Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Dedica - "La Disobbedienza" libro di Igor Sibaldi

di Igor Sibaldi 1 anno fa



Leggi in anteprima un brano del nuovo libro di Igor Sibaldi "La Disobbedienza"

Care Marie di Nazareth, mi rivolgo a voi direttamente, o almeno spero di riuscirci: non è impresa facile raggiungere la vostra attenzione – quella autentica, antica – attraverso i tanti aspetti che avete assunto nella nostra società, nella vostra vita di tutti i giorni.

Senza dubbio nel secolo XXI voi vi presentate, anche a voi stesse, come persone che attribuiscono grande importanza al loro lavoro: o perché gli dedicano otto ore al giorno in quasi tutti i mesi dell’anno, oppure perché state cercando impiego; e avete imparato a guidare un’auto che vi piace, o che non vi piace, o di cui non vi chiedete più se vi piaccia o no; guardate la televisione, leggete e scrivete cose su internet, andate in palestra o pensate di doverci andare, frequentate supermercati e farmacie – e date per scontato che Maria di Nazareth sia una donna famosa, vissuta (pare) venti secoli fa.

Invece a me risulta che quella ragazzina tanto problematica per tutti è dentro di voi: è lì che aspetta, e vorrei proprio che ci facciate caso.

Non c’è bisogno di stupirsene più di tanto: sono cose risapute: al pari di tanti altri protagonisti dei libri sacri, anche Maria venne immaginata al preciso scopo di rappresentare certe potenzialità più o meno sublimi di ogni individuo; e se quei libri si definiscono «sacri», cioè dotati di particolare potere, proprio perché numerose generazioni di lettori si sono accorti che occorre soltanto un po’ di coraggio e di lucidità per riconoscere, in quei loro protagonisti, altrettanti specchi.

O forse non sapete che è risaputo? Nessuno ve l’ha mai detto? Mi dispiace: si vede che avete bazzicato troppo persone autoritarie a cui faceva comodo tacerlo. Vi avrebbero dato troppa dignità se ve l’avessero spiegato; e a nessuna gerarchia, né religiosa né statale, piace che i sudditi sappiano di valere molto. Come si dice: al contadino non far sapere certi dettagli organolettici sul cacio e sulle pere – se no, non te li venderà più per quattro soldi. E se voi sapeste di essere anche Maria di Nazareth, non vi vendereste mai.

A voler essere ottimisti, poniamo pure che abbiano voluto risparmiarvi un senso di responsabilità: non è cosa da poco, per il nostro sistema nervoso, sapere di essere la madre di chi cambierà il mondo! E quelle tali autorità reputavano che voi voleste essere innanzitutto gente normale, una massa obbediente e devota, e che certi enigmi delle Scritture potessero intralciare questo vostro intento. Ma nel corso dei secoli capitano momenti in cui è necessario affrontare certe circostanze interiori, e stavolta ci siamo: che lo si voglia o no, ognuno di noi sta portando in sé un futuro molto più grande di tutto ciò che fino a qualche tempo fa sembrava importante. Proprio come avvenne a Maria.

La migliore dimostrazione di ciò – e la più semplice e immediata – è quel senso generale di noia disperata, che tanti si sforzano di ignorare: ovunque guardi, manca qualcosa che ti farebbe sembrare il mondo un bel posto dove vivere a lungo. Vedi soltanto cose che sai già, o che non ti importano. E la maggior parte delle cose che sai già contengono minacce alla tua identità, o determinano situazioni di oppressione.

Alcuni, per sedare questa noia, si sforzano di avere ideali, cioè certezze di principio e speranze riguardo al futuro – e le esagerano, per non vedere che sono anch’esse vecchie, e da molto tempo inconsistenti.

Altri reagiscono a quella noia diventando aggressivi verso i loro simili o (cosa più facile) verso se stessi. E si ottundono, si istupidiscono, si analfabetizzano. Di questi, un numero considerevole decidono di ammalarsi: e non devono faticare a lungo per riuscirci, dato che il corpo non vede l’ora di manifestare tutto il suo scontento per il modo in cui è stato maltrattato fin da quando era bambino.

Il lato bello di questa brutta situazione è che, se il mondo ti appare tanto insufficiente, è proprio perché in te vive qualcuno che avrebbe bisogno e voglia di un mondo diverso. Quel qualcuno non è te: è una tua futura personalità; tu, come ti trovi ora, sei solo la madre. Maria, appunto, e nientemeno.

Compito della tua Maria interiore è fare in modo che quel futuro nasca, finalmente, e cresca vigoroso. È chiaro che poi, se tutto andrà bene, quel qualcuno dirà «io» con la tua voce, guarderà con i tuoi occhi, penserà con la tua mente. Ma non somiglierà a te come sei ora, più di quanto un ragazzino somigli a un genitore. E in questo libretto ho provato a dare qualche indicazione perché ciò avvenga, possibilmente presto.

Buona Annunciazione.
Buon Natale.

Milano, novembre 2014

Ti consigliamo...


Igor Sibaldi, nato a Milano (dove vive tuttora) nel 1957 da madre russa e padre toscano, è scrittore, studioso di teologia e storia delle religioni. Ha pubblicato diversi romanzi presso Mondadori e curato l'edizione e la traduzione di numerosi classici della letteratura russa. Studioso di...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Dedica - "La Disobbedienza" libro di Igor Sibaldi

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste