800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Quanto fanno bene i germogli?

di Lo Staff di Macrolibrarsi.it 4 mesi fa


Quanto fanno bene i germogli?

Germogli da mangiare: cosa sono e quali sono le loro proprietà? Scoprilo insieme a noi!

Consumare regolarmente germogli allunga la vita! E non è un semplice modo di dire. L’energia fornita incide sulla nostra salute e sul vivere quotidiano. Ecco perché.

Indice dei contenuti:

Germogli in tavola

Quando prepariamo una buona insalatona, soprattutto in estate, non pensiamo di aggiungere uno degli alimenti più pregiati e benefici per la salute: i germogli.

Di quali germogli parliamo? Di molte varietà di piante come l’orzo, il grano saraceno, la soia, la rucola, il finocchio, il girasole, il porro o la lenticchia, solo per fare qualche esempio. Ogni pianta germoglia prima di trasformarsi in fiore e dare i suoi frutti.

Introdurre i germogli nella nostra alimentazione può portarci ad ottenere grandi benefici. Sono gustosi e croccanti, arricchiscono molti piatti e sono un pieno di energia, salute e vitalità. Buoni in insalata, ma anche sulla pasta, sul pane con salse di verdura, per condire e arricchire piatti a base di legumi.

Il consiglio è di portare in tavola varietà diverse di germogli, perché ogni pianta possiede delle specifiche proprietà e variare l’alimento scelto aiuta a fornire al nostro organismo tutte le sostanze di cui ha bisogno. Ogni tipologia ha un sapore differente, alcuni più dolci, altri leggermente amari. Da provare e conoscere.

Perché i germogli fanno bene?

Perché scegliere di mangiare il germoglio anziché aspettare che la pianta maturi e dia i suoi frutti? Nel germoglio è racchiusa tutta l’energia della vita che sta per sbocciare.

Seguendo le linee guida della medicina energetica alternativa e dell’alimentazione bio-energetica, ogni alimento ha delle proprietà che tonificano e sostengono alcuni organi piuttosto che altri. I germogli nello specifico sostengono l’energia vitale di tutto l’organismo e agiscono a livello sottile sul jing, che in medicina cinese rappresenta la forza e la longevità.

Mangiare germogli tonifica l’energia renale e diminuisce gli effetti di stress e stanchezza. Donano nuova forza, sostengono l’organismo nella digestione (non dimentichiamoci che il processo digestivo nell’essere umano porta via, ogni giorno, circa il 60% delle energie vitali a disposizione) e offrono molti benefici a livello nutrizionale.

La germinazione è un processo benefico anche perché diminuisce la presenza di fitati (sostanze antinutrizionali) e aumenta la percentuale di vitamine e sali minerali naturalmente già presenti.

Le proprietà nutrizionali dei germogli

Gli enzimi attivati attraverso la germinazione, permettono alle sostanze nutritive di essere pre-digerite, ovvero vengono divise nei diversi aminoacidi di cui sono composte. Non solo: i lipidi sono trasformati in glicerolo e acidi grassi, quindi facilmente assimilabili.

Oltre al contenuto energetico elevato dato dalla quantità di carboidrati trasformati in zuccheri semplici, i germogli sono poveri di grassi che vengono utilizzati durante il processo di germinazione.

I sali minerali e gli oligoelementi contenuti nel seme sono più facilmente assimilabili perché subiscono un processo di chelazione con gli aminoacidi, aumentando anche la quota di questi ultimi.

I germogli possono essere acquistati già pronti, oppure coltivati in casa in un apposito germogliatore!

Vai ai semi per Germogli Vai ai Germogliatori

Ti consigliamo...


Non ci sono ancora commenti su Quanto fanno bene i germogli?

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste