+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Cos'è successo dopo.. - Estratto da "Chi ha Spostato il Mio Formaggio? - Il Seguito"

di Spencer Johnson 6 mesi fa


Cos'è successo dopo.. - Estratto da "Chi ha Spostato il Mio Formaggio? - Il Seguito"

Leggi un capitolo tratto dal libro di Spencer Johnson e scopri come prosegue la storia dello gnomo Tentenna. Riuscirà a trovare un Nuovo Formaggio?

Per diversi giorni Tentenna rimase chiuso nella sua casa vicino al Deposito di Formaggio F, continuando a passeggiare nervosamente avanti e indietro, inquieto e agitato.

Si aspettava ancora che comparisse altro Formaggio e non riusciva a capacitarsi del perché non accadesse. Era sicuro che se avesse tenuto duro e avesse continuato ad aspettare, le cose sarebbero cambiate.

Ma non cambiavano.

E perché Ridolino non tornava?

Mentre misurava a grandi passi il pavimento di casa, provò a immaginare tutte le possibili risposte.

All’inizio si disse: Starà sicuramente rientrando. Uno di questi giorni arriverà e tutto sarà come prima.

Ma il tempo passava e di Ridolino non si vedeva nemmeno l’ombra.

Tentenna diventava sempre più ansioso, e cominciò ad avere altri pensieri.

Si è dimenticato di me.

Si sta nascondendo.

Lo sta facendo apposta! Amico mio, come puoi tradirmi cosi?

Quest’ultima possibilità lo mandò su tutte le furie, e più ci pensava, più si arrabbiava.

Era furioso perché Ridolino lo aveva lasciato solo, furioso perché il Formaggio era sparito, furioso perché niente di quello che faceva sembrava poter risolvere o migliorare la situazione.

Si fermò e strillò: «NON È GIUSTO!»

Sfiancato per il troppo camminare e la grande tensione, Tentenna si lasciò cadere sulla sua poltrona preferita e si mise a rimuginare.

E se Ridolino si fosse perso?

Se si fosse fatto male, o peggio?

Dimenticò la propria rabbia e cominciò a pensare soltanto al suo amico, a tutte le cose terribili che gli sarebbero potute succedere.

Dopo un po’, gli passò per la mente un’altra domanda. Invece di: Perché Ridolino non è tornato? iniziò a chiedersi: Perché non sono andato con lui?

Se fossi partito con lui, pensò, forse le cose sarebbero andate diversamente. Forse Ridolino non si sarebbe perso. Forse non gli sarebbe capitato niente di male. Forse in quel momento se ne sarebbero stati insieme a mangiare Formaggio.

Perché non si era spostato con il Formaggio come aveva fatto il suo amico? Perché non era andato con Ridolino? La domanda lo rodeva come un topo rode un pezzetto di Formaggio.

E intanto aveva sempre più fame.

Tentenna si alzò dalla poltrona e ricominciò a camminare, finché inciampò contro qualcosa sul pavimento. Si chinò e lo raccolse. Solo dopo aver soffiato via la polvere lo riconobbe. Era un vecchio scalpello.

Ricordò il giorno in cui, alla ricerca di nuovo Formaggio, aveva tenuto lo scalpello mentre Ridolino lo colpiva con un martello per perforare il muro del Deposito di Formaggio F. Gli sembrava quasi di sentire quel rumore risuonare ancora tra le pareti della stanza.

Ding! Ding! Ding!

Guardò bene per terra finché trovò anche il martello e pure da quello soffiò via la polvere. Soltanto allora si rese conto di quanto tempo fosse passato da quando era partito con Ridolino alla ricerca di Formaggio!

Sentiva la mancanza del suo amico e cominciava a preoccuparsi. Fino a quel momento non aveva fatto altro che aspettare che comparisse altro Formaggio e che Ridolino tornasse.

Ma non c’era traccia né dell’uno né dell’altro.

Doveva agire, non poteva più rimanere chiuso in casa ad aspettare. Doveva entrare nel Labirinto e mettersi alla ricerca di Formaggio.

Rovistò la stanza, scovò le scarpe da ginnastica e le indossò, come lui e Ridolino facevano sempre quando uscivano a caccia di Formaggio. Mentre le allacciava, valutò la situazione, riepilogando i fatti.

Sapeva che doveva trovare altro Formaggio e che se non ci fosse riuscito sarebbe morto.

Sapeva che il Labirinto era un posto pericoloso, pieno di angoli bui e vicoli ciechi che non portavano da nessuna parte, quindi doveva stare molto attento.

Infine, sapeva che affrontare la realtà, trovare altro Formaggio e sopravvivere dipendeva esclusivamente da lui.

Era solo.

Scrisse tutto questo su un pezzetto di carta, che mise subito in tasca in modo da non dimenticarselo.

Come stanno le cose

  1. Devo trovare altro Formaggio. Se non ci riesco, muoio.
  2. Il Labirinto è un posto pericoloso, pieno di angoli bui e vicoli ciechi.
  3. Dipende tutto da me. Sono solo.

Riassumere come stavano le cose fece sentire meglio Tentenna. Almeno sapeva a che punto si trovava.

Lanciò un’occhiata al martello e allo scalpello: forse gli sarebbero serviti nel viaggio che lo aspettava, per esplorare i più reconditi recessi del Labirinto.

Raccolse gli attrezzi e li infilò in una sacca, che mise a tracolla.

Armato del suo bigliettino, di un robusto martello e di uno scalpello, si avventurò nel Labirinto.

Chi ha Spostato il Mio Formaggio? - Il Seguito

Liberati dagli schemi per raggiungere il successo nella vita e nel lavoro

Spencer Johnson

Ritroviamo Tentenna, lo gnomo che alla fine di Chi ha spostato il mio formaggio? era rimasto nel labirinto da solo. Eccolo che comincia a pensare che se vuole sopravvivere deve cercare il formaggio che è sparito. Esplora il...

€ 15,90 € 13,52 -15%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Spencer Johnson

Spencer Johnson nasce in South Dakota, Stati Uniti, e si laurea in Psicologia e Medicina nel 1963 in California. Ha esercitato la professione presso la Harvard Medical School ed è diventato famoso nel 1998 grazie al libro "Chi ha spostato il mio formaggio?"Successivamente ha ricoperto in grosse...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Cos'è successo dopo.. - Estratto da "Chi ha Spostato il Mio Formaggio? - Il Seguito"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.