+39 0547 346317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Piante per purificare l’aria

di Romina Rossi 3 mesi fa


Piante per purificare l’aria

Quali sono le più indicate per combattere l’inquinamento interno

Quando pensiamo all’inquinamento, pensiamo a quello esterno, lo smog, causato da fabbriche, auto… In realtà, secondo recenti studi anche le nostre case sono piene di aria inquinata.

Com’è possibile? La colpa è dei materiali e solventi che vengono utilizzati per mobili e arredamenti, di cappe e camini, dei fumi della cucina, dei dispositivi elettronici che invadono le nostre case.

Secondo l’Agenzia di Protezione Ambientale (EPA) è più pericolosa l’aria inquinata che abbiamo in casa di quella all’esterno. Eppure c’è un modo molto semplice per migliorare la qualità dell’aria di casa nostra, completamente green ed ecologica.

In questo articolo ti consigliamo:

Indice dei contenuti:

Inquinamento indoor: da cosa è causato

Sono tante le fonti che contribuiscono a peggiorare l’aria dentro le mura domestiche. Le più comuni e frequenti sono:

  • i solventi chimici utilizzati nei mobili,
  • le vernici e i rivestimenti per muri,
  • l'arredamento,
  • i detergenti e i solventi chimici usati per le pulizie domestiche,
  • i prodotti cosmetici,
  • i fumi rilasciati mentre si cucina,
  • la presenza di muffa,
  • gli impianti di riscaldamento o i condizionatori, se non perfettamente funzionanti,
  • i dispositivi elettronici, TV, tablet, telefonini, wi-fi…

Tutti questi rilasciano nell’ambiente gas e componenti volatili, che respiriamo continuamente. Alla lunga, questi non fanno che minacciare la nostra salute in toto, poiché si trovano in concentrazione maggiore nell’aria fino a 3 volte tanto rispetto alla concentrazione che troviamo nell’aria esterna.

Gli effetti negativi sulla salute di questi inquinanti possono essere visibili subito, in caso di reazioni allergiche, oppure manifestarsi sul medio-lungo periodo e possono includere:

  • reazioni allergiche,
  • difficoltà o malattie respiratorie,
  • malattie cardiache,
  • cancro.

Cosa fare per migliorare la qualità dell’aria degli ambienti

I modi per cercare di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo in casa ci sono.

Uno dei più semplici è tenere negli ambienti delle piante, che aiutano a eliminare le sostanze inquinanti.

Può sembrare banale, eppure persino la NASA negli anni Ottanta condusse uno studio su quali siano le piante con maggiore effetto depurativo. Lo stesso studio mise in evidenza che non è vero che le piante nelle camere da letto sono dannose: uno o due vasi di piccole dimensioni, rilascia sì anidride carbonica ma non in maniera così eccessiva da danneggiare la salute di chi vi pernotta. Ed è anche vero che c’è una famiglia di piante, a cui appartiene anche l’orchidea, che assorbe anidride carbonica invece di rilasciarla, anche di notte.  

Tutte le piante, comunque, agiscono sugli ambienti rilasciando ossigeno attraverso la sintesi clorifilliana. Alcune di esse, inoltre, emettono degli enzimi, detti metilotrofi, che sono in grado di neutralizzare le sostanze organiche volatili.

Vediamo quindi quali sono le piante più indicate da tenere in casa per avere benefici sulla nostra salute.

5 piante da appartamento che purificano l’aria indoor

Ecco alcune piante che sono benefiche e aiutano a eliminare le sostanze inquinanti che si riversano nell’aria che respiriamo.

1. Aloe vera

Fra le succulente, l’aloe vera è in grado di assorbire sostanze come la formaldeide o il benzene. Come pianta curativa per eccellenza, l’aloe è ottima da tenere in casa e usare in caso di bruciature, ustioni, arrossamenti della pelle, brufoli, spalmando il gel direttamente sulla parte interessata.

L’aloe è una pianta che necessita di poche cure, cresce bene anche nei terreni aridi. In casa vi basta tenerla vicina a una finestra, perché ama la luce.

2. Sanseveria

Questa pianta, chiamata anche lingua di suocera, è utile per assorbire la formaldeide, una sostanza tossica che viene rilasciata dai detergenti industriali che si usano per le pulizie domestiche. Assorbe anche benzene, acetone e alcool.

Di notte assorbe anidride carbonica e rilascia ossigeno. Ha bisogno di pochissime cure, per cui è indicata anche se non avete il pollice verde.

3. Pothos

Questa pianta dalle foglie verdi brillanti è utile per assorbire il monossido di carbonio. È indicata se in casa ci sono camini o stufe a legna.

Ha bisogno di molta luce e di ambienti umidi, in bagno o in cucina sono le stanze in cui cresce meglio. Può essere coltivata sia in vaso con terra che con acqua.

4. Spatifillo

Questa pianta dai fiori appuntiti bianchi, è utile per ripulire gli ambienti dagli effetti nocivi di colle, vernici e solventi, ricchi di benzene e toluene.

L’unica accortezza che dovete avere è quella di annaffiarla abbastanza spesso, non vuole il terriccio troppo asciutto. Se le foglie vengono idratate, di tanto in tanto con uno spruzzino, tanto meglio.

5. Cactus peruviano

Anche le onde elettromagnetiche sono dannose per la nostra salute. E oggi che nelle nostre case abbondano smarthphone, PC portatili, wi-fi, e cordless è importante difendersi da questi nemici invisibili.

Una delle piante più indicate per ripulire l’aria da questo tipo di inquinamento è il cactus peruviano, che crea una barriera naturale contro le onde.

Ama il caldo ma non vuole stare troppo vicino al riscaldamento in inverno e non ha bisogno di bere tanto, solo quando il terriccio è completamente secco. Non ama le correnti d’aria  ma tanto sole e luce.

La naturopata consiglia: le lampade di sale rilasciano ioni negativi

Probabilmente avrete sentito che gli ioni negativi sono benefici per la nostra salute, a dispetto del nome. Sono infatti molecole che non hanno uguale numero di elettroni. In natura si formano ioni negativi quando sta per scoppiare un temporale, in prossimità di una cascata o al mare vicino agli scogli.

Diversi studi - anche Nicola Tesla vi si era dedicato - indicano che gli ioni negativi, al contrario di quelli positivi, che si formano ad esempio quando tira il vento caldo secco - possono avere effetti benefici sulla salute, e in particolar modo:

  • migliorano il sonno,
  • alleviano il mal di testa,
  • assorbono l’umidità in eccesso,
  • migliora la qualità dell’aria,
  • proteggono da onde elettromagnetiche.

In casa si può facilitare la formazione di ioni negativi, tenendo una lampada di sale, che ha proprio la capacità di generare ioni negativi. La sua luce arancione, inoltre, aiuta a distendere i nervi, in questo modo sarà più facile rilassarsi.

La si può tenere in camera da letto di adulti e bambini, ma anche negli altri ambienti diurni: dona infatti un tocco particolare alla stanza in cui viene messa.

Ti consigliamo...



Non ci sono ancora commenti su Piante per purificare l’aria

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.