800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Come curare il pasto principale secondo la medicina Ayurvedica

di Valentina Tudisco 2 mesi fa


Come curare il pasto principale secondo la medicina Ayurvedica

Il pranzo rappresenta il pasto principale della giornata.

L’Ayurveda conferisce un’importanza fondamentale al processo della digestione ed è quindi basilare arrivare al pasto con un fuoco gastrico (Agni) attivo e, secondariamente, essere in grado di digerire ciò che è arrivato nello stomaco.

L’Ayurveda suggerisce di pranzare intorno alle 12.00 - 12.30, ovvero nell’orario pitta (del fuoco), che va dalle 10.00 alle 14.00 perché questo favorisce la digestione.

Per arrivare affamati in questa parte della giornata è consigliato:

  • evitare merende in prossimità del pasto. Ad ogni modo se si ha fame durante la mattinata si può fare un piccolo spuntino a base di frutta secca o frutta fresca in linea con la stagione
  • non bere liquidi nei 30 minuti che precedono il pranzo
  • evitare di alzarsi tardi. L’Ayurveda suggerisce che il momento migliore per iniziare la giornata è prima delle sei, nell’orario vata, orario che facilita il movimento. L’orario successivo, che va dalle sei alle dieci, è infatti orario kapha, che ci fa essere più appesantiti e lenti
  • fare una colazione leggera e non più tardi delle otto del mattino
  • assumere un cucchiaio di zenzero grattugiato con succo di limone e un pizzico di sale, prima del pasto. Questo aiuta ad “accendere” il fuoco gastrico (Agni).

E’ molto importante il modo in cui ci si approccia al pasto, secondo l’Ayurveda non bisogna mai eccedere e abbuffarsi, bisognerebbe infatti essere persone in equilibrio al punto da avere un giusto livello di fame.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • sedersi a tavola puliti, tranquilli senza sentimenti negativi quali rabbia, tristezza e angoscia, vanno quindi evitate anche le discussioni mentre si pranza
  • stare soli o in compagnia di persone piacevoli
  • bere poco e prediligere acqua a temperatura ambiente o, a seconda della stagione e del tipo di costituzione, acqua calda bollita per 10 minuti e conservata in un termos
  • dedicare al pasto 20-30 minuti
  • evitare di parlare eccessivamente
  • non lavorare, guardare la tv (in particolare quando parla di cronaca nera), usare cellulari ecc.
  • rimanere seduti a tavola almeno 5 minuti alla fine del pasto.

Solitamente il pasto dovrebbe iniziare con i cibi meno digeribili come crudità e/o cibi pesanti quali dolci, a seguire pasta e legumi, vegetali cotti, yogurt, riso e concludendo con frutta ben matura (l’Ayurveda sconsiglia frutta acerba o mal matura).

Quando ci si alza da tavola idealmente bisognerebbe sentirsi leggeri e non appesantiti; gli antichi saggi affermano che la quantità giusta è quella che può essere contenuta nelle due mani unite a coppa.

Quando si mangia in modo eccessivo, solitamente ci si sente stanchi fino a rischiare di addormentarsi mentre sarebbe meglio evitare il riposino dopo il pasto. Il momento migliore per il riposo sono le ore notturne, dalle 22.00 alle sei.

Per aiutare la digestione, a fine pasto, si possono masticare semi di finocchio o ajowan, fare una piccola passeggiata o stendersi per 5 minuti sul fianco sinistro.

Ti consigliamo...


Valentina Tudisco è da sempre appassionata al mondo della natura e degli animali. Vive in campagna con suo figlio, il suo compagno, nove cani, un gatto, due caprette e altri animali adottati. Attualmente lavora presso Macrolibrarsi store.
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Come curare il pasto principale secondo la medicina Ayurvedica

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste