800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Una nuova-vecchia religione - Estratto dal libro "Primi Passi nella Wicca"

di Thea Sabin 9 mesi fa


Una nuova-vecchia religione - Estratto dal libro "Primi Passi nella Wicca"

Leggi in anteprima le prime pagine del libro di Thea Sabin e scopri che cosa è davvero la religione wiccan lasciando da parte tutti i luoghi comuni

Di recente io e mio marito ci siamo recati in una caffetteria per incontrare un uomo interessato a entrare a far parte del nostro gruppo di studio wiccan. Anche noi, come molti wiccan che coordinano gruppi di persone, facciamo in modo cheil primo incontro con un cercatore — una persona che cerca il proprio cammino spirituale — avvenga in un luogo pubblico, sia per comodità che per motivi di sicurezza. Davanti a una tazza di tè, abbiamo chiesto al cercatore perché fosse interessato alla Wicca; è una domanda che rivolgiamo a chiunque ci chieda di essere formato da noi.

Se la persona ci risponde che sta cercando una religione basata sulla natura, un percorso di miglioramento personale, un modo per entrare in comunione con l a divinità, o qualcosa di questo genere, continuiamo la conversazione. Se l'interrogato invece ci dice di voler lanciare una maledizione alla sua ex, preparare calderoni pieni di sostanze tossiche, fare innamorare qualcuno, adorare il diavolo o volare su una scopa, gli facciamo capire che gli è andata male, e gli suggeriamo educatamente di rivolgersi a un terapeuta.

Quando abbiamo rivolto questa domanda al cercatore in questione, la sua risposta è stata che, nonostante avesse ricercato informazioni sulla Wicca nei libri e su Internet, partecipato a rituali pubblici wiccan e visitato librerie metafìsiche, le informazioni disponibili sull'argomento erano talmente vaste che non era sicuro di aver capito che cosa fosse vera Wicca e cosa invece non lo fosse. Inoltre non riusciva a stabilire come isolare gli aspetti spirituali da tutto il resto. Le sue parole furono:

«So che c'è una religione qui, nascosta da qualche parte». Aveva deciso di trovare un insegnante che potesse aiutarlo a fare chiarezza.

È facile capire il motivo della sua confusione. Negli ultimi anni la Wicca e la magia hanno imperversato all'interno della cultura popolare americana. La serie televisiva Vita da strega è ormai piuttosto datata, ma Sabrina, vita da strega, i libri di Harry Potter, Il signore degli anelli, Streghe e Buffy Vammazzavampiri, hanno generato una nuova ondata di cercatori, anche se di fatto queste serie o film hanno ben poco in comune con l a vera Wicca. Siamo arrivati al punto in cui è stato coniato il termine «generazione malocchio» a indicare tutti gli adolescenti e i ragazzi spinti verso la Wicca da questo tam tam mediático. Sul mercato ci sono più libri che mai su questo argomento, e su Internet si possono trovare più di 6000 siti dedicati alla Wicca. Esistono programmi radio wiccan, associazioni di categoria wiccan, chiese wiccan.

C'è perfino la «Barbie magie e incantesimi», con tanto di costume luccicante, calderone e polvere «magica»; certo , tecnicamente non è wiccan, ma di sicuro anche lei contribuisce a creare confusione.

Vista tutta questa popolarità improvvisa, verrebbe da pensare che la Wicca sia ormai entrata a far parte della cultura d o minante; beh, non so se sia un bene o un male, ma non è così.

I media hanno semplicemente presentato idee false, confuse e contraddittorie riguardo alla Wicca. In effetti è probabile che molte più persone siano entrate in contatto con la parola «Wicca», tuttavia nella cultura popolare non esiste un'immagine coerente e chiara dei suoi praticanti. Grazie ai film e alle serie televisive i wiccan sono forse stati «promossi» da vecchie megere con la faccia verde e il cappello a punta a donne sensuali molto poco vestite e con anelli all'ombelico, che aiutano gli altri con i loro «poteri»; non si tratta però di un ritratto più preciso (ci sono molti maschi wiccan, tanto per cominciare), né di un miglioramento.

Anche i wiccan, qualche volta, si sentono confusi: perfino tra di loro nascono molte discussioni (e va bene, litigi) riguardo a cosa sia un wiccan. Non ho intenzione di buttarmi nella mischia ora; desidero invece che questo libro vi fornisca un quadro generale sulla Wicca, in modo che possiate essere voi a decidere quale sia la verità.

Ai fini di questo libro, ecco alcune definizioni:

  • Un wiccan è una persona che segue la religione/il percorso spirituale wiccan e che ha ricevuto un'iniziazione o si è formalmente e ritualmente dichiarata wiccan.
  • Alcuni wiccan utilizzano in modo intercambiabile le parole «wiccan» e «strega», ma ci sono streghe che non si considerano wiccan. I wiccan sono un sottogruppo delle streghe.
  • wiccan e streghe sono entrambi sottogruppi di un gruppo più ampio: i pagani. I pagani praticano religioni legate alla terra. La maggior parte dei wiccan e delle streghe si considera pagana, ma non tutti i pagani sono wiccan o streghe. I cristiani a volte definiscono pagani tutti coloro che non sono cristiani, musulmani o ebrei, ma noi non utilizzeremo questa definizione.

In questo libro, quando utilizzo il termine «stregoneria», mi riferisco a ciò a cui si dedicano wiccan e streghe: rituali religiosi e formule magiche. Utilizzo il termine Wicca per riferirmi alla religione omonima.

Quindi, cos'è la Wicca? Esistono molte risposte a questa domanda; eccone alcune tra le più comunemente accettate.

La Wicca è una nuova religione che combina antiche tradizioni popolari ed elementi più moderni. E liberamente basata sui riti e rituali pagani dell'Europa occidentale - nati prima di Cristo e praticati anche nelle epoche seguenti - come il rispetto per la natura, l'osservanza del ciclo delle stagioni, la celebrazione del raccolto, la magia. Sebbene parte di questi riti arcaici trovi posto ancora oggi all'interno della Wicca, la sua struttura di base e molte delle sue pratiche sono in realtà più moderne. Alcuni elementi di questa religione derivano da vecchi grimori (libri di magia) medievali, da organizzazioni occulte come la Golden Dawn, e da tecniche che i moderni wiccan elaborano in autonomia, in accordo con i loro bisogni o le diverse situazioni. La Wicca è una religione viva, in costante evoluzione. Non stiamo parlando della stregoneria di cui potete leggere nella maggior parte dei libri di storia, anche se la storia delle due tradizioni è intrecciata. La stregoneria è probabilmente vecchia come il mondo.Vi si fa menzione nella letteratura classica, come nelle storie di Medea e di Circe, e naturalmente nei documenti della Chiesa cristiana delle origini.

Uno dei primi e più famosi documenti ecclesiastici sulla stregoneria è il Canon Episcopi, che ebbe un impatto profondo e duraturo sulla filosofia dei cristiani nei confronti della stregoneria e del paganesimo. Il documento divenne parte del diritto canonico nel XII secolo, ma si pensa che la sua datazione sia anteriore (un possibile anno di origine è il 906 d.C). Il Canon affermava, in pratica, che la stregoneria era un'illusione che traeva origine dai sogni, e che credervi era un'eresia, o comunque contro gli insegnamenti della chiesa. Ecco cosa dice una famosa sezione del Canon

Certe donne abbandonate, pervertite per opera di Satana, sedotte da illusioni e visioni demoniache, credono e affermano apertamente di cavalcare nottetempo certe bestie al seguito della dea pagana Diana, insieme a orde di altre donne, e di attraversare, nel silenzio assoluto della notte, grandi spazi, obbedendo ai suoi comandi e chiamandola signora... ma volesse il cielo che codeste soltanto perissero, cosi prive di fede, senza trascinare cosi tante altre nel profondo pozzo privo di luce in cui si trovano. Moltissime, infatti, cadute nell'imbroglio di queste idee infondate, credono si tratti della verità, e cosi credendo perdono la loro giusta fede ricadendo in pagani errori, pensando che possano esistere divinità e potere che non siano quelli dell'unico Dio.

L'idea che la credenza nella stregoneria e nel paganesimo fosse un'eresia sopravvisse fino al regno di papa Innocenzo VIII , il quale emise la bolla papale Summis desiderantes affectibus; in tale documento si affermava che la stregoneria, in effetti, esisteva, e che l'eresia consistesse nel praticarla. Già in precedenza erano apparse lettere ecclesiastiche in cui si rivedevano le posizioni espresse nel Canon Episcopi, ma la nuova bolla fu particolarmente efficace perché fu emanata nel 1484, periodo dell'invenzione della stampa, assieme al Malleus Maleficarum, il famigerato trattato - scritto dagli inquisitori domenicani Heinrich Kramer e Jacob Sprenger - che disquisiva della ricerca, delle torture e delle azioni legati in riferimento alle donne sospettate di stregoneria.

La bolla aprì la strada all'Inquisizione, alla caccia alle streghe e alla morte di migliaia di persone accusate di stregoneria; assieme al Malleus cristallizzò, codificò e diffuse molte delle idee che finirono per essere intimamente associate alla stregoneria medievale. Tra queste c'era la credenza che le streghe firmassero un patto con il diavolo (tra l'altro suggellato baciandogli il posteriore, cosa che nessun wiccan con un minimo di amor proprio sarebbe disposto a fare). Naturalmente questo rendeva molto più serie le conseguenze della stregoneria; ecco quindi che nacque la caccia alle streghe.

I riti pre-cristiani erano considerati nel migliore dei casi semplici superstizioni, oppure stregoneria o adorazione del diavolo. Visto che ora la stregoneria era ritenuta formalmente un'eresia, chi era accusato di eseguire riti pagani veniva condannato. Durante il periodo della caccia alle streghe, molte tradizioni pagane pre-cristiane morirono, acquisirono caratteristiche cattoliche, oppure diventarono clandestine. Questo fenomeno si sarebbe verificato in parte anche senza la caccia alle streghe, perché è difficile che le tradizioni rimangano intatte per migliaia di anni. Tuttavia, tracce di pratiche pagane e vestigia delle «antiche usanze» sopravvissero; ne troviamo i resti in tradizioni come quelle inglesi dei Morris men e della Maypole dance.

Da un certo punto di vista, questa storia della stregoneria e dei suoi rapporti con la Chiesa non ha nulla a che fare con la Wicca. La «stregoneria satanica» che la Chiesa condannava, ammesso che sia mai esistita, era un'eresia cristiana che prevedeva un patto con il diavolo, magia nera, sacrifici umani e altre atrocità. I wiccan non credono in Satana, la Wicca non è un'eresia cristiana (è una religione indipendente) e i wiccan considerano, così come chiunque altro, magia nera e sacrifici umani delle pratiche ripugnanti. D'altra parte, la storia della stregoneria satanica tocca la Wicca in almeno due modi. Per prima cosa, la Chiesa equiparava anche le pratiche pre-cristiane benefiche, che sono alla radice della Wicca moderna, con la stregoneria satanica. In secondo luogo, molte persone oggi credono ancora che la stregoneria satanica e il paganesimo siano la stessa cosa.

Nel 1921 la dottoressa Margaret Murray scrisse The Witch-Cult in Western Europe (Le streghe nell'Europa occidentale), opera in cui ipotizzava che la stregoneria medievale non fosse un'eresia cristiana, ma un culto pagano della fertilità che aveva attraversato, senza subire grosse modifiche, tutto il periodo medievale. La sua era una teoria affascinante, ma non era supportata da prova alcuna. Nel libro si suggeriva che le streghe medievali fossero molto più organizzate di quanto in realtà non potessero essere - visto che non avevano telefoni, automobili, Internet, e nemmeno un linguaggio comune (la parlata della gente comune era spesso diversa da quella dei nobili) - e che ci fosse maggiore connessione tra le diverse «congreghe» di streghe di quanto gli storici avessero sempre affermato.

Con il passare degli anni, la maggior parte delle teorie di Margaret Murray sono state screditate, e la coerenza tra i racconti di stregoneria medievale è stata attribuita più all'impatto del Malleus Malejìcarum che alla sopravvivenza di un culto pagano rimasto intatto. Se molti inquisitori che processavano le streghe, registrando i diversi processi, utilizzavano lo stesso manuale, era probabile che ottenessero i medesimi risultati. Tuttavia le idee della Murray, per quanto eccentriche, ebbero un impatto duraturo su quella che sarebbe diventata la Wicca moderna; un impatto che in parte si avverte ancora oggi.

Nel 1951, in Inghilterra, venne abrogata l'ultima legge sulla stregoneria, che diede la possibilità a Gerald Brosseau Gardner di scrivere Witchcraft Today (La stregoneria oggi), pubblicato nel 1954, e The Meaning of Witchcraft, pubblicato nel 1959; due saggi che avrebbero avuto un'influenza notevole sulla religione wiccan. Gardner fu un funzionario statale britannico, nato negli ultimi anni del XIX secolo, che visse all'estero per quasi tutta la prima metà della sua vita; lavorò a Ceylon (Sri- Lanka), in Borneo, e in Malesia. Studiò diverse culture straniere e diventò esperto del kriss, il pugnale rituale malese. Quando tornò in Inghilterra si mise alla ricerca di altre persone interessate all'esoterismo, e la sua indagine lo portò a un teatro rosacrociano gestito da un gruppo chiamato la Compagnia di Crotona. Gardner non ne fu molto impressionato, tuttavia alcuni dei partecipanti lo intrigarono. I membri di tale gruppo, con cui Gardner entrò in confidenza, gli confessarono di essere streghe, e di averlo già conosciuto in una vita precedente. Egli ammise poi di essere stato iniziato da loro e di essere diventato una strega.

Gardner teneva molto alla sopravvivenza della Wicca. Tuttavia, molti dei wiccan che conosceva erano anziani, e i giovani non sembravano interessati a seguire le loro orme, quindi era preoccupato che questa religione sarebbe morta. Chiese alla sua alta sacerdotessa il permesso di scrivere un libro sulla stregoneria, così da riaccendere l'interesse generale. All'inizio la donna rifiutò, ma in un secondo momento gli permise di scrivere un romanzo che contenesse idee che rimandavano alla stregoneria: High Magic's Aid. Qualche tempo dopo Gardner creò una sua congrega e scrisse Witchcraft Today e Tìie Meaning of Witchcraft.

E importante ricordare che esisteva, ed esiste ancora, un altro tipo di stregoneria moderna, basata sulle tradizioni familiari. Tali tradizioni sono giunte a noi intatte o in forma frammentaria, e alcune di esse sostengono di possedere radici che risalgono fino alla caccia alle streghe medievale, o a un periodo ancora precedente. Secondo quanto tali tradizioni affermano, l a stregoneria non era un culto organizzato come aveva sostenuto Margaret Murray; si trattava piuttosto di tradizioni e magie popolari di stampo prettamente familiare. Gli adepti di questo tipo di stregoneria non si definiscono wiccan, e le loro pratiche sono spesso molto diverse da quelle della Wicca americana. Quando la tradizione di Gerald Gardner apparve sulla scena, furono le streghe delle tradizioni familiari a definirla, in modo dispregiativo, tradizione «gardneriana». Queste streghe consideravano inferiore la sua Wicca perché non aveva una lunga storia (o verificabile), e ritenevano il suo approccio un po' troppo propagandistico. Il termine sopravvisse, però, e con il passare del tempo perse la sua connotazione negativa. Ancora oggi ci sono molti wiccan gardneriani, e molta della Wicca moderna discende o è ispirata dal lavoro di Gardner (tra cui lo stesso termine «Wicca», da lui reso popolare).

Gardner credeva almeno in una parte nella teoria di Margaret Murray, secondo la quale la stregoneria era un'antica religione pagana (fu lui a scrivere l'introduzione di Witchcraft Today). Egli affermava che i rituali e le formule che i suoi insegnanti gli avevano tramandato fossero frammentari - che diversi elementi erano andati perduti con il passare del tempo - e che lui li avesse rimessi insieme, prendendo in prestito parti di altre discipline occulte per colmare le lacune. I suoi rituali ricostruiti sono ancora in uso oggi dai wiccan gardneriani. Indipendentemente dal fatto che Gardner sia stato o meno iniziato a una tradizione precedente, i suoi rituali, per quanto possano contenere elementi antichi, non rappresentano una tradizione intatta tramandata da periodi precedenti la caccia alle streghe. (Questo però non gli impedì di far credere alla stampa che così fosse; ecco il perché della sfiducia da parte degli ambienti delle tradizioni familiari). Ad ogni modo, la Wicca di Gardner diventò radice, fonte o ispirazione della maggior parte delle tradizioni wiccan oggi esistenti.

Negli anni '60 e '70 del secolo scorso, la Wicca gardneriana, quella alexandriana (molto simile a quella gardneriana), nonché altre tradizioni wiccan e di stregoneria in generale, attraversarono l'oceano per arrivare negli Stati Uniti. Qui trovarono un terreno fertile, misero radici, crebbero, e generarono nuove tradizioni derivate direttamente di quelle britanniche, oppure da queste ispirate.

Anche il movimento femminista (anni '60 e '70 del '900) lasciò la sua impronta sulla Wicca. Durante quel periodo, in cui l'universo femminile americano scopriva e testava il proprio potere, le donne (e alcuni uomini) abbracciarono la Wicca perché attribuiva importanza alla Dea e al divino femminile, elemento che ricercavano e che non trovavano in nessun altro sistema. Mentre nella Wicca dei tempi di Gardner si dava uguale importanza al Dio e alla Dea, durante questo periodo la Dea acquistò sempre più importanza nella pratica di molti wiccan, e in alcuni casi l'adorazione del Dio venne del tutto abbandonata. Altre donne crearono gruppi di Wicca «dianica», che prendevano il n o m e dalla dea Diana e che erano composti esclusivamente, o quasi, da donne.

La Wicca eclettica, alimentata in parte dal movimento femminista e in parte dall'ingegno dei tempi antichi, iniziò a guadagnare popolarità negli Stati Uniti negli anni '70 e '80 del '900, e oggi rappresenta forse il sottogruppo di wiccan più ampio.

I wiccan eclettici creano i loro rituali e le loro pratiche attingendo da diverse fonti eterogenee. Una mia amica eclettica la chiama affettuosamente «Wicca del carrello della spesa», perché l'immagine che ha in mente è quella di lei che spinge un carrello della spesa in un negozio di alimentari, prendendo solo ciò che vuole, che le piace, o che può utilizzare. Così facendo, i wiccan eclettici possono personalizzare la loro pratica, in accordo con i loro bisogni e le loro credenze. Con la Wicca eclettica, la Wicca diventò davvero una «nuova vecchia» religione.

Prodotto consigliato

Primi Passi nella Wicca

I fondamenti della filosofia e della pratica dell’Antica Religione

Thea Sabin

Un'affascinante introduzione a una religione fondata sul culto della Terra, scritto da una vera sacerdotessa che ne illustra i fondamenti e la pratica. Questo libro fornisce una solida base per la Wicca senza limitare il lettore a una singola tradizione o a un solo percorso

Vai alla scheda

Thea Sabin

Thea Sabin, Wiccan fin dall’adolescenza, pratica L’Arte da oltre vent’anni. Ha conseguito un Master in Scienze dell’educazione, ed è un’amante del giardinaggio biologico.
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Una nuova-vecchia religione - Estratto dal libro "Primi Passi nella Wicca"

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste