800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Anteprima Il Sale dell'Himalaya LIBRO di Maurizio Costi

di Maurizio Costi 5 anni fa


Anteprima Il Sale dell'Himalaya LIBRO di Maurizio Costi

Il sale rosa cristallino dell'Himalaya è un sale fossile, integrale, ricco di minerali e bioenergeticamente puro. Finalmente un testo con la storia, le caratteristiche e i molteplici utilizzi a vantaggio della nostra salute.

Salt Range è una catena di montagne che fa parte del complesso himalayano nella provincia del Punjab pakistano e che si estende dal fiume Jhelumper fino al fiume Indo. È sede delle più importanti miniere di sale come Khewra, Mayo, Warcha e Kelabagh da cui proviene quasi tutto il sale himalayano in commercio. Ci sono anche cave di sale a Jatta e Bahadurkhel nella North-West Frontier Province (NWFP).

La miniera di Khewra si trova a 160 km da Islamabad ed è considerata la più grande, o la seconda più grande, miniera di sale al mondo. Qui il sale si trova anche sulla superficie e venne scoperto già nel III secolo a.C. dalle truppe di Alessandro Magno. Secondo la storia, ci fu una battaglia tra Alessandro Magno e il Rajah Poro in questa zona. Dopo la vittoria di Alessandro i soldati si riposarono per riprendere le forze e videro alcuni cavalli leccare il terreno in una determinata area dove il sale affiorava in superficie, qualcuno annotò l'evento su un diario e la notizia arrivò a noi.

Nel XIII secolo vennero impiantate le prime miniere a cielo aperto di piccole dimensioni a opera del Rajah Janjua. Nel 1872 durante la dominazione britannica il dottor H. Warth, un ingegnere minerario di grande fama, costruì il primo tunnel a livello del terreno per accedere agli strati più interni di sale introducendo il concetto di camera e l'estrazione a pilastro ancora utilizzati ai giorni nostri. A oggi il sale viene estratto in 19 diversi livelli, producendo circa 325.000 tonnellate all'anno.

Più della metà della produzione di sale di Khewra viene venduta alle aziende chimiche pakistane mentre il restante viene venduto come sale da tavola nel paese e all'estero, soprattutto in India. Una piccola quantità è utilizzata per produrre oggettistica come le lampade di sale, vasi, piatti, sfere, sculture che sono in vendita presso la miniera turistica ed esportati all'estero in grandi quantità.

È operativo e in continuo sviluppo turistico all'interno della miniera un resort di Haloterapia per i malati di asma. Il viaggio all'interno della miniera è molto lungo: i visitatori devono percorrere circa 1,5 chilometri prima di raggiungere il sale. Alla miniera si accede attraverso un lungo corridoio di 5 metri di altezza e 7 metri di larghezza con un trenino su rotaie solitamente utilizzato per il trasporto del sale. Vengono anche organizzate escursioni su un trenino originale del 1930. All'interno della miniera ci sono varie attrazioni tra cui una moschea, una camera enorme chiamata Assembly Hall alta 75 metri e altre camere colme di soluzione idrosalina (acqua satura di sale).

(...) Esistono documenti che provano l'utilizzo delle grotte di sale himalayane per uso terapeutico già 6000 anni fa. Nella grotta si crea un microclima dove le particelle di sale, grazie alle correnti interne umide, sono presenti nell'aria e vengono così inalate. Il sale arrivato nelle vie respiratorie fluidifica il muco favorendone l'espettorazione, i muscoli delle pareti respiratorie si distendono e i canali si allargano favorendo la respirazione e curando diverse patologie tra le quali asma, bronchiti croniche e disordini respiratori vari. Oggi non c'è bisogno di andare fino in Pakistan, esistono grotte artificiali o stanze di sale dove le correnti naturali vengono sostituite dagli ionizzatori, in questi resort è possibile guardare la tv, mangiare e dormire in ambienti di sale. In alcuni paesi nordici come Polonia, Germania, Finlandia, Svezia, Scandinavia, Austria la Haloterapia è riconosciuta come terapia medica e sostenuta dallo Stato.

 

UNA RICETTA: GAMBERONI AL FORNO IN LETTO DI SALE

Con questa ricetta potete cucinare tutti i tipi di pesce che rimangono al naturale e vengono cucinati senza grassi.

Ingredienti (4 persone):

Preparazione:

Stendete su una teglia da forno con bordi alti uno strato di sale alto circa 1 dito e cospargete il sale con il mix di erbe aromatiche tritate.

Lavate i gamberoni e asciugateli, disponeteli sullo strato di sale accostati l'uno all'altro e non sovrapposti.

Aggiungete un altro strato di sale che ricopra interamente i gamberoni.

Infornate i gamberoni al sale in forno preriscaldato a 200° e cuocete per 20 minuti circa.

Sollevate ora lo strato di sale superficiale ed estraete i gamberoni picchiettandoli sul bordo della teglia per rimuovere i residui di sale eventualmente rimasto attaccato al guscio.

Il Sale dell'Himalaya

Perché fa bene e come usarlo

Maurizio Costi

Il sale rosa cristallino dell'Himalaya è un sale fossile, integrale, ricco di minerali e bioenergeticamente puro. Questo sale è la base della vita stessa e può essere usato per curarsi, mantenersi giovani, cucinare e tanti...

€ 12,00

Disponibilità: Immediata

Vai alla scheda


Maurizio Costi è uno dei responsabili della Cooperativa Ananda Assisi, distributore di prodotti per il benessere con il marchio Inner Life. Praticante di meditazione Kriya e di Aikido, ha lavorato per quindici anni come chimico prima di trasferirsi in Umbria nella comunità Ananda dove risiede...
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Ultimo commento su Anteprima Il Sale dell'Himalaya LIBRO di Maurizio Costi

icona

Dicky

scusate

scusate, ma io il sale dell'Himalaya con quello che costa non lo uso per farlo con i gamberetti al forno e poi gettarlo via... preferisco usarlo per condire o godermelo come lampada per diffondere un buone energie nell'ambiente!

Recensione utile? (0 )

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste