800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Estratto dal libro “Il manuale dell’argilla”

di Giuseppe Ferraro 1 anno fa


Estratto dal libro “Il manuale dell’argilla”

Leggi un’anteprima dal libro “Il manuale dell’argilla”

Indice dei contenuti:

L’argilla è una delle materie prime più antiche che l’uomo abbia mai usato. In tempi remotissimi, grazie alla mor­bidezza e alla plasticità che la contraddistingue, si producevano ceramiche e oggetti ornamen­tali per i più comuni usi domestici e decorativi.

Le prime notizie storiche sull’uso dell’argil­la a scopo cosmetico risalgono all’epoca dell’an­tico Egitto.

Per fare il sapone gli egizi sostituivano la soda con una miscela composta di carbonato di calcio e argilla e, secondo alcuni autori, quest’ul­tima veniva utilizzata insieme ad altre sostanze per mummificare i cadaveri.

Un’altra notizia dell’epoca ci dice che alcune forme di dolore venivano curate con il fango del fiume Nilo che conteneva una certa quantità di argilla.

Durante l’epoca egizia, gli uomini agivano non in base a un pensiero razionale, ma seguen­do forme di conoscenze istintive, le stesse che permettevano loro di costruire le piramidi, e di avvicinare gli elementi della natura per curare la bellezza e le malattie. Quando gli antichi egizi usavano l’argilla per curare un trauma, una slo­gatura o per far calcificare più in fretta un arto rotto, non sapevano che l’argilla possiede una capacità di scambio cationico, che è ricca di sili­ce e di allumina, e che nella sua composizione sono presenti tanti altri metalli.

Tali conoscenze scientifiche appartengono alla nostra epoca. Nell’antichità gli uomini posse­devano una conoscenza istintiva in base alla quale sapevano che usando una maschera di argilla su un arto rotto, se ne accelerava la calcificazione, così come gli animali sanno riconoscere grazie al loro istinto le erbe buone da quelle velenose.

L’argilla ventilata

L’argilla ventilata sta a indicare un’argilla fine e impalpabile, a granulometria molto regolare che di solito viene impiegata per uso interno. L’argilla ventilata, grazie al suo alto grado di finez­za, quando si scioglie nell’acqua può liberare molti più elementi di quanto non possa fare la stessa argilla a granulometria più grossa.

Il termine macinata fine indica un tipo di argilla avente una granulometria piccola e regola­re, ma sempre maggiore rispetto alla granulome­tria della ventilata. Si adopera per uso esterno.

Il termine macinata grossa indica un tipo di argilla che presenta una pezzatura della dimen­sione di una noce mista a della polvere.

Anche l’argilla macinata grossa si adopera per uso esterno. Quando l’argilla si scioglie in acqua, una parte di essa non si dissolve e preci­pita, mentre un’altra parte rimane in sospensio­ne, formando una soluzione torbida che viene chiamata acqua argillosa o gel di argilla. La parte dell’argilla che precipita è costituita dalla silice cristallina e da altri minerali insolubili; il gel è costituito dall’argilla pura con tutti i sali mine­rali e gli oligoelementi solubili di quella deter­minata argilla.

La crema di argilla o maschera di argilla o cataplasma è una miscela di argilla e acqua nella quale possono essere presenti anche altre sostanze, quali estratti vegetali, oli vegetali, oli essenziali, succhi di frutta, tisane, ecc.

La crema di argilla è una vera e propria emulsio­ne, dove l’emulsionante è l’argilla. L’emulsionante è una sostanza capace di legare in maniera omogenea due sostanze polari che da sole si respingerebbero e si separerebbero come fanno l’acqua e l’olio.

A seconda dei casi la crema di argilla può essere preparata con acqua calda, tiepida o fredda.

Il Manuale dell'Argilla

Il Manuale dell'Argilla

Ne "Il Manuale dell'Argilla" Giuseppe Ferraro, uno dei più importanti conoscitori di questo straordinario rimedio, presenta in maniera chiara e approfondita le sue eccezionali proprietà, ne delinea l'origine, la composizione e il fondamentale ruolo che la medicina naturale le assegna.

L'Argilla, potente medicina naturale dalle numerose proprietà terapeutiche, rappresenta da secoli un rimedio prezioso, semplice da utilizzare, economico e facile da reperire, per la cura di numerosi disturbi.

Dalla gastrite all'emicrania, dalla menopausa al raffreddore, dall'acne alla cellulite, sono tantissime le patologie per le quali è possibile servirsi di questo sedimento di minerali.

Acquista ora

Ti consigliamo...


Giuseppe Ferraro si è laureato in Scienze Biologiche all'Università di Milano. Ha seguito i corsi di agopuntura energetica cinese, di macrobiotica, di erboristeria, di shiatzu. Da molti anni coltiva lo studio dell'Antroposofia, la scienza dello spirito fondata da Rudolf Steiner, con...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Estratto dal libro “Il manuale dell’argilla”

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste