Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Giudici o Giudicati

di Margherita Gradassi 1 anno fa



Come liberarsi dal giudizio in 5 mosse

Ciascuno di noi fa sempre del suo meglio per evitare di giudicare gli altri, almeno si spera, ma a volte il giudice moralizzatore si insinua in noi, e di conseguenza sugli altri.

Fate attenzione alla sua comparsa! Ci mette su un finto piedistallo da dove è facilissimo cadere. Accorgersi di questo tipo di comportamento è già un passo in avanti verso la remissione, ma intanto qualche consiglio per aumentare la consapevolezza a riguardo non può far male.

Ecco 5 suggerimenti.

Indice dei contenuti:

1. Chi lo dice lo fa

Molto spesso chi è abituato a giudicare gli altri è un giudice severissimo di se stesso, forse in maniera inconscia. Infatti a primo acchito sembrano persone sicure e forti del loro aspetto e della loro intelligenza, ma al di sotto della corazza d'argilla si presenta un vuoto che per essere riempito trova sfogo in maniera inconsapevole sul puntare il dito verso l’esterno. In fondo mettendo in un gradino inferiore gli altri, noi stessi sembreremo più forti e potenti!

Siete d’accordo? Io no. Ricchi o poveri, belli o brutti, le persone vivono tutte sullo stesso piano. Se ci pensate la vita è emotivamente democratica. Iniziare a sentirsi più vicini agli altri è un modo per imparare a non giudicare.

Non dobbiamo giudicare le persone senza prima imparare ad ascoltarle e rispettarle.
Paulo Coelho

2. Distruggere i condizionamenti familiari.

A volte le persone tendono deliberatamente al giudizio per un loro imprinting familiare paterno o materno. Questo è spesso difficile sia da riconoscere che da eliminare, ma non impossibile.

Innanzi tutto riconoscendolo possiamo debellarlo, e il modo migliore per vederlo è subirlo: infatti i genitori che hanno insegnato il giudizio sono spesso giudicanti con i propri familiari.

Vi ricorda qualcosa? Vi da fastidio questo atteggiamento? Allora evitatelo ai posteri.

Quando giudichi gli altri, non definisci loro, definisci te stesso.
Wayne Dyer

3. La vita è uno specchio

Cosa c’è di meglio nella vita che la vita stessa? Un mega specchio dove guardarsi e riguardarsi ogni giorno.

Molte teorie orientali affermano che quello che ti accade fuori non è altro che quello che ti accade dentro. Quindi se l’atteggiamento di una persona proprio non vi piace, prima di mandarlo a quel paese (che a volte è legittimo) guardate dentro voi stessi. Verificate se esiste un seme dello stesso comportamento e decidete se dargli acqua per farlo germogliare oppure DDT.

Quando punti il dito per condannare, tre dita rimangono puntate verso di te.
Proverbio cinese

4. Camminare nelle loro scarpe

Spesso si sentono parole del tipo "avrebbe dovuto comportarsi così", "doveva dire questo", "come si è permesso", ecc.. Il giudizio ha tante forme ma decisamente è anche figlio del pettegolezzo.

Oltre ad evitare di dare adito a parole spese per altri, vi consiglio anche di mettervi veramente nei loro panni. Siate empatici, e forse quello che emergerà non sarà un giudizio ma piuttosto un abbraccio o una grande risata.

Prima di giudicare un uomo, cammina per tre lune nelle sue scarpe.
Proverbio Indiano

5. Stimatevi e Amatevi

Ribadendo il concetto di prima, il giudizio di solito proviene da non sentirsi bene con se stessi. Quindi una buona osservazione del nostro background e del nostro dark side ci permetterà di conoscerci meglio, portando ad accettarci e ad amarci semplicemente per quello che siamo.

E anche se è banale è vero: amando noi stessi ameremo anche gli altri. 

Più si giudica, meno si ama.
Nicolas de Chamfort

Buona fortuna!

Ti consigliamo...


Margherita Gradassi si laurea in ISF università di Farmacia, Diploma in Naturopatia presso Istituto Rudy Lanza con specializzazione in Iridologia Naturopatica e psicosomatica, Floriterapia di Bach e Australiana e Tecniche di massaggio Orientali. Formazione in bio-feedback “Life-System” col...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Giudici o Giudicati

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste