800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Fiori di Bach: l'autostima è un problema?

di Lo Staff di Macrolibrarsi.it 1 anno fa


Fiori di Bach: l'autostima è un problema?

Larch è il fiore che fa per te

Indice dei contenuti:

Larch e l’autostima

Il larice è un albero tipico della tundra, dall'aspetto debole, delicato tuttavia in grado di resistere alle condizioni estreme dell’ambiente in cui vive. Sotto l’apparente debolezza, esso cela una forte energia, come le persone che sono in risonanza con questo rimedio. Si tratta di soggetti molto più capaci di quanto non sembrino a prima vista.

Il Larice cresce con vigore e velocità fino a raggiungere i trentacinque metri di altezza: la sua chioma sembra incapace di mantenersi eretta, i rami si incurvano verso il basso e pare non abbiano la forza necessaria per crescere in maniera robusta. Le foglie sono fini e il profilo dell’albero rimane incerto e sfumato.

Da queste caratteristiche proprie dell’albero, si ricava un’impressione di scoraggiamento, di sconforto. D’altro canto, il larice è resistente, pregiato: i fiori appaiono modesti ma ad un esame ravvicinato mostrano caratteristiche di delicatezza e di forza allo stesso tempo. È quella la forza nascosta che il rimedio floreale fa emergere nelle persone che non hanno fiducia in se stesse 

Abbandonare l’insicurezza e sentirsi sicuri: il fiore di Bach Larch

Questo fiore è riconducibile alla mancanza di autostima e al conseguente complesso di inferiorità che si genera nello stato disarmonico. In un soggetto Larch negativo, l’attenzione è completamente assorbita dalle attività nelle quali si pensa di non riuscire alla perfezione. Il pensiero che ossessiona la persona Larch è quello di non riuscire a svolgere con abilità e con buoni risultati, determinati compiti, per cui non ci prova nemmeno e si concentra solo sulle cose che gli riescono bene.

Larch evita accuratamente di esporsi al rischio di sbagliare, quindi non si cimenta in attività nelle quali non si sente sicuro. La preoccupazione di sottostare ad una specie di esame da parte delle persone che gli sono intorno (nel caso debba occuparsi di qualcosa in cui non è esperto) produce in lui un blocco che lo spinge a ritirarsi ancor prima di aver tentato. 

Larch e il senso di inferiorità

Questi atteggiamenti ostacolano la possibilità di imparare, di migliorarsi e di vivere nuove esperienze. Così facendo ci si impoverisce e ciò che rimane è un senso di sfiducia e malinconia appena avvertibile. È come se le passate esperienze negative avessero impresso una ferita che continua a farsi sentire ogni volta che emerge l’impulso di cimentarsi in qualcosa di nuovo.

Larch disarmonico guarda molto al risultato e teme l’insuccesso: questa memoria di fallimenti passati lo condiziona pesantemente costringendolo a rinunciare a sfide, esperimenti e tentativi di sviluppo. Egli, adducendo giustificazioni apparentemente logiche e inoppugnabili, preferisce rifugiarsi in tutto ciò che ha già provato ed esperito con successo.

Anche il giudizio, per una persona Larch, diventa un nodo centrale: tutte le esperienze vengono ampiamente analizzate e valutate prima di decidere se convenga abbandonarsi a esse. 

Ti consigliamo...


Non ci sono ancora commenti su Fiori di Bach: l'autostima è un problema?

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste