+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Fisiologia e patologia - Estratto da "Depurare e Curare i Reni con Rimedi Naturali"

di Roberto Marrocchesi 4 mesi fa


Fisiologia e patologia - Estratto da "Depurare e Curare i Reni con Rimedi Naturali"

Leggi un estratto dal libro di Roberto Marrocchesi e impara e prenderti cura dei tuoi reni e a mantenerli attivi e in salute

I reni si trovano sotto il diaframma, lateralmente alle vertebre lombari della colonna centrale, ciascuno con un’arteria renale e una vena, la prima che apporta sangue pulito e l’altra che filtra il sangue da ripulire. Da ciascun rene si diparte un uretere che trasporta l’urina appena formata alla vescica, una sorta di sacca a base triangolare posta dietro l’osso pubico e che si svuota nell’uretra, tubicino che esce dall’organo sessuale, più lunga nel maschio e più corta nella femmina.

Stai leggendo un estratto da questo libro:

Depurare e Curare i Reni con Rimedi Naturali

Roberto Marrocchesi

(3)

Un percorso di prevenzione e guarigione attraverso varie discipline: dall’erboristeria alla medicina tradizionale cinese, dall’ayurveda all’alimentazione naturale. Leggendo questo libro scoprirai: Come è fatto il...

€ 7,90 € 6,72 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Indice dei contenuti:

Come funzionano i reni

Il lavoro di filtraggio renale avviene grazie a un milione circa di glomeruli, piccole e complete unità morfo-funzionali del lavoro di filtrazione e riassorbimento che produrrà urina, liquido che scarica minerali, residui azotati e acqua non più utili all’organismo. È importante sapere che il filtraggio renale, assai capillare e ripetuto più volte ogni giorno, riguarda circa 100/150 litri di filtrato, ma che solo circa un centesimo, da 1 a 2 litri o poco più, sarà poi convertito in urina, mentre il grosso sarà riassorbito dal glomerulo stesso e reimmesso, purificato, nel circolo sanguigno. Il lavoro di purificazione riguarderà la sola componente fluida del sangue, non i corpuscoli ematici rossi o bianchi, le piastrine o le proteine che stanno in sospensione nel liquido.

La correlazione tra sangue e reni è molto stretta, per questo è importante anche scegliere alimentazione e stili di vita che non appesantiscano o intossichino eccessivamente il sangue, proprio per non rendere eccessivamente gravoso il lavoro di pulizia effettuato dai reni.

Il sangue è arricchito dalla dieta, in particolare dalle proteine, grosse molecole a reazione debolmente acida, tanto più acida se di origine animale. Quando il livello di acidità è troppo alto, il corpo emette ione bicarbonato, alcalino, per tamponare tale acidità. Se il livello di acidosi supera determinate soglie, i liquidi corporei tendono ad assumere una consistenza simile a quella di un gel, quindi divengono collosi, ostacolando ogni scambio nutritivo cellulare. Si innesca allora un ispessimento dei tessuti delle pareti arteriose, anche a livello di micro capillari, e il sangue scorrerà con sempre maggiore difficoltà attraverso i reni.

In tali casi, la pressione del sangue sale, il rene si sovraccarica e funziona sempre meno, gli stessi glometuli possono perdere, uno ad uno, funzionalità, il sangue sarà meno pulito e potrebbero anche formarsi depositi di acido urico sotto forma di calcoli precipitati, veri e propri piccoli “sassi” che si fermano nel rene o lungo i tratti successivi delle vie urinarie causando disfunzioni, forti dolori nel movimento o di tipo articolare, anche con reumatismi, infezioni e insufficienza urinaria. Quell’acido urico proviene dalla decomposizione proteica, soprattutto da quella delle proteine animali, più ricche e più acide di quelle vegetali.

I sintomi del malfunzionamento dell’apparato urinario possono manifestarsi a livello della quantità, del colore, dell’acidità (spesso trascurata dai medici) e della qualità delle urine; possono anche consistere in colorazioni particolari della cute e gonfiori (per esempio sotto gli occhi o alle caviglie), così come in dolori al basso ventre o alla schiena. Altri sintomi classici sono senso di stanchezza, insonnia specie nella prima parte della notte, pressione alta, urine scure o torbide, scarsa urina ma minzioni frequenti e soprattutto notturne, facilità a lividi ed ecchimosi.

Occorre comunque tenere presente che ogni problema renale ed urinario è dovuto a sangue intossicato, pieno cioè di tossine inutili che l’organismo fatica a eliminare. I reni si occupano proprio di purificare il sangue e in questo hanno nel fegato il loro principale alleato (si veda I rimedi naturali per depurare e curare il fegato, Macro Edizioni, Cesena 2015). Nei capitoli che seguono si approfondiranno la funzione depurativa dei reni e i rimedi naturali per preservare e curare questi importantissimi organi.

Il rene nella medicina cinese

Già nel mio libro I rimedi naturali per depurare e curare il fegato spiego in maniera semplice e immediata la connessione tra gli organi del corpo e la loro carica energetica. Attraverso immagini semplici possiamo facilmente comprendere il significato della teoria dei cinque elementi o wu xing, cioè le cinque fasi diverse dell’energia o cinque fasi del Qi, che stanno alla base della medicina Orientale. Esse prendono il nome dagli elementi naturali legno, fuoco, terra, metallo e acqua; ad ognuno di essi sono associate caratteristiche precise come forma, colore, numero, direzione, suono, organo, parte del corpo, cibi ecc.

Il rene e la vescica, in senso fisico e metafisico secondo i principi della medicina cinese, sono correlati all’elemento acqua, con tutti i suoi significati.

Affrontando questo approccio diagnostico-terapeutico, è utile conoscere alcuni concetti che gli sono propri, come quello del Jing (quintessenza), del Qi (energia o soffio, movimento), dello Xue (sangue, anche quello metafisico) e dei Jin Ye (liquidi organici). Tali concetti si inseriscono in un contesto dominato dalla cosiddetta legge di polarità che permea tutti i fenomeni, ovvero lo yin e lo yang, il dipolo -/ + (positivo-negativo). Il rene è visto come un vaso di liquidi (yin), finché vive è riscaldato da un calore (fuoco, yang) che gli dona movimento e vitalità.

La quintessenza Jing viene trasmessa al nascituro all’atto del concepimento, si materializza nell’aria, nei cibi e nelle bevande e, come energia ereditaria, si va a installare proprio nel rene, per poi circolare in tutti i meridiani. È come un fluido, produce il midollo nelle ossa, il tessuto nervoso e il cervello ed è la vera base della forza costituzionale, comprendente crescita, resistenza, sviluppo, capacità riproduttiva; in sintesi, è la capacità di resistere in vita e di riprodurre la stessa. In Oriente una persona con molti figli è vista come “piena di Jing”, ovvero di vitalità, o forza costituzionale.

Poco prima della nascita la forza cosmica detta Jing si installa nel rene e origina il Qi, che viene dagli antenati. I reni sono dunque la radice del Qi, quindi della vita stessa. Come detto, controllano le “acque interne”, facendo in modo che i liquidi impuri scorrano verso il basso e restituendo quelli purificati verso l’alto.

Il rapporto yin-yang dei reni genera il rapporto yin-yang di tutto l’organismo.

La parte yin fornisce la materia per nascere, crescere e moltiplicarsi, quella yang è il caldo motore di ogni funzione corporea.

Secondo i classici orientali, nel rene destro risiede il Ming men, o Porta della vita, dove si radica ogni forma di calore o Fuoco vitale necessario ai funzionamenti vitali: tutti gli organi e i visceri ne traggono energia, come da una centrale termica unica. E in relazione con la fecondazione e con la funzione digestiva (riscalda Milza e Stomaco, organi digestivi primari).

I reni odiano il freddo e il secco, sono più attivi di notte, e producono paura, paranoia e fobie varie, ovviamente tanto più quanto più si trovano in disequilibrio. Il suono dei reni è il gemito (brivido), il sapore che li stimola è il salato, ciò che li danneggia è il dolce, accumulano l’energia ancestrale con l’impulso della riproduzione.

Il loro colore è il nero, o comunque il colore scuro; rappresentano la profondità buia in cui si celano le acque, i pericoli, l’ignoto, le persone torbide o gli animali in agguato, la vecchiaia e la morte.

Le caratteristiche del rene secondo la medicina orientale

  • I reni tesaurizzano il Jing e quindi presiedono a nascita, crescita, sviluppo e riproduzione sessuale, così come a ingegno e memoria
  • Governano le acque, regno oscuro delle profondità. Danno calore alla milza
  • Producono midollo osseo e cervello, in particolar modo sovrintendono alla memoria
  • Governano le ossa e i denti
  • Hanno la loro apertura nelle orecchie
  • Si manifestano nei capelli
  • Comandano gli orifizi inferiori
  • Sono sede della volontà (lo Shen dei reni, chiamato Zi)

Cos'è il Jing

Il Jing è l'essenza vitale. Il significato originale della parola era "riso raffinato", che è la base dell'alimentazione cinese.

Affinché il corpo si mantenga in equilibrio, devono essere bilanciati il Jing (energia/essenza materiale), il Qi (energia vitale, soffio, movimento) e lo Shen (Dio, spirito, coscienza...). Essi costituiscono i San Bao, cioè “i tre tesori”. Il Jing è yin, lo Shen è yang; il Qi è intermedio tra i due.

Con il termine Jing, che traduciamo “quintessenza” o “essenza”, si intende la componente più materiale e corporea, cioè il corpo fisico.

Si può paragonare il Jing al “materiale trofico” del corpo. Si riferisce quindi essenzialmente al corpo fisico, compresi tutti i materiali che ne costituiscono la base. L’essenza è anche allo stesso tempo una forma di potenziale energetico, da cui il corpo attinge energia quando ne ha bisogno.

Il Jing innato del Cielo Anteriore è la forza creativa originale deputata al procreare e perpetuare. Innato significa costituzionale, potenzialmente eterno, atavico, contenente il genotipo dell’individuo.

Ogni individuo ne riceve una determinata quantità dalla fusione dello sperma maschile e dell’ovulo femminile. Dopo la nascita, questa essenza primordiale è immagazzinata nel complesso del rene, comprese le ghiandole surrenali e le secrezioni ormonali degli organi riproduttivi maschili e femminili. Dato che passa di generazione in generazione, è considerato immortale e auto-perpetuantesi. II Jing del Cielo Anteriore definisce la personalità, la costituzione fisica ed energetica dell’individuo, le sue predisposizioni.

Il Jing acquisito del Cielo Posteriore si sviluppa dopo la nascita dell’individuo e viene ottenuto dal cibo e dall’aria. Viene conservato nel rene e nel midollo, cosi come nel fegato e nel sangue; in ultima analisi in tutte le cellule. Esso è contenuto in molecole e proteine quali ormoni, enzimi, fluidi linfatici, plasma sanguigno, liquor spinale ecc. Permette il mantenimento delle funzioni vitali e deve essere rinnovato ogni giorno, respirando e mangiando. Anche per questo motivo, in medicina orientale il digiuno non è approvato.

Ci sono determinate scelte alimentari che non accrescono il Jing ma che lo conservano meglio, come ad esempio nutrirsi di cibi freschi, il cui patrimonio proteico e vitaminico è al massimo. Ciò vale per esempio per carni e pesci, dove tale contenuto decade rapidamente dall’istante della macellazione. Per i nostri scopi, avendo già parlato di maggiore beneficio che si trae dall’alimentazione vegetale rispetto a quella animale, ribadiamo che il Jing si conserva bene nei vegetali freschi, frutta o verdura, ma ancor meglio, e in misura maggiore, è presente nei semi integrali, cioè in tutti i cereali in chicchi, nei legumi e in semi oleaginosi e frutta secca a guscio. Tali alimenti sono il vero scrigno, o forziere, del Jing, tanto è vero che, anche dopo essere stati raccolti, conservano per lungo tempo la capacità vitale maggiore, anzi la vita per eccellenza: il potenziale riproduttivo, rappresentato dal seme integro con il suo germe.

Depurare e Curare i Reni con Rimedi Naturali

Roberto Marrocchesi

(3)

Un percorso di prevenzione e guarigione attraverso varie discipline: dall’erboristeria alla medicina tradizionale cinese, dall’ayurveda all’alimentazione naturale. Leggendo questo libro scoprirai: Come è fatto il...

€ 7,90 € 6,72 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Roberto Marrocchesi

Roberto Marrocchesi (Torino, 1951). Laureato in Farmacia, naturopata e nutrizionista da oltre 30 anni, è consulente e insegnante di Macrobiotica e di Feng-Shui (geo-manzia cinese) dal 1979. E' stato il primo italiano diplomato al Kushi Insitute for Macrobiotic Studies di Boston, nel...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Fisiologia e patologia - Estratto da "Depurare e Curare i Reni con Rimedi Naturali"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.