolgendoti a sud, affonda la lama tra le fiamme e recita queste o simili parole:

Io t’invoco, o lama d’acciaio.

Per tutta la forza che Fuoco racchiude.

Che tu m’assista sempre fedele

Nell’arte magica che l’Erba mi schiude.

Ancora, dirigiti verso il ruscello e immergi la lama nell’acqua corrente (o altrimenti nella ciotola piena). Recita queste o simili parole rivolgendoti a ovest: 

Io t’invoco, o lama d’acciaio,

Per tutta la forza che Acqua racchiude.

Che tu m’assista sempre fedele

Nell’arte magica che l’Erba mi schiude.

Infine, avvolgi il coltello in un panno bianco e pulito, spegni il fuoco con l’acqua del ruscello o della ciotola e torna a casa. Tieni il coltello nascosto e al sicuro fino al momento in cui lo utilizzerai. Con questo coltello taglierai tutte le erbe, i fiori, le piante, i semi, le corde, i tessuti; qualsiasi cosa sarà necessaria durante le pratiche magiche. Mantienilo sempre terso e lucente.

La bacchetta magica

Il secondo strumento più importante è la bacchetta magica. Mentre il coltello magico viene impiegato per consacrare, tagliare ed eseguire le operazioni più umili, la bacchetta è uno strumento di invocazione e di evocazione.

La preparazione della bacchetta dovrebbe avvenire di notte, durante la Luna crescente. Il tipo di legno impiegato dipende dagli interessi del mago.

Ad esempio, per le bacchette magiche viene usato più spesso il legno di nocciolo o di sambuco, dal momento che questi alberi risultano eccellenti per tutti gli scopi e le occasioni. Alcuni erboristi magici, tuttavia, sono più specializzati di altri, e hanno una bacchetta diversa per ogni genere di magia che eseguono, quali ad esempio:

  • Incantesimi d’amore — Melo
  • Magia curativa — Frassino
  • Esorcismi — Sambuco
  • Prosperità — Abete
  • Protezione — Sorbo selvatico
  • Purificazione e benedizioni — Betulla
  • Magia della luna e magia di desiderio — Salice

Per i riti magici di fertilità, viene spesso adoperata una bacchetta in legno di quercia sormontata da una ghianda (o una in legno di abete, con una pigna sulla punta). Poiché il legno deve essere ricavato da un albero ancora in vita, potresti non riuscire a trovare la varietà che desideri. Per fortuna, la maggior parte degli alberi, in particolare quelli da frutta, sono altrettanto efficaci nella magia. Durante la

creazione della bacchetta magica ti troverai a fare uso del tuo coltello magico.

Fai un bagno purificatorio (vedi il prossimo capitolo) e poi indossa abiti semplici e puliti, o una tonaca. Dirigiti verso l’albero e cammina tre volte attorno al tronco in senso orario, puntando il coltello verso l’albero e recitando parole simili a queste:

Albero immenso,

Albero buono.

Del legno tuo forte fammi dono

Perché degl’incanti che l’Erba c’insegna

lo sia ogni giorno sempre più degna.

Dopo il mio colpo cresci più forte

Maestosa sempre sia la tua sorte

Albero immenso albero buono.

Poi scegli un ramo adatto, dritto, il più possibile senza foglie e ramoscelli, lungo circa 38 cm per consentirne la sagomatura e la levigatura, mentre lo spessore non deve essere inferiore a 1,7 cm.

Con il tuo coltello magico taglia delicatamente il ramo, sussurrando all’albero la tua gratitudine. Annoda intorno al tronco un laccio rosso o seppellisci un’offerta di pane, di vino o una pietra preziosa presso le sue radici.

Una volta a casa, rimuovi tutte le fronde in eccesso dal tralcio principale. Utilizza sabbia e carta vetrata per rimuovere la corteccia, poi levigalo con una carta più leggera. In seguito lima il tralcio, servendoti di un panno asciutto per rimuovere i trucioli di legno. A questo punto ungi un panno con incenso puro o olio di sandalo e poi strofina la bacchetta come si deve. Tienila al sicuro per sette giorni in un luogo buio, avvolta in un panno giallo. Giunta la settima notte, tirala fuori e posala sulla nuda terra. Avvicina la punta del tuo coltello magico sino a toccare la bacchetta, e recita queste parole:

Io ti consacro.

Bacchetta di (nominare il tipo di albero).

In virtù della terra, dell’aria, del fuoco e dell’acqua.

La tua magia mi sia sempre fedele.

Il tuo potere mai venga meno.

Il tuo soccorso sempre sia pieno.

Con questo segno vieni tu a me

Che la tua forza sia solo per me.

Adesso, dopo aver messo da parte il coltello (infilandolo nella cintura o in tasca) tieni la bacchetta nella mano predominante; stringila saldamente. Ora invoca qualsiasi dio in cui credi. Ripeti questa stessa invocazione verso ciascuno dei quattro punti cardinali (non c’è bisogno che tu sappia esattamente le direzioni, puoi tirare a indovinare).

Molti si sentono più a loro agio nel praticare la magia in nome di un dio o di una dea. Sebbene la magia non sia collegata alla religione, essa è assolutamente spirituale (e, infatti, costituisce cuore e anima di ogni filosofia religiosa). Se dunque preferisci potenziare la tua magia con la religione, agisci esattamente così. In tal modo, avrai in mano la bacchetta mentre invochi gli dèi per assistere ai tuoi rituali o caricarli con ancora più potenza.

Solleva in alto la bacchetta con la tua mano predominante mentre invochi o preghi le divinità, rivolgendoti ai poteri della terra, dell’aria, del fuoco e dell’acqua, o di qualsiasi altra entità extra-umana.

Altri strumenti

Ecco di seguito una lista degli altri strumenti di cui avrai bisogno:

Mortaio e pestello.

Questo kit serve per macinare e mescolare le erbe, o pestare i fiori e le cortecce per produrre incensi e polveri magiche. Entrambi sono reperibili in quasi tutti i negozi di attrezzi e di erbe, cosi come nei grandi magazzini nel reparto degli utensili da cucina.

Sono disponibili in un’ampia varietà di materiali e dimensioni. I mortai in vetro e ceramica, da un lato preferibili a quelli in metallo, si possono rompere facilmente quando non si adoperano con mano gentile. I modelli di legno tendono invece ad assorbire gli odori e possono scheggiarsi o incrinarsi. Quelli in metallo o in pietra sono, in generale, i migliori con cui lavorare.

Non è necessaria alcuna cerimonia di consacrazione del tuo mortaio e del pestello. Semplicemente, puliscili bene (in vista del primo utilizzo) e ponili ad asciugare davanti al fuoco.

Un bicchiere in vetro smaltato da due quarti (o uno più grande), o altrimenti un boccale non metallico e resistente al calore.

Resistente al calore in modo da non bruciarti le mani o dover ricorrere a delle pentole. Dovrebbe, inoltre, essere dotato di un coperchio aderente in vetro o in ceramica, per trattenere il vapore e gli oli essenziali durante la lavorazione delle erbe.

Una fonte di fuoco.

Gran parte della magia delle erbe viene potenziata dall’uso del fuoco. Antiche istruzioni precisano che si può ricorrere alla semplice fiamma per il riscaldamento, quindi una stufa a gas, un camino o un semplice fornello da campeggio a propano, persino una lattina di Sterno. Se hai la fortuna di avere un camino, puoi ingegnarti per appendere un paiolo sul fuoco. Naturalmente, se la fonte del fuoco è nella stessa stanza in cui pratichi le arti magiche, ciò andrà a tuo vantaggio.

Conserva un’ampia scorta di candele e candelabri.

Le candele si adattano alla maggior parte dei rituali. La cera d’api è il materiale classico, ma anche alcune varietà di ordinaria stearina vanno bene, con il vantaggio di essere meno costose.

Tieni a disposizione una bella selezione di colori per i seguenti scopi:

  • Rosa — Amore e affetto
  • Verde— Fertilità e prosperità
  • Rosso — Passione ed energia
  • Blu — Guarigione e pace
  • Giallo — Poteri mentali e cerebrali
  • Viola — Accrescere i poteri magici
  • Bianco — Opere e benedizioni generali
  • Marrone — Pratiche magiche per gli animali
  • Nero — Scacciare le malattie, spezzare una maledizione, esorcismi.

Un incensiere, turibolo, o qualcosa dove bruciare l’incenso. Un piccolo piatto, riempito per un terzo di sabbia fine, può svolgere la medesima funzione. Se desideri un bel modello più elaborato, lo puoi cercare nei negozi di articoli religiosi o in quelli di antiquariato. La prima volta che lo utilizzerai, brucia incenso raffinato o del rosmarino per purificarlo.

Blocchetti di carbone, su cui far bruciare l’incenso.

Sono reperibili nei negozi di erbe, in quelli esoterici e nei punti vendita di articoli religiosi. E anche possibile ordinarli online. Raccomandiamo il tipo ad accensione rapida.

Olio extravergine di oliva. È richiesto in molti incantesimi.

Sale marino. A volte è necessario per alcuni rituali ed è reperibile nei negozi di alimentari (biologici).

Acqua di sorgente. Se è presente una fonte d’acqua nelle vicinanze, riempi una brocca da mezzo litro e chiudi bene con un tappo di sughero. Altrimenti, al medesimo scopo, può funzionare anche dell’acqua di sorgente in bottiglia.

Aghi e forni ture varie, un’ampia selezione di fili colorati, spille, gomitoli di lana, garze, mussole e altri tessuti naturali per confezionare sacchetti magici, amuleti e così via.

Un contagocce per miscelare gli oli.

Una penna (purché non sia a sfera) con inchiostro nero, rosso e verde.

E, naturalmente, UNA GRANDE SCORTA DI ERBE. Una selezione di base iniziale può includere rosmarino, verbena, alloro, achillea-millefoglie, ruta, incenso, cannella, eucalipto e vischio. Queste erbe tornano molto utili in un’ampia gamma di incantesimi e sono reperibili abbastanza facilmente. Ovviamente, la tua scorta di erbe sarà destinata ad aumentare con il tempo, quando inizierai a raccoglierle o acquistarle in vista di specifici rituali.

Guida all'Uso delle Erbe Magiche

Scott Cunningham

(2)

Una guida pratica a un’antica magia intrinsecamente bella che ci ricollega al mondo naturale, con il potere di migliorare la nostra vita. Per l’autore “la magia delle erbe è uno dei mezzi più facili, sicuri e gioiosi di ristabilire il...

€ 22,00 € 20,90 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Desidero ricevere Novità, Offerte, Sconti e Punti. Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi subito un premio di 50 punti.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scott Cunningham

Scott Cunningham

Scott Douglas Cunningham (Royal Oak, 27 giugno 1956 – 28 marzo 1993) è stato un saggista statunitense. Autore di numerosi libri sulla Wicca e su altri argomenti relativi alla spiritualità alternativa. Oggi il suo nome è tra i più celebri nella comunità pagana ed è considerato uno degli...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Gli strumenti dell'erborista magico - Estratto da "Guida all'Uso delle Erbe Magiche"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.