800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza — Lun/Ven 08:00-12:00/14:00-18:00

Lavaggi nasali: raffreddore non ti temiamo!

di Andrea Giulia Pollini 6 mesi fa


Lavaggi nasali: raffreddore non ti temiamo!

Con l’arrivo dell’inverno sopraggiungono anche i primi raffreddori, tosse e mal di testa: combattiamoli con un rimedio efficace

Il naso è l’anticamera dell’apparato respiratorio, se non viene adeguatamente pulito aumentano i rischi di otite, sinusite, adenoidite e, a lungo andare, anche bronchite.

I lavaggi nasali sono ancora poco conosciuti, ma rappresentano un vero toccasana per il nostro corpo: sono utili per rimuovere secrezioni, polveri, allergeni e prodotti dell’inquinamento che ostruiscono le prime vie aeree con conseguente difficoltà respiratoria. Il lavaggio nasale è una pratica molto semplice e poco invasiva, con origini antiche e una solida tradizione, infatti i maestri yogi la utilizzano da millenni.

Uno dei metodi più antichi si chiama jala neti: benché non molto conosciuta in Occidente, è una pratica diffusa in molte parti dell’India e spesso è effettuata quotidianamente insieme all’igiene orale. È una tecnica di pulizia che consiste nel far entrare il liquido in una narice per mezzo di un piccolo recipiente noto come lota e farlo uscire contemporaneamente dall’altra narice. In alcuni casi di congestione nasale o allergia acuta viene effettuata l’irrigazione nasale fino a quattro volte al giorno.

I lavaggi nasali mantengono le mucose in condizioni ottimali: osservare una corretta igiene nasale dovrebbe diventare, per adulti e bambini, una buona abitudine come lavarsi i denti.

Per quali patologie sono efficaci

I lavaggi nasali sono una pratica che dovrebbe entrare nella routine quotidiana di pulizia soprattutto dei bambini che frequentano il nido e la scuola dell’infanzia, i quali sono più soggetti alle infezioni delle prime vie aeree, soprattutto se vivono in zone inquinate.

Inoltre più in generale per i bambini che soffrono di allergie o a cui cola spesso il naso: in questi casi il naso andrebbe lavato almeno tutti i giorni per prevenire malattie respiratorie. Il naso è l’anticamera dell’apparato respiratorio, se non viene adeguatamente pulito aumentano i rischi di otite, sinusite, adenoidite e, a lungo andare, anche bronchite.

I lavaggi nasali non sono efficaci solo per i bambini: anche gli adulti che soffrono di raffreddori ricorrenti e sinusite possono decongestionare le cavità nasali con il lavaggio e ridurre o evitare il consumo di farmaci.

Lota e soluzione salina

Per eseguire i lavaggi nasali si conoscono molte pratiche, una delle più efficaci e facili è quella appena citata del jala neti.

Ecco come realizzarla: per prima cosa bisogna procurarsi la lota neti, un piccolo contenitore a forma di teiera con il beccuccio adatto a essere inserito nel naso. Poi si riempie la lota con soluzione fisiologica o isotonica tiepida. La soluzione fisiologica, o isotonica, è una soluzione di acqua e sale in cui la concentrazione di sale è pari a quella delle cellule del nostro organismo ed è pari allo 0,9%.

La soluzione isotonica si può acquistare o preparare in casa seguendo la proporzione indicata e avendo l’accortezza di utilizzare un sale integrale, ovvero non additivato con altri componenti. La soluzione ipertonica, anch’essa molto efficace soprattutto in casi di forte congestione e sinusite, ha una concentrazione di sale superiore a quella dei nostri liquidi fisiologici, quindi oltre lo 0,9%.

A questo punto riempiamo la lota di soluzione salina e, in piedi davanti a un lavandino, pieghiamo la testa di lato e inseriamo il beccuccio nella narice superiore, mantenendo le narici aperte e cercando di non forzare o di ingoiare il liquido, respirando a bocca aperta, la soluzione dovrebbe uscire dall’altra narice con un flusso regolare. È una pratica molto semplice e davvero efficace, anche se le prime volte può essere leggermente sgradevole. I lavaggi nasali vengono praticati in moltissimi centri termali, eseguiti principalmente per curare sinusiti e raffreddori acuti.

Esistono anche tecniche in cui il liquido viene nebulizzato: in questo caso si parla di doccia nasale. Oppure un ottimo rimedio “casalingo” è quello dei cosiddetti “vapori” o “fumi”. Ora siete pronti per affrontare i primi malanni al meglio, senza utilizzare i più comuni e pubblicizzati farmaci da banco.

Fumenti o suffimugi

I suffumigi, detti anche fumenti, sono tra i rimedi naturali più efficaci per contrastare raffreddore, sinusite e catarro. Per fare i suffumigi prendiamo una pentola piuttosto ampia e riempiamola d’acqua bollente e aggiungiamo oli essenziali o bicarbonato.

Ora possiamo procedere con l’inalazione del vapore, ricordando però di prendere un panno e metterlo sopra la testa per evitare la dispersione del calore, lasciando così che il tutto agisca in modo più efficace e ci aiuti a liberare le vie respiratorie più rapidamente, velocizzando il processo di guarigione. Gli oli perfetti con cui eseguire i fumi sono: olio di eucalipto, timo e tea tree oil.

Anche fiori di camomilla e bicarbonato sono ottimi per combattere il raffreddore.


Vivi Consapevole è una rivista trimestrale illustrata edita da Macrolibrarsi.Da anni il Consapevole porta avanti un progetto culturale importante. Autosufficienza, permacultura, decrescita, cultura della transizione, abitudine alle "buone pratiche", risparmio energetico, riciclaggio dei...
Leggi di più...

Dello stesso editore


Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Lavaggi nasali: raffreddore non ti temiamo!

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.IVA e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
SDI C3UCNRB
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l.