800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Bambini in salute

di Roberto Gava 26 giorni fa


Bambini in salute

Le strategie della prevenzione primaria per garantire ai nostri bambini un presente e un futuro di benessere psico-fisico: intervista al dottor Roberto Gava

Il dottor Roberto Gava ha dedicato la sua vita allo studio, alla ricerca, alla divulgazione e alla professione medica. Ha fatto della prevenzione primaria e dell’integrazione delle medicine non convenzionali nella professione medica i cavalli di battaglia del suo operare sia come medico che come divulgatore, occupandosi di alimentazione, igiene e stile di vita, stress e malattia, vaccinazioni di massa.

Proprio per le sue posizioni cautelative nei confronti della pratica vaccinale di massa è stato recentemente oggetto di un procedimento di radiazione dall’albo professionale dei Medici, cosa che non gli sta impedendo di continuare il suo lavoro di divulgazione.

E infatti è recentemente uscito il suo ultimo libro Bambini sani oggi. Dedicato alla prevenzione primaria in ambito pediatrico, il libro risulta una vera e propria “mappa della salute” che ogni genitore dovrebbe avere in mano, sia per meglio comprendere i segnali di salute e malattia del proprio figlio, sia per adottare le migliori strategie per fortificare il suo complesso sistema corpo-mente-spirito.

Dottor Gava, in questo numero di Scienza e Conoscenza abbiamo raccolto diversi articoli che ci forniscono un quadro molto chiaro di quanto il nostro corpo sia esposto a inquinanti ambientali e farmacologici sconosciuti fino a un paio di generazioni fa. Nel suo libro lei paragona il bambino a un “bicchiere”: ci puoi spiegare questa metafora e qual è il rischio a cui i bambini di oggi sono maggiormente sottoposti rispetto al recente passato?

Mi sono inventato questa metafora circa cinque anni fa per spiegare che un bambino (ma questo concetto non è età-dipendente) si può rappresentare come un “bicchiere” la cui capienza simboleggia la capacità di sopportazione e di compensazione di tutti gli squilibri o i danni che lo interessano.

Nel “bicchiere” di ogni bambino cadono tanti liquidi con caratteristiche e qualità diverse che sono espressione dei numerosi fattori patogeni che lo colpiscono. Se il “bicchiere” è grande, sopporta/compensa molte condizioni patogene per molto tempo, ma se il “bicchiere” è piccolo (o il carico del danno patogeno che lo colpisce è eccessivo per lui) il suo grado di sopportazione/compensazione si riduce e quando il “bicchiere” è pieno e trabocca, il liquido si spande all'esterno, cioè lo squilibrio o la malattia si evidenzia esternamente con sintomi e/o segni clinici evidenti.

Oggi, il “bicchiere” di un bambino inizia a ricevere fattori squilibranti prima ancora di nascere. Infatti, prima della gravidanza i genitori e durante la gravidanza la madre, passano al figlio molte debolezze e squilibri causati da:

  • fattori genetici, con le relative debolezze o patologie ad essi connesse;
  • fattori psicologici, cioè il modo di pensare e l’energia biologica vitale dei genitori nel momento del concepimento e della madre durante la gravidanza;
  • stress psico-fisici personali, familiari, lavorativi, sociali;
  • alterata igiene di vita, specie gli errori alimentari, le conseguenze psico-fisiche di uno scarso movimento o di uno scarso riposo notturno, ecc;
  • patologie acute o croniche o un eventuale intervento chirurgico in anestesia generale;
  • usi e abusi farmacologici, specie di farmaci ad azione squilibrante il sistema immunitario;
  • inquinamento ambientale, con le sue conseguenze tossiche in entrambi i genitori o nella madre durante la gravidanza.

Se ci pensiamo bene, molti di questi fattori non esistevano fino a poco tempo fa, oppure erano molto meno intensi di oggi: è per questo che i bambini di oggi sono più a rischio. Ovviamente, i suddetti fattori patogeni, adattati al comportamento del bambino stesso, agiscono in lui anche dopo il concepimento e dopo la nascita.

Ora dobbiamo chiederci: cosa può far traboccare il “bicchiere” del nostro bambino?

La risposta è semplice. Il “bicchiere” trabocca a causa degli stessi fattori che abbiamo appena citato: una qualsiasi azione, malattia o fattore che oltrepassi i limiti di sopportazione dell’organismo del bambino e che agisca specialmente sul suo sistema immunitario.

Tutti i genitori hanno a cuore la salute dei propri figli e vogliono il meglio per loro. Pensiamo che ogni avanzamento della scienza medica rappresenti un miglioramento, per cui la maggior parte dei neo-genitori accetta con entusiasmo la mole di esami e di indagini oggi proposte dal concepimento alla nascita (indagini prenatali, esami neonatali ecc.). Quali sono i risvolti negativi di percorsi gravidanza, parto e post parto ormai completamente medicalizzati?

I genitori dovrebbero essere informati in particolare dei rischi di una gravidanza in età avanzata, dell’importanza (relativa) e delle controindicazioni della diagnosi prenatale e dei rischi della fecondazione medicalmente assistita, ma anche dello stress che molti, troppi esami proposti provocano alla donna in stato interessante.

Dal primo mese di gravidanza è tutto un esame. Ciò che in passato era fisiologico, ora è affidato alla scienza medica dal primo all’ultimo giorno. Il ginecologo e l’ostetrica curano, danno indicazioni, usano strumenti e tendono a monitorare il bambino il più possibile.

Però questo approccio è veramente necessario solo per una piccola minoranza di parti. Perché non ritorniamo a selezionare i casi e a essere interventisti solo dove veramente serve?

Certo, in questo modo il medico si deve assumere delle responsabilità nell’operare una scelta, ma questo è il vero senso della missione medica.

Scienza e Conoscenza - n. 62

Rivista trimestrale di Scienza Indipendente

Autori Vari

In questo numero di Scienza e Conoscenza scoprirai tutto quello che non ci dicono sulle sostanze tossiche che assumiamo ogni giorno e come possiamo tutelare al meglio la nostra salute. Metalli pesanti, sostanze chimiche,...

€ 7,90 € 6,72 -15,00%

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda

Ti consigliamo...


Roberto Gava

Il Dott. Roberto Gava si è laureato in Medicina all'Università di Padova, si è specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica, per poi perfezionarsi in Agopuntura Cinese e Omeopatia Classica. Dopo dieci anni di lavoro in ambiente universitario ed essere stato autore...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Scienza e Conoscenza, la scienza che non ti aspetti. Rivista trimestrale illustrata nata nel 2002 dalla volontà dell'allora editore Giorgio Gustavo Rosso (direttore del Gruppo Editoriale Macro) di creare uno strumento di informazione capace di rintracciare le connessioni tra le indagini...
Leggi di più...

Dello stesso editore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Bambini in salute

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste