800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Acqua di Shungite: berla o non berla?

di Arcangelo Miranda 4 anni fa


Acqua di Shungite: berla o non berla?

Questo redazionale di Arcangelo Miranda, autore dell'introduzione del libro "Shungite: pietra di protezione per eccellenza" ci può aiutare a comprendere i pro e i contro circa l'uso in acqua da bere della pietra di shungite non levigata che potrebbe rilasciare elementi tossici possibile causa di problematiche neurologiche.

Lo diciamo subito: secondo noi potrebbe essere rischioso bere acqua trattata con la shungite nera, quella che normalmente si trova in giro a qualche euro al chilo. Eppure Vadim Zeland, nel suo Transurfing Vivo, la consiglia addirittura con enfasi...

Tuttavia diciamo subito che Vadim Zeland, secondo noi, non parlerebbe di shungite nera, bensì della shungite Èlite; la base di questa confusione risiede nel fatto che informazioni provenienti da “culture diverse” possono essere travisate nella loro sostanza a causa della mancanza di conoscenza del modo di esprimersi di quel luogo.

Questo dell'acqua trattata con la shungite nera è uno di quei casi.

Indice dei contenuti:

Caratteristiche della Shungite

La shungite è un minerale tipico della Repubblica di Carelia, regione nord-occidentale della Russia; essa possiede caratteristiche uniche e quelle basilari le troviamo principalmente nel fatto che la molecola è costituita da una particolare forma di carbonio raggruppato in una configurazione che ricalca quella del pallone da calcio; il nome di questo tipo di molecola è fullerene. Il carbonio si può raggruppare fino a formare palloni di 70 atomi, ma per quel che riguarda la shungite abbiamo carbonio 60 (fullerene C60) oppure carbonio 70 (fullerene C70)

Questo per quanto riguarda l'attore principale, cioè il carbonio; tuttavia esistono anche più tipi di shungite ed infatti si usa una formale classificazione che parla di Tipo 1, Tipo 2, Tipo 3 , Tipo 4 e Tipo 5: questa distinzione viene fatta rispetto alla concentrazione di carbonio-fullerene presente nella pietra (maggiore è il tipo, minore è la concentrazione, quindi la tipo 5 non ha carbonio: infatti è spesso ardesia).

Solo la Tipo 1 e la Tipo 2 possiamo classificarle “ottime qualità di shungite” in quanto contengono oltre il 30% di carbonio-fullerene, mentre gli altri tipi di Shungite contengono quantità così basse di fullereni che non ci prendiamo neanche la briga di chiamare questo aggregato minerale “shungite”; sai, è come quando compri un cibo e sulla bustina trovi scritto “potrebbe contenere tracce di nocciole” in quanto nella stanza a fianco si lavorano le nocciole (sono frasi obbligatorie per cautelare le persone che potrebbero avere uno shock anafilattico da tracce di alcuni cibi allergeni): ebbene, dalla tipo 3 in poi io parlo di tracce di shungite e non di shungite.

Mentre molti fornitori russi che trovi on line sono fasulli, nel senso che paghi e non riceverai mai i loro prodotti (alcuni rivenditori ci hanno perso migliaia di euro), altri venditori di Shungite, anche europei, possono vendere quella di tipo 3, 4 e 5 spacciata per Shungite di Tipo 2.

La tipo 1 non è “confondibile” con le altre, vediamo perché.

Shungite Tipo 1 e Tipo 2

C'è una profonda differenza tra la Shungite di Tipo 1 e le altre; la differenza sostanziale sta nel fatto che la Tipo 1 contiene fino al 98% di fullereni-carbonio e non può essere lavorata in quanto questo tipo di shungite non è un cristallo: quindi non è possibile usare questo minerale per poterlo lavorare in forme.

Ricordiamo che il carbonio è una sostanza allotropica, cioè che una sua sequenza di atomi può dar luogo, a seconda di come essi si legano tra loro, a sostanze finali con caratteristiche diverse: è per questo che il carbonio può essere diamante, grafite, carbone e fullerene di shungite, oltre ad altre cose.

La shungite Elite è bellissima a vedersi, ha un colore antracite-specchio meraviglioso, ma non la puoi lavorare in quanto i fullereni sono semplicemente stratificati, come le pagine di un libro: se ci metti su un attrezzo, si sfalda, spesso anche se solo la stringi poco gentilmente. L'unica cosa che si riesce a fare è, a fatica, di inserirci un gancetto per poterlo rendere un pendente o un portachiavi, ma niente di più.

E qui ci avviciniamo al cuore del problema: mentre la Shungite Èlite è composta da circa il 98% di carbonio-fullerene, la shungite Tipo 2 possiede un 30% di carbonio-fullerene tenuto insieme da un altro 65% di materiali e sono proprio questi altri ingredienti che fan sì che essa possa essere lavorata in piramidi, sfere, cubi, ma anche in bracciali, orecchini, collane e tante altre cose carine ed eleganti.

Ecco che affrontiamo il problema dell'acqua trattata con la shungite: nella Tipo 2, oltre al 30% di carbonio-fullerene, ci sono mediamente i seguenti elementi chimici:

  • 57% di Biossido di Silicio
  • 6% di Triossido di Titanio
  • 2,5% di ossido di Ferro
  • 1,1% di ossido di Magnesio
  • 0,6% di ossido di Calcio
  • 0,2% di ossido di Sodio
  • 1,5% di ossido di Potassio
  • 1,1% di Zolfo
  • 4% di triossido di alluminio

ed è proprio su questo 4% di ossido di alluminio che può nascere il problema: l'alluminio, da una buona parte della comunità scientifica, è ritenuto essere la causa della malattia neurologica conosciuta come Alzheimer. L'alluminio è un metallo che interferisce con i segnali elettrici del cervello e ne altera le condizioni; le lattine di alluminio che contengono bibite sono ricoperte di plastica affinché la bibita non corroda e rilasci l'alluminio.

Allo stesso modo si può notare che è rarissimo che si trovi in vendita pentolame in alluminio per uso domestico a meno che non sia rivestito (strato anti-aderente); tuttavia nelle cucine professionali si continuano ad usare pentoloni in alluminio per risparmiare tempo ed energia, ma purtroppo ci sono anche dei farmaci di uso comune che contengono alluminio (alcuni antiacidi, ad esempio) e questo ci dovrebbe far sospettare del perché questo elemento dannoso alla salute neurologica non venga dichiarato ufficialmente pericoloso dalla comunità scientifica. E, se non ti basta, non dimentichiamo le annose polemiche del mercurio che potrebbe essere causa di autismo ma, per il fatto che è usato nelle amalgami dentarie, non è mai stato dichiarato fuorilegge.

Non si dovrebbe mai mettere il foglio di alluminio a contatto con i cibi acidi, specie il pomodoro, né si dovrebbe leccare il film-coperchio dallo yogurt che vi aderisce perché così ti mangi anche i sali di alluminio formatisi dalla corrosione del cibo acido con la pellicola metallica (sulla scatola della pellicola di alluminio c'è proprio l'avvertimento che dice di non mettere a contatto con la pellicola cibi acidi, prova a vedere...).

Considerando che le acqua che usiamo sono fondamentalmente acide, forse puoi cominciare a ipotizzare cosa voglio dirti di seguito...

Vadim Zeland e Transurfing Vivo

In "Transurfing Vivo" lo scrittore Vadim Zeland ha ricordato come la Shungite cristallina venga usata anche per trattare l'acqua: una pratica iniziata dallo Zar Pietro I oltre 300 anni fa

A fine del 1600 il più grande degli Zar, pluri-ammalato e acciaccato, venne invitato dai medici di corte di lasciare San Pietroburgo per qualche settimana e di spostarsi 400 Km. più a nord, nell'area della città di Shunga, “perché lì la gente guarisce”.

E così avvenne: dopo alcuni giorni di vacanza Pietro I si sentiva sempre meglio e fu così che promulgò un editto in cui, per rigenerarsi, obbligava tutti i soldati dell'impero a trascorrere 15 giorni all'anno di “vacanza” nel resort termale Acque Marziali che fece costruire a Shunga; inoltre, alla partenza, ogni soldato doveva mettersi nel proprio zaino una pietra di shungite Èlite da immergere nell'acqua prima di berla affinché, in 30 minuti, l'acqua divenisse batteriologicamente pura in caso di necessità.

Ad esempio, la concentrazione di microbi pericolosi di streptococco Enterococcus sembrerebbe diminuire durante questo periodo di 100 volte, mentre gli streptococchi causa di infezioni acute e croniche (scarlattina, mal di gola, impetigine, ectima, febbre reumatica, nefrite ecc.) di diverse centinaia di volte. Dopo 3 giorni l'acqua trattata con shungite assume anche importanti proprietà energetico-vibrazionali. Fu proprio in estate, nella guerra contro gli svedesi, che l'Impero Russo vinse contro un esercito svedese che aveva problemi di dissenteria per aver bevuto l'acqua del fiume batteriologicamente impura.

Quando Vadim Zeland afferma: “... bevo acqua dove ho precedentemente lasciato a riposare carbone di shungite...”: parliamo di shungite Èlite che è carbonosa al 98%.

Noi, nel dubbio di procurare malattie neurologiche, abbiamo deciso di sconsigliare di bere acqua trattata con sassi (frammenti o scaglie) di shungite non di Tipo 1 in quanto questi sassi possono rilasciare nell'acqua tracce di alluminio che potrebbero essere nocive alla salute neurologica.

Le proporzioni tra acqua e shungite è di 100 grammi per ogni litro d'acqua, ma la Èlite ha un costo approssimativo di più di 100 euro per 100 grammi.

Al contrario, probabilmente già sai che in tutti i siti del mondo 100 grammi di frammenti di shungite (non di Èlite quindi) vengono venduti a 3 o 4 euro e le persone si bevono acqua con queste pietre che rilasciamo probabilmente alluminio.

Inoltre devi anche considerare che per la Tipo 2, contenente il 30% di fullereni, dovresti usarne un qualcosa come 300 grammi per litro per avere lo stesso effetto di pulizia ed energizzazione dei 100 grammi di Èlite che contengono 3 volte in più la quantità di fullereni.

Lo Zar Pietro, ricordiamo, quando aveva ricevuto i benefici dalla cura con la shungite era a Shunga e proprio della pietra di shungite Tipo-1 aveva imposto ai suoi soldati di portarsela nello zaino. In tutto il mondo, solo a Shunga esiste la Èlite. L'acqua energizzata con una shungite che non è la Èlite può essere una pericolosa fonte di alluminio.

La Shungite di Tipo 2 non viene da Shunga, ma dai territori intorno al lago Onega su cui anche Shunga affaccia.

Ci sono ulteriori rischi provenienti da altri due fattori:

  • a parità di peso, se usi dei sassi o delle scaglie rispetto ad una sola pietra, la superficie di contatto dell'acqua è molto più elevata (se tagli una mela a metà, oltre alla superficie della buccia avrai altre due superficii in più) per cui maggiore sarà il rilascio di residui;
  • la shungite non levigata ha un effetto di rilascio molto più elevato rispetto allo stesso pezzo levigato; se provi a toccare della shungite non levigata ti fai le mani nere, mentre se tocchi la shungite levigata (sfere, piramidi cubi, ad esempio) non ti sporchi mai le mani.

Detti questi due aspetti, l'uso di scaglie o pietre di shungite, specie se non levigata, determina un rilascio di alluminio estremamente elevato.

Ti consigliamo...


Arcangelo Miranda

Nato nel 1964, Arcangelo Miranda ha sviluppato i suoi interessi per oltre venti anni nel settore dell’alta tecnologia; in possesso di più titoli di studio in campi diversi tra loro e di profonde conoscenze nel settore scientifico, unitamente alla necessità di esprimere il suo sentire ed alla...
Leggi di più...

Dello stesso autore


Gli ultimi articoli


Ultimi 2 commenti su Acqua di Shungite: berla o non berla?

icona

Francesca

Mi fa piacere vedere che Macrolibrarsi...

Mi fa piacere vedere che Macrolibrarsi inserisca articoli come quello che sto commentando. La mia opinione generale relativa a quanto oggi circola sull'utilizzo a scopi terapeutici delle pietre è che molto spesso autori non specialisti, che di quelle sanno ben poco, diffondono notizie imprecise, che possono essere pericolose per la salute altrui. La cristalloterapia infatti è una disciplina molto seria e complessa, che richiede lunghi studi, ed anche una pratica effettiva e altrettanto prolungata. Per quanto io apprezzi molto gli scritti di Zeland, ritengo che oltre ai fraintendimenti dovuti alla diversità tra culture, nel suo caso intervenga anche la tendenza di cui sopra, per cui chi è competente in un campo, ma non abbastanza in fatto di pietre, vuole trattarne ugualmente. L'alluminio, compreso quello del tipo comunemente venduto di Shungite, come già sapevo bene in pratica e non in teoria, è davvero nocivo se assunto in eccesso. Concordo in pieno, dunque e invito tutti alla cautela e ad informarsi.

Recensione utile? (0 )

icona

anna maria

Macrolibrarsi potrebbe fare delle pre-ordinazioni di...

Macrolibrarsi potrebbe fare delle pre-ordinazioni di Shungite 1 e poi procurarla a chi lo desidera?

Recensione utile? (0 )

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste