800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Estratto dal libro “Metaforismi e Psicoproverbi” di Jodorowsky

di Alejandro Jodorowsky 6 mesi fa


Estratto dal libro “Metaforismi e Psicoproverbi” di Jodorowsky

Leggi alcuni brani tratti dal libro di Jodorowsky "Metaforismi e Psicoproverbi"

Indice dei contenuti:

365 tweet di saggezza - Gennaio

1 gennaio
Quello che dai lo dai a te stesso, quello che non dai lo togli a te stesso.

2 gennaio
Tutti possiamo essere necessari, ma mai indispensabili.

3 gennaio
I tuoi occhi mi vedono solo quando mi trasformano.

4 gennaio
Non sei stato prima, non sei adesso, non sarai dopo. Fuori dal tempo, ridi tranquillo.

5 gennaio
Tutto quello che facciamo, perfino morire, è un inizio.

6 gennaio
Facciamo un danno al prossimo se lo costringiamo a ricevere qualcosa che non ha chiesto.

7 gennaio
Ti comporti come un parassita del mondo, divorando i frutti altrui senza mai seminare nulla.

8 gennaio
Contemporaneamente, spiritualizzazione della materia e materializzazione dello spirito.

9 gennaio
La bellezza di un fiore che sboccia equivale alla bellezza di un fiore che appassisce.

10 gennaio
Vorresti amare, ma lo confondi con il desiderio di essere l'unico amato.

11 gennaio
La cura consiste nella realizzazione di quello che uno è. Non nella realizzazione di quello che è il terapeuta.

12 gennaio
Non esiste nessun testo sacro di per sé: la sacralità la conferisce il lettore.

13 gennaio
Più il viaggiatore è invisibile, più la sua magia cammina per il mondo.

14 gennaio
O non sei nulla, o sei troppo.

15 gennaio
Trionfare è imparare a fallire. Fallire è solo cambiare strada.

16 gennaio
L'unico modo per conoscere l'essere umano è attraverso i suoi limiti.

17 gennaio
La funzione della parola è umanizzare il pensiero. Chi trova il sole della propria mente guida la luce dei propri passi.

18 gennaio
Ci chiedono di essere quello che non siamo e ci accusano di essere quello che siamo.

19 gennaio
Per avere, da' quando non hai.

20 gennaio
Sii paziente! Non ci sono spine senza rose.

21 gennaio
Non desiderare così tanto da non poter ricevere perché sei troppo pieno di desideri.

22 gennaio
Nelle nostre ferite si trova la cura. Sono porte da cui entra la Coscienza.

23 gennaio
L'unità non è l'esclusione degli opposti bensì la loro somma.

24 gennaio
Più importante di essere amato è amare.

25 gennaio
Una cosa è buona o cattiva a seconda dell'uso che se ne fa. Lo schiocco di una frusta, quando non ferisce, è musica.

26 gennaio
Se è necessario è possibile. Ogni sete crea la sua acqua, ogni nutrimento la sua bocca.

27 gennaio
Se sei cosciente di soffrire è perché da qualche parte non stai soffrendo. Chi si vede soffrire non è chi soffre.

28 gennaio
Non si può parlare di separazione quando non si è mai stati uniti.

29 gennaio
Quello che vuoi essere, lo sei già.

30 gennaio
Non sei capace di apprezzare la bellezza altrui perché non sei cosciente della tua.

31 gennaio
Voler possedere l'altro non è amarlo, bensì cercare di annientarlo assorbendolo dentro noi stessi.

365 tweet d'amore - Aprile

1 aprile
Solo le ferite possono comprendere il piacere di una cicatrice.

2 aprile
Essere solidi l'uno per l'altro può non escludere l'aver smesso di amarsi.

3 aprile
Sia benedetto questo dolore che mi unisce a te, perché nelle solitudini che mi mandi ho la prova del tuo impossibile essere!

4 aprile
Il tuo clitoride ha insegnato alle mie dita la delicatezza.

5 aprile
Succedono cose inattese, c'è sempre la possibilità di un incontro che credevamo impossibile.

6 aprile
Per conquistare quell'amore a distanza, riduci la distanza.

