Macrolibrarsi.it
800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Siliconi nei cosmetici

di Lo Staff di Macrolibrarsi.it 6 mesi fa



Scopri perché queste sostanze vengono usate nella cosmesi industriale, quali sono gli effetti negativi sulla pelle e sui capelli e le alternative ecobio

 

I siliconi sono sostanze chimiche non soltanto utilizzate nell'industria e nell'edilizia, ma anche nei cosmetici di ogni tipo, soprattutto nei prodotti da applicare sulla pelle e sui capelli come creme, shampoo e balsami.

Sono veramente dannosi? E' possibile sostituirli con ingredienti naturali?

Scopriamolo insieme.

 

 

 

Indice dei contenuti:

Pelle setosa? È solo apparenza

I siliconi sono prodotti a partire dalla silice, un composto del silicio, un minerale naturalmente presente sul pianeta. A partire dagli anni Novanta sono stati utilizzati sempre più spesso nella produzione dei cosmetici, soprattutto per evitare la disidratazione e per rendere la pelle e i capelli morbidi e setosi.

Inoltre la loro presenza rende la formula del prodotto meno unta rispetto agli oli vegetali.

Al pari dei petrolati, creano una pellicola protettiva sulla cute e avvolgono il fusto dei capelli impedendo all'umidità e all'acqua di fuoriuscire.

Inoltre sono idrorepellenti, cosa che li rende particolarmente utili in quei prodotti che devono resistere all'acqua e stendersi uniformemente, come le creme solari e i trucchi (primer, fondotinta, ombretti); inoltre non penetrano nella pelle, ma si limitano a restare in superficie.

Se questi sono i vantaggi, perché negli ultimi anni sono stati considerati nocivi per la salute e la bellezza?

In realtà le loro caratteristiche positive sono anche i loro difetti più grandi.

Limitandosi a formare una pellicola sulla superficie di pelle e capelli, a lungo andare possono impedire la loro normale ossigenazione e idratazione: l'acqua non può uscire, ma non può nemmeno entrare. Stessa cosa per le sostanze nutritive che vanno a prendersi cura della bellezza e della salute.

La sensazione di una pelle vellutata e di capelli disciplinati e lisci in realtà è solo apparente: la pellicola siliconica li riveste ma non li nutre, come invece farebbero un olio o un burro vegetale.

Ne consegue che, con il tempo, queste sostanze tendono ad occludere i pori e a favorire brufoli, punti neri e grani di miglio. I capelli, invece, tenderanno a diventare flosci e pesanti e si sporcheranno con maggiore facilità.

Un altro punto a sfavore dei siliconi è il fatto che non sono biodegradabili.

Siliconi e INCI: come riconoscerli

Questi componenti si possono riconoscere all'interno dell'INCI di un cosmetico per i suffissi -thicone, -xiloxane, -silanoil.

Non tutti i siliconi sono uguali e si possono suddividere in due grandi categorie in base alle loro caratteristiche:

  • Siliconi ciclici: i loro atomi sono disposti secondo una struttura ad anello e hanno una formula più leggera e dal potere meno occlusivo. Evaporano in poco tempo. Ecco alcuni nomi: cyclohexasiloxane, cyclomethicone, cyclopentasiloxane.
  • Dimethicone e composti: particolarmente pesanti e unti, sono quelli che creano maggiori problemi a pelle e capelli. Non sono volatili. Ecco alcuni nomi: Dimethicone, Dimethiconol, Cetyl Dimethicone, Amodimethicone, Dimethicone copolyol.

Ovviamente più in alto sono posti nell'INCI, maggiore sarà la quantità presente nel cosmetico.

È possibile sostituire queste sostanze con delle alternative naturali ed ecobio?

Si possono utilizzare oli e burri vegetali, che proteggono la pelle e i capelli dalla disidratazione e al tempo stesso li nutrono e li ristrutturano.

 

Scopri i nostri cosmetici SENZA SILICONI >

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste