+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08-19, Sab 08-12

Cosmesi: guida alle sostanze tossiche

di Claudia Tartaglia 1 anno fa


Cosmesi: guida alle sostanze tossiche

Scopri i veleni nascosti nei prodotti di bellezza

Ciascuna donna utilizza prodotti cosmetici con l'intento di conferire al proprio corpo un aspetto migliore.

Make-up, sieri antiage, creme idratanti e trattamenti per i capelli spesso vengono accompagnati da un packing accattivante e da una campagna commerciale che ne garantisce l'efficacia.

Le sostanze impiegate per la realizzazione di questi prodotti penetrano nella cute e attraverso un processo di diffusione entrano in circolo nell'organismo. Ma sono davvero sicure per la nostra salute?

In questo articolo parliamo di...

Il Trucco c'è e si Vede

Inganni e bugie sui cosmetici, e i consigli per difendersi

Beatrice Mautino

(9)

La bellezza e la salute sotto inchiesta: la parola all'esperta che ha provato per noi i prodotti esposti nei negozi di cosmetica e in farmacia Siamo sommersi da ogni tipo di informazione sui cosmetici. La televisione ci bombarda di pubblicità, le...

€ 15,00 € 14,25 -5%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Indice dei contenuti:

La lettura dell'INCI

L'unico modo per valutare la salubrità di un cosmetico è quello di leggere attentamente gli ingredienti riportati nell'etichetta, la cui dicitura internazionale è INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients).

Gli elementi vengono elencati in ordine decrescente: come capolista troviamo la sostanza maggiormente presente nel prodotto, solitamente l'acqua e in coda l'ingrediente impiegato in minor percentuale.

Non è la singola componente chimica considerata nociva a destare preoccupazioni ma la combinazione con altre sostanze della stessa tipologia presenti nel medesimo prodotto.

Le componenti chimiche tossiche

I composti chimici la cui potenziale tossicità è stata accertata e possono essere considerati responsabili circa l'insorgenza di determinate patologie, sono:

Petrolati

Composto chimico ricavato da un particolare processo di distillazione del petrolio, utilizzato in cosmesi per le sue proprietà leviganti, ammorbidenti e filmanti. Questo idrocarburo viene impiegato per la realizzazione di: bagnoschiuma, creme antiage, lozioni dopobarba, dentifrici, balsami, gel per i capelli e rossetti.

Qualora il procedimento di raffinazione non venga svolto correttamente, c'è un'elevata probabilità che il petrolato venga contaminato da idrocarburi diventando tossico per il nostro organismo e dando vita a processi di macerazione della pelle.

Il petrolato 'impuro' è stato classificato come potenziale cancerogeno.

Parabeni

Vengono impiegati negli shampoo, scrub, lozioni corpo, balsami, detergenti viso e docciaschiuma in qualità di conservanti biocidi.

Rilasciando sostanze simil cancerogene, l'utilizzo costante di prodotti ricchi di parabeni va ad interferire sull'attività endocrina creando disfunzioni. Studi dimostrano che i parabeni sono potenzialmente responsabili dello sviluppo di neoplasie cutanee.

Cessori di Formaldeide

Sostanze impiegate come agenti conservanti in prodotti per capelli liscianti, dentifrici, smalti indurenti, fondotinta, mascara, bagnoschiuma, saponi liquidi per bambini e creme per il corpo.

Questi ingredienti nel loro impiego rilasciano un aldeide denominato formaldeide che presenta un grado di tossicità rilevante ed è in grado di determinare l'insorgenza di disturbi importanti che interessano vari distretti.

Sono attribuibili a tale composto: allergie da contatto, malattie che interessano le prime vie respiratorie e l'insorgenza di un tipo di tumore che colpisce il tratto naso-faringeo.

Analisi dei cosmetici

Ftalati

Tali sostanze chimiche sono esteri originati dal petrolio impiegati nell'industria cosmetica come solventi. Li possiamo trovare nei prodotti per le unghie, spray per i capelli, shampoo, deodoranti e profumi.

Ricerche hanno dimostrato la correlazione tra impiego di prodotti contenenti ftalati e il rischio di andare incontro a disordini endocrini, disturbi all'apparato riproduttivo e all'insorgenza del diabete di tipo due.

Talco

Elemento minerale inorganico composto dal silicato di magnesio e di alluminio.

Il talco viene impiegato, per il suo elevato potere assorbente, nella produzione di cosmetici quali: polveri per bambini, maschere per il viso, ombretti, fondotinta, cipria e detergenti intimi femminili.

Preoccupazioni sanitarie interessano prevalentemente l'impiego della polvere aspersoria nell'area perianale femminile, in quanto potrebbe incrementare il rischio di contrarre un carcinoma ovarico. La sua inalazione potrebbe generare disturbi all'apparato respiratorio.

1,4 Dioxane

Sostanza chimica eterociclica utilizzata come agente schiumogeno ed emulsionante in saponi liquidi, shampoo e bagnoschiuma.

L'uso quotidiano di prodotti a base di diossano può portare all'insorgenza di determinate patologie, quali: irritazioni cutanee e disturbi all'apparato respiratorio. Studi scientifici dimostrano la sua potenziale cancerogenicità.

Sodio Lauril Solfato

Il Sodio lauril solfato è un composto chimico tensioattivo ed emulsionante presente in dentifrici, bagnoschiuma, shampoo e detergenti intimi. La sua presenza è rilevabile sulla base dell'elevata quantità di schiuma che rilascia il prodotto.

L'impiego quotidiano di prodotti che contengono tale sostanza chimica può dar luogo ad allergie da contatto e disturbi respiratori. Il rilascio di diossano e nitrosammine da parte del SLS é potenzialmente cancerogeno.

PEG

Nell'etichetta la dicitura PEG si accompagna sempre ad un numero, la cui crescita è proporzionale al suo grado di tossicità. Tale sostanza consiste in un glicole polietilenico originato da un processo di lavorazione del petrolio che funge da agente emulsionante in unguenti, detergenti, shampoo e creme per il corpo.

Un elemento costitutivo del PEG è l'ossido di etilene: agente cancerogeno che rende vulnerabile il sistema immunitario.

Analisi dei cosmetici

Cocamide

Tale sostanza deriva da un processo di trasformazione chimica dell'olio di cocco e viene impiegata come agente schiumogeno ed emulsionante per la realizzazione di creme per le mani, saponi, shampoo, balsami, detergenti intimi e bagnoschiuma.

Il rilascio di nitrosammine da parte del Cocamide rende tale composto particolarmente tossico per l'organismo e responsabile di allergie da contatto. Studi scientifici rilevano la sua potenziale cancerogenicità.

Fragranze

Molti di questi composti sono derivati dal petrolio e vengono impiegati per dare al prodotto una determinata texture. Sono presenti in: deodoranti, bagnoschiuma, shampoo, makeup, maschere per il viso, scrub esfolianti e profumi sintetici.

Tra i disturbi fisici che tali elementi possono cagionare sono stati riscontrati: allergie da contatto, emicrania e problematiche cardiovascolari. Alcuni tipi di fragranze sono di sospetta natura cancerogena.

Metalli pesanti

Mercurio, piombo, alluminio, nichel, cobalto, arsenico, cromo, zinco e ferro sono alcuni tra i metalli pesanti impiegati nell'industria cosmetica.

L'impiego quotidiano di make-up, creme solari, dentifrici e creme idratanti contenenti tali sostanze può risultare tossico per l'organismo e potrebbe generare l'insorgenza di determinati disturbi quali: patologie ormonali, squilibri del sistema nervoso e carcinoma mammario.

La corretta scelta di un prodotto di origine naturale

Alla luce di quanto esposto, risulta opportuno e salutare dirigersi verso trattamenti cosmetici che sfruttano proprietà idratanti, antiossidanti e detergenti di origine naturale e biologica con un'efficacia equiparabile ai prodotti di bellezza di sintesi.

Nell'etichetta, gli ingredienti di origine vegetale, li troviamo elencati con la dicitura latina del nome botanico della pianta seguita dall'indicazione in inglese di quale parte di questa è stata impiegata per l'estrazione della sostanza.

La qualità di un buon prodotto naturale può essere rilevata dal quantitativo di ingredienti di origine vegetale impiegati per la sua realizzazione.


Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi novità, sconti, promozioni speciali riservate e un premio di 50 punti spendibili sul sito.

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati per l'uso dei servizi di Macrolibrarsi.it (Privacy Policy)

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Claudia Tartaglia

Claudia Tartaglia

Claudia Tartaglia ha deciso di dare una svolta alla sua vita abbandonando l'attività di consulente giuridico per dedicarsi alla sua grande passione: la medicina non convenzionale e la sua divulgazione. Attualmente esperta in alimentazione naturale, erboristeria, oligoterapia, aromaterapia,...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Cosmesi: guida alle sostanze tossiche

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI NSIIURR
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.