7 aprile
Sono tuo, la mia libertà è appartenerti.

8 aprile
Si può amare soltanto quello che si amava fin da prima.

9 aprile
Nulla è più piacevole di una carezza non necessaria.

10 aprile
Il cuore è un animale selvatico, si dà solo a chi lo sa domare.

11 aprile
Gli occhi dell'uno e gli occhi dell'altro non si guardano, guardano insieme. Una sola visione, un solo amore.

12 aprile
Grazie a te finalmente conosco la gioia di essere vulnerabile.

13 aprile
Non vi è nulla in me che sia separato da te, la tua presenza è incessante. ,

14 aprile
Quando ti ho accarezzata, mi sono accorto di avere vissuto per tutta la vita con le mani vuote.

15 aprile
Ah, come vorrei essere queste lettere che ti baciano gli occhi!

16 aprile
Non ho un modo per amarti. Ti amo in tutti i modi che mi sono possibili.

17 aprile
L'assenza da me stesso è il palazzo in cui regna la tua presenza.

18 aprile
Ti amo dalle mie radici alla tua danza, dal mio rospo alla tua principessa, dalla mia pelle alla tua anima, dai miei limiti ai tuoi infiniti.

19 aprile
Il tuo sesso è l'unico tempio in cui voglio pregare.

20 aprile
Respirare un attimo senza di te, impossibile.

21 aprile
Mi brucino pure, mi riducano in cenere, in me non troveranno nient'altro che te!

22 aprile
Amare è cercare nell'altro quello che tu non hai.

23 aprile
Mi stai riempiendo così tanto il cuore che chiunque mi si presenti davanti credo che sia tu.

24 aprile
Assurdo amante, la lasci perché hai paura che lei ti lasci.

25 aprile
Sei reale perché ti immagino.

26 aprile
Anche se lo spazio è infinito, nel tuo cuore mi sono costruito una gabbia.

27 aprile
Vivo nella speranza di ardere al centro di te.

28 aprile
Amare è ringraziare l'altro della sua esistenza.

29 aprile
Mi piacerebbe perderti solo per ritrovarti.

30 aprile
Camminiamo insieme, tu con il tuo ego e io con il mio, come due ciechi che, pur essendo riusciti a vedere, si portano dietro i loro cani guida.

Domande e risposte

Ho una figlia di quattro mesi, come posso aiutare la sua coscienza a espandersi?
A quell'età la coscienza si espande da sola. Non impedirle di svilupparsi. 

Mia moglie non prova più desiderio. Che cosa posso fare perché possa recuperarlo?
Con grande eleganza, lascia che si faccia un amante.

Mia mamma è morta, sto soffrendo, come posso consolarmi?
Non vi è nessuna consolazione possibile, accetta il dolore. Con il passare del tempo il dolore diminuisce e l'amore aumenta. : .

Che cosa posso fare perché il mio migliore amico accetti di non avere il potere?
In mezzo alla strada, levagli i pantaloni e scappa via lasciandolo in mutande.

Ho cacciato di casa la mia donna. Adesso si è sposata e io mi sono pentito.
Fatti sculacciare da tua madre suUe sue ginocchia, gridandoti: "Sciocco!".

Tratto dal libro:

Metaforismi e Psicoproverbi

Alejandro Jodorowsky

Alejandro Jodorowsky stavolta ci regala pillole di saggezza e di sentimento, per allontanare i cattivi pensieri, correggere posture mentali distorte, cominciare la giornata con una carica di ottimismo.

E lo fa interagendo con i suoi lettori, in un dialogo continuo.

Nella parte finale, una serie di domande frequenti da parte dei suoi lettori e follower, cui risponde dando anche suggerimenti di psicomagia.

Vai alla scheda

ALEJANDRO JODOROWSKY, nato nel Cile del Nord nel 1929, figlio di immigrati ebreo-ucraini, si è trasferito dal 1953 a Parigi (città dove risiede tuttora), dove ha fondato con Fernando Arrabal e Roland Topor il movimento di teatro “panico”. Artista eclettico, Jodorowsky durante la sua...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Estratto dal libro “Metaforismi e Psicoproverbi” di Jodorowsky

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste