800 089 433 / 0547 346 317
Assistenza Clienti — Lun/ven 9:00-18:00

Introduzione - Le Regole della Cura - Libro di Siddharta Mukherjee

di Siddharta Mukherjee 9 mesi fa


Introduzione - Le Regole della Cura - Libro di Siddharta Mukherjee

Leggi un estratto dal libro di Siddharta Mukherjee "Le Regole della Cura"

Questo libro è sul sapere medico, l'imperfezione, l'incertezza e il futuro della medicina.

Quando mi iscrissi alla facoltà nell'autunno del 1995, le materie da approfondire sembravano sufficienti in vista della mia futura professione: imparai la biologia cellulare, l'anatomia, la fisiologia, la patologia, la farmacologia. Alla fine dei quattro anni conoscevo i nomi dei rami del nervo facciale, le reazioni chimiche del metabolismo delle proteine, la forma e la posizione di parti del corpo umano di cui non mi ero mai sognato l'esistenza.

Ero sul punto di cominciare a curare, e mi sentivo pronto a farlo. Tuttavia, man mano che proseguivo gli studi ed esercitavo la professione, prima da tirocinante, poi da interno, quindi da specializzando di oncologia e infine da medico ospedaliero ultimo responsabile di un certo numero di malati oncologici, mi resi conto che alla mia formazione mancava qualcosa di essenziale.

Conoscere la biologia cellulare mi permetteva di capire perché, poniamo, l'efficacia di una trasfusione di piastrine non superava il paio di settimane (essendo questa la longevità media di una piastrina nel nostro organismo); l'anatomia mi illuminava sul perché un paziente si era risvegliato da un procedimento chirurgico con una paralisi della parte inferiore del corpo (un coagulo aveva ostruito un'arteria che alimentava la parte bassa del midollo spinale, e causato un «ictus» di quest'ultimo anziché del cervello); un'equazione della farmacologia mi ricordava che un certo antibiotico era da assumere quattro volte al dì mentre un suo parente prossimo molecolare era da assumere una sola volta nello stesso arco di tempo (il primo antibiotico era eliminato dall'organismo più rapidamente del secondo).

Tutte le informazioni di quel tipo, come compresi abbastanza in fretta, potevano essere recuperate dai trattati o visualizzate sul monitor con un semplice click. Le informazioni mancanti riguardavano il come servirsi del tipo precedente di informazioni, soprattutto quando il quadro d'insieme era confuso, incompleto o dubbio.

È corretto curare una quarantenne affetta da leucemia acuta con un aggressivo trapianto di midollo osseo se la sua salute è in rapido peggioramento? In teoria, la risposta dovrebbe trovarsi nei trattati, e nei resoconti di prove cliniche pubblicati dalla stampa specializzata. In un caso come quello citato, è opinione generale che i pazienti in cui salute e risorse dell'organismo sono in deterioramento non dovrebbero affrontare un trapianto di midollo osseo.

Ma come regolarsi se una simile risposta apparisse inadatta alla tale paziente con la tale storia clinica nel tale particolare frangente? O se l'aggravamento della paziente fosse legato soprattutto alla leucemia? Se la paziente si informasse sulla sua prognosi, potrei citare le statistiche di sopravvivenza di una ricerca clinica; ma se la paziente fosse un outlier, un caso che cade fuori dalla normalità statistica?

Lo studio della medicina mi aveva insegnato moltissimi fatti, ma poco su cosa avrei incontrato nella terra di nessuno tra un fatto e un altro fatto.

Avrei potuto scrivere una tesi sulla fisiologia della visione, ma non mi ero accorto dello spesso drappo di bugie cui era ricorso un uomo con una grave patologia respiratoria, al quale era stata prescritta la terapia domiciliare con ossigeno, e che non avendo, in realtà, un domicilio, aveva fornito un falso recapito. (Il mattino seguente ricevetti una telefonata assai indignata da parte della società che aveva cercato di consegnare tre bombole a un indirizzo di Boston corrispondente a... un venditore di ricambi per auto.)

Non mi era mai passato per la mente che il mondo della medicina potesse essere così incerto e sorprendente. Mi chiesi se l'impulso irresistibile a dare un nome a tutto, parti del corpo, malattie, reazioni chimiche - frenulo, otite, glicolisi... - fosse una strategia dei medici per respingere l'idea di trovarsi in un regno del sapere impossibile da dominare davvero.

La profusione di fatti può coprire un problema più importante, situato in profondità: la difficoltà di conciliare il sapere (che è certo, fisso, concreto e compiuto) e l'intelligenza clinica (che è incerta, fluida, imperfetta e astratta).

Questo libro è nato come uno strumento che mi aiutasse a conciliare queste due sfere della sapienza medica. Le «leggi della medicina», come le descrivo nel volume, sono leggi del dubbio, dell'approssimazione e dell'incompletezza. E non valgono solo per la medicina, ma per tutti i campi in cui dubbio, approssimazione e incompletezza hanno un ruolo importante. Sono le leggi dell'imperfezione.

I casi e le persone le cui vicende sono descritte nelle prossime pagine sono reali, ma ho cambiato nomi e identità e alterato alcuni contesti e diagnosi. Le conversazioni non sono riprodotte in modo letterale; sono parafrasi basate sui miei ricordi. Alcune situazioni, esami e prove cliniche sono stati anch'essi modificati per proteggere l'anonimato dei pazienti e dei medici.

In Harry Potter, un trattato di filosofia sotto forma di saga per ragazzi, un autorevole esponente della Magia chiede a Hermione Granger, aspirante maga, se desidera imparare le Leggi della Magia per intraprendere una carriera in quel campo. «No» risponde Hermione; se vuole imparare le Leggi è per fare del bene nel mondo. Per lei le Leggi della Magia non esistono per perpetuare una professione, ma come strumenti per interpretare il mondo.

Tratto dal libro:

Le Regole della Cura

La medicina è un racconto

Siddharta Mukherjee

Le leggi della medicina sono le leggi del dubbio, dell'approssimazione e dell'incompletezza. Sono le leggi dell'imperfezione.

Dopo il successo dell'Imperatore del Male, il più celebre medico americano ci spiega la complessità dei concetti di cura e malattia.

Vai alla scheda

Siddhartha Mukherjee (Nuova Delhi, 1970) medico e saggista indiano naturalizzato statunitense. Professore associato alla Facoltà di medicina della Columbia University e medico al Columbia University Medical Center di New York.
Leggi di più...

Gli ultimi articoli


Non ci sono ancora commenti su Introduzione - Le Regole della Cura - Libro di Siddharta Mukherjee

Golden Books S.r.l.
Via Emilia Ponente 1705
47522 Cesena (FC)
P.iva e C.F. e C.C.I.A.A. 03271030409
Reg. Impr. di Forlì – Cesena n.293305
Capitale Sociale € 12.000 I.V.
Licenza SIAE 4207/I/3993
Macrolibrarsi è un marchio registrato
di Golden Books S.r.l. - Nimaia e Tecnichemiste